Il vescovo Michael Barber, S.J., della diocesi di Oakland, California, ha detto che accetterà subito l’arresto e la prigione piuttosto che rispettare una legge statale che costringerebbe i sacerdoti a violare il segreto della Confessione. Barber ha fatto la dichiarazione in una lettera rilasciata alla diocesi martedì scorso.

Ecco un articolo dello staff di CNA nella mia traduzione.

Il vescovo Michael Barber, S.J., della diocesi di Oakland, California

Il vescovo Michael Barber, S.J., della diocesi di Oakland, California

 

Il vescovo Michael Barber, S.J., della diocesi di Oakland, California, ha detto che accetterà subito l’arresto e la prigione piuttosto che rispettare una legge statale che costringerebbe i sacerdoti a violare il segreto della Confessione. Barber ha fatto la dichiarazione in una lettera rilasciata alla diocesi martedì scorso.

“Andrò in prigione piuttosto che obbedire a questo attacco alla nostra libertà religiosa”, ha scritto Barber.

“Anche se questa legge passasse, nessun sacerdote potrà obbedire”. La protezione del vostro diritto a confessare a Dio i vostri peccati e a farvi perdonare in totale segretezza deve essere protetta. Vi esorto a contattare oggi il vostro Senatore di Stato per protestare contro questa legge”.

Il vescovo si è detto del tutto favorevole a leggi che proteggono i bambini dagli abusi, e sostiene il lavoro intrapreso dalla Chiesa per garantire la sicurezza dei minori. Ma, ha insistito, questo sostegno non si estende alla legge 360 del Senato, una proposta di legge statale che costringerebbe i sacerdoti e altri ministri religiosi a segnalare casi sospetti di abusi sui minori in violazione dell’immunità della [Confessione tra] sacerdote-penitente.

Barber ha detto che un sacerdote locale gli si è fatto incontro per dirgli che i suoi parrocchiani adolescenti hanno ora paura di ricevere il sacramento della riconciliazione per paura che il sacerdote si rechi alla polizia con i loro peccati. Ha chiamato il disegno di legge “fuorviante”, e ha detto che “non fa nulla per sostenere i nostri sforzi” per promuovere ambienti sicuri.

Il disegno di legge del Senato 360 è stato emendato per richiedere la violazione del segreto sacramentale nei casi in cui un sacerdote apprendesse o sospettasse un abuso mentre ascolta la confessione di un altro sacerdote o collega. Il disegno di legge è stato originariamente redatto per richiedere ai sacerdoti di violare il segreto [della Confessione] e sono venuti a sospettare abusi a seguito della confessione di un qualsiasi penitente.

La legge è stata approvata al Senato della California giovedì scorso con un margine schiacciante, con i legislatori che hanno votato 30-2 a favore della misura.

In una dichiarazione dopo quel voto, l’arcivescovo di Los Angeles Jose Gomez ha detto di essere “profondamente deluso” dal risultato e che, anche con gli emendamenti che erano stati fatti prima del voto, “nega ancora la santità della Confessione a tutti i sacerdoti dello Stato e a migliaia di cattolici che lavorano con i sacerdoti nelle parrocchie e in altre agenzie e ministeri della Chiesa”.

Colui che ha proposto la legge, il senatore di stato californiano Jerry Hill (D-Calif. 13), ha affermato che “il privilegio [relativo al rapporto] sacerdote-penitente è stato abusato su larga scala, con il risultato di un abuso sistematico e non denunciato di migliaia di bambini di diverse confessioni e fedi”.

Il senatore ha sostenuto che tale abuso è stato rivelato attraverso “recenti indagini da parte di 14 avvocati generali, del governo federale e di altri paesi”.

Nonostante le recenti indagini sulla crisi dell’abuso sessuale clericale in diversi paesi e giurisdizioni, non esistono dati che stabiliscono o indicano l’uso della confessione sacramentale per facilitare o perpetuare l’abuso sessuale sui minori.

Secondo il Diritto Canonico, i sacerdoti che violano il segreto della Confessione condividendo a chiunque, in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo, qualsiasi cosa appresa nel contesto sacramentale, sono soggetti a scomunica automatica e ad ulteriori punizioni, compresa la perdita dello stato clericale.

 

Fonte: Catholic News Agency

Facebook Comments