L’ambientalismo globale è un culto pericoloso le cui affermazioni sull’apocalisse e sull’efficacia delle soluzioni presentate dalla tecnologia sono fantasiose quanto le credenze che le hanno ispirate.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Frank Wright e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Maurice Strong
Maurice Strong

 

Le prove dell’influenza dell’occultismo sul movimento ambientalista globale iniziano con l’uomo a cui si attribuisce la fondazione del movimento: Maurice Strong.

Maurice Strong era un petroliere canadese, un ricco imprenditore il cui coinvolgimento con il Club di Roma lo ha portato a promuovere un’agenda verde mondiale basata sulla fantasia, sulla misantropia e sulla deliberata manipolazione del sentimento pubblico. Ha guidato il Programma Ambientale delle Nazioni Unite e successivamente la World Economic Foundation. La mente dietro il Vertice della Terra di Rio del 1992, gli viene attribuita la creazione dell’espressione “cambiamento climatico”.

Una biografia sul suo sito web afferma con orgoglio che Strong “ha svolto un ruolo unico e critico nella globalizzazione del movimento ambientalista”.

 

Cos’è il Club di Roma?

Il Club di Roma è stato fondato nella tenuta di David Rockefeller a Bellagio nel 1968. Verso la fine della sua vita, Rockefeller rispose affermativamente all’accusa che lui e la sua famiglia stessero cercando di istituire un governo mondiale:

Alcuni ritengono addirittura che facciamo parte di una cabala segreta che lavora contro i migliori interessi degli Stati Uniti, descrivendo la mia famiglia e me come “internazionalisti” e di cospirare con altri in tutto il mondo per costruire una struttura politica ed economica globale più integrata – un mondo, se volete. Se questa è l’accusa, sono colpevole e ne sono orgoglioso.

Il Club di Roma promuove un’agenda planetaria di controllo tecnocratico. Ha descritto come benefici il collasso della società industriale e la morte per fame di due terzi della popolazione umana. Com’è possibile che questo non sia risaputo? Rockefeller ha spiegato nelle sue memorie che un simile progetto sarebbe stato impossibile senza la collusione della stampa:

Siamo grati al Washington Post, al New York Times, al Time Magazine e ad altre grandi testate i cui direttori hanno partecipato alle nostre riunioni e rispettato le loro promesse di discrezione per quasi 40 anni… Sarebbe stato impossibile per noi sviluppare il nostro piano per il mondo se fossimo stati sottoposti alle luci della pubblicità durante quegli anni.

Ma il mondo è più sofisticato e pronto a marciare verso un governo mondiale. La sovranità sovranazionale di un’élite intellettuale e di banchieri mondiali è sicuramente preferibile all’autodeterminazione nazionale praticata nei secoli passati.

 

I frutti del giardino di Rockefeller

Il club finanziato e ospitato da Rockefeller era guidato da un uomo di nome Aurelio Peccei, che “con Alexander King, il responsabile scozzese della scienza presso l’OCSE [Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico]… convocò una riunione di scienziati europei a Roma”.

Questi due uomini commissionarono un modello al computer per prevedere l’imminente collasso della civiltà industriale – dovuto alla sovrappopolazione. Il modello era sbagliato, ma questo non li ha dissuasi dal pubblicare nel 1972 un manifesto per un nuovo programma maltusiano di spopolamento.

Chiamato “I limiti della crescita”, ha ispirato gran parte dell’attuale programma dei Verdi, che prevede la deindustrializzazione, l’aborto e il concetto di umanità come problema da risolvere. Il libro continua a ispirare un movimento la cui agenda si è sempre basata sulla deliberata distorsione della realtà. Il Club di Roma, nel suo rapporto del 1991 “La prima rivoluzione globale”, afferma:

Alla ricerca di un nuovo nemico che ci unisse, ci è venuta l’idea che l’inquinamento, la minaccia del riscaldamento globale, la scarsità d’acqua, la carestia e simili facessero al caso nostro. Tutti questi pericoli sono causati dall’intervento umano e possono essere superati solo cambiando atteggiamento e comportamento. Il vero nemico, quindi, è l’umanità stessa.

Il cofondatore del Club di Roma, Aurelio Peccei, era un occultista che non faceva mistero della sua devozione al culto della Teosofia. Come nota l’epidemiologo finlandese Mikko Paunio, Peccei annunciò le sue opinioni a mezzo stampa nel 1977: “Il libro di Aurelio Peccei del 1977 “La qualità dell’uomo” rivela la sua visione del mondo basata sulla Teosofia e sulla scoperta dell’io interiore”.

L’organizzazione che è stata alla base del movimento ambientalista mondiale è stata quindi formata da un uomo ispirato dal culto fraudolento della Teosofia.

 

Tre elementi di un culto rivoluzionario

Il culto del cambiamento climatico e l’agenda verde in generale sono spesso presentati come l’avanguardia della ragione, le cui affermazioni si basano su una scienza consolidata.

In realtà, si tratta di una curiosa miscela di fantasia e feticismo. I suoi leader sono stati ispirati dalla fantasia e hanno visto nella scienza e nella tecnologia uno strumento di controllo – e di persuasione – in grado di consegnare alla loro élite manageriale una società futura che garantisse un potere illimitato ai “padroni del futuro”.

I modelli sono finzioni convenienti che forniscono qualcosa di molto utile. – David Frame, modellista climatico, Università di Oxford.

L’ambientalismo globale è un culto pericoloso le cui affermazioni sull’apocalisse e sull’efficacia delle soluzioni presentate dalla tecnologia sono fantasiose come le credenze che le hanno ispirate. È un movimento rivoluzionario e si descrive come tale. È una fusione di credenze New Age, culto della tecnologia e vanità personale. C’è anche una grande quantità di denaro da guadagnare.

 

Lo spirito della rivoluzione

Queste credenze sono esoteriche – convinzioni profondamente personali di una saggezza significativa che si trova in un qualche io cosmico. Sono occulte: il loro vero significato si nasconde dietro il gergo e la propaganda rivolti alle masse, mentre il loro effettivo significato è riservato solo agli iniziati. “Non importa cosa sia vero, importa solo cosa la gente crede che sia vero”, ha dichiarato Paul Watson, cofondatore di Greenpeace.

Le rivoluzioni non avvengono grazie al sentimento popolare. Sono il risultato di un segmento disaffezionato della cultura intellettuale che attrae un sostegno finanziario sufficiente per imporre la propria volontà alla popolazione. Questo è esattamente il caso della “prima rivoluzione globale” del movimento ambientalista.

In seguito alla rivoluzione, è la gente comune, non le élite, a essere uccisa e spossessata. La rivoluzione è stata romanzata; è un’altra fantasia in cui i disegni malvagi cercano il loro travestimento. Secondo il rapporto “First Global Revolution”, i membri del Club di Roma “credono che l’umanità abbia bisogno di una motivazione comune, cioè di un avversario comune per realizzare un governo mondiale. Non importa se questo nemico comune sia reale o… inventato allo scopo”.

La Rivoluzione francese, i bolscevichi e i maoisti, e il culto del “Fratello numero uno” Pol Pot hanno tutti questa caratteristica. I giacobini uccisero centinaia di migliaia di francesi comuni e meno di 1700 aristocratici. Lo storico marxista Eric Hobsbawm ha stimato in 100 milioni di anime il numero totale di vittime del comunismo nel XX secolo.

La rivoluzione è un manifesto di omicidio finto come liberazione. Questa barbarie è il risultato di ogni tentativo utopico di fare una religione dell’uomo. La rivoluzione ambientale è diversa: ha dichiarato l’uomo nemico prima ancora di iniziare.

 

Maurice Strong e il Club di Roma

Maurice Strong ha fantasticato di provocare il collasso della società industriale durante un’intervista del 1990. Intitolata “Il mago di Baca Grande“, ebbe luogo nel suo vasto complesso New Age in Colorado. Parlando con lo scrittore Daniel Wood, Strong chiese: “Cosa succederebbe se un piccolo gruppo di leader mondiali giungesse alla conclusione che il rischio principale per la Terra deriva dalle azioni dei Paesi ricchi?”.

Quindi, per salvare il pianeta, il gruppo decide: L’unica speranza per il pianeta non è forse il collasso delle civiltà industrializzate? Non è forse nostra responsabilità far sì che ciò avvenga? [enfasi aggiunta]

Strong ha esercitato una notevole influenza sul Club di Roma, passando poi a dirigere il neonato Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente e a presiedere il Vertice della Terra di Rio. È stato uno dei membri fondatori del World Economic Forum, di cui ha poi guidato la Fondazione.

I necrologi celebrano il suo impegno per la globalizzazione del movimento ambientalista.

Si tratta di un tema che ha già attirato molta attenzione in passato, ma con il recente lavoro dello scienziato finlandese Mikko Paunio, l’esistenza di un “culto panteista della natura” al centro del movimento ambientalista è difficile da negare.

Paunio è stato recentemente intervistato da John Henry Westen di LifeSiteNews per discutere di quella che lui definisce l’esistenza di un’influenza panteista della natura – e malthusiana – ai più alti livelli della politica ambientale internazionale.

Paunio documenta come Strong sia passato dalle Nazioni Unite al Forum economico mondiale.

All’inizio, Klaus Schwab reclutò il più influente funzionario non eletto delle Nazioni Unite per l’ambiente, Maurice Strong, un ricco industriale canadese non istruito (1929-2015), per dirigere la fondazione del WEF.

Maurice Strong è stato la figura centrale nel portare avanti l’agenda dello sviluppo sostenibile sin dal primo vertice ambientale delle Nazioni Unite a Stoccolma nel 1972. Era anche un incallito occultista ed esoterista.

 

Una cospirazione del crollo?

Perché i sogni di un uomo hanno importanza? Questo era un uomo con il potere di rendere reali i suoi sogni.

Un profilo di Maurice Strong pubblicato nel 2015 sul National Post osserva che la sua “agenda verde è ormai diffusa in tutto il mondo, dalle Nazioni Unite ai governi nazionali fino ai comuni”, un’agenda diretta da un uomo i cui sogni erano un incubo vivente per l’umanità.

Nella sua autobiografia del 2000, “Where on Earth Are We Going?” (Dove stiamo andando?) Strong prevedeva che, nel 2031, “la tragedia umana” sarebbe stata “su una scala finora inimmaginata”. Ha scritto che la prospettiva più brillante risiedeva nelle previsioni secondo cui i due terzi della popolazione mondiale, già ridotta, sarebbero stati spazzati via.

Lo descrisse come “un barlume di speranza per il futuro della nostra specie e per il suo potenziale di rigenerazione”, tradendo così un atteggiamento decisamente ambivalente nei confronti dell’umanità che sosteneva di voler salvare disperatamente.

Non c’è nulla di cospiratorio nel citare le parole di Maurice Strong, che è lodato dai suoi seguaci come il padre fondatore del movimento ambientalista globale. Le sue oscure fantasie hanno un ampio appeal tra le persone che presumibilmente si considerano i beneficiari di questo collasso. Alcuni saranno semplicemente soddisfatti dall’idea di una vendetta globale sull’umanità. In questa promessa, l’utopismo verde offre un impareggiabile sacrificio di sangue ai suoi più ardenti credenti.

 

Il futurismo esoterico e il problema dell’umanità

Le affermazioni sull’influenza dell’occulto vengono respinte dalle fonti tradizionali con la motivazione che Maurice Strong e Aurelio Peccei non praticavano rituali in una sorta di tempio. Non è questa la base dell’argomentazione. Ciò che conta è l’ispirazione per un’ideologia che, senza la coccolosa veste verde, rimane aperta sulla sua definizione dell’umanità come nemico.

Non c’è dubbio che Strong, Peccei e le loro organizzazioni si siano ispirati in parte alle influenze della tradizione occulta della Teosofia. Si tratta di un mezzo per fare dell’uomo un dio, attraverso la coltivazione dell’io interiore fino al risveglio gnostico. Aveva una visione cosmica e diceva: “Credo che la grande frontiera del futuro sia quella tra lo spirito individuale e lo Spirito, il cosmo”.

Costruì un complesso New Age in cui vivere, credendo, insieme alla moglie, che questo insediamento di osservatori di cristalli e mistici come Shirley MacLaine fosse un progetto per una cultura post-apocalittica. Guardate al di là della natura bizzarra delle sue sistemazioni abitative e stupitevi della mente di chiunque creda che il proprio mondo di fantasia sia un modello scalabile per la società umana mondiale.

È solo attraverso la fantasia che queste cose sembrano possibili. Ciò che queste fantasie tradiscono è la vanità del fantasista. Essi sono stati nominati, scelti in un certo senso, come è successo a Strong con l’incendio del cespuglio.

La fantasia personale come via per il potere è il punto centrale. È un modo per rivalutare il movimento ambientalista, apparentemente suicida, come uno strumento su larga scala per realizzare i desideri privati di un numero molto ristretto di persone.

 

Un misantropo visionario

Questi desideri sono chiaramente infusi di un senso di missione. La salvezza e la distruzione sono temi apocalittici, la cui presenza è mantenuta da modelli deliberatamente manipolati di catastrofe sempre incombente e mai arrivata.

Infine, coloro che sono guidati dalla luce interiore desiderano condurci in un futuro delimitato dalle loro fantasie di controllo. Una follia razionale ispira il credente nell’io interiore, indirizzato verso l’interno dalla deludente discordanza dei tentativi di democrazia.

Fin dall’inizio, Maurice Strong era determinato a mettere a tacere altre voci oltre alla sua. Verso la fine della prima Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente, tenutasi a Stoccolma nel 1972, si stancò dell’interminabile discussione:

Mentre le dispute tra i delegati si protraevano fino all’alba, il segretario generale della conferenza, Maurice Strong, staccò bruscamente la spina dell’audio. Il gesto scosse i partecipanti e diede a Strong l’opportunità di rimettere in moto la conferenza.

I binari di questo movimento sono stati tracciati da un uomo che ha chiesto fatti, non parole. L’azione che ha richiesto è stata chiaramente delineata da lui stesso.

Ispirato da qualche demone, è stato spinto a incoraggiare il crollo coordinato della civiltà e il dominio dell’umanità rimanente da parte di un culto di ricchi tecnocrati.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments