Parlare contro l’ideologia trans è diventato un affare rischioso per le atlete. Di seguio un articolo scritto da Tim Black, pubblicato su Spiked, nella mia traduzione. 

 

"Lia" Thomas (a sinistra), maschio biologico che si sente donna, vince la finale dell’American University League, nel nuoto femminile
“Lia” Thomas (a sinistra), maschio biologico che si sente donna, vince la finale dell’American University League, nel nuoto femminile. A destra le ragazze vincitrici del 2°, 3° e 4° posto.

 

Due atlete britanniche d’élite, una delle quali è un’olimpionica, hanno detto alla BBC che i trans non dovrebbero essere autorizzati a competere negli sport femminili.

Il contenuto dell’intervista non farà impazzire nessuno. I due atleti sostengono che le donne trans biologicamente maschi, storicamente conosciuti come uomini, dovrebbero essere autorizzati a competere solo nella categoria del loro sesso biologico. Anche solo pochi anni fa, questo sarebbe stato senso comune. Dopo tutto, c’è una ragione per cui le donne hanno le loro categorie sportive separate – perché è giusto.

Ciò che è sorprendente, e non un po’ deprimente, è il fatto che questi due atleti hanno ritenuto di poter affermare la dannata ovvietà solo in modo anonimo. Dire che solo le donne dovrebbero essere autorizzate a competere nei 100 metri femminili è apparentemente diventato troppo rischioso per gli atleti da dire ad alta voce. Come le due atlete hanno detto alla BBC, non possono rischiare il “contraccolpo” dei social media che sicuramente seguirebbe, e l’effetto di fine carriera che potrebbe avere sugli accordi di sponsorizzazione. E così si rifiutano di mettere il loro nome su un’opinione con la quale la stragrande maggioranza del pubblico sarebbe d’accordo – vale a dire, che permettere ai maschi biologici di competere contro le femmine biologiche nelle competizioni femminili è ingiusto, per non dire palpabilmente assurdo.

Naturalmente, atleti in pensione, dalla grande tennista statunitense Billie Jean King alla stella del nuoto britannico Sharron Davies, hanno coraggiosamente parlato dell’impatto distruttivo che l’agenda della trans-inclusione ha avuto sullo sport femminile. Ma sono state liberate in una certa misura dal ritiro e dal successo sportivo. Possono ancora essere soggetti a irato editoriali da parte di commentatori dolorosamente di destra. E certamente otterranno un sacco di bacchettate sui social media da quelli con #BeKind blasonato sui loro forconi. Ma non hanno nulla, sportivamente parlando, da perdere a questo punto. Hanno già i loro trofei e le loro medaglie, e nessuno può portarglieli via.

Ma per quelle donne nel bel mezzo della loro carriera sportiva, senza dubbio sentono di avere troppo da perdere – da sponsor e finanziatori, e dagli organismi sportivi che hanno attivamente incoraggiato l’inclusione trans, di solito per volere di potenti e ben finanziati gruppi di pressione trans. E così, come i due che hanno parlato alla BBC, non possono criticare l’ideologia di genere, almeno in pubblico.

Sicuramente, la stragrande maggioranza delle atlete è contraria a dover competere contro i maschi biologici. All’inizio di quest’anno, un sondaggio anonimo ha rilevato che il 92% delle cicliste di élite sono contrarie a competere contro i ciclisti transgender. Si sospetta che questa unanimità di sentimenti prevalga in tutto lo sport femminile.

E perché non dovrebbe? Le atlete vogliono preservare l’integrità delle loro competizioni. Vogliono che la competizione sia equa. Vogliono sentire che hanno una possibilità, forse, anche di vincere. Tutto questo è minato dalla presenza di atleti maschi, da Lia Thomas nel nuoto a Emily Bridges nel ciclismo.

Per tutto il gergo della teoria dell’identità di genere, per tutto il blaterare pretenzioso generato dal complesso industriale del woke, a volte non si può proprio negare la realtà biologica. E la realtà, come ogni bambino della scuola sapeva, è che ci sono differenze biologiche significative tra uomini e donne. E queste differenze, che si manifestano soprattutto durante la pubertà, quando la massa muscolare dei ragazzi aumenta, le loro ossa diventano più dense e la loro capacità polmonare diventa più grande, significa che hanno un vantaggio fisico significativo sulle ragazze. Il che, a sua volta, rende necessaria l’esistenza di diverse categorie di sport basate sul sesso.

Fingere che questa differenza biologica, questo vantaggio atletico, non esista è delirante. Il trans-attivista Twitter può provare a farlo. Così come Stonewall. Purtroppo, anche il Comitato Olimpico Internazionale si è avventurato nella tana del lupo della ideologia di genere. Ha annunciato alle Olimpiadi dell’anno scorso che nessun atleta transgender dovrebbe avere un vantaggio ingiusto negli eventi sportivi femminili.

L’ideologia trans insiste sul fatto che la realtà biologica è di secondaria importanza, che essere un uomo o una donna è determinato da un sentimento interiore. Tali affermazioni sono ora rivelate come assurde nell’arena sportiva, dove la realtà fisica e biologica conta. Che così tante atlete siano semplicemente troppo timorose – e con buone ragioni – per far notare che il re trans è senza vestiti, è vergognoso.

Tim Black

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments