Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Aaron Seng, pubblicato su Crisis magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella traduzione da me curata. 

 

Papa Francesco triste
Papa Francesco triste

 

Ultimamente a Roma, la città in cui le voci sono spesso notizie affidabili, circolano voci secondo cui il Vaticano potrebbe presto imporre un editto di soppressione più rigoroso per la Messa tradizionale in latino, e forse anche per altri riti (ad esempio, i sacramenti e l’ufficio divino).

Se tale editto dovesse essere emanato, solleverebbe ancora una volta due grandi questioni di “teologia pratica” per il dibattito universale, vale a dire: (a) Il Romano Pontefice ha l’autorità di proibire l’offerta o la partecipazione al Rito Romano tradizionale? (b) Se il Papa dichiarasse tale divieto (validamente o meno), i fedeli sarebbero obbligati in coscienza a rispettarlo, in virtù della santa obbedienza?

Al posto di un’ampia trattazione teologica, potremmo ricorrere alla semplice saggezza di ogni primo comunicando e “cercare nel catechismo”.

 

Testimonianza dei catechismi tradizionali

Dopo migliaia di ore di analisi di decine di catechismi di tutti i secoli1 , lo stato attuale della ricerca del progetto Tradivox indica che, mentre molti catechismi hanno risposto alla seconda domanda (e/o alla prima solo indirettamente), solo un catechismo cattolico ufficiale ha in assoluto risposto direttamente a entrambe le domande.

Prima di esplorare queste risposte, dobbiamo sottolineare che nelle ultime generazioni la virtù dell’obbedienza è stata ampiamente confusa con la conformità esterna, in particolare con le direttive dell’alto clero.2 Sebbene il continuo scandalo degli abusi e degli insabbiamenti clericali abbia giustamente scosso questa concezione semplicistica, non è necessario guardare oltre i grandi catechismi del passato per trovare il concetto di “obbedienza=compliance” categoricamente respinto.

Al contrario, la catechesi cattolica perenne sostiene che dobbiamo rispettare i comandi di tutti i legittimi superiori nella famiglia, nello Stato e nella Chiesa, a meno che non siano un incentivo al peccato. Sebbene le spiegazioni e gli esempi di ciò che si qualifica come comando peccaminoso forniscano un affascinante studio della tradizione catechistica (qualcosa che va oltre lo scopo di questo articolo), possiamo riassumerli in modo chiaro: qualsiasi ordine che metta in pericolo o contraddica la retta ragione, la legge divina naturale o positiva, o la dottrina, la morale e i riti ricevuti della Chiesa non deve essere obbedito3.

Le affermazioni di alcuni vecchi catechismi su questo punto sono così sorprendenti che il cattolico meno informato di oggi può trovarle un po’ stridenti.

Prendiamo il catechismo del gesuita San Pietro Canisio, famoso in tutto il mondo: avendo familiarità con gerarchi che danneggiavano la liturgia cattolica e minavano la retta dottrina, Canisio fu inviato a prestare servizio nell’arcidiocesi di Colonia quando questa era ancora governata dall’arcivescovo eretico Hermann von Wied. Nel suo Grande Catechismo, scritto all’incirca in quel periodo, Canisio scriveva di rimproverare coloro che disprezzavano l’insegnamento o i riti di culto abituali della Chiesa4 , e quando chiedeva: “Che concezione dobbiamo avere dei sacerdoti malvagi?”, risponde:

Dobbiamo fede e obbedienza solo a coloro che, legittimamente ordinati e inviati dai vescovi, professano la sana dottrina della Chiesa. Ma dagli altri dobbiamo guardarci attentamente, come dai nemici e dalle persone pestifere.5

Se paragonata all’esagerata mentalità di “obbedienza cieca” che in seguito divenne comune nella Chiesa (in parte dovuta all’influenza dei gesuiti, ironia della sorte), questa può sembrare più una dichiarazione di protestantesimo o di anarchia ecclesiastica che un’articolazione della fede e della morale cattolica. Tuttavia, proviene da un Dottore della Chiesa e dal santo patrono dei catechisti; e in effetti, in passato era il piatto forte delle aule scolastiche cattoliche.

Il Catechismo del Concilio di Trento, il venerabile nonno dei catechismi conciliari (e tuttora il più autorevole catechismo in stampa), nella sua panoramica sulla natura e sui limiti dell’obbedienza virtuosa, afferma in modo simile:

Sebbene possa sembrare strano, non siamo dispensati dall’onorare altamente [i pastori malvagi] anche quando si dimostrano ostili e implacabili nei nostri confronti…. Tuttavia, se i loro comandi sono malvagi o ingiusti, non bisogna obbedire, poiché in tal caso non governano secondo la loro legittima autorità, ma secondo l’ingiustizia e la perversità.6

Essendo Trento molto debitrice della dottrina di San Tommaso d’Aquino, dovremmo citare anche le catechesi dello stesso Dottore Angelico su questo punto, che, con un paragone piuttosto sorprendente, equipara l’obbedienza a comandi ingiusti a una sorta di idolatria:

Con le loro azioni, [alcuni] mostrano di credere in molti dei…. Della stessa categoria sono tutti coloro che obbediscono ai governanti temporali più che a Dio, in ciò che non dovrebbero; costoro infatti li ergono a divinità.7

Eredi dell’Aquinate, anche due eminenti domenicani scriveranno superbi catechismi pochi anni prima della Rivoluzione francese. In essi, i comandi errati dei superiori – persino dei papi – sono considerati come decreti che non devono essere obbediti, senza tuttavia viziare necessariamente l’autorità del superiore8.

L’inquadramento di tale inosservanza come un dovere morale positivo sarebbe diventato sempre più comune con l’ascesa degli Stati laici e, tra gli innumerevoli altri esempi che si potrebbero citare, possiamo concludere con lo stimato catechismo di P. Joseph Deharbe. Apparso per la prima volta in tedesco poco prima dell’inizio del XX secolo9 , ricordava agli studenti di tutto il mondo:

Quando non si deve obbedire ai genitori, ai superiori e ai sovrani? Quando comandano qualcosa di illecito davanti a Dio. Dobbiamo obbedire a Dio piuttosto che agli uomini” (At 5,29). Esempi: Giuseppe in casa di Potifar; Susanna; i tre giovani a Babilonia; i sette Machabei; gli apostoli davanti al concilio.10

 

Le risposte del catechismo ora

Questo stesso quadro di “obbedienza limitata” è ancora mantenuto nell’edizione più recente (2018) del Catechismo della Chiesa Cattolica. Sebbene non sia privo di altre difficoltà dottrinali,11 questo testo afferma analogamente che in tutte le società l’autorità “non deve comportarsi in modo dispotico, ma deve agire per il bene comune”.12 Continua:

Una legge umana ha il carattere di legge nella misura in cui è in accordo con la retta ragione, e quindi deriva dalla legge eterna. Nella misura in cui non è conforme alla retta ragione, si dice che è una legge ingiusta, e quindi non ha tanto il carattere del diritto quanto quello di una sorta di violenza.13

L’autorità è esercitata legittimamente solo quando cerca il bene comune del gruppo interessato e se impiega mezzi moralmente leciti per raggiungerlo. Se i governanti promulgassero leggi ingiuste o adottassero misure contrarie all’ordine morale, tali disposizioni non sarebbero vincolanti in coscienza.14

Sebbene questi principi si applichino ovviamente alla nostra seconda domanda, ovvero se un divieto della Messa latina o di altri elementi del Rito romano sarebbe moralmente vincolante, essi non rispondono ancora alla prima, ovvero se un Papa abbia l’autorità di decretare un tale divieto.

C’è un catechismo, tuttavia, che offre risposte solide a entrambi: Credo: Compendio della fede cattolica (2023), che è il primo catechismo approvato canonicamente ad affrontare queste domande in dettaglio.

Credo, pubblicato con l’imprimatur del vescovo Athanasius Schneider del Kazakistan e acclamato in tutto il mondo come un brillante riassunto della fede e della morale per il nostro tempo, fornisce risposte che sono eminentemente chiare, concise e dirette e che meritano di essere citate senza ulteriori commenti:

Il Papa è obbligato a mantenere fedelmente i riti liturgici tradizionali della Chiesa?

Sì. Il giuramento papale altomedievale afferma che: “Prometto di mantenere inviolate la disciplina e la liturgia della Chiesa come le ho trovate e come sono state trasmesse dai miei santi Predecessori”, e il Giuramento papale decretato dal Concilio di Costanza fa eco: “Seguirò e osserverò in ogni modo il rito tramandato dei sacramenti ecclesiastici della Chiesa cattolica”.15

Può un papa abrogare un rito liturgico di consuetudine immemorabile nella Chiesa?

No. Così come un papa non può proibire o abrogare il Credo degli Apostoli o il Credo niceno-costantinopolitano o sostituirli con una nuova formula, non può nemmeno abrogare i riti tradizionali e millenari della Messa e dei sacramenti o proibirne l’uso. Questo vale tanto per i riti orientali quanto per quelli occidentali.16

Il Rito romano tradizionale potrebbe mai essere legittimamente proibito per tutta la Chiesa?

No. Esso poggia sull’uso divino, apostolico e pontificio antico, e porta la forza canonica di una consuetudine immemorabile; non può mai essere abrogato o proibito.17

Dobbiamo rispettare la proibizione dei riti liturgici cattolici tradizionali?

No. “Ciò che le generazioni precedenti ritenevano sacro, rimane sacro e grande anche per noi, e non può essere improvvisamente del tutto proibito o addirittura considerato dannoso. È bene che tutti noi preserviamo le ricchezze che si sono sviluppate nella fede e nella preghiera della Chiesa e che diamo loro il giusto posto”. I riti della venerabile antichità formano una parte sacra e costitutiva del patrimonio comune della Chiesa, e nemmeno la più alta autorità ecclesiastica ha il potere di proibirli.18

Un atto di disobbedienza a un comando del Papa è di per sé scismatico?

No. Non si è scismatici se si resiste a un papa o si rifiuta di obbedire a un suo particolare insegnamento o comando che è manifestamente contrario alla legge naturale o divina, o che danneggerebbe o minerebbe l’integrità della fede cattolica o la sacralità della liturgia. In questi casi, la disobbedienza e la resistenza al Papa sono lecite e talvolta obbligatorie.19

Per decenni, cattolici e non cattolici20 sono stati confusi da uno strano e imposto senso di “proibizione” che circonda il Rito Romano tradizionale – lo stesso rito un tempo universalmente apprezzato come il più santo, il più lodevole, il più degno di devozione; l’amore di innumerevoli santi e mistici, “la cosa più bella al di qua del Paradiso “21 .

Fortunatamente, se un cattolico dovesse mai avere bisogno di difendere la sua eredità sacra da tentativi sbagliati di sopprimerla in futuro, ora ha un catechismo cattolico affidabile a cui fare riferimento.

Aaron Seng

 

Aaron Seng è presidente di Tradivox e redattore generale dell’Indice dei catechismi cattolici, una raccolta in venti volumi di catechismi cattolici tradizionali pubblicata da Sophia Institute Press.

 

 

  1. Per i catechismi classici più importanti ripubblicati come serie legacy con copertina rigida, vedere Seng, Aaron, ed. Indice del catechismo cattolico Tradivox . 20 voll. Manchester: Sophia Institute Press, 2020–25.
  2. Chiunque cerchi un ulteriore studio su questa virtù e sulla sua rilevanza oggi sarebbe ben ricompensato dal libro True Obedience in the Church (2022) del Dr. Peter Kwasniewski.
  3. Ciò lascia ovviamente da parte le considerazioni rilevanti ma più complesse della coscienza personale.
  4. Che cosa si deve pensare per chi rifiuta e non tiene conto delle tradizioni della Chiesa? Questi la parola di Dio riprende e condanna quando stabilisce che le tradizioni siano osservate… Essi resistono al potere e all’ordinanza di Dio, e in tal modo si procurano la dannazione… Le usanze della Chiesa, specialmente quelle che non sono contrarie alla fede, sono così da osservare, come furono liberati dai nostri antenati”. Pietro Canisio, Grande Catechismo , in Tradivox , 9:57–58.
  5. Ibidem, 129.
  6. Papa Pio V, Catechismo del Concilio di Trento , in Tradivox , 7:435.
  7. Tommaso d’Aquino, Le Istruzioni catechetiche di San Tommaso d’Aquino , in Tradivox , 6:28.
  8. “[Siamo obbligati] ad amare e onorare i nostri genitori e superiori, siano essi ecclesiastici o civili; essere loro obbediente sia nelle parole che nei fatti… in tutto ciò che non è contrario ai comandamenti di Dio o della Chiesa: poiché se i loro comandi fossero contrari all’uno o all’altro, non sarebbe affatto permesso obbedire loro” (Andrew Donlevy, Il Catechismo, o Dottrina Cristiana , in Tradivox , 5:35). “Alcuni papi hanno abusato del loro potere portando le loro pretese più in alto di quanto la giustizia o la coscienza permetterebbero… Sebbene gli uomini siano peccabili (come lo sono i papi), possono abusare della loro autorità; ma dedurre dall’abuso di potere una perdita di ogni giusta autorità concessa da Dio, è un’assurdità tanto quanto pensare che i genitori abbiano perduto ogni diritto divino e naturale sui figli, perché molti hanno ecceduto nell’esercizio di esso” ( Thomas Burke, Un catechismo morale e controverso , in Tradivox , 5:211).
  9. Il catechismo di Deharbe fu tra i più onnipresenti stampati dal 1850 alla seconda guerra mondiale, con edizioni praticamente in tutte le lingue occidentali e anche in molte orientali.
  10. Joseph Deharbe, “Un catechismo completo della religione cattolica”, in Tradivox , 14:304.
  11. Qualcosa che questo autore ha affrontato altrove nelle pagine di Crisis Magazine .
  12. Papa Giovanni Paolo II, Catechismo della Chiesa Cattolica . 2° riv. ed. (Washington, DC: Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti, 2019), n. 1902.
  13. Ibid.
  14. Ibidem, n. 1903.
  15. Athanasius Schneider, Credo: Compendio della fede cattolica (Manchester: Sophia Institute Press, 2023), 314.
  16. Ibidem, 315.
  17. Ibid.
  18. Ibidem, 185.
  19. Ibidem, 79.
  20. Il periodo precedente al famoso “ Agatha Christie Indult ” ha offerto un primo e sorprendente esempio della costernazione dei non cattolici di fronte alla futura proibizione della Messa latina tradizionale.
  21. Il riconoscimento spesso citato del grande p. Federico Guglielmo Faber (1814–1863).
  22.  


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments