Una rete internazionale di organi di vigilanza finanziaria ha sospeso l’accesso del Vaticano alle sue informazioni, infliggendo un duro colpo alla credibilità finanziaria del Vaticano sotto la guida di Papa Francesco.

Riprendo alcuni stralci da un articolo pubblicato da Francis X. Rocca per l’autorevole The Wall Street Journal, il 19 novembre 2019. I brani sono tratti da RiskScreen.Eccoli nella mia traduzione. 

 

Fulmini su Roma e sulla Basilica di San Pietro

(us.fotolia.com/TTstudio, via CWR)

 

Una rete internazionale di organi di vigilanza finanziaria ha sospeso l’accesso del Vaticano alle sue informazioni, infliggendo un duro colpo alla credibilità finanziaria del Vaticano sotto la guida di Papa Francesco.

L’Egmont Group, una rete con sede a Toronto di oltre 160 unità nazionali di informazione finanziaria in tutto il mondo, ha deciso di sospendere l’organo di controllo vaticano dall’accesso al suo sistema web sicuro, attraverso il quale i membri condividono informazioni sul riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo, la frode fiscale e altri reati finanziari, secondo le persone che hanno conoscenza della questione.

Il Vaticano ha rifiutato di commentare la mossa del Gruppo Egmont.

La mossa è l’ultima di una serie di eventi recenti che mettono in discussione l’efficacia dell’agenda di riforma di Papa Francesco, che segue la sua elezione nel 2013 con il mandato di rivedere la gestione del Vaticano e le sue finanze. L’organo di controllo europeo per il riciclaggio di denaro sporco Moneyval ha in programma di condurre una ispezione in loco del Vaticano il prossimo anno.

Egmont ha informato l’Autorità per l’Informazione Finanziaria del Vaticano, o AIF, della sospensione della scorsa settimana, hanno riferito le persone che hanno conoscenza della questione. Le principali funzioni dell’AIF sono la prevenzione dei crimini finanziari in Vaticano e la supervisione della pulizia della Banca Vaticana, da tempo afflitta da scandali finanziari.

L’AIF rimane membro dell’organizzazione ma non avrà accesso alla sua rete di condivisione delle informazioni finché non potrà dimostrare che non condividerà le informazioni sulle indagini penali fornite dalle unità di intelligence finanziaria di altri paesi senza la loro autorizzazione. La fiducia di Egmont nell’AIF è stata scossa dopo che la polizia vaticana ha sequestrato informazioni dal regolatore durante un’indagine su uno scandalo finanziario, ha detto alcune persone.

La policy di Egmont impone ai membri di scambiare informazioni attraverso canali che “garantiscono livelli di sicurezza, affidabilità ed efficacia almeno equivalenti a quelli dell’Egmont Secure Web”.

La notizia della sospensione dell’Egmont è arrivata il giorno dopo che il Vaticano ha annunciato inaspettatamente che Papa Francesco stava sostituendo il suo principale regolatore finanziario, il presidente dell’AIF René Brülhart, spingendo un membro del consiglio di amministrazione dell’autorità di regolamentazione a dimettersi per protesta.

Marc Odendall, un banchiere tedesco francese, si è dimesso lunedì dal consiglio di amministrazione dell’AIF, dicendo che la decisione del Papa di licenziare il sig. Brülhart ha dimostrato che il Vaticano non intende affrontare le preoccupazioni di Egmont.

“Non ha senso stare nel consiglio di amministrazione di un’organizzazione inefficace”, ha detto Odendall.

 

Per saperne di più leggi l’articolo sul The Wall Street Journal.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1