Il vescovo di San Rafael, Eduardo Taussig, ha preannunciato nel luglio scorso la chiusura entro la fine del 2020 del Seminario diocesano di Maria Madre di Dio, per ordine del Vaticano.

Il provvedimento sta causando pacifiche manifestazioni di protesta da parte di fedeli laici e sacerdoti, che erano già in disaccordo col vescovo per il divieto di ricevere la Santa Comunione  in ginocchio e in bocca, col pretesto dell’epidemia di coronavirus.

Ne parla Catholic News Agency nell’articolo riportato di seguito. La traduzione è a cura di Wanda Massa.

 

Proteste in San Rafael Credit Andrea Greco
Proteste in San Rafael Credit Andrea Greco

 

Nuove proteste per la chiusura del seminario in Argentina

I dimostranti questo fine settimana hanno protestato contro la chiusura ordinata dal Vaticano del seminario di Maria Madre di Dio a San Rafael, Argentina.

I manifestanti si sono riuniti sabato e domenica fuori dagli uffici diocesani, in piazza San Martín e davanti alla cattedrale della città. I manifestanti hanno recitato il rosario e tenuto cartelli per chiedere la chiusura del seminario diocesano.

Tra i cartelli tenuti dai manifestanti c’erano messaggi come: “Non siamo confusi, siamo indignati“, “Basta con le minacce, vescovo“; “Per il bene dei nostri seminaristi, spiega il vero motivo“, “Chiediamo un commissario apostolico” e “Santo Padre, restituiscici il seminario e i seminaristi“.

Anche le carovane con messaggi simili hanno attraversato la città, finendo negli uffici diocesani.

Il vescovo di San Rafael, Eduardo Taussig, ha annunciato a luglio che il Seminario diocesano di Maria Madre di Dio sarà chiuso entro la fine del 2020, per ordine del Vaticano, e che i seminaristi saranno trasferiti in altri seminari argentini.

In agosto, il vescovo ha detto che la Congregazione per il Clero lo ha informato che, poiché il seminario ha avuto difficoltà a mantenere un rettore – ne ha avuti sette negli ultimi 15 anni – non sembra valga la pena di tenere aperto il seminario.

L’annuncio è avvenuto in mezzo a crescenti tensioni nella diocesi tra il vescovo e un gruppo di laici cattolici e sacerdoti, iniziate a metà giugno, quando Taussig ha annunciato che la Santa Comunione nella diocesi poteva essere ricevuta solo in piedi e alla mano, non direttamente sulla lingua in ginocchio, a causa della pandemia di coronavirus.

La direttiva del vescovo, in linea con le norme annunciate in altre diocesi della regione, può aver creato tensioni anche all’interno del seminario diocesano stesso.

Un gran numero di sacerdoti a San Rafael non ha rispettato le direttive sulla distribuzione della comunione nella mano, tra cui molti ex studenti del seminario, che è stata percepita da alcuni come il motivo della riluttanza dei sacerdoti a chiedere la comunione nella mano, ha detto il vescovo.

Questo rifiuto di ottemperare aveva causato “un grave scandalo all’interno e all’esterno del seminario e della diocesi“, ha detto Taussig.

Taussig ha detto che la ricezione dell’Eucaristia in mano o sulla lingua è ugualmente accettata dalla Chiesa.

Parlando a TVA El Nevado il 27 luglio, p. José Antonio Álvarez, portavoce della diocesi di San Rafael, ha detto che “a causa della reazione indisciplinata di buona parte del clero della diocesi in questo momento, questa diocesi non ha la possibilità di mettere insieme un gruppo di formazione conforme alla disciplina della Chiesa“.

Il 20 agosto, mons. Taussig ha annunciato che avrebbe imposto sanzioni canoniche ai sacerdoti che persistevano nella disobbedienza dando la Comunione sulla lingua e non sulla mano.

Dopo l’incontro con Papa Francesco alla fine di ottobre, Taussig ha detto che la decisione del Vaticano di chiudere il seminario “non è in discussione” ed entrerà in vigore alla fine di quest’anno.

I cattolici si sono più volte pronunciati contro la chiusura del seminario, invocando carovane, preghiere e manifestazioni fuori dalla sede diocesana di San Rafael.

In risposta alle proteste del mese scorso, Taussig ha pubblicato una lettera il 30 ottobre, chiedendo ai cattolici di non “riunirsi per questi raduni anonimi“, perché “aggravano la situazione e possono danneggiare maggiormente i seminaristi stessi, di cui tutti vogliamo occuparci“.

Il vescovo ha definito le manifestazioni precedenti “atti di ribellione e di contesa“. Nei messaggi attaccati ai muri e alle porte c’era un cartello che invitava il vescovo a dimettersi, un altro lo chiamava traditore.

Taussig ha detto che le manifestazioni “prima di tutto danneggiano il seminario stesso“. I laici che hanno affisso manifesti ingiuriosi, che hanno portato con sé i loro figli e permesso loro di picchiare alle finestre e alle porte, che danneggiano l’unità della Chiesa e scandalizzano i suoi membri (e i non membri che guardano con sorpresa dall’esterno), sono visti come “frutti del seminario“. Perché riflettono, almeno indirettamente, la formazione ricevuta da coloro che si sono anche laureati in seminario. Anche le carovane annunciate saranno giudicate allo stesso modo”.

Una versione di questa storia è stata pubblicata per la prima volta dall’ACI Prensa, partner di CNA in lingua spagnola. È stata tradotta e adattata da CNA.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1