In vista della visita in Vaticano di questa settimana, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha detto che ha intenzione di discutere delle violazioni dei diritti umani in Cina, ed esorta i funzionari vaticani a parlare delle persecuzioni religiose cinesi.

Un intervista del Segretario di Stato USA, Michael Pompeo, rilasciata al Catholic News Agency (CNA). Ve la presento nella mia traduzione.

 

Card. Parolin e Michael Pompeo, Segretario di Stato USA

 

In vista della visita in Vaticano di questa settimana, il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha detto che ha intenzione di discutere delle violazioni dei diritti umani in Cina, ed esorta i funzionari vaticani a parlare delle persecuzioni religiose cinesi.

“Abbiamo parlato abbastanza chiaramente della situazione dei diritti umani in Cina che si è deteriorata sotto il segretario generale Xi Jinping per i credenti religiosi di tutto il Paese”, ha detto Pompeo al CNA in un’intervista esclusiva venerdì.

“La Chiesa ha un’enorme autorità morale e noi vogliamo incoraggiarli ad usare questa autorità morale, per migliorare le condizioni dei credenti, certamente cattolici, ma credenti di tutte le fedi all’interno della Cina, e questa è la conversazione che faremo”, ha aggiunto il segretario.

Pompeo visiterà la Santa Sede questa settimana durante un viaggio che comprenderà anche incontri in Grecia, Italia e Turchia. Mentre sarà in Vaticano, Pompeo incontrerà il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato della Santa Sede, insieme all’arcivescovo Paul Gallagher, che dirige l’ufficio della Santa Sede per i rapporti con i governi civili.

Il segretario non ha in programma un incontro con papa Francesco, con il quale si è incontrato lo scorso ottobre. Mentre il Papa non sempre incontra i ministri degli Esteri in visita in Vaticano, la Santa Sede ha riferito di aver detto ai diplomatici statunitensi che il Papa non voleva incontrare una figura politica americana così vicina alle elezioni presidenziali di novembre.

L’incontro avviene perché si prevede che la Santa Sede rinnovi presto un accordo fatto due anni fa con Pechino sulle strutture di leadership nella Chiesa.

Arriva anche poco dopo che Pompeo ha pubblicato un saggio del 18 settembre su First Things sull’accordo Vaticano-Cina.

In un tweet che promuoveva il saggio, Pompeo ha scritto che “Il Vaticano mette in pericolo la sua autorità morale, se dovesse rinnovare l’accordo”. L’osservazione ha fatto scalpore tra i diplomatici per le sue critiche acute alla politica della Santa Sede.

Ma Pompeo ha sottolineato alla CNA di essere impegnato a lavorare con il Vaticano, e ne ha riconosciuto l’importanza internazionale sul tema della libertà religiosa.

Il segretario ha detto di ritenere che gli Stati Uniti e la Santa Sede “hanno un interesse comune nel vedere che ogni essere umano in Cina abbia l’opportunità di praticare la propria fede, di esercitare i propri diritti di coscienza”.

“La nostra amministrazione ha speso molto tempo ed energie per promuovere la libertà religiosa in tutto il mondo, e penso che la Chiesa cattolica e gli Stati Uniti condividano il desiderio di creare condizioni migliori per i cattolici di esercitare la loro tradizione di fede all’interno della Cina”.

L’accordo Vaticano-Cina mirava a unificare i cattolici in Cina, che sono stati divisi tra una “Chiesa sotterranea” fedele a Roma, e un’organizzazione riconosciuta a livello nazionale, l’Associazione patriottica cattolica cinese, in cui i vescovi erano stati precedentemente nominati e ordinati senza il permesso del papa, creando uno scisma di fatto nella Chiesa.

L’accordo, i cui dettagli non sono mai stati resi pubblici, aveva anche lo scopo di fornire alcune protezioni legali a più di 9 milioni di cattolici in Cina, in un momento in cui il presidente cinese Xi Jinping ha detto di voler vedere la Cina “guidare attivamente l’adattamento delle religioni alla società socialista… sostenendo la persistenza delle religioni cinesi nella direzione della sinicizzazione”.

In pratica, dicono gli osservatori dei diritti umani, quel progetto ha portato all’arresto di leader religiosi, tra cui i cattolici, al divieto per i bambini di partecipare alla messa e alle telecamere di sicurezza nelle chiese, mentre il popolo musulmano uiguro della regione autonoma cinese dello Xinjiang ha affrontato la detenzione di massa, i lavori forzati, la sterilizzazione e l’aborto in una campagna sempre più descritta come un genocidio. Altri gruppi religiosi ed etnici si trovano in condizioni simili.

Pompeo ha detto al Cna che “vediamo un enorme deterioramento della capacità di frequentare la Chiesa… le cose che stanno facendo alle strutture per i credenti cristiani, quello che sta succedendo in Occidente alla popolazione musulmana dello Xinjiang, vediamo tutto questo deteriorarsi e invitiamo il Vaticano a esercitare la sua capacità di testimonianza morale e di autorità per sostenere quei credenti”.

“Questa è la conversazione che mi aspetto di avere ogni volta che incontro i leader religiosi in tutto il mondo”, ha detto Pompeo.

I critici dell’accordo Vaticano-Cina dicono che ha fatto sì che Papa Francesco rimanesse in silenzio sui diritti umani in Cina. Questo silenzio sembra aver raccolto poca buona volontà per i cattolici che vivono in Cina, dicono alcuni critici, ma comprometterà la capacità della Chiesa di evangelizzare il Paese facendola apparire complice degli abusi del regime.

I critici osservano anche che, mentre apparentemente è stato raggiunto un accordo sulla nomina dei vescovi in Cina, pochi vescovi sono stati effettivamente nominati per riempire le numerose diocesi vacanti in Cina, perché Pechino ha bloccato il processo di nomina bloccando il processo.

I difensori dell’accordo, tuttavia, affermano che le condizioni per i cattolici potrebbero essere molto peggiori nel Paese se non fosse per la volontà della Santa Sede di impegnarsi con Pechino, e che anche se sono pochi i vescovi nominati, porre fine alla nomina di vescovi scismatici è l’inizio della riforma.

Il cardinale Parolin ha rifiutato di rispondere alle domande della Cna sulla visita di Pompeo. Un asistente del cardinale ha detto al Cna che Parolin si aspetta di discutere con Pompeo di questioni relative all’accordo con la Cina.

All’inizio di questo mese, Parolin ha detto ai giornalisti che “l’interesse attuale della Santa Sede è di normalizzare il più possibile la vita della Chiesa, per garantire che la Chiesa possa vivere una vita normale, che per la Chiesa cattolica significa anche avere rapporti con la Santa Sede e con il Papa”.

Pompeo ha detto alla Cna di aver capito che la Chiesa affronta i rischi in Cina, a prescindere da come si impegna con Pechino.

“La Santa Sede dovrà bilanciare questi rischi e io lo apprezzo, e non so esattamente quali siano gli accordi che sono stati concordati”.

“Ma posso dirvi che, guardano ai fatti così come sono, le condizioni sono peggiorate. La capacità dei credenti di esercitare la loro fede è diminuita. È tornata indietro”, ha detto.

“E così, se è vero che il dialogo è molto importante, che queste conversazioni sono incredibilmente importanti e complesse, gli accordi che vengono stipulati devono effettivamente dare risultati che riflettano una situazione migliore”. Questo è il genere di cose con cui abbiamo a che fare sempre, dove abbiamo certamente soluzioni imperfette, ma non smettiamo mai di chiedere ciò che in definitiva sappiamo essere la cosa giusta da fare”.

“Gli Stati Uniti stanno esortando i paesi di tutto il mondo a tenere gli occhi aperti su ciò che sta accadendo [in Cina], sia che si tratti della libertà che viene negata a Hong Kong, sia di ciò che sta accadendo ora contro coloro che vogliono praticare la loro fede in Tibet, nella Mongolia Interna… Stiamo assistendo al deterioramento della libertà religiosa, e ognuno di noi ha una responsabilità speciale [di affrontarlo]”, ha detto.

“Sono fiducioso che la Santa Sede abbia una capacità davvero speciale e unica di rendere la vita migliore per ognuna di queste persone che vogliono semplicemente esercitare il loro diritto umano più fondamentale di esercitare la loro capacità di praticare la loro fede”, ha detto il segretario.

Il cardinale Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong, è stato un critico esplicito dell’accordo con la Cina. Zen ha detto alla Cna questo mese che “un silenzio clamoroso danneggerà l’opera di evangelizzazione”.

“Domani, quando la gente si riunirà per pianificare la nuova Cina, la Chiesa cattolica potrebbe non essere la benvenuta”.

Insieme a Zen, i cardinali Charles Muang Bo di Birmania e Ignatius Suharyo di Indonesia hanno ripetutamente denunciato le violazioni dei diritti umani in Cina.

Pompeo ha detto a Cna che ritiene che più voci dovrebbero parlare, comprese quelle di Roma. “Il mondo, e questo include certamente il Vaticano, ha la responsabilità di parlare a questa verità, di parlare alla realtà che sta accadendo”, ha detto.

Il segretario ha aggiunto che, a suo avviso, gli Stati Uniti e altre nazioni si stanno sforzando perché avvengano cambiamenti nella regione.

Parlando degli Stati Uniti, Pompeo ha detto che “abbiamo imposto dei costi ad alcuni di coloro che sono stati i più eminenti trasgressori, abbiamo esortato le imprese americane a garantire, per esempio, nello Xinjiang, che non facciano affari con coloro che sono coinvolti nelle terribili violazioni dei diritti umani che si stanno verificando lì”. Abbiamo quindi intrapreso una serie di azioni per prevenire questo tipo di violazioni dei diritti umani più fondamentali”.

Citando un prossimo incontro con funzionari di Australia, Giappone e India, Pompeo ha detto che il suo obiettivo è “costruire una coalizione per i popoli amanti della libertà in tutto il mondo….per continuare a difendere questi diritti più fondamentali”.

Ha detto che il Partito comunista cinese agisce in modo punitivo nei confronti dei paesi che si oppongono alle violazioni dei diritti umani cinesi, interrompendo o limitando i rapporti commerciali.

“Abbiamo parlato con le nazioni del Pacifico – i paesi delle isole del Pacifico – che hanno fatto qualcosa che non piaceva ai cinesi e hanno smesso di mandare turisti nei loro paesi. Questo ha un impatto significativo sulla loro economia. Le nazioni normali non fanno questo. Non usano un marchio di punizione diplomatica che ha un impatto sulla vita delle persone reali”.

Parlando di Taiwan, dove l’amministrazione Trump ha messo in atto nuove iniziative diplomatiche inviando negli ultimi mesi sia un diplomatico di alto livello che il segretario del Ministero della Salute Alex Azar, Pompeo ha detto che l’isola, che si considera sovrana mentre Pechino la considera una provincia rinnegata, “fa certamente parte del nostro sforzo”, ma ha detto che “la sfida è molto più grande di un singolo teatro, di un singolo spazio tattico”.

“La sfida e la lotta non sono tra Stati Uniti e Cina. Questa è una lotta tra autoritarismo, barbarie, e lo stato di diritto e la decenza e la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Questa è la sfida che viene presentata dal Partito comunista cinese, ed è quella contro cui il presidente Trump ha lavorato con tanta diligenza, per far sì che, almeno per il popolo americano, si riesca a raggiungere questo diritto. Stiamo esortando altre nazioni ad unirsi a noi in questa sfida”.

“I regimi che si impegnano in comportamenti autoritari e totalitari”, ha detto il segretario, “sopravvivono grazie all’oscurità e all’offuscamento. E dalle autorità morali del mondo, coloro che danno valore alle libertà più fondamentali per ogni essere umano… che attirano l’attenzione su quei [regimi] che alla fine creano vite migliori per le persone”, ha aggiunto Pompeo.

“Quello che spero e quello che so che la Santa Sede intende fare è continuare a far risplendere la luce. Sarebbe la cosa giusta da fare, sarà la cosa che gli Stati Uniti chiederanno loro di fare, e sono fiducioso che lo faranno. C’è una lunga storia di questo nella Chiesa, e sono fiducioso che continueranno a farlo”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1