Riportiamo nella nostra traduzione due articoli da due fonti diversi (link nei testi) sulla vicenda che sta interessando il noto vescovo Joseph Strickland.

 

Joseph-Edward-Strickland
Joseph Edward Strickland, vescovo di Tyler, Texas, USA

 

CV News Feed on June 25, 2023 // CatholicVote ha confermato che il Vaticano ha avviato una visita apostolica alla diocesi di Tyler, Texas, e al suo vescovo, Joseph Strickland.
Secondo testimoni che hanno chiesto l’anonimato perché attivi nella vita della diocesi, il vicario generale e moderatore della curia della diocesi, il Reverendissimo John Gomez, JCL, ha convocato via telefono e via e-mail diversi sacerdoti, religiosi e laici di Tyler per incontrare i visitatori apostolici nominati dal Vaticano.
Testimoni hanno confermato a CatholicVote che la visita apostolica è guidata dal vescovo Dennis J. Sullivan di Camden, New Jersey, e da Gerald Frederick Kicanas, vescovo in pensione di Tucson, Arizona, ed ex vescovo ausiliare di Chicago, Illinois. Entrambi i vescovi, accompagnati da due sacerdoti esperti di diritto canonico provenienti da fuori città, hanno interrogato i testimoni su ciò che sanno riguardo alla vita personale e alle attività pastorali del vescovo Strickland.
Gli interrogatori si sono svolte “in forma riservata” in un Holiday Inn nel centro di Tyler e, secondo i testimoni, è stato chiesto loro di firmare accordi di non divulgazione, cosa insolita in un processo canonico.
CatholicVote ha contattato un funzionario della diocesi per confermare o negare l’esistenza del processo canonico. Il funzionario ha rifiutato di parlare in via ufficiale, ha dichiarato di non essere libero di discutere la questione e ha suggerito di contattare direttamente p. Gomez.

Strickland, originario del Texas e ordinato per la diocesi di Dallas, è stato assegnato alla diocesi di Tyler, eretta per la prima volta nel 1987. Il 29 settembre 2012, Papa Benedetto XVI lo ha nominato quarto vescovo di Tyler.
Strickland ha criticato apertamente il presidente Joe Biden ed è stato un forte sostenitore del divieto di ricevere la Santa Comunione per il secondo presidente cattolico della storia degli Stati Uniti. Ha anche criticato diverse azioni di Papa Francesco, dalla pubblicazione dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia all’attuale processo verso il Sinodo sulla sinodalità.
Strickland è molto attivo sui social media. Il 12 maggio ha twittato: “Credo che Papa Francesco sia il Papa, ma è tempo per me di dire che rifiuto il suo programma di minare il Deposito della Fede. Seguite Gesù”.
Più recentemente, commentando il documento di lavoro sul Sinodo sulla sinodalità, il vescovo Strickland ha twittato:

È una farsa che queste cose (“inclusione” di LGBTQ, matrimoni poligami e ordinazione diaconale per le donne) siano anche solo proposte per la discussione. Prego che tutti coloro che conoscono veramente Gesù Cristo non si lascino ingannare da questo percorso. Il Vangelo accoglie tutti al pentimento e alla santità, se non c’è pentimento le barriere alla santità rimangono.

La visita apostolica è stata richiesta dal nuovo prefetto del Dicastero dei Vescovi, l’arcivescovo Robert Francis Prevost.
Prevost, originario di Chicago e membro dell’ordine di Sant’Agostino, ha prestato servizio come missionario in Perù. Il 26 settembre 2015, Papa Francesco lo ha nominato vescovo di Chiclayo (Perù settentrionale).
Il 21 novembre 2020, Francesco ha nominato Prevost membro della Congregazione per i Vescovi su raccomandazione del cardinale Blase Cupich di Chicago.
Il 30 gennaio 2023, Francesco ha nominato Prevost prefetto del Dicastero per i Vescovi, a partire dal 12 aprile.
Prevost dovrebbe diventare il prossimo cardinale statunitense nel prossimo concistoro.

*******************************************************************************

Blogs LifeSiteNews

Chi è questo vescovo che indaga sul vescovo Strickland per conto di Papa Francesco?

Per comprendere la gravità di questa situazione, è necessario conoscere l’ex vescovo Gerald Kicanas di Tucson, Arizona, e la controversia che lo ha circondato per molti anni.

 

Hillary Clinton e Mons.Joseph Strickland, vescovo
Hillary Clinton e Mons.Joseph Strickland, vescovo

 

di John-Henry Westen For LifeSiteNews

Mon Jun 26, 2023 – 2:55 pm EDT

 

(LifeSiteNews) — Ormai avrete sentito tutti la notizia dell’indagine del Vaticano sul vescovo Joseph Strickland di Tyler, Texas, un vescovo che – almeno per i cattolici ortodossi in America – ha indossato il mantello del vescovo Fulton Sheen come “vescovo d’America”.
Per coloro che sono a conoscenza del regno del terrore di Papa Francesco in Vaticano e hanno visto, ad esempio, la cancellazione del cardinale Raymond Burke, l’allontanamento del cardinale Joseph Zen e lo scioccante rimprovero del cardinale Robert Sarah, la notizia di questa indagine sul vescovo Strickland non è sorprendente e certamente piena di presagi. Le ultime notizie che abbiamo in questo momento sulla fase della visita, in cui il Vaticano ha ricevuto il vescovo Dennis Sullivan di Camden, New Jersey, e l’ex vescovo Gerald Kicanas di Tucson, Arizona, è che la parte di intervista è stata completata.
Per comprendere la gravità di questa situazione, è necessario conoscere il vescovo Kicanas, ex vescovo ausiliare di Chicago.
Kicanas era a capo dei Catholic Relief Services (CRS) nel 2012, quando questi finanziavano gruppi pro-aborto. Quando LifeSite e American Life League hanno fatto notare che il CRS finanziava importanti gruppi pro-aborto, come Population Services International, che commercializza farmaci abortivi nei Paesi in via di sviluppo.
Ha difeso la sovvenzione di 2,7 milioni di dollari al gigante dell’aborto, affermando che era per la prevenzione della malaria, ha attaccato LifeSite per la “disinformazione” e ha persino tagliato un importante contratto di stampa del CRS con il marito del capo dell’American Life League per ritorsione.
Alla Conferenza episcopale degli Stati Uniti del 2018, il vescovo Kicanas faceva parte di un gruppo di vescovi e cardinali che volevano cambiare la guida elettorale dei vescovi per sminuire l’aborto come preoccupazione principale. A Kicanas si sono uniti vescovi tra i più infedeli d’America, come il vescovo (ora cardinale) Robert McElroy di San Diego, il vescovo John Stowe di Lexington, Kentucky, e naturalmente il cardinale di Chicago Blase Cupich.
Ma Kicanas era una cattiva notizia già da molto prima. Già nel 2006, i pro-vita della sua diocesi di Tucson erano preoccupati per il suo sostegno a politici pro-aborto.
E ricordate che nel 2010 era pronto a diventare presidente della USCCB. Il Movimento della fascia arcobaleno, che sostiene gli omosessuali, lo aveva appoggiato. Kicanas era vicepresidente, ed era consuetudine passare da vicepresidente a presidente. Ma era così controverso che al suo posto fu nominato il cardinale Timothy Dolan.
Tuttavia, i precedenti di Kicanas in materia di abusi sessuali da parte dei sacerdoti sono stati probabilmente l’ultimo chiodo nella bara della sua mancata approvazione per il posto di vertice dell’USCCB. Prima di diventare vescovo di Tucson, Kicanas è stato rettore del Seminario Mundelein di Chicago. Durante il suo incarico ha permesso che il futuro pedofilo padre Daniel McCormick fosse ordinato nonostante le accuse di cattiva condotta sessuale.
Il vescovo Kicanas si è recentemente difeso dalle accuse di illecito dicendo: “Non ho mai ricevuto alcuna accusa, rapporto o preoccupazione su McCormack durante i suoi anni di seminario al Mundelein che riguardasse abusi sessuali su qualcuno”.

Il National Catholic Register ha sottolineato che Kicanas era almeno a conoscenza del fatto che McCormick si dedicava ad atti omosessuali consensuali in stato di ebbrezza, se non a veri e propri abusi illegali. Secondo l’articolo del NCR, Kicanas ha commentato queste prime “esperienze” dicendo: “Secondo la valutazione, la natura delle esperienze che aveva raccontato era sperimentale e in evoluzione, anche se indicava che il bere poteva essere un problema”.
Ecco chi ha mandato Papa Francesco a indagare sul vescovo Strickland!
Come la maggior parte dei bravi uomini, i bravi vescovi sono persone molto fiduciose. E quindi non sospettano di cattive intenzioni in coloro che incontrano. Tuttavia, tra coloro che vivono una vita corrotta, il sospetto è il nome del gioco. Tendono a diffidare di tutti perché non sono degni di fiducia. Quindi, quando un uomo come il Vescovo Kicanas svolge un’indagine sul Vescovo Strickland, è molto preoccupante.
Sebbene il vescovo Strickland possa credere che l’indagine sarà equa, mi è difficile crederlo. Penso piuttosto che, in base alla mia esperienza di osservatore di queste cose negli ultimi 25 anni, i vescovi cattivi cospirino contro quelli buoni per farli rimuovere.
Che Papa Francesco se la prenda con il vescovo Strickland non è una notizia nuova. Un mese fa, Terry Barber di Virgin Most Powerful Radio ha rivelato che il rappresentante papale in America, Christophe Pierre, aveva agitato il dito contro il vescovo Strickland durante la conferenza episcopale anni fa.
Il vescovo Strickland è un eroe. Non solo difende la vita e la famiglia, la fede e la libertà con dignità e un profondo amore per Cristo, ma è coraggioso anche quando sa che potrebbe costargli caro. È questo che lo ha visto venire a Los Angeles per difendere la dignità delle suore e pregare per la liberazione dallo spirito anticristiano che invade l’America. Il suo grande amore per i fedeli e per Papa Francesco è ciò che lo ha portato a correggere pubblicamente il Papa, dicendo che “è tempo per me di dire che rifiuto il suo programma di minare il Deposito della Fede. Seguite Gesù”.
Dobbiamo quindi pregare per il vescovo Strickland adesso. Per favore, unitevi alla preghiera per lui, al digiuno per lui e, se volete farlo con noi, presto consegneremo al vescovo Strickland una promessa di preghiera. Cliccate qui per aggiungere il vostro nome all’impegno di preghiera e condividetelo con tutti coloro che pensate possano unirsi a noi.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments