Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Angelo DePalma, Ph.D., e pubblicato su The Defender. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

bambini-vaccini-covid

 

I ricercatori australiani che cercavano segni che la vaccinazione contro il COVID-19 potesse proteggere da altre malattie infettive hanno scoperto l’esatto contrario. Secondo uno studio pubblicato su Frontiers in Immunology, un mese dopo aver ricevuto il vaccino di Pfizer, i bambini hanno registrato un forte calo delle proteine immunitarie, o citochine.

 

Secondo uno studio apparso su Frontiers in Immunology, i bambini in Australia che hanno assunto il vaccino Pfizer BNT162b2 COVID-19 hanno sperimentato cali significativi dei livelli di proteine ​​immunitarie, o citochine.

Ciò significa che questi bambini hanno sviluppato una deficienza immunitaria acquisita con il vaccino, o VAIDS, dopo aver ricevuto le iniezioni, come ipotizzato da alcuni rapporti?

Non necessariamente.

Dozzine di citochine contribuiscono al sistema immunitario e molte promuovono infiammazioni malsane o pericolose. Per quanto ne sappiamo, il pannello di 27 citochine utilizzato dai ricercatori per misurare la funzione immunitaria non è stato convalidato per diagnosticare né l’immunodeficienza né l’infiammazione. Fornisce suggerimenti o indizi ma non è confermativo.

Le citochine sono “buone” quando stimolano l’immunità per combattere le infezioni o attaccare i tumori. Ma le stesse citochine sono “cattive” quando favoriscono l’infiammazione, ad esempio nell’artrite reumatoide o nel morbo di Crohn.

Quindi, i bambini vaccinati che sperimentano un calo dei livelli delle 27 citochine misurate dai ricercatori potrebbero essere meno capaci di combattere un’infezione, ma non lo sappiamo con certezza.

I ricercatori avrebbero potuto sapere di più includendo i bambini non vaccinati nel loro studio, oppure avrebbero potuto risolvere definitivamente la questione monitorando i bambini a lungo termine per l’infezione, cosa che non hanno fatto.

Tuttavia, lo studio aggiunge benzina alla controversia in corso sulle vaccinazioni contro il COVID-19 nei bambini, anche se forse non nel modo previsto dai ricercatori.

I ricercatori volevano determinare se i bambini che hanno ricevuto il vaccino Pfizer COVID-19 fossero meglio protetti contro altre infezioni oltre a COVID-19.

Ma la loro scoperta, secondo cui le risposte delle citochine associate alla lotta contro le infezioni non-COVID-19 sono diminuite, ha suggerito il contrario.

Guidati dall’autore corrispondente Andrés Noé del Murdoch Children’s Research Institute di Parkville, Victoria, Australia, i ricercatori hanno cercato prove che il vaccino Pfizer somministrato ai bambini piccoli potesse prevenire non solo il COVID-19 ma anche altre malattie infettive.

Questo fenomeno, noto come effetto eterologo o “effetto fuori bersaglio”, è stato segnalato in precedenza per la vaccinazione contro il vaiolo ed è oggetto di discussione in corso per il vaccino con bacillo Calmette-Guérin, un vaccino contro la tubercolosi.

In entrambi i casi, gli individui vaccinati hanno subito meno ricoveri ospedalieri per altre infezioni non mirate al vaccino.

Noé e colleghi non hanno utilizzato il ricovero in ospedale come punto finale, ma hanno invece misurato i livelli di citochine, che sono proteine ​​che fungono da segnali chimici del sistema immunitario.

Secondo gli autori, il loro studio è stato il primo ad esaminare questo effetto specifico nei bambini.

 

Come è stato condotto lo studio

I ricercatori hanno inizialmente arruolato 51 bambini, di età compresa tra 5 e 11 anni (età media 6,4), tra il 20 gennaio e il 1 febbraio 2022. Dei 47 ritenuti idonei per lo studio, 18 bambini precedentemente infetti da COVID-19 sono stati esclusi, lasciando 29 soggetti .

Per confrontare i livelli di citochine dei non vaccinati e dei vaccinati, i ricercatori hanno prelevato campioni di sangue subito prima della prima iniezione di BNT162b2 e 28 giorni dopo la seconda dose.

Altri otto campioni sono stati raccolti sei mesi dopo il trattamento.

I ricercatori hanno scelto di non includere un gruppo di controllo non vaccinato, utilizzando invece campioni prelevati prima della vaccinazione come controlli del test. Hanno deciso questo perché, a loro avviso, includere un gruppo di controllo non vaccinato non era etico.

Hanno utilizzato un’analisi di stimolazione del sangue intero per misurare le risposte delle citochine agli stimolanti correlati agli agenti patogeni sia COVID-19 che non-COVID-19. Questo test prevede l’aggiunta di una “sfida” ai campioni di sangue che simulano l’esposizione nel mondo reale a un microbo infettivo.

Poiché le citochine sono presenti in scarsa abbondanza e vengono rapidamente degradate nel sangue, i test sono stati eseguiti entro due ore dal prelievo del sangue.

I ricercatori hanno trattato o “messo alla prova” campioni di sangue con 13 agenti patogeni, tra cui tre preparati correlati al COVID-19 e altri 10 batteri e virus che causano malattie uccisi dal calore. Le sfide non-COVID-19 includevano virus dell’influenza, batteri stafilococco e altri microbi infettivi comuni.

Le sfide sono state raggruppate in base a batteriche, virali o correlate a COVID-19.

I ricercatori hanno cercato 27 citochine appartenenti a uno dei tre gruppi: infiammatorio, adattativo o misto e chemochine.

Le citochine infiammatorie promuovono l’infiammazione sia benefica che patogena. Le citochine adattive aiutano a combattere le infezioni. Le chemochine reclutano globuli bianchi che combattono le malattie per attaccare e rimuovere i microbi infettivi.

Il mezzo di coltura cellulare semplice e il mezzo di cellule non infette sono serviti come controlli del test.

 

Cosa hanno scoperto i ricercatori

I livelli di citochine generalmente diminuivano 28 giorni dopo la seconda iniezione, ma i risultati sono stati contrastanti.

Le maggiori diminuzioni, nelle citochine che combattono i batteri e i virus non-COVID-19, sono state evidenti a 28 giorni per tutte le sfide con agenti patogeni.

Le diminuzioni persistevano sei mesi dopo la vaccinazione per le sfide virali ma non batteriche.

Gli unici aumenti osservati dei livelli di citochine sono il risultato di sfide legate al COVID-19.

I ricercatori non hanno trovato alcuna correlazione tra questi effetti e i livelli di anticorpi anti-COVID-19, il che significa che qualunque effetto delle citochine osservato derivava da una stimolazione immunitaria generalizzata e non da una risposta alla proteina spike, l’antigene principale nei vaccini.

Noé ha concluso che l’iniezione di BNT162b2 (vaccino Pfizer) nei bambini “altera le risposte delle citochine” a stimolanti diversi dal virus COVID-19 o dalla proteina spike, in particolare un mese dopo la vaccinazione.

Per riassumere, le risposte positive alle citochine 28 giorni dopo l’iniezione di BNT162b2 erano limitate a quelle tipicamente attese dopo una vaccinazione – per l’antigene/i contro il quale è stato progettato BNT162b2.

Allo stesso tempo, i livelli di quasi tutte le citochine normalmente utilizzate dal sistema immunitario per combattere gli invasori batterici e virali sono diminuiti.

 

Punti deboli dello studio

Il difetto più evidente nel rapporto di Noé è stata l’assenza di un gruppo di controllo non vaccinato.

Secondo gli autori, includere i bambini non vaccinati era “non etico” perché l’Australian Technical Advisory Group on Immunization, che fornisce consulenza al governo australiano sulla politica di vaccinazione, aveva stabilito la “vaccinazione” contro il COVID-19 come standard di cura.

Ma gli autori non erano eticamente in conflitto nel iniettare ai loro soggetti prodotti che non erano ancora stati approvati o addirittura testati sui bambini o che, secondo la loro ipotesi di studio, avrebbero potuto influenzare negativamente la capacità dei soggetti di combattere infezioni diverse da COVID-19.

Pfizer ha iniziato a testare il suo prodotto BNT162b2 sui bambini piccoli il 25 marzo 2021, ma il prodotto non è stato approvato in Australia per quel gruppo demografico fino al 29 settembre 2022, più di sei mesi dopo che Noé e colleghi hanno iniziato a iniettarlo ai soggetti.

BNT162b2 è stato approvato negli Stati Uniti per quella fascia di età nel dicembre 2022.

Inoltre, nella sezione “discussione” dell’articolo di Noé era evidentemente assente qualsiasi spiegazione del significato clinico dello studio.

Nel loro abstract, gli autori menzionano innanzitutto che i vaccini “possono avere effetti benefici fuori bersaglio (eterologhi) che alterano le risposte immunitarie e proteggono da infezioni non correlate”.

Successivamente scrivono che la vaccinazione BNT162b2 influenza “le risposte delle citochine agli stimolanti eterologhi”.

Ma da nessuna parte tentano di conciliare le due affermazioni, di spiegare il significato clinico di quelle “alterazioni”, o anche se l’aumento delle citochine per le sfide del COVID-19 riflette l’immunità da COVID-19.

Un’altra strategia discutibile era quella di escludere i bambini con immunità naturale al COVID-19 attraverso l’esposizione al virus. Questi potenziali soggetti erano già stati reclutati e avevano effettuato un prelievo di sangue per testare l’esposizione al COVID-19.

Poiché gli esami del sangue sono stati eseguiti su un analizzatore automatizzato, il loro inserimento avrebbe potuto fornire ulteriori approfondimenti senza comportare un lavoro aggiuntivo significativo.

Avrebbe consentito, ad esempio, di confrontare i livelli di citochine nei bambini esposti e non esposti al COVID-19 al vaccino-naive, ed eventualmente tra bambini con immunità naturale e bambini con immunità indotta da BNT162b2.

Infine, a differenza dello studio sul vaiolo sopra citato, che si basava sulla diagnosi e sul ricovero in ospedale come endpoint, Noé ha utilizzato surrogati o biomarcatori per l’immunità: i livelli ematici di citochine.

I biomarcatori sono comunemente usati nella ricerca biomedica, ad esempio il colesterolo per le malattie cardiache o la proteina C-reattiva per le infiammazioni. Ma non hanno lo stesso peso degli endpoint “duri” come i risultati della biopsia, la malattia sintomatica o la morte.

Sebbene Noé non abbia fatto affermazioni, positive o negative, sul significato clinico dei suoi risultati, la sua ipotesi implica chiaramente che il rischio di COVID-19 è inversamente correlato ai livelli di citochine correlate al COVID-19: più alti sono i livelli, minore è il rischio.

Se i risultati di Noé suggeriscono un rischio inferiore per COVID-19 in virtù di una risposta citochinica forte e persistente, allora con la stessa logica mostrano che il vaccino Pfizer BNT162b2 fa esattamente l’opposto per altre infezioni pericolose.

Ma Noé è stato attento a non fare affermazioni esplicite su nessuno dei due punti, concludendo semplicemente che “la vaccinazione BNT162b2 nei bambini altera le risposte delle citochine agli stimolanti eterologhi”.

A difesa della sua ipotesi originale – che BNT162b2 conferisca l’immunità ai patogeni non-COVID-19 – non tutta l’attività delle citochine è benefica o prevedibile nei suoi effetti.

Le citochine specifiche i cui livelli sono diminuiti in risposta alle sfide virali e batteriche potrebbero, in condizioni di effettiva infezione con agenti patogeni vivi, aver lavorato insieme per causare infiammazioni dannose o addirittura pericolose.

L’immunità è un fenomeno complesso che coinvolge interazioni tra dozzine o centinaia di attori molecolari. In assenza di una relazione stretta, rigorosamente convalidata e chiaramente definita tra biomarcatori e malattia reale – e non tra “rischio” o “fattori di rischio” – trarre conclusioni dagli studi sui biomarcatori è di per sé rischioso.

Se tutti i livelli di citochine fossero aumentati insieme a quelli coinvolti nella lotta al COVID-19, la conclusione di Noé avrebbe potuto essere diversa.

Ma anche queste affermazioni sarebbero soggette a convalida attraverso un ampio studio che coinvolga un gruppo di controllo non vaccinato e un lungo follow-up per vedere se i bambini vaccinati hanno avuto meno infezioni o meno infezioni che hanno richiesto il ricovero in ospedale rispetto ai controlli.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments