Riporto un ampio stralcio di un articolo di  Apoorva Mandavilli and Noah Weiland, pubblicato sul New York Post, che mette in evidenza come il vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni sia piuttosto deludente. Eccolo nella mia traduzione. 

 

bambini-vaccini-covid

 

Il vaccino contro il coronavirus prodotto da Pfizer-BioNTech è molto meno efficace nel prevenire l’infezione nei bambini dai 5 agli 11 anni rispetto agli adolescenti più grandi o agli adulti, secondo una nuova serie di dati raccolti dai funzionari sanitari dello Stato di New York – una scoperta che ha profonde conseguenze per questi bambini e i loro genitori.

Il vaccino Pfizer è l’unica iniezione Covid autorizzata per quel gruppo di età negli Stati Uniti. Previene ancora la malattia grave nei bambini, ma non offre praticamente alcuna protezione contro l’infezione, anche entro un mese dopo l’immunizzazione completa, suggeriscono i dati, che sono stati raccolti durante l’ondata Omicron.

Il forte calo delle prestazioni del vaccino nei bambini piccoli può derivare dal fatto che ricevono un terzo della dose data ai bambini più grandi e agli adulti, hanno detto i ricercatori e i funzionari federali che hanno esaminato i dati.

I risultati, che sono stati pubblicati online lunedì, arrivano sulla scia dei risultati degli studi clinici che indicano che il vaccino è andato male nei bambini dai 2 ai 4 anni, che hanno ricevuto una dose ancora più piccola.

Gli esperti temevano che la notizia avrebbe ulteriormente dissuaso i genitori esitanti dall’immunizzare i loro figli. Altri studi hanno dimostrato che il vaccino non era potentemente protettivo contro l’infezione con la variante Omicron anche negli adulti.

“È deludente, ma non del tutto sorprendente, dato che questo è un vaccino sviluppato in risposta a una variante precedente”, ha detto Eli Rosenberg, vice direttore per la scienza presso il Dipartimento della Salute dello Stato di New York, che ha guidato lo studio. “Sembra molto angosciante vedere questo rapido declino, ma è di nuovo tutto contro Omicron”.

Ancora, lui e altri esperti di salute pubblica hanno detto che raccomandano il vaccino per i bambini, data la protezione contro le malattie gravi mostrata anche nel nuovo set di dati.

“Dobbiamo assicurarci di enfatizzare la ciambella e non il buco”, ha detto il dottor Kathryn M. Edwards, un esperto di vaccini pediatrici alla Vanderbilt University.

Nel loro studio, il dottor Rosenberg e i suoi colleghi hanno analizzato i dati di 852.384 bambini appena vaccinati completamente da 12 a 17 anni e 365.502 bambini da 5 a 11 anni tra il 13 dicembre 2021 e il 31 gennaio 2022, il culmine dell’ondata Omicron.

L’efficacia del vaccino contro l’ospedalizzazione è scesa al 73% dall’85% nei bambini più grandi. Nei bambini più piccoli, l’efficacia è scesa al 48% dal 100%. Ma poiché pochi bambini sono stati ricoverati, queste stime hanno ampi margini di errore.

I numeri per la protezione dall’infezione sono più affidabili. L’efficacia del vaccino contro l’infezione nei bambini più grandi è scesa al 51% dal 66%. Ma nei bambini più piccoli, è scesa bruscamente a solo il 12% dal 68%.

I numeri cambiano drasticamente tra gli 11 e i 12 anni. Durante la settimana che si è conclusa il 30 gennaio, l’efficacia del vaccino contro l’infezione era del 67% nei bambini di 12 anni, ma solo dell’11% nei bambini di 11 anni.

“La differenza tra i due gruppi di età è impressionante”, ha detto Florian Krammer, un immunologo della Icahn School of Medicine al Mount Sinai.

La differenza biologica tra le due età è probabilmente minima, ma mentre i bambini di 12 anni hanno ricevuto 30 microgrammi del vaccino – la stessa dose data agli adulti – i bambini che avevano 11 anni hanno ricevuto solo 10 microgrammi, ha osservato.

“Questo è molto interessante perché suggerirebbe quasi che è la dose che fa la differenza”, ha aggiunto. “La domanda è come risolvere questo problema”.

Ci sono stati almeno 851 decessi che hanno coinvolto il Covid-19 in bambini sotto i 17 anni, e quasi 7.000 casi di sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini, una rara ma grave condizione associata al Covid. Più bambini sono stati ricoverati durante l’ondata di Omicron che in qualsiasi altro momento della pandemia.

I risultati sottolineano la necessità di raccogliere più informazioni sulla dose migliore, il numero e la tempistica dei vaccini dati ai bambini, ha detto il dottor Rosenberg. Essi sottolineano anche che i vaccini sono solo una misura di protezione dal virus, insieme alle maschere e alla distanza sociale, ha detto.

La ricerca del Dr. Rosenberg è stata pubblicata pochi giorni dopo che i Centers for Disease Control and Prevention hanno rilasciato nuove raccomandazioni che permetterebbero alla maggior parte degli americani di non indossare più le mascherine, anche nelle scuole.

I nuovi dati sollevano anche importanti domande sulla strategia dell’amministrazione Biden per vaccinare i bambini. Solo circa un bambino su quattro dai 5 agli 11 anni ha ricevuto due dosi di vaccino. (Il C.D.C. non ha ancora raccomandato dosi di richiamo per questo gruppo di età).

Il vaccino non è ancora stato autorizzato per i bambini più piccoli di 5 anni. I consulenti scientifici della Food and Drug Administration dovevano incontrarsi il 15 febbraio per valutare due dosi del vaccino per i bambini più piccoli, mentre tre dosi erano ancora in fase di test. Ma la riunione è stata rinviata dopo che la Pfizer ha presentato ulteriori dati che suggeriscono che due dosi non erano fortemente protettive contro la variante Omicron del virus.

Il Dr. Rosenberg ha informato gli alti funzionari del C.D.C., incluso il Dr. Rochelle P. Walensky, il direttore dell’agenzia, con i risultati all’inizio di febbraio. I leader della FDA sono venuti a conoscenza dei dati più o meno nello stesso periodo. Alcuni scienziati federali hanno spinto perché i dati fossero resi pubblici prima della riunione di esperti della F.D.A. prevista per il 15 febbraio, considerandoli altamente rilevanti per la discussione sul dosaggio nei bambini sotto i 5 anni, hanno detto funzionari federali e altri che hanno familiarità con le loro risposte.

I dati sono generalmente coerenti con un rapporto dalla Gran Bretagna che mostra che l’efficacia del vaccino contro l’infezione sintomatica negli adolescenti dai 12 ai 17 anni scende al 23% dopo due mesi. Il C.D.C. ha compilato i propri dati sull’efficacia del vaccino nei bambini più piccoli e ci si aspetta che ne pubblichi almeno alcuni già questa settimana, secondo persone che hanno familiarità con i piani dell’agenzia.

I ricercatori israeliani hanno anche valutato le prestazioni del vaccino nei bambini piccoli da quando il paese lo ha reso disponibile a novembre.

“Continuiamo a studiare e valutare i dati del mondo reale del vaccino”, ha detto Amy Rose, una portavoce di Pfizer, in risposta alle domande sui nuovi dati.

Il Dr. Philip Krause, che recentemente si è ritirato dalla F.D.A. come regolatore senior dei vaccini, ha detto che i presupposti su certi livelli di anticorpi che sono predittivi dell’efficacia del vaccino dovrebbero essere rivalutati alla luce dei nuovi risultati.

“Certamente indebolisce l’argomentazione per rendere obbligatoria la dose più bassa”, ha detto.

Non è insolito per gli esperti rivedere il dosaggio e l’intervallo per i vaccini pediatrici quando sono disponibili più prove. Ma in questo caso, dare ai bambini una dose più alta per dare un impulso alla risposta immunitaria potrebbe non essere un’opzione perché alcuni dati suggeriscono che potrebbe causare troppe febbri, un effetto collaterale indesiderato e potenzialmente pericoloso nei bambini piccoli.

Ci sono altre alternative che possono migliorare l’immunità nei bambini piccoli, ha detto Deepta Bhattacharya, un immunologo dell’Università dell’Arizona.

Pfizer e BioNTech stanno testando una terza dose nei bambini sotto i 5 anni, così come in quelli dai 5 agli 11 anni, con l’idea che, come negli adulti, una dose extra può aumentare significativamente l’immunità. I risultati di queste prove sono attesi tra diverse settimane. Gli studi sugli adulti suggeriscono che tre dosi del vaccino erano più protettive contro la variante Omicron rispetto a due dosi.

 

Facebook Comments