L’ideologia transgender è una recente invenzione che sta avendo un “impatto corrosivo” sulla società, ha affermato un think tank britannico. Ce ne parla la giornalista Dorothy Cummings McLean in questo suo articolo pubblicato su Lifesitnews. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Transgender

Transgender

 

L’ideologia transgender è una recente invenzione che sta avendo un “impatto corrosivo” sulla società, ha affermato un think tank britannico. 

Civitas, l’Istituto per lo studio della società civile, ha pubblicato a giugno una monografia della ricercatrice Joanna Williams, direttrice di libertà, democrazia e vittima, intitolata “The Corrosive Impact of Transgender Ideology” (“L’impatto corrosivo dell’ideologia transgender”, ndr).

“Questo rapporto esplora l’impatto sociale dei cambiamenti di genere e, in particolare, l’emergere dell’idea di transgender”, ha scritto Williams.  

“Una nuova ortodossia secondo cui l’identità di genere si basa sul cervello ed è innata, qualcosa che dobbiamo scoprire da soli e poi rivelare a un mondo che accetta facilmente, ha rapidamente guadagnato terreno”, ha continuato.  

“Questa visione apparentemente benigna ha conseguenze sul modo in cui facciamo socializzare i bambini e organizziamo la società. Mette in discussione i diritti protetti dal sesso e la libertà di associazione”. L’esistenza di carceri e rifugi per sole donne o di scuole femminili, club e sport è messa in dubbio. Eppure, lungi dall’impegnarsi in una discussione libera e aperta, gli attivisti transgender sono passati a limitare il dibattito. Le conseguenze di questo e l’impatto che ha sulla vita delle donne e dei bambini sono qui descritte in dettaglio”.

Il breve libro racchiude efficacemente il recente cambiamento di pensiero sul sesso e sul genere, l’impatto che questo cambiamento sta avendo sulle donne e sui bambini, in particolare sulle ragazze, e le ragioni per cui il transgenderismo, un tempo limitato a pochi uomini di mezza età e ad accademici di nicchia, ora domina il discorso civile e le marce, simil-marxiste, attraverso le istituzioni.  

La relazione di Williams include una serie di raccomandazioni: una moratoria sulla riforma del Gender Recognition Act; il chiarimento delle protezioni basate sul sesso come stabilito nel Equalities Act 2010; il divieto di bloccare la pubertà e gli ormoni per la transizione del sesso a chiunque abbia meno di 18 anni; il divieto di “transizione” a scuola senza il permesso dei genitori; e una separazione delle lezioni su “LGB”(Lesbiche Gay e Bisessuali, ndr) dalle lezioni su “T” (Transessuali, ndr) nel curriculum di educazione sessuale. 

Le raccomandazioni stabiliscono anche che le lezioni sul transgenderismo non devono essere in contraddizione con quanto viene insegnato agli alunni nelle loro lezioni di biologia e in altre classi di scienze. 

Attingendo principalmente all’esperienza britannica del transgenderismo, la monografia di Williams fornisce anche una buona rassegna dei recenti tentativi dei britannici di proteggere la libertà di parola dalla censura transgenderista. Lo sforzo di Harry Miller contro la polizia transgender da parte della polizia vera e propria, la campagna pubblicitaria di Posie Parker che difende la tradizionale definizione di donna come “Adult Human Female”, l’arresto di Kate Scottow per i tweet anti-trans e il licenziamento di Maya Forstater per la sua convinzione che “gli uomini non possono trasformarsi in donne”. 

Qui viene menzionato anche il rapido aumento del numero di ragazze britanniche che sperano di sfuggire alle loro identità femminili.

“Il decennio 2008-2018 ha visto un aumento del 4.400 per cento del numero di ragazze che sono state indirizzate per il trattamento”, ha riferito Williams. 

“Tre quarti di tutti i bambini che cercano aiuto per cambiare sesso sono ora ragazze”. 

Williams discute anche del pericolo che gli uomini che insistono sul fatto di essere donne possono rappresentare per la sicurezza fisica delle donne. Un altra persona di nome familiare ai lettori che segue l’avanzata transgenderista attraverso le istituzioni britanniche è David Thompson:

… un pedofilo e stupratore condannato, che è stato incarcerato a vita nei primi anni 2000. Era anche in custodia cautelare per lesioni personali gravi, furto con scasso, stupri multipli e altri reati sessuali contro le donne. Nel settembre 2017, Thompson, che ora si identifica con una donna di nome Karen White, è stato trasferito in un carcere femminile. Una volta lì, ha aggredito sessualmente un certo numero di detenute.  

 

Il transgenderismo è un’invenzione recente

Il rapporto sfata anche alcuni miti che vengono costruiti dai transessuali entusiasti intorno alla loro filosofia scelta. Williams spiega, ad esempio, che il transgenderismo è “un’invenzione recente”. 

“I transessuali di un tempo non negavano la realtà di essere nati maschi o femmine anche quando cercavano di cambiare sesso, né i travestiti che sperimentavano e giocavano con le convenzioni sessuali e gli stereotipi”, scrive Williams.  

“Al contrario, le persone transgender di oggi sono la creazione della teoria del gender dall’interno dell’accademia [universitaria] che si fonde con gli sviluppi della chirurgia e della psichiatria”.

Il concetto di bambini transgender, ha affermato il ricercatore, esiste da soli 30 anni. Tuttavia, è molto importante per il teorico transgender, perché il concetto di bambino transgender sembra dare peso alla loro idea che gli adulti che si credono transgender siano “nati così”. 

Un altro mito è che ci sono moltissimi individui transgender che hanno subìto un intervento medico. Secondo il Fair Play for Women, un gruppo di sostegno per le atlete, “al giugno 2018 erano stati concessi solo 4.910 certificati di riconoscimento di genere”, scrive Williams.

“Tre quarti di questi sono stati concessi a persone transgender di sesso maschile, per lo più di età superiore ai 50 anni”, ha aggiunto. 

“Tra le persone che si identificano come transgender, solo una piccola percentuale (stimata allo 0,01 per cento) effettua interventi medici come la chirurgia o la terapia ormonale.  Ciò significa che la stragrande maggioranza delle persone transgender semplicemente si identifica come tale e conserva un corpo maschile o femminile a seconda del sesso”.

 

400 persone transgender lavorano per la BBC

Williams affronta le implicazioni degli uomini che chiedono di essere legalmente riconosciuti come donne. Il ricercatore ha anche rivelato un motivo cruciale per cui le persone transgender sembrano essere ovunque e sempre oggetto di conversazione: la loro presenza sproporzionata in alcune professioni e luoghi di lavoro, in particolare l’emittente nazionale britannica, la BBC. Secondo Williams, un sondaggio interno condotto dalla BBC ha suggerito che 400 persone transgender lavorano per l’organizzazione. 

“In altre parole, le persone transgender hanno una probabilità quattro volte maggiore di essere impiegate alla BBC rispetto alla popolazione in generale”, ha scritto. 

Il rapporto della Williams è accademico ma pienamente accessibile e scritto con un tono calmo e riflessivo. La serietà del materiale e i contributi delle persone che lottano seriamente per la libertà di parola e per le protezioni sessuali delle donne aggiungono intensità e passione. 

Un esempio è il grido d’angoscia del Dr. Nicola Williams autore di Fair Play For Women, che ha riassunto ciò che l’ideologia transgender significa in ultima analisi per la metà femminile della razza umana:  

Negli anni che sono passati, l’ideologia trans è cambiata, eliminando la necessità di un intervento chirurgico, eliminando anche la necessità di una diagnosi di disforia di genere. Ora ci troviamo di fronte alla prospettiva di aprire l’intera categoria del sesso a qualsiasi maschio che si dica femmina. Se un uomo può essere una donna, la parola donna diventa priva di significato e così anche i diritti delle donne. Questa è ora una situazione di crisi che le donne non possono ignorare o che ci si aspetta che le donne semplicemente tollerino.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1