Il Texas Department of Family and Protective Services (DFPS) ha dichiarato che l’esecuzione di interventi chirurgici transgender sui bambini costituisce abuso di minori e potrebbe portare a un’azione penale. 

Un articolo di Raymond Wolfe, pubblicato su Lifesitenews. Eccolo nella mia traduzione.

 

transgender - foto di Gerd Altmann da Pixabay
transgender – foto di Gerd Altmann da Pixabay

 

Il Texas Department of Family and Protective Services (DFPS) ha dichiarato che l’esecuzione di interventi chirurgici transgender sui bambini costituisce abuso di minori e potrebbe portare a un’azione penale.  

“La mutilazione genitale di un bambino attraverso la chirurgia di riassegnazione è un abuso infantile, soggetto a tutte le leggi e le procedure relative all’abuso infantile”, il commissario DFPS Jaime Masters ha scritto mercoledì in una lettera al Governatore repubblicano (del Texas, ndr) Greg Abbott. Il governatore aveva chiesto a Masters la scorsa settimana di verificare se gli interventi chirurgici transgender potessero essere classificati come abuso contro i minori.  

“Come lei ha descritto, questa procedura chirurgica altera fisicamente i genitali di un bambino per scopi non medici, infliggendo potenzialmente danni irreversibili al corpo dei bambini”, ha scritto Masters ad Abbott. “Generalmente, i bambini sotto la cura e la custodia di un genitore non hanno la capacità legale di acconsentire a trattamenti chirurgici, rendendoli più vulnerabili”. 

I professionisti con “un motivo di credere” che un bambino abbia subito un abuso sono obbligati dalla legge del Texas a contattare il DFPS entro due giorni dal primo sospetto di abuso, ha continuato Masters. “La mancata segnalazione è un reato minore di classe A punibile con un anno di prigione, una multa fino a 4.000 dollari, o entrambi”, ha detto, aggiungendo che nascondere intenzionalmente l’abuso su un bambino è un reato da prigione.

“Infine, le accuse che coinvolgono la mutilazione genitale di un bambino attraverso la chirurgia di riassegnazione saranno prontamente e accuratamente investigate e saranno prese tutte le azioni appropriate”, ha detto Masters.  

Il governatore Abbot ha detto mercoledì su Twitter che la direttiva del dipartimento e “l’applicazione successiva” sono “immediatamente efficaci”. 

In una lettera dello scorso venerdì, Abbott ha chiesto al DFPS di determinare se “la mutilazione genitale di un bambino per scopi di transizione di genere” costituisce un abuso di minore. “Sottoporre un bambino alla mutilazione genitale attraverso la chirurgia di riassegnazione crea una ‘genuina minaccia di danno sostanziale da lesioni fisiche al bambino’”, ha scritto.

Abbott ha detto che la “definizione di ‘abuso’ dovrebbe coprire una procedura chirurgica che sterilizzerà il bambino, come l’orchiectomia o l’isterectomia, o rimuovere parti del corpo altrimenti sane, come la penectomia o la mastectomia”. Lo stato già vieta la mutilazione genitale delle ragazze, ha fatto notare.  

L’effettivo divieto dell’amministrazione Abbott sulla mutilazione degli interventi chirurgici transgender per i bambini arriva dopo che molteplici proposte di legge per proibire le devastanti e medicalmente infondate procedure sono fallite nella legislatura del Texas quest’anno. La legislazione approvata dai senatori statali che avrebbe vietato sia le operazioni transgender che i farmaci per i minori, alla fine è morta alla Camera del Texas durante la sessione regolare, nonostante l’appoggio di decine di co-sponsor.

Il governatore Abbott finora non si è mosso per limitare i farmaci sperimentali per transgender, come i bloccanti della pubertà e gli ormoni cross-sex, e ha rifiutato di includere la questione nei suoi ordini del giorno per le sessioni legislative speciali che ha convocato nelle ultime settimane.   

La mutilazione chirurgica di minori con disforia di genere è stata documentata in tutti gli Stati Uniti negli ultimi anni. Uno studio pro-transgender pubblicato nel 2018 presentava più di trenta ragazze sotto i diciotto anni sottoposte a mastectomie per disforia di genere. La California richiede persino che gli assicuratori privati incloudano le procedure per i transgender minorenni, secondo il Colson Center, che è incentrato sulla fede.

Il giro di vite del Texas sugli abusi sui bambini arriva in mezzo a nuovi sviluppi nel caso di James Younger, un bambino texano di otto anni concepito tramite fecondazione in vitro, la cui madre non biologica sta facendo causa per il diritto di sottoporlo alla “transizione di genere”. Un giudice del tribunale della famiglia la scorsa settimana ha concesso alla madre la piena custodia di James, anche se suo padre, che si oppone alla “transizione” di suo figlio, deve ancora dare il suo consenso a qualsiasi farmaco o operazione transgender.  

La direttiva di Masters rende il Texas il terzo stato ad agire contro le procedure transgender per i minori quest’anno, dopo Arkansas e Tennessee. Il governatore della Florida Ron DeSantis ha detto a giugno che è interessato a promulgare misure simili. 

 

 

 

Facebook Comments