Leggere i sorrisi sui volti delle persone può portare a comprendere più profondamente le loro azioni e anche le loro anime. La temperatura del corpo e dell’anima si rivela in un sorriso in una rivelazione quasi immediata.

 

donna con mascherina chirurgica

(Image: Ani Kolleshi | Unsplash.com) via Catholic World Report

 

 

di Ines Murzaku

 

Ho indossato una maschera facciale ben fatta a mano e i miei occhiali da sole, e prima di correre in garage ho fatto un rapido controllo allo specchio. Era da molto tempo che non guidavo, che non ero più nel campus (universitario, ndr) o che non mi vestivo in modo formale.

Ero piuttosto scioccata nel vedermi allo specchio, con gli occhiali da sole e la maschera sul viso; non riuscivo a riconoscermi. In realtà, ero sorpresa da ciò che vedevo – o in realtà da ciò che non vedevo. Mi chiedevo se sarei stata riconosciuta dagli amici, colleghi di lavoro o studenti. Mi chiedevo come sarebbe andata a finire quando saremmo tornati al lavoro. Con la pandemia COVID-19, la maschera è entrata nella nostra vita. E la maschera, combinata con il distanziamento sociale, sfiderà e cambierà quasi tutte le nostre interazioni con gli altri.

Sto usando il futuro qui, perché il New Jersey, il mio stato, non è ancora stato riaperto mentre scrivo questo. Mentre guidavo verso il mio supermercato locale, non ho potuto fare a meno di pensare all’insegnamento e al seguire gli studenti mentre indossavo una maschera facciale. Almeno durante questo semestre insolito, ho potuto usare tutte le mie capacità verbali e facciali per insegnare online, con sorrisi e risate. Le persone saranno in grado di sorridere o di essere espressive dietro le maschere facciali? Sembra una cosa da poco, ma in realtà non lo è.

Bernard Lonergan SJ (1904-1984), filosofo gesuita, teologo ed economista, ha usato la fenomenologia del sorriso per spiegare il significato della comunicazione intersoggettiva. Per padre Lonergan, un sorriso è carico di significato; un sorriso è significativo. Questo è ciò che ha scritto nel suo ultimo grande lavoro intitolato Method in Theology (Metodo in Teologia):

[Un sorriso] non è solo una certa combinazione di movimenti di labbra, muscoli facciali, occhi. È una combinazione con un significato. Perché quel significato è diverso da quello di uno sguardo accigliato, di un rimprovero, di uno sguardo fisso, di uno sguardo truce, di uno sghignazzo, di una risata, si chiama sorriso. Perché tutti noi sappiamo che quel significato esiste, non andiamo in giro per le strade sorridendo a tutti quelli che incontriamo. Sappiamo che saremmo fraintesi… un sorriso, per il suo significato, è facilmente percepibile. Il sorriso si manifesta in un’enorme gamma di variazioni dei movimenti del viso, dell’illuminazione, dell’angolo di visione. Ma anche un sorriso incipiente, soppresso, non si perde, perché il sorriso è una Gestalt, un insieme modellato di movimenti variabili, ed è riconosciuto nel suo insieme.

Il sorriso viene naturale e istintivo; non si può imparare a sorridere nello stesso modo in cui si impara ad andare in bicicletta o a pattinare. Leggere i sorrisi sui volti delle persone può portare a comprendere più profondamente le loro azioni e anche la loro anima. La temperatura del corpo e dell’anima si rivela in un sorriso in una rivelazione quasi immediata.

Il sorriso era costante sul volto di Santa Madre Teresa, anche quando attraversava la notte oscura dell’anima. La Madre prestava particolare attenzione al sorriso e alla gioia, e chiedeva alle sue sorelle di sorridere in abbondanza. Una delle risoluzioni che prese durante il ritiro del 1956, e in cui perseverò per tutta la vita, fu quella di sorridere a Dio. Sorridete con più tenerezza, pregate con più fervore e tutte le difficoltà scompariranno, insisteva. Molti studiosi hanno posto la domanda: Cosa c’era nel sorriso della Madre, o cosa l’ha fatta continuare a sorridere per cinquant’anni, mentre attraversava un’oscurità spirituale insolitamente prolungata?

Papa Benedetto XVI, nella sua visita a Lourdes del 2008, ha riflettuto sulla teologia del sorriso come porta d’accesso al mistero dell’amore e di Dio che è Amore. Riflettendo sul sorriso della Beata Vergine Maria, Benedetto XVI ha detto:

Nella semplicissima manifestazione di tenerezza che chiamiamo sorriso, afferriamo che la nostra unica ricchezza è l’amore che Dio ci porta, che passa attraverso il cuore di colei che è diventata nostra Madre. Cercare questo sorriso, è prima di tutto aver colto la gratuità dell’amore; è anche riuscire a suscitare questo sorriso attraverso i nostri sforzi per vivere secondo la parola del suo Figlio prediletto, proprio come un bambino cerca di suscitare il sorriso della madre facendo ciò che gli piace.

Come Maria insegnò a Bernadette, per conoscere Maria, doveva “conoscere il suo sorriso”. Che cos’era allora il sorriso di Madre Teresa? Lei fornisce una risposta: “Più grande è il dolore e più scura è l’oscurità, più dolce sarà il mio sorriso a Dio”, scrive in una lettera del 16 ottobre 1961. Questo è ciò che Madre Teresa scrisse a una scolaretta:

Ogni volta che incontri qualcuno, salutalo con un sorriso. L’utilità del sorriso è che ti manterrà sempre accettabile per tutti. Allo stesso tempo, farà apparire, il tuo viso, bello. Se mai sarai arrabbiata, cerca di sorridere con forza e presto vedrai, avrai dimenticato la tua rabbia, sorridendo con tutti. Il consiglio della mamma a una scolaretta

Tuttavia, non si sorride solo con la bocca, perché tutto il viso è impegnato in un vero sorriso. Lo scintillio che la Madre aveva negli occhi sorridenti non è mai svanito. Il cardinale Angelo Comastri ha raccontato una storia personale di Madre Teresa che ha a che fare con i suoi occhi sorridenti. Il cardinale ricorda la partecipazione della Madre a una celebrazione della professione delle nuove religiose in una parrocchia romana, quando un fotografo la infastidiva scattando foto con il flash proprio davanti al suo viso. Il cardinale è intervenuto chiedendo al fotografo di non disturbare la Madre scattando foto mentre pregava. Il fotografo ha risposto in modo piuttosto brusco dicendo che Madre Teresa non era attraente, ma i suoi occhi erano i più felici che avesse mai visto. Come, si chiedeva il fotografo, era possibile? Il cardinale Comastri rimase scioccato dal commento e, alla fine della celebrazione, ripeté alla Madre ciò che il fotografo aveva commentato sui suoi occhi. Con sua grande sorpresa e con la sua abituale arguzia lei rispose: “I miei occhi sono felici, perché le mie mani hanno asciugato molte lacrime. Provaci, ti assicuro che funziona così”.

Il grande poeta e filosofo Dante Alighieri (1265-1321) rifletteva sul sorriso e sul sorridere, e su come si può essere espressivi usando gli occhi. Dante ha fatto del “sorriso” (Sorriso – sostantivo e sorridere – il verbo sorridere) il segno distintivo della sua opera, e la riflessione sul tema del sorriso ha segnato uno dei contributi originali di Dante all’arte cristiana, alla poesia, all’iconografia, all’immaginario cristiano e teologico. Il sorriso ha accompagnato Dante nei suoi viaggi verso la visione beatifica di Dio mentre attraversava l’Inferno e il Paradiso.

Fino alla metà del XIII secolo, la gente negli ambienti ecclesiastici discuteva se Cristo avesse mai sorriso o meno durante la sua vita sulla terra. Sì, “Gesù pianse” (Gv 11,35), ma ha sorriso davvero? Per Dante l’anima opera principalmente in due luoghi o attraverso due finestre che si trovano entrambe sul volto delle persone: gli occhi e la bocca. È attraverso questi due “balconi”, come li chiamava lui, che le persone rivelano la loro anima: lo sguardo negli occhi quando la gente li guarda intenzionalmente e nella bocca attraverso il dolce sorriso. Chiede nel Convivio:

Che cos’è la risata se non un luccichio del piacere dell’anima, cioè una luce che appare all’esterno così come è dentro? … Si rivela negli occhi così chiaramente che l’emozione presente in lei può essere riconosciuta da chiunque la guardi con attenzione. (Libro 3, capitolo 8)

Ovviamente, indossando una maschera facciale, la bocca sarà compromessa nel fare qualsiasi espressione. Ciò che ci rimarrà in un mondo post-pandemico, almeno per un po’ di tempo, saranno gli occhi, e l’immersione profonda che si vorrà fare attraverso la finestra degli occhi di una persona per discernere e capire l’anima.

La speranza per il mondo accademico è che entro settembre si possa tornare alla normalità, ai corsi faccia a faccia nel campus. Gli studenti torneranno e si riverseranno in quelli che ora sono diventati campus fantasma. Forse per allora non saremo obbligati a indossare maschere facciali, ma anche se la maschera sarà un requisito, spero di aver imparato a leggere i volti delle persone e a regalare un sorriso con i miei occhi. La pandemia non potrà mai distruggere o conquistare i rapporti umani; non potrà atrofizzare i nostri sorrisi. Con o senza maschere facciali, continuerò a sorridere sempre e comunque, sperando di condividere un po’ di luce della mia anima con tutti quelli che incontrerò.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1