Ospedale pronto soccorso medico

 

 

di Annamaria De Matteis

 

“II mondo così come lo abbiamo creato è il risultato dei nostri pensieri, non possiamo cambiarlo se non cambiamo i nostri pensieri” (Albert Einstein)

 

L’Associazione culturale, VERITA’ È LIBERTA’, con sede in Brindisi, persegue proprio tale scopo: riflettere sull’”essenza delle cose”, ricercare, studiare, scoprire, analizzare, confrontarsi sulle diverse realtà della vita dell’uomo, della società in cui vive ed agire di conseguenza, cercando di formarsi, informarsi e formare i cittadini. Tale neonata Associazione culturale, che conta, fra i propri aderenti e simpatizzanti diversi professionisti della sanità, medici, farmacisti, biologi, avvocati, insegnanti, desidera porre l’attenzione sulla drammaticità della Sanità Pubblica nel nostro Paese, attraverso una serie di assemblee cittadine aperte a tutti.

È assolutamente necessario considerare che il sistema sanitario pubblico è il principale indicatore del grado di civiltà di una nazione e rappresenta il principale strumento per la costruzione di un’economia e di uno stato sociale al servizio di pochi o dell’intera collettività.

È in atto da diversi anni un piano per fare fallire la sanità pubblica in favore di quella privata, al fine di mettere in piedi un sistema sanitario basato sulle assicurazioni su modello americano. Da alcuni decenni, infatti, è in atto un progressivo smantellamento della sanità pubblica, a causa di una politica sanitaria, per la maggior parte etero-diretta. Assistiamo, da una parte, ad un aumento importante delle malattie cronico degenerative (MCD) dovuto, soprattutto, alla mancanza d’intervento sulle loro cause (con inevitabile aumento del carico di lavoro per il sistema sanitario), dall’altra, a tagli importanti alla sanità pubblica, particolarmente evidente dal 2000 in poi. Nel 2019, rispetto al 2000, abbiamo 82.000 posti letto in meno, 4.500 medici in meno e 7.700 infermieri in meno.

Sono sotto gli occhi di tutti:

– lunghe liste di attesa, di diversi mesi anche per esami urgenti;

– scarsità di fondi;

 – carenza di personale sanitario, con conseguenti ritmi di lavoro stressanti per gli operatori sanitari;

– retribuzioni basse;

–  fuga dei camici bianchi dalle strutture pubbliche;

–  Pronti Soccorso e Reparti gestiti da cooperative con “medici in affitto” (con costi anche di 1000 euro a turno e con servizi qualitativamente inferiori).

Se non si crea un’inversione di tendenza, passo dopo passo, si arriverà al crollo della sanità pubblica, a tutto vantaggio della sanità privata e delle assicurazioni sanitarie, con tutte le conseguenze immaginabili. E’ assolutamente necessario riportare al centro del campo sociale, economico e politico la situazione sanitaria del nostro Paese, perché è sempre più compromessa.

Chiunque, fra dirigenti e politici, non riesce a porre un argine alla decadenza della sanità pubblica è sicuramente complice di questa scellerata manovra compiuta ai danni dei cittadini.

Come associazione appoggeremo chiunque vorrà rendersi fautore di un piano di rilancio importante della sanità pubblica che inverta questa tendenza, e allo stesso tempo faremo tutto ciò che è democraticamente consentito per mandare a casa i personaggi politici che non lo faranno e che pensano di limitare il problema con soluzioni di dubbia efficacia e che non puntano al nocciolo della questione.

L’Associazione “Verità è Libertà” convoca tutti i cittadini, di Brindisi e province limitrofe, in Assemblea per il giorno

 

27 Settembre 2023 alle ore 19.30

 

presso i locali del WWF in Via Bastioni San Giorgio, in Brindisi per un confronto, aperto, sui temi delle politiche sanitarie nazionali e internazionali, e sull’attuale situazione della ASL locale, ospedale e presidi ospedalieri.

 



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments