Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Sheryl Collmer e pubblicato su Crisis Magazine. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Papa Francesco al Sinodo sulla sinodalità, ottobre 2023
Papa Francesco al Sinodo sulla sinodalità, ottobre 2023

 

Quando stavo crescendo, c’era una donna nella nostra parrocchia che è diventata un punto fermo nel nostro folklore familiare: Joan Langley (nome cambiato). Divenne un’icona di tutto ciò che era appariscente e sentimentale. Le dicevamo: “Non fare la Joan Langley” o chiamavamo qualcosa di stucchevole “Joan Langley”. Quando tutti si tenevano per mano durante il Padre Nostro a Messa, pensavamo a una Joan Langley. Gli adesivi per paraurti “COEXIST” – come se essere cattolici non implicasse alcuna gerarchia di credenze – erano Joan Langley.

L’iconica Joan Langley sarebbe stata una sinodale naturale a Roma lo scorso mese. Grondante di sinodalità, Joan Langley avrebbe spalancato le porte della Chiesa in modo tale che tutti potessero entrare senza pentimento o conversione; e attraverso quelle stesse porte della Chiesa, il Tabernacolo sarebbe stato buttato fuori perché Gesù non è un leone mansueto e potrebbe mettere a disagio qualcuno.

Sarebbe come se Joan Langley si schierasse a favore della sanzione legale ed ecclesiale delle coppie omosessuali e perseguisse i panettieri o i designer che non si prestano al gioco. Slogan come “Ci siamo dentro tutti insieme” e “Ci vuole un villaggio” fanno molto Joan Langley. In breve, Joan Langley è ciò che oggi chiamiamo “segnalatore di virtù”.

Il punto cruciale della segnalazione della virtù è l’apparenza della virtù senza il sacrificio di sé. La virtù facile è sempre una finzione, perché siamo esseri umani decaduti. La virtù si acquisisce e diventa parte della nostra personalità solo attraverso il duro lavoro, il sacrificio e la grazia di Dio nei sacramenti.

Mentre Joan Langley continuava a seminare kumbaya nella mia infanzia, non avevo idea della sua storia. Si scoprì che aveva avuto una relazione extraconiugale con un uomo in fondo alla strada. Alla fine i due hanno rotto entrambe le famiglie per convivere apertamente, esponendo i figli alla vergogna e alla curiosità.

Mi chiedo ora se l’instabilità morale sia alla base di tutti i grossolani sentimentalismi. Joan Langleys conta sulle emozioni per evitare la coscienza. Il sentimentalismo permette di vivere in un universo di propria concezione piuttosto che nel mondo duro, tagliente ed esigente della realtà.

I sentimentalisti vogliono che ognuno sposi chi vuole, in qualsiasi combinazione o permutazione, o anche in gruppo o al di fuori del regno umano. I realisti considerano i rischi igienici e genetici di alcuni accoppiamenti sessuali, il rifiuto assoluto delle Scritture, il conseguente caos della società e il siluramento di case stabili con due genitori, con conseguenti danni al benessere dei bambini.

I sentimentalisti vogliono che ogni cittadino straniero attraversi il confine meridionale senza alcuna qualifica. I realisti farebbero i conti con l’onere finanziario di queste incursioni, con il costo morale di mostrare al mondo e alle giovani generazioni che le leggi non hanno alcuna importanza, e con il pericolo di avere stranieri non controllati all’interno dei nostri confini.

I sentimentalisti vogliono che gli adolescenti infelici abbiano la possibilità di vivere come l’altro sesso. I realisti guardano ai danni medici e allo sviluppo a lungo termine, all’esempio distruttivo dato ai bambini più piccoli e all’impossibilità di un esito felice a lungo termine.

I sentimentalisti vogliono che le donne predichino a Messa a partire dalla loro esperienza particolarmente “femminile” e ricevano l’ordinazione. I realisti considerano la ricettività intrinseca delle donne e la generatività degli uomini come qualcosa di essenziale per il disegno di Dio, e calcolano il costo di non rispettare le Scritture e il Magistero su una questione così essenziale.

I Joan Langley non considerano il prezzo dei loro esperimenti. Sono come un Twinkie fritto: un dolcetto zuccherato fritto in una pastella dolce con una spolverata di zucchero a velo. Eccita le papille gustative per circa un secondo, poi fa venire la nausea per il resto della giornata.

Dylan Mulvaney ha la faccia di Joan Langley. Mette in scena un comportamento saltellante che è una facile caricatura della femminilità. La realtà sotto i regali aziendali di trucco e costumi è più brutta: un corpo non fatto per tollerare alti livelli di estrogeni artificiali; danni all’ipotalamo, che producono effetti bizzarri sulla personalità; un dolore non affrontato che è stato maciullato invece di essere curato; sterilità; e la schiavitù di cure mediche a vita. È “bello” in un certo senso, ma sotto c’è una tragica realtà.

La realtà non interessa a Joan Langleys. Come bambini mal educati, giocano incautamente con cose che possono bruciare le loro dita e ferire altre persone. E c’è un aspetto oscuro nel sentimentalismo di Joan, perché esige che tutti gli altri la pensino come lei, con pene severe per chi sgarra. Dopo tutto, Joan Langley è “virtuosa” e i non virtuosi devono essere puniti per il loro bene, per favorire una società virtuosa.

Mi chiedo quanta realtà nasconda il sentimentalismo del Sinodo. Da tempo osservo che coloro che si oppongono all’ortodossia delle Scritture e del Magistero sono solitamente impegnati in qualcosa di oscuro. Un sacerdote che predica che il sacramento della penitenza è malsano per la psiche dei bambini è impegnato in una relazione sessuale. Un catechista che insegna che Gesù non conosceva la sua natura divina è divorziato, risposato e riceve illecitamente la Comunione ogni domenica.

Alla base della maggior parte delle rivolte contro l’ortodossia sembra esserci il peccato cronico. Il “Sinodo sulla sinodalità” propone di risolvere il problema ridefinendo il peccato. In questo modo, tutti coloro che sentono gli effetti salutari, ma scomodi, di una vita peccaminosa possono essere esonerati dal confrontarsi con ciò che li preoccupa. La loro situazione viene così resa senza speranza eliminando il rimedio.

Invece di offrire confessione e penitenza, il Sinodo sembra prendere in considerazione un “ammorbidimento” del concetto di peccato, in particolare dei peccati della carne. Così, il divorzio e il matrimonio civile non sono più adulterio, le relazioni omosessuali non sono più disordinate e le donne non sono più vasi ricettivi nella linea di Maria ma, piuttosto, quasi uomini, competenti per l’ordinazione.

E mi chiedo quali misure escogiteranno per costringere il resto di noi a conformarsi. Perché il sentimentalismo grossolano richiede sempre la conformità. È come se tutta la nostra società, e ora anche la nostra Chiesa, dovesse ignorare la realtà per sostenere le illusioni dei suoi membri più deboli. Ma come scrisse C.S. Lewis ne Il grande divorzio, “I sani non farebbero nulla di buono se si rendessero pazzi per aiutare i pazzi”.

Il “Sinodo sulla sinodalità” è pervaso da un certo langley-ismo, persino nel titolo. Mi ricorda una battuta della serie comica Frasier degli anni ’90, quando l’ostentatamente presuntuoso Niles invita il fratello a partecipare a una serie di conferenze sulle moderne conferenze. Almeno in Frasier questi giochi di parole facevano giustamente ridere.

Anche il logo del “Sinodo sulla sinodalità” è di un sentimentalismo imbarazzante. È l’opera di un dilettante artistico, disegnato con un carattere destinato ai bambini. Ecco il tormentone del Sinodo in un font chiamato “Five Years Old”:

 

 

e qui di seguito il logo ufficiale: 

 

 

Vedete la somiglianza? Perché i promotori del Sinodo lo ritraggono come un gioco d’infanzia? I loghi, anche quelli progettati male, costano e passano attraverso una sorta di revisione e approvazione. Questo è ciò che è stato approvato e pagato; ciò dovrebbe far sorgere delle domande.

Forse è uno stratagemma per suggerire che il Sinodo è innocuo come un bambino di cinque anni. O forse è stato pensato per attirare le Joan Langley, che rispondono positivamente alle carinerie. O, più oscuramente, potrebbe essere il prodotto di adulti che si preoccupano in modo innaturale di bambini molto piccoli.

Qualunque sia la ragione, non è degna di un cattolicesimo serio e sembra evidenziare l’intero problema di questo nuovo “sinodo”: è infantile (non innocente). Forse l’approccio migliore al “sinodo” è quello di trattarlo come un genitore saggio tratterebbe un bambino litigioso – con un time-out di silenzio imposto fino a quando il bambino non torna alla ragione e assume i doveri di un membro responsabile della famiglia.

Nel frattempo, gli adulti non possono piegarsi alle richieste insensibili del sentimentalismo infantile, per evitare di trascinare (ancora una volta) l’inferno in paradiso.

Sheryl Collmer

 

Sheryl Collmer è consulente indipendente per diverse organizzazioni non profit. Ha conseguito un master in studi teologici presso l’Università di Dallas e un MBA. Vive nella diocesi di Tyler, in Texas.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments