Il Sinodo dei vescovi prima inserisce e poi rimuove sul suo portale il link a New Ways Ministry dopo le proteste dei vescovi USA. New Ways Ministry, fondataa da una suora e da un sacerdote, è una associazione che sostiene attivamente le richieste del mondo LGBT. Nel 2010, il cardinale Francis George, allora presidente della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, rilasciò una dichiarazione sottolineando che New Ways Ministry “non ha alcuna approvazione o riconoscimento da parte della Chiesa cattolica e che non può parlare a nome dei fedeli cattolici negli Stati Uniti”.

Di seguito un articolo dello Staff della CNA nella mia traduzione.

 

Aula Sinodo Amazzonia

 

I funzionari della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi hanno rimosso un link al New Ways Ministry da una pagina di fonti, dopo essere venuti a conoscenza che la conferenza episcopale degli Stati Uniti ha espresso la sua disapprovazione del ministero di sensibilizzazione LGBT nel 2010.

Thierry Bonaventura, responsabile della comunicazione della Segreteria Generale, ha detto alla CNA il 7 dicembre che il link sul sito synodresources.org era stato rimosso.

Scrivendo sul suo account Twitter il 6 dicembre, il gesuita padre James Martin aveva salutato il link come “un piccolo ma storico passo avanti per i cattolici #LGBTQ”.

Padre Martin, l’autore di Building a Bridge, un libro che sostiene legami più forti tra la Chiesa cattolica e la comunità LGBT, ha scritto: “Come ha detto Papa Francesco, tutte le voci devono essere ascoltate al Sinodo…”

New Ways Ministry è stata fondata nel 1977 nell’arcidiocesi di Washington da suor Jeannine Gramick e padre Robert Nugent, che sono stati oggetto di una notifica della Congregazione vaticana per la dottrina della fede nel 1999.

La notifica, firmata dal cardinale Joseph Ratzinger, il futuro Benedetto XVI, diceva che le loro posizioni “riguardo al male intrinseco degli atti omosessuali e al disordine oggettivo dell’inclinazione omosessuale sono dottrinalmente inaccettabili perché non trasmettono fedelmente il chiaro e costante insegnamento della Chiesa Cattolica in questo campo”.

Nel 2010, il cardinale Francis George, allora presidente della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti, ha rilasciato una dichiarazione sottolineando che New Ways Ministry “non ha alcuna approvazione o riconoscimento da parte della Chiesa cattolica e che non possono parlare a nome dei fedeli cattolici negli Stati Uniti”.

Bonaventura ha detto alla CNA che synodresources.org è un’iniziativa della Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi per la condivisione di risorse tra diocesi, conferenze episcopali e organizzazioni cattoliche ufficiali.

Ma ha osservato che l’indirizzo del sito web non termina in “.va”, il dominio di primo livello del codice paese di Internet per la Città del Vaticano.

“Significa che il contenuto pubblicato non esprime l’opinione del Segretario Generale del Sinodo o del Vaticano”, ha spiegato.

“Allo stesso tempo, anche se siamo aperti a ricevere qualsiasi risorsa utile senza una particolare censura del materiale, è nostro desiderio accogliere input provenienti da organizzazioni ufficialmente riconosciute dalla Chiesa cattolica”.

“In questo caso, la mia squadra non era a conoscenza della situazione dell’organizzazione New Ways Ministry e del chiarimento dato dal presidente dell’USCCB (Cionferenza Episcopale USA, ndr) nel 2010”.

La Segreteria Generale del Sinodo dei Vescovi sta attualmente supervisionando quello che è stato descritto come uno dei più grandi esercizi di consultazione nella storia dell’umanità, in vista del Sinodo sulla Sinodalità del 2023.

Un manuale rilasciato dal Vaticano a settembre ha esortato le diocesi a includere “tutti i battezzati” nel processo, compresi quelli ai margini della vita della Chiesa.

Diceva: “Una cura speciale dovrebbe essere presa per coinvolgere quelle persone che possono rischiare di essere escluse: donne, handicappati, rifugiati, migranti, anziani, persone che vivono in povertà, cattolici che raramente o mai praticano la loro fede, ecc.”

Il Vaticano aveva annunciato a maggio che il Sinodo sulla sinodalità si sarebbe aperto con una fase diocesana a partire dall’ottobre 2021.

Una seconda fase, continentale, si svolgerà da settembre 2022 a marzo 2023.

La terza fase, universale, inizierà con la XVI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, dedicata al tema “Per una Chiesa sinodale: Comunione, partecipazione e missione”, in Vaticano nell’ottobre 2023.

La sezione “About” di synodresources.org dice che il sito è “una piattaforma per condividere risorse, storie ed esperienze nel cammino del Sinodo 2021-2023”.

Bonaventura ha detto: “Allo stesso tempo, bisogna essere consapevoli che stiamo studiando il modo di ascoltare tutti i fedeli e anche quelle organizzazioni che non sono ufficialmente in comunione con la Chiesa cattolica in quanto è una questione di coerenza del messaggio che vogliamo diffondere, ma synodresources.org non è quel luogo.”

James-Martin
News: Un piccolo ma storico passo avanti per i cattolici #LGBTQ: Il Sinodo dei Vescovi @Sinodo_va include il lavoro di organizzazione di @NewWaysMinistry un ministero LGBTQ, nella sua pagina delle fonti. Come ha detto Papa Francesco, tutte le voci devono essere ascoltate al Sinodo…
Facebook Comments