cartellone anti booste vaccino covid Reggio Emilia

 

di Sabino Paciolla

 

Il sindaco di Reggio Emilia, sig. Luca Vecchi, critica il cartellone che vedete qui sopra con queste parole: 

Sono comparsi in città dei manifesti novax. Una campagna di disinformazione antiscientifica veramente offensiva.
Offensiva verso chi non ce l’ha fatta e verso i loro famigliari. È offensiva per tutto il nostro personale sanitario impegnato ormai da quasi tre anni in questa emergenza sanitaria. È offensiva verso l’intelligenza e il buon senso dei cittadini reggiani: basta guardare cosa sta accadendo in Cina per capire quanto sia stata cruciale la campagna vaccinale in Italia e in Europa.
È offensiva verso una comunità intera che con uno sforzo incredibile ha affrontato il Covid-19 e ne è uscita con responsabilità restando unita.
 
Il clima è però cambiato e la gente non ci sta. Prende “carta e penna” elettronica e commenta. Riporto solo alcuni dei commenti (con centinaia di like), il resto, quasi un migliaio, li potrete leggere da voi (vedi qui).
 
La cosa sorprendente, e drammatica, e che dovrebbe imbarazzare il sindaco, un sindaco di una media città (non di un paesino qualsiasi), è il fatto che non ci sia nessun commento, dicasi nessun commento, a favore, in difesa o a sostegno del sindaco. A sostegno di una narrativa oramai spompata. Un anno fa ai cosiddetti “novax”, coloro che hanno tentato di portare il loro contributo contrario alla narrativa vaccinale, in tanti avrebbero appuntato una sorta di “stella gialla” sul petto, li avrebbero volentieri segregati in casa…oggi, invece, c’è un sindaco solo con il suo inacidito soliloquio. Che differenza! Questo dimostra che anche coloro che sono stati magari sinceramente convinti della bontà di questi cosiddetti vaccini covid, alla fine della giornata, qualche dubbio ce l’hanno, e non trovano per questo la forza e la convinzione della loro iniziale “fede nella scienza”. Evidentemente si sentono presi in giro, traditi; sono pieni di dubbi, disorientati. Questo significa anche, ed è forse l’aspetto più significativo, che la narrativa sta andando veramente in frantumi.
 
Buon segno.
 
Il sindaco recita la stanca e stantia litania contro i cosiddetti “novax”, la disinformazione antiscientifica. Non ci fa una bella figura. Sembra una persona che voglia mettere la testa sotto la sabbia, come se il tempo si fosse fermato a due anni fa, come se nulla fosse accaduto nel frattempo, come se non si fosse reso conto degli eventi avversi, sempre più evidenti e numerosi, della “pandemia dei vaccinati”. Già, i vaccinati, coloro che si sono “fidati della scienza” e di gente come il sindaco di Reggio Emilia. Spero che egli abbia il coraggio di leggere tutti i commenti dei suoi concittadini, di riflettere attentamente… e di finirla con le trite litanie. Perché “la gente si è svegliata”. 
 
Leggete qui sotto:
 
 
Annina Porsche: Ringrazio Dio, ringrazio Dio perché ho letto i commenti e mi fa piacere vedere che la maggior parte delle persone si stanno rendendo conto che è stata tutta una farsa. Prima di parlare di chi non ce l’ha fatta, ci parli signor Sindaco di chi è stato intubato senza che ce ne fosse bisogno, ci parli della tachipirina e vigile attesa, ci parli di cure come i monoclonali che furono vietate dagli stessi virologi, che poi si sono curati con le stesse cure che severamente vietavano. Ci parli delle persone come mio padre, ricoverato per altre patologie e lasciato morire in un reparto Covid, dove non avrebbe dovuto nemmeno stare. Ci parli della vergognosa campagna vaccinale e delle parole aberranti “se non ti vaccini muori”. Mi chiedo se Lei e i suoi colleghi siete davvero ignari o se fingere di non sapere che questa è una pandemenza. Sono nauseata dopo tre anni di questo sciacallaggio mediatico, sono indignata come persona e come cittadina italiana. L’Italia unico Paese con restrizioni alquanto democratiche. Sono indignata per tutte le persone che conosco, che hanno avuto effetti avversi e oltre il danno la beffa, in quanto nessuno indaga.
Ci andrei io personalmente ad attaccare questi cartelloni e ben venga che qualcuno che ha ancora una coscienza, lo stia facendo! Di vergognoso qui c’è solo il suo post.
 
Gianandrea Cocco: Mi perdoni egregio sindaco se da semplice ragioniere ignorante mi permetto di manifestare stupore per le sue affermazioni. Non avendo competenze scientifiche mi fermo all’affermazione del premio Nobel Alexis Carrel “molto ragionamento e poca osservazione portano all’errore, molta osservazione e poco ragionamento portano alla verità”. Tralascio per non tediare lei ed eventuali altri lettori sulle circostanze che sono all’origine di tale frase e che lei, da persona più titolata di me indubbiamente conosce. Mi fermo all’osservazione. Guardo la realtà e vedo persone che pur vaccinate hanno contratto il virus, e queste persone avendo il virus sono in condizioni di contagiare altri. Quindi le prime due frasi che lei accusa di disinformazione sono solo semplici dichiarazione di fatti evidenti. Ma andiamo avanti. Che ci siano state e non in piccolo numero reazioni avverse al vaccino è sotto gli occhi di qualunque attento osservatore come anche che 4 dosi non sono sufficienti lo dimostra il fatto che si sta parlando di quinta dose. Quindi io mi domando e le domando: in cosa consisterebbe la disinfestazione che lei lamenta se tutte le cose dette sono semplici constatazioni che qualunque sempliciotto come me potrebbe fare osservando la realtà oggettiva dei fatti. Mi pare che sia lei ad assumere il ruolo di negazionista se bolla di falsità ciò che è solo una dichiarazione di fatti che sono sotto gli occhi di tutti. Questo con il massimo rispetto di chiunque e delle scelte fatte riguardo alla vaccinazione. Penso sia giusto però considerare i fatti per operare una scelta il più possibile corretta.
 
Cinzia Gualandris: Signor sindaco è meglio che non si pronunci e non commenti. Se ne pentirà amaramente
 
Yala Lara Breviglieri: Disinformazione antiscientifica? lo dica a chi ha danni da vaccino o chi ha perso qualcuno..io ho perso mio papà a causa di questo vaccino..e non auguro a nessuno di vedere una persona star male così e spegnersi come io ho visto mio padre..con la consapevolezza di entrambi di quale era la causa…
 
Belinda Bruni Selis: Nessuna delle affermazioni sul manifesto è falsa. Quindi gentilmente invece di offendere a caso veda di rispondere nel merito. È lei che sta offendendo tutte le persone con reazioni avverse gravi perché si sono fidate delle istituzioni
 
Luisa Falcone: Gentile sindaco, le ultime parole del suo post, di cui comprendo la necessità politica, mi hanno lasciata piuttosto perplessa. Non entro bel merito della campagna vaccinale sulla quale si sono abbondantemente espressi altri concittadini, ma resto basita dall’affermazione che ne siamo usciti tutti uniti. Esattamente lei, in questi ultimi due anni in che città ha vissuto?
 
Maria Teresa Sarzi Amadè: Ill.mo Sig. Sindaco, una volta si mettevano i bambini in castigo, dietro la lavagna. Secondo me, il suo posto sarebbe sotto a quel manifesto, inginocchiato sui ceci, e col tipico cappello con le orecchie equine degli studenti messi in castigo, finché non avrà capito il danno che hanno causato e che continuano a causare quelle iniezioni.
 
Micaela Gavella: Mio fratello è morto 15 giorni dopo quella maledetta iniezione, lei sta offendendo lui e tutti i morti come lui, si vergogni!
 
Monica Ci: Offensivo è questo post da ignorante contro i mediamente intelligenti che non hanno creduto, nemmeno per un secondo, al ragioniere ora ex ministro della salute (o ministro della morte) e che non crederanno mai ai pagliacci che pensano di poterci imporre le loro balle
 
Barbara Mattioli: Caro sindaco perché queste parole offensive? Piantiamola con il pensiero unico!! È ora!! Questo cartellone è un invito a ragionare , poi ognuno la penserà come crede, quindi non dobbiamo più ragionare ??? lavorare pagare le tasse e basta ?? Basta demonizzare chi ha un pensiero diverso !! Una società sana si basa sul confronto credo che lei lo sappia , o no ? Un grazie a chi ha messo questo cartello !!! Finché si può ancora fare ….
 
Matteo Beneventi: I cartelloni sono stati pagati, donazioni volontarie, tutto regolare.
Nel merito del tema, se vuoi Luca Vecchi, ci vediamo e ne parliamo e approcciamo in modo scientifico il tema. so che anche tu lo sai in cuor tuo che non è andata esattamente come ce la volevano raccontare.
Da sempre chiediamo un confronto pubblico, Piazza Martiri del 7 luglio è sempre aperta per costruire un dibattito e un dialogo. Basta cercare nemici, qui non ce ne sono… i nemici sono quelli che impongono a te sindaco, di dividere i tuoi cittadini tra bravi e cattivi.
C’è sempre tempo per chiedere scusa e riunire
 
Patrizia Paglia: Caro sindaco.. mi sembra dalle risposte che hanno dato a questo suo post che la gente si stia svegliando e anche con un brutto risveglio purtroppo.. disinformazione.. in 3 anni abbiamo sentito tutto e il contrario di tutto.. ma soprattutto nn c è stato un confronto e qui vi siete tagliati le gambe da soli. Le persone si fanno domande e la 1 è stata ‘ma se quello che dicono è vero x’ aggredire o nn far parlare chi la pensa diversamente?’ La risposta l abbiamo avuta e nonostante tutto continuate sulla stessa strada.. mah.. vedremo dove vi porterà la Vs verità..
 
Margherita Ruozzi: Signor Sindaco, come 1°cittadino, garante della salute pubblica, dovrebbe porsi nella condizione di aver a cuore la salute di TUTTI i cittadini, anche di quelli che hanno una visione e un’ esperienza diversa dalla sua, e che stanno soffrendo a causa di effetti avversi, spesso nel silenzio assordante della sanita pubblica. Inutile girare la faccia solo dalla parte che piu le fa comodo, l’altra verità, quella non sbandierata dai media dell unico pensiero, sta venendo a galla e sarà impossibile soffocarla come è stato fatto in questi ultimi 2 anni, mettendo a tacere insigni professionisti della salute e obbligando con il ricatto tanti operatori sanitari
 
Ale Purrone: Sindaco di chi? Che tutela chi? Che legge repubblica per informarsi? La libertà è lasciare liberi i cittadini di esprimersi e non censurare ciò che non piace. Se si scoprirà la verità lei sarà complice
 
Sara Aramu: Ancora a negare l’evidenza dei fatti? Ma perché??! Vi è impossibile accettare che vi hanno presi in giro? Vi hanno pagato così tanto da continuare con quella pantomima nonostante TUTTO dimostri il contrario? oppure vi puntano il coltello alla gola? Io davvero non capisco…..
 
Mirela Kurai: Sindaco lei e imbarazzante. Pensava che la gente continuava dormire? Invece guarda che figura ha fatto perché la gente si è svegliata
 
Mara Mazzotti: Offensivo è avere un sindaco che ragiona così
 
Daniela Giuli: Fossi in lei cancellerei questo post e mi cospargerei il capo di cenere. Il vento è cambiato, non se n’è ancora accorto? La vostra narrazione fa acqua da tutte le parti, pian piano le persone stanno iniziando a svegliarsi e a unire i puntini.
 
Carla Bonato: Il manifesto sta solo facendo vera e reale informazione…FINALMENTE!!!
 
Nech Neshua: Da quando la verità è offensiva sindaco?? Forse era più giusto dire la verità fa male
 
Cristina Storchi: L’unica offesa è quella che è stata fatta a TUTTI i cittadini italiani. La Costituzione violata. Diritti calpestati. Verità nascoste. Gli offesi Sindaco siamo NOI.
 
Claudia Tonin: Spero che la giustizia divina faccia il suo percorso prima o poi. Lei sta negando l’evidenza. Si deve vergognare…lei che dovrebbe essere garante della salute pubblica. Ho fede e tanta, che chi ha causato insieme a tutti i complici questo alto crimine venga data la giusta pena. Perché chiedere scusa non basterà
 
Carla Bondavalli: Caro signor Sindaco, temo che purtroppo, e lo dico anche a me stessa, una verità possa essere scomoda. Penso a noi che due anni fa abbiamo sperato che fosse un vaccino immunizzante, una soluzione al problema senza effetti collaterali (uno su un milione, si diceva) e ci ritroviamo oggi con l’esponente della Pfeizer che ammette candidamente davanti alla UE che no, loro non hanno mai detto che immunizza e lo hanno anche scritto sui bugiardini (sic!) e questo purtroppo è sotto gli occhi di tutti. Penso a noi che due anni fa abbiamo dato addosso ai medici di Ippocrate che dicevano che gli antiinfiammatori curavano il covid, e oggi lo dice l’OMS (vedi Corsera del 26 agosto ’22). Ma siamo sicuri che una verità scomoda cessi per questo di essere una verità?
 
Lorenzo Smeraldi: È offensivo e vergognoso il fatto che persone come Lei rivestano ancora incarichi pubblici. Chi non ha rispetto per la dignità dell’essere umano é chi, come lei, continua a fare propaganda e dividere l’opinione pubblica alimentando un clima di odio etichettando chi, liberamente, ha fatto una propria scelta esponendosi alle vergognose conseguenze di tutte le ignobili leggi approvvate con l’avvallo del suo partito. Se ne faccia una ragione, le coscienze si stanno svegliando.
 
 
 
 
 
e tanti tanti altri commenti.
 
 

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email