Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Joseph Beretta e pubblicato su Lifesitenews. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Seminario Nazionale Nostra Signora degli Angeli (a sinistra); Margarita Murillo (a destra)  - YouTube screenshots
Seminario Nazionale Nostra Signora degli Angeli (a sinistra); Margarita Murillo (a destra) – YouTube screenshots

 

Il seminario nazionale del Costa Rica ha utilizzato una “sessuologa” dissidente per insegnare ai futuri sacerdoti l’omosessualità e il transgenderismo – e uno dei suoi protetti sta ora influenzando i cattolici negli Stati Uniti.

 

Il seminario nazionale del Costa Rica ha imposto ai seminaristi una settimana di “educazione sessuale intensiva” che promuoveva il transgenderismo e la masturbazione e presentava argomenti osceni come “orgasmi” e “penetrazione”.

Per anni, il Seminario Nacional Nuestra Señora de los Ángeles di San José ha incluso lezioni annuali sulla sessualità come parte della formazione.

Un’istruttrice è stata la dottoressa Margarita Murillo, una nota psicologa e “sessuologa” costaricana che ha contribuito a progettare il controverso programma di “educazione sessuale” del Paese, che è stato criticato per aver promosso l’ideologia transgender.

Secondo Murillo, l'”educazione sessuale intensiva” del seminario insegnava ai futuri sacerdoti che “non possono negare il piacere” e che la masturbazione “non è un peccato”. Ha anche presentato l’omosessualità non “come un peccato ma come un’opzione” e ha incoraggiato “il rispetto per i diversi orientamenti sessuali”.

Murillo ha sottolineato ai seminaristi che la confusione di genere delle persone “deve essere rispettata”, indipendentemente dalla loro “anatomia”.

Decine di sacerdoti si sono già sottoposti al programma completo di “educazione sessuale” e la Murillo si vanta di aver incontrato ex studenti ora in servizio come sacerdoti che l’hanno ringraziata per aver “aperto loro gli occhi”.

Inoltre, la sessuologa sta avendo un impatto ben oltre la Costa Rica: Un sacerdote che ha lavorato con Murillo in Costa Rica, padre Edgardo “Lalo” Jara, OFM, è attualmente un importante funzionario dell’arcidiocesi di Washington, dove ha portato Murillo a condurre un seminario sulla sessualità in una parrocchia locale. Jara ha attirato l’attenzione sul coinvolgimento della Murillo nel seminario costaricano nel suo programma online, attraverso il quale l’ha ripetutamente promossa alle sue migliaia di spettatori.

 

L'”educazione sessuale” promuoveva la masturbazione ai seminaristi

Il programma di “educazione sessuale” del Seminario Nacional Nuestra Señora de los Ángeles è tenuto da un gruppo di psicologi laici, guidati dal dottor Gastón de Mezerville dell’Università del Costa Rica, che ha iniziato a tenere seminari presso il seminario più di 20 anni fa, secondo un’inchiesta del 2014 del quotidiano costaricano La Nación.

“Ogni anno i seminaristi ricevono una settimana intensiva di educazione sessuale in cui l’argomento viene affrontato senza bigottismi o eufemismi”, riportava il giornale. Gli argomenti trattati includono “orgasmi, pornografia e diversità sessuale”, oltre ai genitali. Gli istruttori mostrano film espliciti, con rating R, che contengono scene di sesso e nudità.

Nonostante il contenuto osceno, i seminaristi “devono frequentare” le lezioni di sessualità, che sono “un requisito della loro formazione” e si svolgono ogni anno per tutti gli otto anni di formazione, secondo La Nación.

L'”educazione sessuale” non solo è oscena e grafica, ma è direttamente contraria all’insegnamento cattolico.

La Murillo ha parlato della perversione che ha propinato ai seminaristi di Nuestra Señora de los Ángeles in un’intervista rilasciata a kienyke.com nel settembre 2014, intitolata “Racconta ai futuri sacerdoti le gioie del sesso”. Kienyke.com descriveva temi come “penetrazione, omosessualità, lesbismo e piacere” come il “pane quotidiano” dei suoi studenti.

Murillo ha detto che il corso di “educazione sessuale” insegna ai seminaristi che “non possono negare il piacere” e che la masturbazione “non è un peccato” ma un modo per “calmare” le pulsioni.

“Viene sottolineato che non possono negare il piacere perché è un modo che il corpo usa per stabilizzare le emozioni. Il loro corpo può chiedere loro di farlo in un determinato momento”, ha detto.

“E in questo caso, cosa si fa?”, ha chiesto l’intervistatore. “Si suppone che facciano voto di celibato e che non possano avere rapporti sessuali”.

“Parliamo di come gestire il desiderio e il piacere. Pensiamo all’esplorazione, alla masturbazione: non è un peccato e serve a calmare l’impulso”, ha risposto Murillo.

La Chiesa cattolica insegna che la masturbazione è sempre un “atto intrinsecamente e gravemente disordinato” e mortalmente peccaminoso.

Murillo ha anche detto che il corso ha presentato l’omosessualità “come un’opzione” piuttosto che come un peccato e ha messo i seminaristi “in discussione con la loro identità”.

“Non si parla dell’omosessualità come di un peccato, ma come di un’opzione”, ha dichiarato, aggiungendo subito dopo che “il seminario mette in discussione la loro identità, la loro vocazione, i loro sogni e i loro progetti di vita”.

La sessuologa ha inoltre sottolineato che il corso include testimonianze di persone che hanno commesso pedofilia e adulterio e promuove “il rispetto per i diversi orientamenti sessuali”.

“Portiamo loro testimonianze di vita di sacerdoti, coppie, persone che sono state in carcere per aver commesso pedofilia e adulterio”, ha detto Murillo. “Queste testimonianze sono rivelatrici e li mettono di fronte ai loro desideri. Per questo, si promuove il rispetto per i diversi orientamenti sessuali”.

 

Murillo dice ai seminaristi: La confusione di genere “deve essere rispettata”.

Murillo ha poi sottolineato una parte dell'”educazione sessuale” che trattava il transgenderismo e “come una persona, nonostante sia nata come uomo, possa sentirsi una donna”.

Secondo La Nación, Murillo ha detto ai futuri sacerdoti che la confusione di genere delle persone “deve essere rispettata”.

“L’insegnante’ dice che in questi casi bisogna rispettare ciò che dicono il cuore e la testa delle persone, indipendentemente dall’anatomia del loro corpo”, riporta La Nación. “Sottolinea subito che l’identità non può essere messa sotto pressione o forzata, ma deve essere ascoltata e accompagnata”.

“Non bisogna vedere le cose in bianco e nero. Abbiamo a che fare con persone. Bisogna amarle, non perdere la prospettiva. Non replicate gli stigmi”, ha detto Murillo ai suoi studenti, secondo il giornale.

Il suo indottrinamento sembra aver funzionato: “I seminaristi condividono questa visione”, riferisce La Nación. “I giovani con cui abbiamo bevuto il caffè concordano sul fatto che le persone omosessuali dovrebbero essere abbracciate e non giudicate”.

Essi “ritengono che la maggioranza dei sacerdoti rispetti e apprezzi le persone omosessuali, ma che coloro che proclamano discorsi infelici ricevano maggiore attenzione, per cui c’è la percezione che siano i più”, continuava l’articolo.

La Nación ha anche osservato che il corso “ha un tono simile” a quello del curriculum nazionale di “educazione sessuale” del Costa Rica, che Murillo ha contribuito a redigere e che è stato messo sotto accusa per aver promosso l’idea di “identità di genere” fluide ai bambini. “Paradossalmente, la Chiesa cattolica si è opposta a questi programmi e ha chiesto ai genitori di non mandare i loro figli a quelle lezioni”, ha sottolineato La Nación.

Gli atti omosessuali sono gravemente peccaminosi e “intrinsecamente disordinati”, e l’inclinazione all’omosessualità “deve essere vista come un disturbo oggettivo”, secondo la dottrina cattolica.

La Chiesa rifiuta anche l’ideologia transgender e sottolinea l’unità dell’anima e del corpo. “Dal primo momento della loro creazione, l’uomo e la donna sono distinti e lo rimarranno per tutta l’eternità”, afferma una lettera del 2004 della Congregazione per la Dottrina della Fede approvata da Papa Giovanni Paolo II. “L’uomo e la donna si rivelano così come appartenenti ontologicamente alla creazione e destinati quindi a superare il tempo presente, evidentemente in forma trasfigurata”.

“Spirito e materia, nell’uomo, non sono due nature unite, ma la loro unione forma una sola natura”, insegna il Catechismo della Chiesa Cattolica.

 

Seminaristi che abbandonano

Oltre alle testimonianze di pedofili e adulteri, l'”educazione sessuale” del seminario di Nuestra Señora de los Ángeles è stata caratterizzata da quelle di “ex religiosi che hanno appeso le loro abitudini al chiodo per sposarsi e avere figli”, secondo La Nación.

Murillo ha anche detto che ai seminaristi “si raccomanda di avere una vita di coppia prima di pensare al sacerdozio, in modo da poter prendere la decisione più liberamente”.

Non sorprende che spesso gli uomini lascino il seminario per discernimento, spesso durante la settimana di “educazione sessuale”.

La Nación ha raccontato la storia di un seminarista che ha annunciato la sua intenzione di abbandonare il seminario nel bel mezzo di un seminario sulla sessualità. L’istruttrice, la psicologa Julita Vázquez, “ha assistito a molte scene del genere”, ha detto il giornale.

“La preparazione per diventare sacerdote è un discernimento costante. In qualsiasi momento, durante gli otto anni del processo, ci si può ritirare. Per alcuni, la settimana di educazione sessuale intensiva è un fattore scatenante per prendere la decisione”, ha spiegato La Nación.

“Ogni anno, circa 15 giovani lasciano il seminario”, a fronte di circa 10 che vengono ordinati sacerdoti, si legge nell’articolo.

 

I protetti di Murillo diffondono l’ideologia perversa anche negli Stati Uniti

Almeno “cinque generazioni di sacerdoti” – circa 50 in totale – sono state sottoposte all'”intero programma” di indottrinamento sessuale presso il seminario costaricano e ora “sono in strada a mettere in pratica ciò che hanno imparato nelle lezioni”, afferma La Nación. La Murillo ha affermato di aver incontrato diversi ex studenti in servizio come sacerdoti che “la salutano e la ringraziano per aver “aperto loro gli occhi””.

E i protetti della Murillo stanno diffondendo i suoi insegnamenti sessuali perversi al di là della Costa Rica.

Nell’arcidiocesi di Washington, padre Edgardo “Lalo” Jara, un sacerdote francescano del Costa Rica che dice di aver lavorato con Murillo come insegnante, sta promuovendo la sessuologa nel suo programma online e la sta portando nelle parrocchie.

Jara ha ospitato Murillo nel suo programma, “Cafeteando con el Padre Lalo”, l’ha raccomandata ai suoi spettatori e li ha incoraggiati a visitare il suo sito web e le sue pagine sui social media, che promuovono l’omosessualità, l’ideologia di genere, la masturbazione e la contraccezione.

In un’intervista rilasciata a Jara l’anno scorso, Murillo ha ripetutamente contraddetto l’insegnamento cattolico sulla sessualità e ha difeso l'”espressione” omosessuale, senza alcuna reazione da parte del sacerdote, che ha definito i suoi commenti “eccellenti”.

Jara ha detto in un altro video di aver portato Murillo nelle scuole cattoliche dove insegnava in Costa Rica per istruire i suoi studenti sulla sessualità. Più di recente, ha portato il sessuologo eterodosso alla chiesa cattolica Saint Camillus di Silver Spring, nel Maryland, per tenere un seminario con genitori e bambini sulla “sessualità curativa”.

Come Murillo, Jara assume un atteggiamento permissivo nei confronti dell’ideologia LGBT, esortando gli ascoltatori a non condannare l’omosessualità ma a “rispettarla”. In un episodio del suo show, ha scoraggiato le persone dal cambiare canale televisivo se un bambino vede due omosessuali che si baciano, poiché ciò creerebbe “un senso di anti-rispetto”.

In un altro episodio, il sacerdote ha suggerito che l’uso della contraccezione può essere giustificato a seconda delle circostanze e ha presentato i rapporti sessuali contraccettivi come un’opzione per le donne con una “grave patologia”.

L’Humanae Vitae di Papa Paolo VI, tuttavia, insegna che “ogni atto coniugale deve necessariamente mantenere il suo rapporto intrinseco con la procreazione della vita umana”.

Jara è indicato come direttore dell’Ufficio di evangelizzazione e pianificazione pastorale dell’arcidiocesi di Washington e come direttore vocazionale dei frati francescani della Provincia del Santo Nome. La Conferenza episcopale statunitense l’ha nominato predicatore eucaristico nazionale per il National Eucharistic Revival del 2021.

 

Murillo: “Abbiamo iniziato i seminari con i vescovi”.

Secondo Murillo, le autorità della Chiesa – compresi i vescovi – hanno dato il loro sostegno al corso di “educazione sessuale” del Seminario Nacional Nuestra Señora de los Ángeles fin dall’inizio.

“Come ha fatto a far accettare alla Chiesa di parlare apertamente di questi argomenti?”, le ha chiesto kienyke.com.

“Abbiamo iniziato i workshop con i vescovi, coloro che prendono le decisioni nella Chiesa, e non è stato difficile convincerli perché il progetto è ben strutturato”, ha detto Murillo.

Anche Gastón de Mezerville ha parlato dell’interesse dei leader della Chiesa per il programma, che ha definito un “segno dell’apertura delle autorità religiose, che sperano di dare una visione globale della sessualità, al di là del controllo della popolazione”, secondo La Nación.

“Con il passare del tempo, le autorità del centro di formazione hanno compreso l’importanza del tema, fino a stabilirlo come un programma di otto settimane intensive, una per ogni anno studiato in seminario”, ha riportato La Nación.


Joseph Beretta

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments