“Dobbiamo liberare un po’ di grazia nel mezzo di un mondo che è letteralmente impazzito, per molti versi, con tutti questi discorsi folli sul transgenderismo e tutte queste cose che sono solo follia”, ha detto Pope, che parlerà al raduno nazionale del Rosario.

Di seguito un articolo di Zelda Caldwell, pubblicato sul Catholic News Agency. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

Sister Deirdre “Dede” Byrne
Suor Deirdre “Dede” Byrne

 

Domenica 9 ottobre, una processione eucaristica si dirigerà dalla chiesa cattolica di San Pietro a Washington, D.C., verso il National Mall, non lontano dal Campidoglio degli Stati Uniti, dove si terrà un raduno del rosario per offrire preghiere per una nazione che, secondo i partecipanti, è sotto attacco spirituale.

La processione, che inizierà alle 15.00, dà il via all’iniziativa annuale Rosary Coast to Coast, che unisce migliaia di cattolici in tutto il Paese che si riuniranno per recitare insieme il rosario.

L’evento sarà trasmesso in livestreaming qui.

Anche se questi “guerrieri della preghiera” non formeranno una vera e propria catena fisica attraverso gli Stati Uniti continentali, saranno uniti nel pregare per la nazione.

“Nostra Signora è stata certamente categorica sia a Fatima che a Lourdes nel chiedere ai fedeli di pregare il rosario ogni giorno. È una sorta di arma contro i mali di Satana che operano nel mondo”, ha detto alla CNA monsignor Charles Pope, parroco della Holy Comfort e della chiesa di San Cipriano a Capitol Hill.

“Dobbiamo liberare un po’ di grazia nel mezzo di un mondo che è letteralmente impazzito, per molti versi, con tutti questi discorsi folli sul transgenderismo e tutte queste cose che sono solo follia”, ha detto Pope, che parlerà al raduno nazionale del Rosario.

Alla manifestazione interverrà anche suor Deirdre Byrne (della quale abbiamo parlato più volte su questo blog), delle Suore delle Piccole Operaie del Sacro Cuore di Washington. Chirurgo e colonnello dell’esercito americano in pensione, è salita sul palcoscenico mondiale con il suo discorso pro-vita alla Convenzione nazionale repubblicana del 2020, dove ha definito il rosario come la sua “arma preferita”.

“Possiamo vedere chiaramente che siamo in una battaglia tra Nostro Signore e il diavolo”, ha detto la Byrne alla CNA. La battaglia, ha detto, sta “aumentando e peggiorando”.

“Il punto culminante della vittoria di Nostro Signore, proprio di recente, con il rovesciamento della Roe v. Wade, ha posto fine all’aborto. È appena passato nelle mani degli Stati, ma quel voto sembra aver scatenato la rabbia del diavolo”, ha detto.

“Nostra Madre ci ha dato questo dono e quest’arma potente e delicata per aiutare a combattere il male che c’è oggi nel mondo”, ha detto Byrne.

L’iniziativa Rosary Coast to Coast chiarisce sul suo sito web che il raduno nazionale del Rosario non è un evento politico. Questo non impedirà a Bryne e agli altri partecipanti di pregare per le anime dei funzionari eletti.

Suggerisce di pregare un “Rosario patriottico” per i politici “che dicono di essere cattolici, ma non vivono la loro fede cattolica. Questo presidente sta dicendo che è un giorno triste in America ora che la Roe v. Wade è stata rovesciata, ma quale cattolico direbbe questo?”.

“Preghiamo, perché non sono solo a favore della vita, sono a favore della vita eterna, e voglio che il presidente vada in paradiso. Io voglio andare in paradiso e voglio che lui mi raggiunga in paradiso. E quindi il modo migliore per cercare di far sì che questo accada è pregare la Madonna e Nostro Signore di aiutarli a convertirsi di nuovo alla loro fede, a vivere la loro vera fede cattolica e ad essere in grado di essere veri sostenitori della vita dalla vita naturale, dal grembo materno alla tomba”, ha detto.

L’evento segue una Novena di 54 giorni per la Nostra Nazione e coincide con la fine della Settimana internazionale di preghiera e digiuno.

Oltre a Byrne e Pope, tra i relatori dell’evento figurano il vescovo Joseph L. Coffey dell’Arcidiocesi dei Servizi Militari, USA; David Carollo, direttore esecutivo dell’Apostolato Mondiale di Fatima, USA – Our Lady’s Blue Army; padre Richard Heilman, presidente della Holy League e fondatore della U.S. Grace Force; padre Stephen Imbarrato, noto attivista pro-vita, e Doug Barry, fondatore di Radix – Battle Ready.

Alle 16, i partecipanti alla manifestazione presso il Campidoglio e quelli alle manifestazioni in tutto il Paese inizieranno a pregare i Misteri Gloriosi del rosario. L’iniziativa Rosary Coast to Coast suggerisce di pregare per “il rispetto della vita in tutti gli stadi di sviluppo, specialmente per i non nati; la santità del matrimonio e delle famiglie basate sulla creazione di Dio dell’uomo e della donna; la difesa della libertà religiosa protetta dalla Costituzione; il ritorno della nostra nazione a Dio e alla santità”.

Per trovare un raduno del rosario vicino a voi, visitate la mappa interattiva sul sito web di Rosary Coast to Coast.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments