Ricevo e volentieri pubblico. 

 

Bandiera Cinese Cina

 

 

IL RITORNO DEL COMUNISMO

IL MODELLO CINESE È GIÀ QUI

Diretta multistreaming

di presentazione del Rapporto dell’Osservatorio

Mercoledì 1 dicembre 2021, alle ore 18,00

canale YouTube dell’Osservatorio

VEDI QUI

 

Mercoledì prossimo 1 dicembre 2021, alle ore 18,00, terremo il Convegno di presentazione del nostro 13mo Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo a cui siete tutti invitati. Si potrà partecipare al convegno nel canale YouTube dell’Osservatorio e in altri canali amici. La trasmissione sarà visualizzabile anche in differita.

Il titolo del Convegno è di per sé eloquente: si assiste ad un ritorno di comunismo nell’Occidente e il Modello cinese, a cui è dedicato il Rapporto dell’Osservatorio, suscita qui da noi un notevole appeal. Non perché l’Occidente voglia diventare la Cina, ma certamente perché intende applicare qui i principali aspetti del Modello cinese.

Alla Diretta parteciperanno Stefano Fontana, che illustrerà il Rapporto, Riccardo Cascioli, che spiegherà le origini del Modello cinese dalla diplomazia del ping-pong ad oggi, Julio Loredo che ci segnalerà i molti segni che testimoniano il ritorno del comunismo in occidente sotto mentite spoglie, Stefano Magni che parlerà del Modello cinese del controllo della popolazione e Maurizio Milano che si soffermerà sugli aspetti economici della questione. Condurrà i lavori Federico Catani.

I Rapporti dell’Osservatorio analizzano ogni anno le dinamiche sociali emergenti. Negli anni scorsi ci si è occupati di Islam, di Europa, di popoli e nazioni, di globalismo ed ecologismo. Quest’anno il Rapporto, tramite una quindicina di saggi e cronache dal mondo e un intervento del Cardinale Zen si occupa di un tema che non riguarda solo la Cina, ma il mondo intero.

Mentre vi invitiamo a partecipare in diretta al Convegno, o a vederlo poi in differita, ricordiamo che potete saperne di più sul Rapporto e sulle modalità di acquisto direttamente presso di noi in questa pagina del nostro sito  (clicca qui).

Stefano Fontana
 
 
 
 
 
Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email