Di seguito vi propongo un articolo scritto da Zachary Stieber, pubblicato su The Epoch Times, che riferisce di due nuovi studi sul rischio di infiammazione cardiaca (miocardite e pericardite) che rimane alto anche dopo il richiamo (booster) dei vaccini. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

vaccino-Moderna
vaccino-Moderna

 

Secondo un nuovo studio, il rischio di infiammazione cardiaca dopo aver ricevuto un richiamo di COVID-19 rimane elevato.

La serie primaria dei vaccini (cioè formata da due dosi, ndr) a base di RNA messaggero, prodotti da Pfizer e Moderna, è già stata collegata all’infiammazione cardiaca, ma non sono state condotte altrettante ricerche per stabilire se anche le dosi di richiamo presentino rischi per il cuore.

Nello studio, i ricercatori francesi hanno analizzato 4.890 casi di miocardite con ricoveri negli ospedali del Paese tra il 27 dicembre 2020 e il 31 gennaio 2022. Hanno utilizzato 48.900 controlli provenienti dalla popolazione generale, con una corrispondenza per sesso, età e area di residenza.

Il ricevimento di un richiamo del vaccino COVID-19 è risultato avere un rischio elevato di miocardite, un tipo di infiammazione cardiaca, in particolare il ricevimento di un richiamo Moderna.

Il rischio aggiustato dopo un richiamo Pfizer era tre volte più alto tra i booster e quattro volte più alto dopo un richiamo Moderna.

Per le persone di età compresa tra i 12 e i 29 anni, il rischio era 4,9 volte superiore per chi riceveva il richiamo Pfizer. I dati relativi ai giovani che hanno ricevuto il richiamo Moderna non sono disponibili perché la Francia ha sospeso l’uso del vaccino nell’ottobre 2021 e lo ha reso nuovamente disponibile solo il mese successivo per i soggetti di età superiore ai 30 anni.

Per i soggetti di età pari o superiore a 30 anni, il richiamo di Pfizer è stato associato a un rischio di infiammazione cardiaca 2,4 volte superiore, mentre il richiamo di Moderna ha comportato un rischio 4,1 volte superiore.

I rischi erano più elevati se una persona riceveva la terza dose entro 170 giorni dalla prima. Il richiamo è la terza dose, perché la serie primaria è composta da due dosi. Allo stesso modo, il rischio di miocardite dopo la seconda dose è più elevato nei casi in cui la persona riceve la dose entro 27 giorni dalla prima.

Le autorità statunitensi hanno consigliato ai giovani di fare la seconda iniezione fino a otto settimane dopo la prima, soprattutto a causa del rischio di infiammazione cardiaca. Le indicazioni precedenti erano di tre settimane o un mese dopo la prima.

“Abbiamo riscontrato che il rischio di miocardite rimane elevato dopo la dose di richiamo e che intervalli più lunghi tra ogni dose consecutiva (comprese le dosi di richiamo) possono diminuire il verificarsi di miocardite associata al vaccino”, hanno scritto gli autori del nuovo studio.

Il documento è stato pubblicato prima della revisione paritaria sul server di preprint medRxiv. Gli autori lavorano per il governo francese e per diverse università.

 

Balzo dell’ospedalizzazione per miocardite

In uno studio separato, anch’esso condotto da ricercatori francesi, gli autori hanno esaminato il rischio di ospedalizzazione per una serie di malattie nel 2021, il primo anno completo della pandemia, rispetto al 2019, l’ultimo anno completo prima della pandemia, e al 2020.

Hanno riscontrato una diminuzione del rischio per quasi tutte le malattie confrontando i dati del 2021 con quelli del 2019, ad eccezione di un aumento del 28% del rischio di miocardite e del 10% del rischio di embolia polmonare.

È stato inoltre riscontrato un aumento della miocardite nel 2021 rispetto al 2020, che “ha coinciso con la campagna di vaccinazione nei giovani”, in particolare tra i ragazzi di età compresa tra i 10 e i 29 anni, un gruppo ad alto rischio di infiammazione cardiaca in seguito alla vaccinazione con COVID-19. Anche la stessa COVID-19 può portare a problemi cardiaci.

I ricercatori, sponsorizzati dall’Ospedale Universitario di Nimes, hanno affermato che gli eventi avversi al vaccino spiegano probabilmente almeno una parte dell’aumento dei casi di miocardite che hanno portato all’ospedalizzazione. Un’altra parte potrebbe derivare dalla difficoltà di accesso alle cure ospedaliere nella prima parte della pandemia, quando molti Paesi hanno imposto misure severe per cercare di combattere la malattia.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments