Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto dal Dr. Jeff Mirus e pubblicato su Catholic Culture. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte, comprese eventuali donazioni. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Robert McElroy, appena creato cardinale, 27 agosto 2022. (AP Photo/Andrew Medichin
Robert McElroy, appena creato cardinale, 27 agosto 2022. (AP Photo/Andrew Medichini)

 

Voglio tornare sull’angoscia espressa dal cardinale Robert McElroy per il “fallimento” della Chiesa nell’includere pienamente le “comunità LGBT”. Forse, ad esempio, i lettori non conoscono le sorprendenti affermazioni fatte da McElroy nel suo primo articolo sulla rivista America. Non si tratta infatti (come McElroy ha sostenuto in un secondo articolo) del fatto che la Chiesa ponga un’enfasi inedita e malsana sulla gravità dei peccati sessuali. Piuttosto, il cardinale la mette in questi termini:

È un mistero demoniaco dell’anima umana il motivo per cui così tanti uomini e donne nutrono un profondo e viscerale astio nei confronti dei membri delle comunità LGBT. La testimonianza principale della Chiesa di fronte a questo bigottismo deve essere quella dell’abbraccio piuttosto che della distanza o della condanna. La distinzione tra orientamento e attività non può essere l’obiettivo principale di tale abbraccio pastorale, perché suggerisce inevitabilmente di dividere la comunità L.G.B.T. in coloro che si astengono dall’attività sessuale e coloro che non lo fanno. Piuttosto, la dignità di ogni persona in quanto figlio di Dio che lotta in questo mondo, e l’amorevole offerta di Dio, devono essere il cuore, l’anima, il volto e la sostanza della posizione e dell’azione pastorale della Chiesa.

Dobbiamo ricordare che McElroy non sta scrivendo della predicazione del Vangelo alle “comunità LGBT”, ma della loro radicale inclusione nella Chiesa. Dato il contesto, questa è l’affermazione chiave, che alimenta due gravi malintesi. In primo luogo, notiamo che se c’è davvero un “astio viscerale verso i membri delle comunità LGBT”, questo astio è giustamente legato a ciò che dovremmo più accuratamente descrivere come “avversione viscerale” per le pratiche sessuali gravemente disordinate. Tale avversione è in realtà un segno di qualcosa di sano nella nostra sessualità umana. Si concede che l’avversione per una pratica non dovrebbe essere la stessa cosa di un animus verso una persona, ma le due cose sono inevitabilmente collegate. Il problema è che, fin dall’inizio, il cardinale McElroy sta oscurando in modo così evidente la vera questione da esporsi all’accusa di averlo fatto deliberatamente. Non è demoniaco ma buono quando le nostre emozioni sono allineate con la realtà che l’attrazione sessuale tra maschio e femmina è stata concepita da Dio, anche se anch’essa è soggetta ad abusi.

Questo punto ci porta alla seconda e più grave affermazione fatta dal Cardinale nello stesso paragrafo, e cioè che la piena inclusione nella Chiesa delle comunità “L.G.B.T.” non può basarsi sulla divisione tra l’astenersi dall’attività sessuale immorale e il praticarla. Ma naturalmente anche questo è deliberatamente fuorviante e di fatto insensato. La questione in gioco nella piena comunione con la Chiesa cattolica non è se a volte pecchiamo, ma se sosteniamo come buono ciò che Cristo e la Chiesa insegnano essere cattivo; o condanniamo come cattivo ciò che Cristo e la Chiesa insegnano essere buono. Evidentemente, se la nostra “scelta di vita” si oppone pubblicamente agli insegnamenti morali della Chiesa cattolica, non possiamo aspettarci che la Chiesa dica che siamo in comunione con lei.

A questo proposito, l’identificazione stessa delle persone come parte di quelle che il cardinale McElroy descrive con tanta leggerezza come “comunità L.G.B.T.” è proprio ciò che impedisce la loro “inclusione radicale” nella Chiesa cattolica. Ancora una volta, non è il fatto che qualcuno pecchi a escluderlo dalla piena comunione nel Corpo mistico di Cristo. Ogni cattolico pecca. È piuttosto il sostenere pratiche immorali come fonte di orgoglio che esclude dalla comunione. Non tutte le pratiche sessuali sono consone alla nostra natura umana; non tutte rispettano la virtù della castità. È proprio l’insistenza sul fatto che uno stile di vita sessuale immorale debba essere riconosciuto dalla Chiesa come giusto e buono a creare la barriera: L’insistenza sul fatto che la Chiesa non può chiamarvi al pentimento; la richiesta che la Chiesa cambi i suoi insegnamenti sul bene e sul male per adattarsi alla vostra peccaminosità.

Per quanto riguarda i peccati sessuali, non c’è mai alcuna obiezione a un cattolico che si sforza di essere casto e si pente se cade. No, è la richiesta che la Chiesa chiuda un occhio o chiami il nero bianco che esclude il peccatore impenitente dall’inclusione nel Corpo di Cristo.

 

La fallacia di McElroy

Sotto tiro, il cardinale McElroy ha cercato di giustificare la sua richiesta di “piena inclusione delle comunità LGBT” nella Chiesa insistendo sul fatto che l’enfasi della Chiesa sulla gravità del peccato sessuale è un’invenzione teologica del XVII secolo. Altri hanno già demolito questa argomentazione semplicemente riportando in modo accurato ciò che McElroy ha detto e ciò che non ha detto (si veda, ad esempio, il nostro articolo di Catholic World News su questo argomento: Il cardinale McElroy: L’insegnamento cattolico sulla natura grave di “tutti i peccati sessuali” è un’innovazione del XVII secolo). Ma è importante notare che la questione è un “red herring”, cioè un’affermazione irrilevante per l’argomento in questione. È stata introdotta per distogliere l’attenzione dal vero punto.

Il punto, come il cardinale McElroy non può fare a meno di sapere, è che nessuno ha diritto alla “piena inclusione” nella Chiesa e allo stesso tempo chiede pubblicamente l’accettazione di un comportamento che questa stessa Chiesa insegna essere moralmente sbagliato. Da un punto di vista istituzionale esterno, ovviamente, qualsiasi cattolico o aspirante tale può godere della “piena inclusione” nella Chiesa a prescindere dalle sue convinzioni o dai suoi peccati, semplicemente mantenendoli privati. Ovviamente, la Chiesa spera che nessuno scelga di essere cattolico rifiutando segretamente l’accettazione della fede cattolica. Ovviamente la Chiesa presuppone che chiunque esprima il proprio assenso alla fede e alla morale cattolica riconosca che rivendicare il nome di cattolico è incompatibile con l’aperta giustificazione di qualsiasi credenza o comportamento che la Chiesa insegna autorevolmente essere oggettivamente falso o malvagio.

La Chiesa sa, dopo tutto, che i suoi membri non sono solo imperfetti, ma veri e propri peccatori. Ciò che rivendica sui suoi membri è il diritto e il dovere di insegnare loro la verità su Dio e sul suo piano per la nostra felicità eterna, e la verità sulla virtù e sul vizio, su come crescere nella prima e vincere il secondo. Non esclude nessuno che accetti la sua autorità di rappresentare Gesù Cristo in queste materie. Non esclude coloro che lottano; esclude solo coloro che negano pubblicamente la sua autorità divinamente costituita.

La Chiesa cattolica non si considera un club mondano attraverso il quale i peccatori possono crescere nell’accettazione sociale. Si considera un’istituzione divina creata per il recupero dei peccatori e la loro incorporazione trasformante in Cristo. Coloro che rifiutano di accettare la veridicità della sua autorità non possono beneficiare del suo ministero. Chi agisce in pubblico disprezzo dei suoi insegnamenti non può rimanere in piena comunione con lei. Questo non deriva da una sua decisione mutevole, ma in virtù di ciò che lei è. Sono benvenuti tutti coloro che riconoscono la sua identità e si sforzano nel tempo di diventare sempre più degni dei suoi doni. Ma non possono essere accolti coloro che chiedono, come condizione per la loro inclusione, che la Chiesa tradisca la sua identità chiamando il bene male, o il male bene.

Per collocare questo problema in un contesto puramente umano, così come un’organizzazione umana non può mantenere la propria missione includendo membri che la negano, nessuna organizzazione divina potrebbe mantenere la propria missione modificandola per accogliere coloro che la negano. Questo non ha nulla a che fare con il modo particolare in cui i teologi possono (o non possono) aver espresso la gravità dei diversi tipi di peccato in un particolare luogo o periodo; ha tutto a che fare con il rifiuto (e persino l’incapacità) di Gesù Cristo di incorporare nel suo corpo mistico coloro che insistono nel cambiare la realtà per adattarla alle loro particolari tentazioni, o che sostengono che ogni tentazione al male sia divinamente ispirata, o che ogni peccato sia divinamente sanzionato.

 

Falsa identificazione del peccatore con il peccato

Siamo di fronte alla quintessenza dell’ambivalenza moderna nei confronti della realtà, una tendenza a ridurre la realtà al desiderio umano. È quindi sconvolgente che non ci si possa aspettare una piena inclusione nella Chiesa cattolica mentre si negano apertamente i suoi insegnamenti, tanto meno a condizione che la Chiesa onori e accolga tale negazione come spiritualmente e moralmente legittima. L’incapacità di apprezzare una tale contraddizione interna è un prodotto della nostra incorporazione in un ordine sociale – una cultura dominante – che insiste così spesso sul fatto che il nero è bianco e il bianco è nero, al punto da convincere una grande maggioranza di coloro che sono abituati a questa cultura che le uniche ragioni per cui una persona o un’istituzione potrebbero avere un’opinione contraria sono l’ignoranza o la meschinità. Ma quello che abbiamo qui è invece l’inevitabile scontro tra un’istituzione divina e il mondo che si arroga l’autorità di giudicare.

Le attrazioni sessuali di ogni tipo, del tipo sbagliato o nelle circostanze sbagliate, portano con sé forti emozioni che ci confondono sulla natura dell’amore e della felicità. Questo può essere vero anche tra marito e moglie nel matrimonio, come la pratica della contraccezione rende dolorosamente evidente. Ma oltre alle tentazioni del corpo, anche la mente sente la tentazione di giustificare le nostre inclinazioni. Un’ulteriore confusione nasce inevitabilmente dalle debolezze dei membri della Chiesa in generale, che lottano per essere nel mondo ma non del mondo, lotte che affliggono anche i leader della Chiesa stessa. L’intera questione diventa ancora più difficile quando la cultura più ampia in cui viviamo ha elevato la licenza sessuale a scelta legittima o a stile di vita ineludibile. Così le persone con diverse tentazioni sessuali cadono nella trappola di identificarsi con le loro tentazioni, insistendo non solo sul fatto che le loro tentazioni sono naturali e buone, ma che dovrebbero essere onorate per questo.

Nostro Signore stesso ha richiamato l’attenzione su tutte queste confusioni quando ha condannato così seriamente lo scandalo, come riportato da San Luca: “Le tentazioni di peccato vengono di sicuro; ma guai a colui dal quale vengono! Sarebbe meglio per lui se gli fosse appesa al collo una macina da mulino e fosse gettato in mare, piuttosto che far peccare uno di questi piccoli” (Lc 17,1-2). San Matteo ha riportato l’insegnamento di Nostro Signore su questo punto con una forza ancora maggiore:

Guai al mondo per le tentazioni di peccato! Perché è necessario che vengano le tentazioni, ma guai all’uomo da cui viene la tentazione! E se la tua mano o il tuo piede ti fanno peccare, tagliali e gettali via; è meglio per te entrare nella vita mutilato o zoppo che con due mani o due piedi essere gettato nel fuoco eterno. E se il tuo occhio ti fa peccare, cavalo e gettalo via; è meglio per te entrare nella vita con un occhio solo che con due occhi essere gettato nell’inferno di fuoco”. [18:7-9]

Nostro Signore intendeva alcuni dei suoi avvertimenti per la protezione dei bambini, e in effetti siamo tutti figli di Suo Padre e figli della Chiesa. Forse non siamo mai più profondamente figli di quando ci affidiamo alla Chiesa per avere tutto ciò di cui abbiamo bisogno per avvicinarci al nostro Padre in cielo. Eppure il progetto dominante nella teologia morale accademica della seconda metà del XX secolo era un’autogiustificazione adolescenziale del peccato sessuale basata su presunte scoperte sociologiche sulle tendenze sessuali del mondo secolare moderno e dei suoi professori. Che scandalo, dunque, che indescrivibile puzza di scandalo, quando uno stesso principe della Chiesa sostiene la causa di coloro che chiedono l’accettazione di Cristo non per la loro resistenza alla tentazione, ma per la loro deliberata, abituale, autopromozionale e autodefinita partecipazione al peccato.

Il problema dell’intero movimento LGBTQ… è che cerca di definire le persone in base alle inclinazioni della loro natura umana decaduta. Coloro che insistono nel definirsi in questo modo non cercano la redenzione dal peccato, ma chiedono l’accettazione del peccato. Questo è solo un altro caso della magistrale psicologia espressa in Giovanni 3:20-21: “Chi fa il male, infatti, odia la luce e non viene alla luce, perché le sue opere non vengano scoperte. Ma chi fa il vero viene alla luce, perché si veda chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio”. Molti sono confusi su questo punto senza alcuna colpa grave, ma i leader della Chiesa non rendono loro un buon servizio proteggendoli dalla luce che Cristo fa sulle esigenze autogiustificanti della nostra concupiscenza.

 

Conclusione

Il mondo è sempre stato afflitto dal peccato sessuale perché la sessualità è una componente naturale così potente della nostra natura umana. Sebbene alcuni non sperimentino mai tentazioni sessuali significative, sicuramente questa esenzione è relativamente rara. Paolo VI aveva già riconosciuto a metà del XX secolo le profonde connessioni tra la contraccezione (la manipolazione della nostra sessualità per renderla sterile) e l’omosessualità e altri mali sessuali e familiari profondi che partecipano allo stesso egoismo sterile. Si può (e certamente si deve) sostenere che l’uso diffuso di contraccettivi tra i cattolici è un grave scandalo. Certamente si crea il caso del bue che dice cornuto all’asino. Ma non è spesso un punto su cui le persone si autoidentificano pubblicamente per cercare una “piena inclusione”, nonostante la loro difesa della pratica.

C’è una differenza tra il tentativo di sorvegliare coloro che peccano contro Cristo e la Chiesa in segreto e l’esclusione di coloro che insistono sul fatto che la Chiesa debba accettare la loro aperta negazione dei suoi insegnamenti. Siamo tutti peccatori, ma non tutti cerchiamo di giustificare pubblicamente i nostri peccati. Non è una buona cosa scivolare in silenzio. Ma anche se le colpe nascoste dal silenzio non sono di buon auspicio per la crescita spirituale, nemmeno la ribellione interiore può essere identificata come un ostacolo all’inclusione esteriore. A causa dei limiti della percezione umana, c’è una necessaria differenza tra ciò che la Chiesa deve separare ora, per preservare l’identità e l’integrità della sua missione, e ciò che Cristo deve separare al momento del raccolto.

È ovviamente molto triste che coloro che provano attrazione per lo stesso sesso (e molte altre attrazioni) si trovino oggi a far parte di una cultura pagana e secolare che insiste nel giustificare queste tentazioni come sane e buone. È ancora più triste che siano spesso confusi dagli echi di questa giustificazione anche tra i ministri della Chiesa. È proprio questo che rende i giochi di parole del cardinale McElroy così logorroici e puerili. Quante volte Cristo ha voluto riunire tutti i figli di suo Padre come una gallina raccoglie la sua nidiata sotto le sue ali, ma noi non abbiamo voluto! (Mt 23,37; Lc 13,34) È anche solo lontanamente credibile che il cardinale McElroy non capisca che questo è un caso di “non”?

Questo è il problema, e questo è sempre stato il problema. Quando il cuore si rivolge a Cristo nella Chiesa e accetta la Rivelazione che la Chiesa garantisce, tutti gli ostacoli scompaiono, nonostante le cadute morali e il ricorrente bisogno di grazia. Ma in assenza di questo volgersi e di questa accettazione, l’unico ostacolo che conta rimane: Il grande “non” autogiustificante. Ogni uomo di Chiesa che oscura questa distinzione oscura la Chiesa. Ogni uomo di Chiesa che tradisce questa realtà tradisce non solo Cristo, ma anche le anime che Cristo cerca.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments