Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Michael Branden Dougherty e pubblicato su National Review. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

Papa Francesco (AP Photo/Luca Zennaro, Pool)
Papa Francesco (AP Photo/Luca Zennaro, Pool)

 

Papa Francesco ha chiuso la sua estate elogiando gli imperi mongolo e russo per la loro tolleranza e umanità, prima di criticare i cattolici americani per la loro arretratezza e ristrettezza. No, avete letto bene la prima volta. Ha lodato l’orda di Gengis Khan e l’imperialismo degli zar russi per la loro tolleranza, per poi criticare i cattolici americani per un peccato da lui inventato, chiamato “indietrismo” – che significa arretratezza. Questo da parte di un uomo che occupa una carica i cui occupanti erano soliti giurare di versare sangue se questo significava mantenere “inviolata la disciplina e il rituale della Chiesa così come l’ho trovata e ricevuta dai miei predecessori”.

Ora, tornato a Roma, il Papa sta tornando a uno dei suoi passatempi preferiti: riabilitare una peste sessuale ben documentato perché ha i giusti amici progressisti in curia. Questa volta si tratta di padre Rupnik, un gesuita e un artista chiaramente terribile. Rupnik ha abusato di un gruppo di suore. L’indagine vaticana su Rupnik e il suo centro religioso si è conclusa con un rapporto – non scherzo – che elogia i suoi confratelli perché, nonostante il clamore mediatico, “hanno scelto di mantenere il silenzio” e “di custodire i loro cuori e di non pretendere alcuna irreprensibilità con cui ergersi a giudici di altri”. In altre parole, bravi a mantenere l’omertà e a non giudicare il criminale sessuale che è in mezzo a voi. (leggi qui e qui articoli pubblicati su questo blog, ndr)

Tutto questo è la preparazione del tanto sbandierato “Sinodo sulla sinodalità”, che è letteralmente una conferenza di vescovi che si dilunga sull’autorità delle conferenze di vescovi. Lo scopo del Sinodo, piuttosto chiaramente, è che un grande gruppo di vescovi discuta l’un l’altro sul materiale di indagine che hanno guidato un piccolo numero di cattolici laici nella loro diocesi, e se questo mucchio di carte dia una copertura sufficiente al Papa per iniziare a buttare a mare alcuni insegnamenti morali e dogmatici della Chiesa in favore di nuove concezioni. Si tratta di un esercizio davvero strano, volto a oscurare il ruolo del Papa nel cambiamento della fede. In pratica, chiederà a un gruppo di vescovi di scrivere un documento che dimostri che la Chiesa in generale è giunta a una nuova comprensione di se stessa.

È difficile capire quanto questo sia già un fallimento. L’idea stessa di un “Sinodo sulla sinodalità” è come fare una riunione sulle riunioni. Quel fastidioso suono gutturale e quel sibilo che si sente da Roma è il serpente ecclesiale che si sta strozzando con la propria coda. I continui commenti del Papa sull'”arretratezza” e le condanne dell'”ideologia” sono il suo tentativo di superare l’idea che la fede cattolica ha una reale sostanza intellettuale che è stata definita, chiarita e distillata attraverso i secoli. Questo processo per cui le prime affermazioni scritturali e liturgiche sulla divinità di Gesù Cristo, sulla natura dello Spirito Santo e su Dio padre sono state espresse, nel corso dei secoli, in nuovi termini come “la Santa Trinità” è ciò che San John Henry Newman chiamava lo “sviluppo della dottrina”. Newman aveva delle regole per distinguere tra vero e falso sviluppo, che risalivano a San Vincenzo di Lérins. “Un vero sviluppo è quello che è conservativo del suo originale”, scriveva Newman, “e una corruzione è quella che tende alla sua distruzione”. Si applica la legge di non contraddizione.

Ma Papa Francesco non opera in questo modo. Ha già preteso di “sviluppare” la dottrina per trasformare in peccato l’idea della pena di morte, formalmente riconosciuta come moralmente ammissibile dalla Chiesa. Lo ha fatto affermando che nella storia è nata una nuova concezione della dignità umana. E questa nuova concezione, combinata con una serie di osservazioni e opinioni sociali non ben definite, secondo cui le carceri erano ormai sufficienti a proteggere il pubblico dai criminali, rendeva la pena di morte moralmente inammissibile.

Ci sono diverse cose sorprendenti da notare. In primo luogo, queste affermazioni non hanno interagito con il vasto corpus di riflessioni morali e teologiche su questo argomento nella storia della Chiesa, e non hanno nemmeno preteso di coinvolgerlo. In secondo luogo, queste affermazioni sociali erano esse stesse aperte a serie contestazioni. Le carceri erano davvero migliorate così tanto in tutto il mondo in pochi decenni? Alcuni criminali come El Chapo non erano evidentemente in grado di comandare imprese criminali omicide anche mentre erano in carcere? Ma la cosa più sorprendente è che il nuovo insegnamento non aveva alcuna garanzia religiosa nelle Sacre Scritture, nei concili ecumenici, nei dottori della Chiesa, nei fedeli cristiani o nel Magistero. Nel corso della storia, la Chiesa si è autocompresa come custode e interprete della Rivelazione divina – quei misteri che Dio ha rivelato con un’azione speciale nella storia. Ma in questa revisione della sua dottrina morale, la Chiesa affermava e sperava di dimostrare la sua competenza nel trarre conclusioni morali radicali direttamente dalla propria lettura delle attuali condizioni sociali dell’umanità, a prescindere dalla Rivelazione.

Nel XIX secolo, quando la Chiesa cattolica rispondeva all’epoca delle rivoluzioni affermando l’infallibilità della sua autorità docente e il peculiare carisma dell’infallibilità del Papa, alcuni critici temevano che l’autorità papale cominciasse ad apparire come un oggetto speciale che chi occupava l’ufficio poteva usare per innovare. Newman sottolineava che l’infallibilità papale era intimamente legata all’infallibilità della Chiesa nel suo complesso e che il potere era in gran parte negativo, costruito allo scopo di condannare l’errore. Certamente non per fare da apripista a nuove verità.

Ma è abbastanza chiaro in questi giorni che i più grandi fan di Papa Francesco vogliono che egli usi l’autorità papale per condannare i tradizionalisti morali, sociali e liturgici, e persino per rivedere o riformare in modo significativo l’insegnamento della Chiesa sulle questioni associate ai tradizionalisti morali e sociali: il divieto della Chiesa sulla contraccezione artificiale, la riserva del Santo Matrimonio a uomini e donne, la riserva dell’Ordine Sacro agli uomini. L’attuale capo della Congregazione per la Dottrina della Fede – l’ufficio che in passato assisteva i papi nella tutela dell’ortodossia – parla ora audacemente di “dottrina del Santo Padre”, come se gli entusiasmi morali personali di Papa Francesco fossero vincolanti per tutti i cristiani. A volte parlano anche del dovere dei cristiani nei confronti del “magistero attuale” della Chiesa, piuttosto che di quello “perenne”.

Ma devo avvertirli che questo sforzo è autolesionista. Una chiesa di oggi che pretende di svincolarci dalla chiesa di ieri è una chiesa che confessa la sua irrilevanza. Dopotutto, implica l’esistenza di una chiesa del futuro, che può e potrà essere qualsiasi cosa. L’ufficio del papato, fin dai tempi degli Apostoli, è stato incaricato di preservare e conservare, non di innovare. È per questo che i suoi occupanti erano soliti prestare giuramenti così agghiaccianti promettendo fedeltà a ciò che veniva loro consegnato. Il tentativo di usarlo per altri scopi non farà altro che danneggiare l’ufficio. In effetti, è proprio questo il risultato ottenuto da Papa Francesco. Il culto papale che ha continuato a crescere dal Concilio Vaticano I e ha raggiunto il suo apice sotto Giovanni Paolo II è crollato. E ha ancora molto da cadere.

Michael Branden Dougherty

 



 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments