Il prof. John Rao, da New York, mi ha segnalato questo suo stupendo articolo, pubblicato su The Remnant, che volentieri rilancio. La traduzione è a mia cura. 

 

Proteste-agricoltori
Proteste agricoltori

 

 

di John C. Rao

 

Gli storici che discutono del pensiero monarchico cristiano hanno da tempo individuato l’importanza del concetto dei “due corpi” del re. Uno di questi è il corpo letterale del monarca vivente; l’altro è il suo corpo nel senso di essere il nucleo fisico dell’ordine sociale e del bene comune che il re è responsabile di proteggere.

Il primo corpo muore; il secondo no, se si vuole che il popolo che ha servito sopravviva. Dal punto di vista cerimoniale, la realtà dei “due corpi” del re era simboleggiata dalla nenia suonata dai musicisti che elaborava il lutto per il sovrano defunto durante il suo funerale, che poi si trasformava in una marcia trionfale che celebrava la vita del nuovo monarca e il fatto che il bene comune avrebbe continuato a essere difeso. Il re, in questo secondo senso, non può mai morire.

Due “Re” – sotto forma di due sistemi imperiali la cui leadership era molto più assoluta di quella esercitata da un Luigi XIV del passato – sono morti nel corso della vita di molti di noi. Uno è morto negli anni tra il 1989 e il 1991, quando il blocco sovietico è crollato, inducendo molti in Occidente a celebrare il Nuovo Ordine Mondiale che sarebbe stato costruito ovunque sulla base del “vittorioso” modello imperiale americano. Sogno vano e mostruoso!

 

Sì, la Costituzione, i “tre rami” del governo federale e i cinquanta Stati esistono ancora. Tuttavia, sono tutti in subbuglio, le loro parole e decisioni ignorate, contestate e sputate, con gran parte della popolazione consapevole che i leader federali e di molti Stati sono assolutamente determinati a distruggerla.

 

Alexander Solzhenitsyn sapeva già prima della caduta dell’Impero d’Oriente che il sole stava rapidamente tramontando anche sulla sua controparte occidentale. E noi abbiamo vissuto per vedere la morte del secondo “Re”, il “Re” americano.

Sì, la Costituzione, insieme ai “tre rami” del governo federale e ai cinquanta Stati, sono ancora lì, proprio come Romolo Augustolo era ancora lì nel 476. Tuttavia, sono tutti in subbuglio, le loro parole e decisioni ignorate, contestate e sputate, con gran parte della popolazione consapevole che i leader federali e di molti Stati sono assolutamente determinati a distruggerla.

Sì, l’attuale amministrazione Biden è quanto di più arrogante, pomposo e arbitrario possa esistere nelle sue azioni, ma chiunque abbia occhi per vedere sa che essa, di per sé, non governa gli Stati Uniti. È una marionetta di barbari criminali che vanno dagli apparati di sicurezza agli ideologi internazionali e ai plutocrati, come lo erano gli ultimi imperatori romani d’Occidente nel loro complesso, con l’unica bizzarra eccezione che nella sua vecchiaia può ancora far esplodere l’intero globo.

 

Il “Re” americano è morto, ma come un cadavere che continua di riflesso a sballottarsi con un arto già deceduto, rimane in grado di scatenare senza cervello l’Armageddon.

 

Il “Re” americano è morto, ma come un cadavere che continua di riflesso a saltare fuori con un arto già deceduto, rimane in grado di scatenare senza cervello l’Armageddon.

I suprematisti bianchi non hanno ucciso questo Re. Ha ucciso se stesso ed è stato condannato a farlo fin dalla nascita. La morte non è stata ordinata dal suo apparato costituzionale in quanto tale che, come ogni forma di governo in un particolare momento storico, può funzionare molto bene ma anche perdere la sua capacità di farlo. La sua morte è stata voluta dalla vana convinzione che i soli documenti scritti potessero proteggere il “corpo del re” dal peccato originale e dalle astuzie del diavolo.

Ahimè, il destino del “Corpo Costituzionale del Re” è stato segnato dallo spirito che lo possiede: lo spirito dell’individualismo di John Locke e la visione del pluralismo che lo accompagna, che ha plasmato la musica che i suoi pifferai ideologici educativi e mediatici hanno suonato per tranquillizzarlo nel suo lungo viaggio “facile e piacevole” verso l’abisso in cui è ora caduto.

I lettori di Remnant che conoscono la mia posizione dovrebbero rendersi conto che non posso discutere brevemente di ciò che intendo per pluralismo e per la “fede americanista” con cui è stata storicamente promossa negli Stati Uniti; una fede che si è falsamente presentata come qualcosa di cristiano e di classico; “l’ultima, migliore speranza dell’umanità” (parola finale che, ironia della sorte, oggi vomiterebbe dalla bocca).

 

Significa l’affermazione del diritto al peccato originale come fondamento della vita individuale, sociale e politica; il servizio di Satana come “ultima, migliore speranza dell’umanità”.

 

È sufficiente dire quanto segue per far capire il punto che questo breve pezzo intende sottolineare. Come ha detto più volte il mio caro amico, il professor Danilo Castellano, quando gli è stato chiesto di descrivere il problema di John Locke: “Riduce tutto all’individuo e poi distrugge l’individuo”. Per Locke non esiste un vero corpo politico, ma solo individui. Questi individui sono guidati da esperienze sensuali. Il diritto naturale per lui si riduce a un solo diritto naturale: il diritto degli individui di crearsi come persone rispondendo a questi bisogni sensoriali.

Da qui la famosa affermazione del giudice Anthony Kennedy: “Al centro della libertà c’è il diritto di definire il proprio concetto di esistenza, di significato, di universo e del mistero della vita umana”. Il pluralismo è questo “diritto” in senso lato, presumibilmente per tutti, il cui prezzo da pagare è il rifiuto di ogni guida “divisiva” della società da parte di qualsiasi Rivelazione, Filosofia, insegnamento del Vero, del Buono, del Bello e dell’esempio storico che la persona sovrana, creandosi come uomo, donna o cosa, semplicemente non si sente di prendere sul serio.

Guardatevi intorno, amici. Chiunque abbia occhi per vedere può ora vedere appieno cosa questo significhi in pratica. Significa l’affermazione del diritto al peccato originale come fondamento della vita individuale, sociale e politica; il servizio di Satana come “ultima, migliore speranza dell’umanità”. Forse non è proprio l’espressione giusta da usare, data la malvagità generale del sistema, ma, per “aggiungere la beffa al danno”, lo spirito di Locke non potrebbe mai permettere a “tutti” di esercitare il proprio diritto all’autodannazione. È sempre stata una ricetta per il Trionfo della Volontà; una ricetta che permette alle volontà più forti di dominare sotto una “bella storia” riguardante il progresso della libertà attraverso la storia, progettata per convincere i più deboli tra noi a rinunciare a qualsiasi Fede e Ragione e alla Grazia per gioire del fatto che non siamo mai stati più liberi e felici da quando Adamo ha mangiato la mela. Locke e il pluralismo hanno sempre servito gli interessi di un’oligarchia e sono stati pensati per servire gli interessi di un’oligarchia.

 

Alcuni giorni fa, un apparentemente appassionato marxista ha riesumato la terminologia bolscevica per descrivere la rivolta degli agricoltori: Li ha chiamati “kulaki”, il termine con cui venivano indicati gli agricoltori più ricchi nella nascente Russia sovietica. I kulaki furono macellati. Gli agricoltori italiani dovrebbero essere macellati. Buona liberazione alla cattiva spazzatura produttiva. Lunga vita alla Creazione senza l’uomo, il sogno gnostico!

 

Da qui il sottotitolo del mio articolo: “Kulak state all’erta!”. Nel vuoto spirituale, intellettuale, storico e sociale lasciato dal pluralismo può manifestarsi letteralmente qualsiasi tirannia oligarchica, comprese quelle appena screditate, come il marxismo. Alcuni giorni fa, un appassionato di marxismo – uno dei nostri aspiranti oligarchi desiderosi di prendere il potere a causa della morte dei due “Corpi del Re”, scrivendo sul quotidiano italiano preferito da Papa Francesco, La Repubblica – ha resuscitato la terminologia bolscevica per annunciare il destino degli schiavi agricoli che si ribellano ai dettami dei “Padroni di Coloro che Sanno” per poter sopravvivere e mangiare qualcosa di diverso dalla farina di insetti nel Beatifico Paradiso Verde Europeo. Li ha chiamati “kulaki”, il termine che indicava i contadini più ricchi della nascente Russia sovietica. I kulaki furono macellati. I contadini d’Italia dovrebbero essere macellati. Che liberazione la spazzatura produttiva cattiva. Viva la Creazione senza l’uomo, il sogno gnostico!

Francamente, non credo che nessuna oligarchia marxista “ortodossa” tornerà al potere. Ciò che Satana ha ispirato tra i potenti della nostra élite globale che dettano ciò che i nostri Romulus Augustuli fanno è molto più diabolicamente nichilista che marxista. Invito coloro che desiderano capire cosa penso stia accadendo ad ascoltare il discorso che ho tenuto su questo tema alla Arlington Latin Mass Society lo scorso dicembre.

Il nostro pericolo è una complessa oligarchia criminale, il Trionfo della cui Volontà sta ora lavorando per eseguire i riti di sepoltura del “Corpo del Re” americano, la cui carne ha ricevuto l’ultimo pugnale dal 2021. Questa oligarchia criminale è criminalmente folle in un modo quadruplice: criminale dal punto di vista intellettuale nella sua follia baconiana, tecnologica, transumanista, postumanista, plutocratica e, per la verità, anche marxista; criminale nel senso normale di delinquenza ordinaria, ma a livello sovrumano per le sue ricchezze, il suo potere tecnologico e le sue insondabili perversioni sessuali; criminale nella sua distruzione sofistica di tutta l’istruzione e di tutte le fonti di informazione; criminale nel suo impegno a costruire intorno a noi una bruttezza che fa sembrare che non ci sia più speranza di vedere un’indicazione del Bello.

 

Il nostro pericolo è una complessa oligarchia criminale. Questa oligarchia criminale è criminalmente folle in un modo quadruplice: intellettualmente folle nella sua follia baconiana, tecnologica, transumanista, postumanista, plutocratica e, in verità, anche marxista.

 

Sempre più persone si stanno rendendo conto che questa oligarchia considera noi, che ci opponiamo a loro e ai loro organi nelle Nazioni Unite, nell’UE, nell’Amministrazione Biden, nell’OMS, nel WEF e nel loro emporio di Davos, come dei kulaki, tutti destinati all’epurazione e all’eliminazione; per la morte sul letamaio della storia.

Il “Corpo del Re” sovietico storico è morto nella forma che conoscevamo, con il marxismo che ritorna solo in una bizzarra unione con un megacapitalismo liberale naturalista altrettanto assurdo.

Anche il “Corpo del Re” storico americano è morto. Nulla lo riporterà indietro e non dovremmo desiderare il ritorno di questa “ultima, migliore speranza dell’umanità”, radicata nella trasformazione di carta bianca per il peccato originale nelle fondamenta dell’ordine politico. Possiamo cantare una nenia rispettosa per qualsiasi valore possa aver avuto accidentalmente, e obbedire accidentalmente ad essa come obbediamo ai prelati ogni volta che servono accidentalmente la Vera Fede.

Ma dov’è il Re per il quale possiamo trasformare la nenia in una marcia trionfale? Di certo non è l’oligarchia nichilista, globalista e criminale, che non ha alcun interesse a lavorare per il bene comune, non ha idea di dove trovarlo e lo esecrerebbe se lo facesse come un ostacolo al trionfo della sua volontà. Inoltre, i suoi membri si odiano l’un l’altro e alla fine si uccideranno l’un l’altro se non si suicideranno prima. Tuttavia, l’orrore che possono causare al resto di noi nel processo è terrificante.

Kulaki di tutto il mondo unitevi!

C’è ovviamente un solo Re il cui regno può e deve iniziare, e per la cui lunga vita dobbiamo fare il tifo – e sapere che durerà per sempre. L’orda criminale è fin troppo consapevole che i kulaki cominciano a stancarsi della loro nenia da Pifferaio Magico e che molti di loro, soprattutto tra i giovani, vogliono invece ascoltare la musica trionfale per questo unico possibile Re vivente. Da qui l’attenzione principale di tutta la loro rabbia verso di noi, i resti apparentemente indifesi dei servitori del Re che verrà: Cristo Re. Che i morti seppelliscano i morti. Che la vecchia nenia muoia. Obbedite a ciò che può essere obbedito, sperate in un cambiamento per l’interregno di novembre, vivete per la battaglia sotto la Vexilla regis, per quanto difficile possa essere.

Il Re è morto. Viva il Re! Viva Cristo Re!

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog hanno il solo scopo di alimentare un civile e amichevole confronto volto ad approfondire la realtà.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments