Pubblichiamo, nella nostra traduzione, un duro intervento dell’esperto generale Jacques Gillemain sulla guerra russo-ucraina. L’articolo è apparso su La Tribune Diplomatique Internationale

 

Caccia bombardiere

 

In questi tempi in cui la ragione sembra aver lasciato le cancellerie occidentali e le redazioni europee, in questi tempi in cui l’isteria di massa anti-Putin sembra prendere il posto di una profonda riflessione e di una inevitabile risposta politica, mi limiterò a ricordare alcune realtà che il mondo in delirio sembra aver dimenticate.

Non mettiamo troppo all’angolo l’orso russo, l’arrocco sull’Ucraina non vale un olocausto nucleare. È bene ricordare ai guerrafondai che giocano con il fuoco che se di fuoco si tratta, è il fuoco nucleare. Quando la pace sarà tornata e le menti si saranno calmate, gli storici analizzeranno questa guerra per definire oggettivamente le vere responsabilità. L’oltraggiosa demonizzazione di un nemico non fa parte della panoplia degli storici degni di questo nome. Nel frattempo, ecco alcuni promemoria.

Sono stati gli americani a rifiutare, nel 1990, che la Russia fosse ancorata all’Europa. Furono di nuovo gli americani a promettere a Gorbaciov che si sarebbe arrestata l’espansione della NATO.

Quando il Patto di Varsavia fu sciolto nel 1991, l’Occidente contava nella NATO 16 membri, la maggior parte europei. Vittoriosi nella Guerra Fredda, gli americani, invece di costruire la pace, integrarono 14 paesi dell’ex Unione Sovietica nell’Alleanza e installarono i loro missili ai confini della Russia, che non rappresentava più una minaccia per nessuno. Nel 2002, cinque paesi della NATO avevano ancora sul loro territorio armi nucleari statunitensi. Chi minaccia chi?

Dal 1990, NATO non è mai stata un’alleanza difensiva, ma al contrario uno strumento offensivo agli ordini di Washington per governare il mondo. La NATO è stata ancora l’aggressore in Serbia, Libia, Iraq, Siria, Afghanistan. Con i successi che conosciamo.

Nel 1999, la NATO bombardò la Serbia alleata di Mosca con una flotta di 800 aerei e spaccò il paese amputando la provincia del Kosovo, che divenne in seguito uno stato mafioso sede di tutti i traffici: esseri umani, armi, narcotici e organi. L’Occidente piange oggi per il destino dell’Ucraina ma applaudì il bombardamento della sfortunata Serbia, ingiustamente accusata di genocidio. Questi attacchi criminali contro un piccolo paese che non aveva aggredito nessuno sono durati 78 giorni. Gli aerei della NATO hanno effettuato 38.000 sortite, incappando in numerosi errori di bersaglio e provocando vittime civili.

Il recupero della Crimea da parte di Mosca è quindi solo il giusto ritorno del boomerang per l’indipendenza del Kosovo, imposto a Belgrado in totale violazione del diritto internazionale e a dispetto della Russia, ancora troppo debole per opporsi a questa ignominia. Quando Putin si rifiuta di vedere l’Ucraina diventare una base avanzata della NATO ai confini della Russia, è esattamente ciò che Kennedy rifiutò nel 1962 quando Krusciov voleva installare i suoi missili nucleari a Cuba.

No, non è stato Putin a seppellire gli accordi di Minsk. È stata l’Ucraina a non rispettarli rifiutandosi di concedere l’autonomia al Donbass filo-russo. L’Occidente geme per il destino dell’Ucraina, ma dal 2014 anche gli abitanti del Donbass sono stati sottoposti a continui bombardamenti ucraini senza che l’Europa o l’America ne fossero sconvolte. 13.000 morti in 8 anni.

Cosa progettava Zelensky, di far piangere tutte le cancellazioni occidentali? Cosa ne pensa Bernard-Henry Lévy, il campione della disinformazione a reti unificate? Il Reggimento Azov, che tortura i comandanti e i soldati vincitori, sconvolge la nostra grande battaglia per i diritti umani, o ci mostra soltanto vittime più degne di interesse di altre? L’intero Occidente vuole la pace, ma una ventina di paesi stanno armando l’Ucraina e alimentando le fiamme. Alcuni di loro vogliono persino consegnare aerei da combattimento! Follia. Le singole armi finiranno nelle mani dei gruppi mafiosi ucraini, e poi sulle tavole delle nostre periferie, come quelle dell’ex Jugoslavia.

Zelensky continua a gettare benzina sul fuoco e a chiedere un conto sempre più pesante per il popolo russo. Vuole che la Russia sia bandita dai porti e dagli aeroporti di tutto il mondo. Vuole vietarla a tutti gli organismi internazionali. È un guerrafondaio che la stampa europea elogia. Quello che vuole è un impegno da parte della NATO a rischio di una conflagrazione generalizzata. Il sostegno occidentale gli mette le ali spingendolo a continuare a mettere pressione all’Europa. L’Occidente gli dà dell’eroe, invece di reagire con rabbia gli mente aggravando la sofferenza del suo popolo, mentre lui se ne sta rintanato nel suo bunker.

Il nostro Zelensky non è un santo. Gestisce un paese corrotto. Il reggimento Azov è infatti un’unità nazificata, che l’Occidente si rifiuta di riconoscere come tale. Morale eterna a geometria variabile del gendarme del mondo. Annunciando brutalmente che l’Ucraina sarebbe stata la benvenuta nell’UE Ursula von der Leyen ha dimostrato, ancora una volta, la sua incompetenza e totale irresponsabilità, mentre Putin si oppone a questa adesione e qualsiasi integrazione nella NATO. Nulla di peggio per umiliare l’orso russo, nulla di più stupido e insensato! Non è la Thatcher che lo vuole! Zelensky ha colto al volo l’occasione, parlando davanti al Parlamento europeo per chiedere una procedura di adesione accelerata. Come se l’Europa dovesse integrarsi senza indugio uno Stato corrotto, in bancarotta e in mano a nazisti!

Nessuno sa come finirà questa guerra fratricida. Ma se l’Occidente avesse ascoltato le legittime richieste di Putin al fine di garantite la sicurezza della Russia, il mondo non sarebbe dove si trova. È tempo che gli europei non si comportino più come vassalli degli Stati Uniti, che hanno fatto di tutto per infiammare la regione e togliere le castagne dal fuoco in questo conflitto, senza sparare un solo colpo di fucile. Hanno fatto rivivere la NATO morente, hanno fatto rivivere la Guerra Fredda dopo 30 anni, hanno seppellito per sempre il grande progetto di una vasta Europa dall’Atlantico agli Urali tanto caro a de Gaulle. Adesso possono gioire. E gli ingenui europei applaudono in nome della pace e del diritto internazionale, mentre seminano odio attraverso la loro perenne abilità collaudata nelle sanzioni.

Quando sento Bruno Le Maire dichiarare di voler distruggere l’economia russa, facendo così precipitare il popolo russo nella miseria, mentre Putin vuole tagliare fuori solo la testa dello ucraino corrotto limitando il più possibile le vittime civili, mi dico che non è l’ospite del Cremlino che ha perso le staffe. Se gli hacker bloccano il suo ministero, non deve sorprendersi. Con i nostri 3 trilioni di dollari di debito, la nostra industria e la nostra agricoltura entrambe in ritirata, questo ministro della bancarotta dovrebbe essere più cauto. Desiderare il naufragio economico della Russia è criminale. Continuiamo a mettere all’angolo l’orso russo con sanzioni folli, e finalmente avremo la nostra guerra nucleare. Hiroshima al potere! Negli ultimi cinque giorni, l’Occidente ha scelto di intensificare lo scontro senza mai parlare di negoziare.

A torto, perché né la neonata Europa né gli Stati Uniti hanno i mezzi per impegnarsi in un vero confronto con la Russia, che è in prima linea in molti armamenti convenzionali. Pertanto, Putin andrà sino alla fine dei suoi obiettivi. Per 30 anni, l’Occidente ha ingannato e umiliato i russi. Quei giorni sono finiti, ora sarà un equilibrio di potere tra Mosca e l’Europa. Vincere la Guerra Fredda solo per tornare al punto di partenza 30 anni dopo è sicuramente il più clamoroso fallimento politico dal 1945. Grazie Zio Sam, grazie elìtes europee.

Tutta la pace in Europa deve essere ricostruita. E noi francesi stiamo lasciando la NATO. Non dobbiamo essere i delegati degli Stati Uniti nelle loro guerre di dominio. Con i russi, ci conosciamo bene, abbiamo una lunga storia comune. Ci apprezziamo e ci rispettiamo a vicenda. Abbiamo visto i cosacchi per le strade di Parigi, certo, ma chi altro se non la Grande Armata [l’esercito francese, ndr] è venuta in soccorso a Mosca? Nel 1942 fu creato una squadriglia di caccia FFL inglesi per combattere a fianco degli aviatori russi. Il gruppo Normandia-Niemen. Fu l’unica unità occidentale che combatté nell’Armata Rossa contro i tedeschi. Questa unità si distinse presto e conquistò la stima dei piloti russi in combattimento. Ancora oggi i russi portano fiori sulle tombe di quei piloti francesi sepolti laggiù. Alla fine della guerra, il comando russo lasciò che questi piloti pluridecorati tornassero in Francia con gli aerei su cui avevano combattuto. “La donazione al reggimento Normandia-Niemen di tutti gli aerei su cui avevano volato era una manifestazione della sincera amicizia tra i popoli francese e sovietico”, disse il maresciallo Alexander Novikov. Vorrei ricordare che sono stati loro che sono riusciti a vincere la guerra.

Hitler vide l’80% del suo esercito inghiottito nelle steppe russe. Senza il sacrificio del popolo russo, gli Alleati non abbandona mai stati in grado di sbarcare. Gli occidentali hanno la memoria corta. Pertanto, vedere oggi la Francia di Macron considerare i russi come nemici è infinitamente triste. Bruno Le Maire trasuda odio, urlando stupidamente con i lupi, senza la minima conoscenza del problema, della posta in gioco e dei rischi della guerra. Un’altra luce a Macronia.

Stressare la prima potenza nucleare principale del mondo facendola morire di fame, come auspicato da un ministro della Repubblica, non è solo una questione di innominabile stupidità, ma anche psichiatrica.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments