Un articolo di Kevin J. Jones sulle nuove frontiere della scienza delle biotecnologie nel campo della riproduzione artificiale. Violeranno i fondamenti umani?

Eccolo nella mia traduzione.

Foto ripresa da CNA: Ekaterina Georgievskaia/Shutterstock.

Foto ripresa da CNA: Ekaterina Georgievskaia/Shutterstock.

 

La riproduzione umana artificiale sembra essere all’orizzonte con l’annuncio da parte di scienziati giapponesi di aver creato uova umane immature da cellule staminali, ma la tecnica potrebbe avere la capacità di superare i limiti dell’etica e servire come una “profonda violazione” del matrimonio e dell’amore coniugale, ha avvertito un esperto di bioetica.

John Brehany, bioeticista cattolico e direttore delle relazioni istituzionali del National Catholic Bioethics Center, ha detto alla CNA che la ricerca sulle cellule staminali ha i suoi lati positivi.

Tale conoscenza e potere potrebbero essere utilizzati per buoni fini, ottenuti con mezzi etici. Ad esempio, gli scienziati potrebbero basarsi su questa sofisticata esperienza nella scienza delle cellule staminali per creare organi umani per i trapianti o per curare le principali malattie o lesioni“, ha detto.

Tuttavia, data l’importanza del desiderio umano per la procreazione, (e) la brama di potere, sembra probabile che gli scienziati cercheranno di usare questa tecnologia per impegnarsi in una riproduzione umana veramente artificiale“.

Lo sviluppo riportato è “la prova di un importante progresso nelle prodezze biotecnologiche” e mostra il potenziale per gli scienziati “per esercitare il controllo sui più fondamentali e complessi elementi costitutivi della biologia e della vita“, ha detto.

Il team di scienziati giapponesi ha utilizzato un metodo comune per trasformare le cellule del sangue umano adulto in cellule staminali pluripotenti indotte, che hanno la capacità di diventare altre cellule umane, riporta la National Public Radio (NPR). Hanno poi messo queste cellule in ovaie in miniatura create in laboratorio a partire da cellule embrionali di topo. Come riportato nella rivista Science, questo ha innescato la trasformazione delle cellule staminali umane in ovociti umani immaturi.

Gli scienziati hanno detto che il prossimo piano è quello di produrre ovuli umani maturi e sperma umano utilizzando questo metodo.

È l’inizio di un cambiamento di paradigma“, ha detto a NPR Kyle Orwig, professore del dipartimento di ostetricia, ginecologia e scienze riproduttive della University of Pittsburgh School of Medicine.

Brehany ha ritenuto corretto che la tecnica potrebbe cambiare il modo in cui gli esseri umani si riproducono.

“Questo sarebbe un cambiamento importante anche se praticato solo da un piccolo gruppo di individui. In linea di principio, questa sarebbe una profonda violazione del matrimonio e dell’amore coniugale“, ha detto.

La tecnica potrebbe essere una scelta per coloro che sono sterili, ha riferito NPR. Potrebbe permettere ai bambini di essere concepiti dalle cellule di bambini, nonne, defunti o cellule rubate a celebrità inconsapevoli. Si potrebbe fare della scansione del DNA di embrioni umani una pratica di routine.

Secondo Brehany, è importante notare che l’uso delle tecniche proposte per coppie o individui infertili non è una cura per l’infertilità, così come non lo è la maternità surrogata. “Piuttosto, permetterebbe alle persone di procreare con altri mezzi“, ha aggiunto.

Egli ha suggerito che le notizie sui nuovi sviluppi non riconoscono a sufficienza quanti embrioni umani verrebbero “uccisi in quanto scartati o sarebbero soggetti ad ulteriori aggressioni alla loro dignità al fine di essere fatti oggetto di test di laboratorio“.

Il bioeticista di Dartmouth Ronald Green ha detto a NPR che ci sono “alcune possibilità molto strane che stanno emergendo“, come i bambini concepiti usando cellule del sangue, dei capelli o cellule della pelle dei bambini, delle nonne o dei defunti. Celebrità inconsapevoli potrebbero avere le loro cellule rubate da una lattina di soda usata o ritagli di capelli al salone, da cui gli ovociti o gli spermatozoi potrebbero in teoria essere coltivati e utilizzati per concepire i bambini.

Una donna potrebbe voler avere il bambino da George Clooney“, ha detto Green. “E il suo parrucchiere potrebbe iniziare a vendere online i suoi follicoli piliferi. Così improvvisamente potremmo vedere molte, molte progenie di George Clooney senza il suo consenso“.

Hank Greeley, un bioeticista di Stanford, ha detto che produrre ovuli umani e sperma da cellule staminali “apre un numero enorme di possibilità per cambiare il modo in cui gli esseri umani si riproducono“.

Brehany ha detto che l’insegnamento cattolico sostiene che i “beni più grandi” delle persone umane, come il matrimonio, l’amore coniugale e la procreazione, devono essere “trattati con il massimo rispetto“.

Come rispettiamo tali beni è una questione di principio significativa”, ha detto. “Una volta che li abbiamo violati o abusati, allora è più difficile trattarli come meriterebbero, e gli impatti negativi sugli esseri umani innocenti sarebbero immensi“.

Brehany ha citato il documento Donum vitae del 1987 della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF), che critica la separazione del desiderio di procreare dall’atto coniugale tra coniugi sposati. Egli ha suggerito che tale violazione si traduce in un minore rispetto per “la dignità della persona umana così creata” e per la sua sofferenza “mentre lotta per conoscere la sua identità e dignità“.

Il documento CDF Dignitas personae del 2008 affronta anche questioni bioetiche legate alla vita umana e alla procreazione. Il documento affermava: “L’origine della vita umana ha il suo autentico contesto nel matrimonio e nella famiglia, dove è generata attraverso un atto che esprime l’amore reciproco tra un uomo e una donna…. la procreazione umana è un atto personale di un marito e una moglie, che non può essere sostituito“.

Pur riconoscendo la legittimità del desiderio di un figlio, ed esprimendo comprensione per la sofferenza delle coppie sterili, il documento aggiunge “tale desiderio, tuttavia, non deve prevalere sulla dignità di ogni vita umana fino al punto di una supremazia assoluta”.

 

Fonte: Catholic News Agency

 

Facebook Comments