Un dirigente scolastico condivide il prezzo che ha dovuto pagare per la sua esperienza di denuncia dei potenziali rischi e danni che si stavano facendo correre ai ragazzi a causa dei vaccini COVID e i lockdowns. Egli è stato ripetutamente diffamato e vittimizzato per aver espresso le sue preoccupazioni. Qui racconta la sua storia.

Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Mike Fairclough e pubblicato su Broken Custodians from UsForThem. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

 

Nei media si discute molto di libertà di parola e di censura. Di cosa ci è permesso parlare e chi ha l’autorità di metterci a tacere? Soprattutto dopo la pandemia – un periodo in cui è aumentata l’ansia per le conseguenze dell’esprimere le proprie opinioni o anche solo del porre domande sulla risposta del governo alla Covid – ma anche per questioni come l’educazione sessuale nelle scuole e le politiche identitarie, il blocco del dibattito ha creato una dannosa cultura di autocensura. È preoccupante che questo abbia influenzato molti adulti a mettere la propria autopreservazione davanti alle esigenze dei bambini.

In qualità di preside di una scuola media del Regno Unito e di genitore di quattro bambini, ho ritenuto mio dovere morale parlare delle mie preoccupazioni riguardo ai danni catastrofici che la politica sulla pandemia stava arrecando ai miei alunni – dalla chiusura delle scuole e l’apprendimento a distanza, alle mascherine, all’annullamento degli sport e della vita dei bambini, e poi naturalmente alla spinta a vaccinare i bambini contro la Covid.

Il mio approccio è sempre stato quello di soppesare i benefici di questi interventi rispetto ai rischi noti e alle bandiere di salvaguardia. Per quanto riguarda i vaccini Covid, la mia valutazione è stata semplicemente che non dovevamo applicare un intervento medico ai bambini a meno che non ci fosse un chiaro beneficio e una comprovata sicurezza – un punto di vista che fino al 2020 sarebbe stato visto non solo come una posizione ragionevole, coerente con l’etica medica, ma una posizione contro la quale discutere sarebbe stato considerato estremo. Era chiaro fin dall’inizio che per i bambini sani il rischio del virus era minimo e quindi il beneficio clinico del vaccino era minimo o nullo; inoltre, non c’erano, e non ci sono tuttora, dati sulla sicurezza a lungo termine.

Pertanto, in qualità di genitore e di insegnante, ritenevo onestamente che l’introduzione del vaccino per i bambini costituisse un problema potenzialmente serio di salvaguardia e che fossi obbligato, sia legalmente che moralmente, a esprimere le mie preoccupazioni al riguardo. Le persone che lavorano nel settore dell’istruzione sono obbligate a frequentare una formazione annuale sulla salvaguardia, che ci informa che dobbiamo segnalare tutte le preoccupazioni in materia di salvaguardia. In effetti, cercare di prevenire danni inutili ai bambini è un requisito legale della mia professione. Il professionista che chiude un occhio su un abuso è ritenuto ugualmente responsabile, anche se non lo fa direttamente. Il silenzio non è mai un’opzione.

Tuttavia, la mia esperienza di denunciatore di questi problemi di tutela – chiusure e mascherine, ma anche vaccini – è stata caratterizzata da attacchi incessanti e diffamazioni sia online che sulla stampa, dalla frequente errata etichettatura di “anti-vaxxer” e dai molteplici tentativi di mettermi a tacere.

Il mio datore di lavoro ha sostenuto tre indagini sulla mia condotta, in seguito a denunce di whistleblowing (cioè anonime, ndr) relative a opinioni da me espresse sulla salvaguardia dell’infanzia. In effetti, l’accusa più recente e infondata ha comportato che i denuncianti mi segnalassero al team di lotta all’estremismo del Ministero dell’Istruzione e all’Ofsted. I risultati di una richiesta FOI (accesso agli atti, ndr) rivelano che sono stato monitorato anche dalla Counter Disinformation Unit del Regno Unito.

Sebbene sia stato scagionato da qualsiasi illecito in tutte le occasioni, a seguito di indagini indipendenti, questi attacchi hanno inevitabilmente avuto il loro peso su di me. I miei diciannove anni di carriera come preside sono stati, fino a questo momento, un successo schiacciante. Il mio datore di lavoro, l’Ofsted e il DfE hanno sempre sostenuto le mie innovazioni educative e celebrato i risultati della scuola prima di questo momento. Tuttavia, ora sono percepito come un estremista e un piantagrane, nonostante sia stato scagionato dalle accuse radicali che mi sono state rivolte. Gli ex colleghi mi hanno anche detto che merito di essere punito e che non avrei mai dovuto parlare. Sembra che qualsiasi critica al governo in relazione alla sua risposta alla pandemia e ai suoi effetti sui bambini sia vista come una forma di blasfemia dai devoti seguaci del consenso ortodosso di Covid.

Alcuni di questi colleghi ritengono che io abbia sbagliato anche solo a mettere in discussione l’introduzione del vaccino per i bambini perché, mi dicono, i bambini dovevano essere vaccinati per proteggere gli adulti vulnerabili. Vado a dormire pensando a questa situazione, la sogno e poi mi sveglio al mattino preoccupandomi di nuovo. Di conseguenza, la mia salute ha sofferto in modi che non avevo mai sperimentato prima. Ho perso peso, ho un costante nodo alla bocca dello stomaco e mi sento spesso agitato e giù di morale. Anche le mie relazioni personali ne hanno risentito e mi sembra che ogni aspetto della mia vita ne abbia risentito. Tutto questo perché ho fatto il mio lavoro, denunciando le mie preoccupazioni per la salvaguardia dei bambini affidati alle mie cure. È una cosa che dovrei essere protetto per averla fatta, non attaccato, a patto che abbia agito in buona fede. Non mi pento di aver parlato, ma non voglio fingere che sia stato facile.

Lungo il percorso ho ricevuto il sostegno di molte persone, tra cui colleghi presidi e altri colleghi della mia professione, anche se quasi sempre in messaggi privati e sussurri segreti. Queste persone mi hanno ringraziato per aver espresso le mie opinioni, ma mi hanno detto che avevano troppa paura di parlare in prima persona. A volte hanno indicato negli attacchi che ho subito la ragione del loro silenzio. Sono stato grato per il loro incoraggiamento, ma ritengo che ora sia importante per tutti trovare la propria voce. Se notiamo un problema di tutela della salute e del benessere dei bambini, abbiamo l’obbligo morale di segnalarlo. Sottolineo ancora una volta che è anche un dovere legale all’interno della professione educativa farlo.

All’ombra di questa pandemia, credo che tutti noi dobbiamo essere in grado di parlare e di far sentire la nostra voce, piuttosto che lasciare che siano gli altri a combattere per noi. Questa necessità è più urgente che nel contesto della tutela dei bambini.

Come educatore di professione, credo fermamente nell’importanza del pensiero critico e della libertà di parola. Sfido le ortodossie quando le incontro e poi condivido pubblicamente i miei pensieri, stando sempre attento a mantenere il rispetto per le opinioni diverse degli altri e cercando di rimanere sempre aperto a cambiare le mie opinioni.

Non credo che questa sia un’idea nuova: educatori e pensatori hanno adottato questo approccio alla vita per millenni, con filosofi come Socrate che hanno utilizzato questo metodo di pensiero e comunicazione fin dai tempi dell’antica Grecia. Eppure, anche se ci piace pensare di vivere in una democrazia liberale avanzata e progressista, oggi scopriamo che sfidare le ortodossie è diventato uno dei più grandi tabù. Il pensiero critico è spesso assegnato al regno dei teorici della cospirazione e sottolineare l’ovvio può diventare un reato punibile con sanzioni comminate sia da autorità zelanti sia dai nostri concittadini.

Sono sempre più numerose le persone che oggi affermano di essersi opposte a molte delle risposte del governo alla pandemia, ma di non aver reso pubbliche le loro opinioni all’epoca. Persone che hanno riconosciuto i potenziali danni causati dai lockdowns, dalle mascherine o dall’obbligo di vaccino, ma che sono rimaste in silenzio. La minoranza che ha parlato apertamente delle proprie preoccupazioni è stata spesso attaccata, il che senza dubbio ha contribuito all’autocensura di altri. Ma se un maggior numero di persone avesse espresso pubblicamente le proprie preoccupazioni, sono sicuro che avremmo potuto prevenire collettivamente almeno alcuni dei danni inutili che si sono scatenati su di noi e sui nostri figli.

Ecco perché è così importante creare un panorama culturale in cui le diverse opinioni possano essere espresse liberamente. E credo che ognuno di noi abbia un ruolo importante da svolgere in questo senso. Dicendo la nostra verità su argomenti controversi o sensibili e ponendo fine a questa cultura di autocensura e paura. Se non lo facciamo, rischiamo di ripetere gli errori degli ultimi anni. Guardare in silenzio i danni che avvengono intorno a noi invece di alzarci e dire la nostra verità. Il pensiero critico e la libertà di parola non sono pericolosi. Sono ciò su cui si fondano le società libere e democratiche. Combattete per essi e loro – e noi – prospereranno. Se lasciamo fare ad altri, rischiamo di perdere per sempre le nostre libertà civiche conquistate con fatica: un futuro per i nostri figli che nessuno di noi vuole vedere.

Mike Fairclough

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments