Catholic Vote (CV) è un’organizzazione americana di laici cattolici, la cui missione, come indicato nel proprio sito è: “Ispirare ogni cattolico in America a vivere le verità della nostra fede nella vita pubblica”.

Il presidente di CV, Brian Burch, ha commentato gli atti di violenza compiuti al Campidoglio degli Stati Uniti lo scorso 6 gennaio nell’articolo, che riportiamo di seguito nella nostra traduzione.

Il suo discorso si conclude con un encomiabile invito alla preghiera perché la pace e la giustizia prevalgano. Purtroppo però pace e giustizia possono trionfare solo nella Verità. Quella Verità che il popolo americano merita di conoscere.

 

Disordini a Washington - Todd Heisler/The New York Times
Disordini a Washington – Todd Heisler/The New York Times

 

Il presidente CV Brian Burch ha rilasciato la seguente dichiarazione in risposta alle violenze verificatesi oggi al Campidoglio degli Stati Uniti dopo il raduno con il presidente Trump:

Non ci sono scuse per le violenze che hanno avuto luogo mercoledì pomeriggio nel Campidoglio degli Stati Uniti.  La violenza è sia controproducente che moralmente riprovevole. Ogni persona responsabile di violazione di domicilio, vandalismo, furto o violenza dovrebbe essere perseguita.  Gli americani meritano di sapere chi sono stati gli istigatori di questa vergognosa bravata, e i responsabili dovrebbero essere consegnati alla giustizia.

Perché è successo tutto questo? Qualsiasi osservatore onesto sa che questi eventi sono il risultato di molteplici cause, tra cui le frustrazioni dei cittadini privati della libertà e dei mezzi di sussistenza durante la pandemia in corso, la diffusa scusa della violenza commessa in tutta l’America da bande antifa, le continue preoccupazioni per le irregolarità elettorali e, sì, a volte, la retorica pubblica del Presidente degli Stati Uniti. 

Il presidente Trump ha tutto il diritto di chiedere risposte alle numerose irregolarità elettorali irrisolte.  Ci siamo uniti a lui in queste richieste. Allo stesso modo ha la responsabilità di perseguire la giustizia in un modo che non porti all’illegalità. 

Anche i media, insieme a molti dei nostri leader politici, hanno la responsabilità degli eventi di oggi.  Purtroppo, la scusa della violenza della mafia antifa negli ultimi 8 mesi ha inviato il messaggio inequivocabile che se non si è soddisfatti di una specifica questione politica o sociale, la risposta è la violenza e il caos.  I politici hanno ignorato la violenza diffusa che comprendeva aggressioni a persone innocenti, vandalismo, furti, saccheggi, incendi e distruzione di città americane.  Anche Joe Biden ha notoriamente evitato le domande sull’antifa, definendo il movimento anarchico “un’idea“.  Il Campidoglio è davvero la “casa del popolo“.  Ma non meno importanti sono le imprese, le case e la sicurezza degli americani innocenti.

Considerate anche la scusa delle rivolte per protestare contro le accuse di brutalità della polizia da parte dell’importante media di sinistra Vox.  Uno di questi articoli si intitolava “Le rivolte sono distruttive, pericolose e spaventose – ma possono portare a serie riforme sociali – Per prevenire rivolte e proteste più violente, dobbiamo prendere sul serio le loro cause“.  L’articolo sostiene che “riconoscere la rabbia persistente e i sentimenti di negligenza che hanno portato alle rivolte come veri e propri punti di vista politici è importante...”.

E chi può dimenticare Chris Cuomo della CNN, che notoriamente ha rimproverato i critici della violenza mafiosa dicendo: “Troppi vedono le proteste come il problema.  No, il problema è quello che ha costretto i tuoi concittadini a scendere in strada.  Le ingiustizie e le ingiustizie persistenti e velenose.  Per favore… mostrami dove dice che le proteste devono essere educate e pacifiche“.

Vale anche la pena di notare che la violenza e la violazione della legge nel perseguimento di cause politiche sono in aumento.  Ricordiamo la sparatoria del deputato repubblicano Steve Scalise nel 2017, o gli attivisti di sinistra che hanno preso d’assalto gli uffici del Campidoglio e del Senato nel 2018 per opporsi alla conferma del giudice Kavanaugh, che ha portato a centinaia di arresti, o le folle che hanno minacciato la Casa Bianca quest’estate costringendo i servizi segreti a portare il Presidente in un bunker di sicurezza, per poi essere derisi dai media il giorno dopo.

Questi esempi non giustificano in alcun modo le violenze verificatesi in Campidoglio mercoledì.  Ma il vergognoso doppio standard ha contribuito in modo significativo a ciò a cui abbiamo assistito mercoledì pomeriggio.

Infine, come previsto, sono in corso sforzi per incastrare qualsiasi persona, organizzazione o causa che abbia sostenuto il presidente Trump come responsabile della violenza.  Catholic Vote è orgoglioso del nostro lavoro degli ultimi quattro anni a sostegno delle politiche del presidente Trump, in particolare della sua difesa della libertà religiosa, della santità della vita, delle scuole cattoliche, delle nomine giudiziarie e della sua attenzione nel dare priorità al lavoratore americano, ai nostri ideali e ai nostri valori.  Abbiamo sostenuto con orgoglio la sua rielezione e non ci scuseremo in alcun modo per questo lavoro o per le cause che abbiamo condiviso.  Gli spericolati tentativi di attaccare la vergognosa violenza nel Campidoglio degli Stati Uniti ai milioni di americani patriottici che hanno sostenuto la sua politica o la sua candidatura servono solo ad infiammare le divisioni che devono essere sanate

Preghiamo affinché la pace e la giustizia prevalgano.

6 gennaio 2021

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1