Nei giorni scorsi il vescovo Bätzing, presidente della Conferenza episcopale tedesca, ha rilasciato un’ampia intervista ad una radio tedesca in cui ha parlato di alcuni scottanti temi che il “percorso sinodale” della Chiesa locale della Germania sta affrontando. Ve ne parliamo traendo le notizie da due diversi articoli usciti per LifeSiteNews e The Catholic Herald.

 

mons. Georg Bätzing, presidente della Congerenza Episcopale Tedesca

mons. Georg Bätzing, presidente della Congerenza Episcopale Tedesca

 

di Annarosa Rossetto

 

In un’intervista con WDR5 – una emittente radio tedesca – il 9 marzo, il vescovo Bätzing, neoelètto presidente della Conferenza Episcopale Tedesca, ha risposto a domande sul ruolo e sul futuro delle donne nella Chiesa. Ha detto che se il “percorso sinodale” in corso in Germania richiederà l’ordinazione delle donne al diaconato, Roma dovrebbe concedere un indulto per consentire ai vescovi tedeschi di ordinare le donne. In tal caso, ha affermato, sarebbe importante che l’assemblea sinodale chieda il cambiamento con “una voce molto forte”.

“Qui è necessario un atteggiamento molto forte”, ha spiegato. “E sarebbe più forte se verrà formulato congiuntamente dal popolo di Dio, ben rappresentato in questa assemblea sinodale, di vescovi e laici. Così avrebbe più peso.”

“E se questo verrà deciso, sono pronto a sostenerlo, e come membro del comitato direttivo sono persino obbligato a riportarlo a Roma”, ha affermato il vescovo del Limburgo.

In questa intervista poco dopo la sua elezione della scorsa settimana, ha affermato che il ruolo delle donne “è la questione più urgente che abbiamo riguardo al futuro” della Chiesa. “È in questo campo che la Chiesa è davvero in ritardo. Non possiamo più aspettare. Le donne devono avere pari diritti”, ha affermato il vescovo durante il programma radiofonico.

Bätzing ha anche affermato che Papa Francesco “non ha preso posizione” sulla possibilità di ordinare donne al diaconato, su cui il Sinodo dell’Amazzonia dell’anno scorso ha chiesto ulteriori considerazioni, e che l’argomento era ancora aperto.

L’intervista del lunedì del vescovo è coincisa con la Giornata Internazionale della Donna. In Germania la giornata è stata contrassegnata da manifestazioni all’esterno di chiese e cattedrali cattoliche da parte di organizzazioni che chiedevano una partecipazione “equa” delle donne alla vita della Chiesa attraverso l’ordinazione sacramentale a tutti i ranghi del clero. A Colonia circa 700 manifestanti, guidate dal gruppo Maria 2.0, hanno protestato contro l’insegnamento della Chiesa sull’ordinazione sacerdotale riservata ai soli uomini e hanno chiesto la fine del celibato clericale.

A mons. Bätzing è stato chiesto un parere sulla proposta del professore tedesco di Diritto Canonico Bernhard Sven Anuth che a novembre 2019 aveva detto a Zwei Köpfe (sito di informazione online tedesco, ndt) che i vescovi tedeschi avrebbero dovuto chiedere al papa il permesso di avere “diaconi” donne.

“Non serve nemmeno cambiare la legge canonica per tutta la Chiesa, ma il Papa potrebbe creare un’eccezione per l’area di una conferenza episcopale”,  aveva sostenuto Anuth.

Egli ha spiegato che questa idea non è una novità. “Questa proposta è stata fatta dai Canonisti americani a metà degli anni ’90, ed è sul tavolo da 25 anni. Il sinodo di Würzburg si era già pronunciato a suo favore negli anni ’70”, ha affermato l’Avvocato Canonico. “E il cardinale Lehmann, negli ultimi anni della sua vita, ha fatto riferimento a questo voto e ha detto che i vescovi tedeschi dovrebbero tornare ad esso”.

Papa Giovanni Paolo II ha dichiarato nella sua lettera apostolica Ordinatio Sacerdotalis del 1994 che è ontologicamente impossibile per le donne essere “ordinate”.

Anuth affermava che il primo stadio del sacramento dell’Ordine Sacro, il diaconato, non è influenzato da un divieto nei confronti di donne sacerdote.

“Benedetto XVI ha modificato specificamente il Codice di Diritto Canonico per chiarire che i diaconi non rappresentano Cristo quale Capo della Chiesa – cosa che fino ad allora era sempre stato un argomento fondamentale contro le donne diacono. Ciò è stato cambiato nel Catechismo nel 1997 e nel 2010 nel Diritto  Canonico”, aveva spiegato Anuth.

Aveva poi aggiunto: “Solo dopo la sua ordinazione al sacerdozio un uomo può rappresentare Cristo come capo della Chiesa. E con ciò, secondo me, è stata abbandonata una discussione teologica contro i diaconi femminili ”.

L’ex capo della Congregazione per la Dottrina della Fede, il cardinale Gerhard Müller, ha detto cose molto diverse in un’intervista del 2002. All’epoca Müller non era ancora un vescovo, ma professore di teologia dogmatica a Monaco.

Müller ha spiegato che il sacramento dell’Ordine Santo è uno, “come il pieno esercizio nello Spirito Santo della missione, unico nella sua origine, degli apostoli di Cristo, esercitato nella sua pienezza dal vescovo. Secondo il suo grado di specificità, la partecipazione differenziata in esso è chiamata presbiterato o diaconato. ”

A causa dell’unità del sacramento, queste tre fasi di partecipazione non possono essere separate l’una dall’altra. Quindi,  aveva spiegato Müller, “sarebbe una vera discriminazione per la donna, se fosse considerata adatta al diaconato, ma non al sacerdozio o all’episcopato”.

“La Chiesa non ordina le donne, non perché mancano di qualche dono spirituale o talento naturale, ma perché – come nel sacramento del matrimonio – la differenza sessuale e la relazione tra uomo e donna contiene in sé un simbolismo che presenta e rappresenta in sé una condizione preliminare per esprimere la dimensione salvifica della relazione di Cristo e della Chiesa ”, ha continuato Müller.

Aveva sottolineato che nemmeno il Papa ha il potere di cambiare l’insegnamento della Chiesa sull’oridinazione di “diaconi” donne.

“Tenendo presente la fede della Chiesa, che si esprime nella sua pratica dogmatica e liturgica, è del tutto impossibile per il Papa intervenire nella sostanza dei sacramenti, a cui essenzialmente la questione del soggetto che può leggittimamente ricevere il sacramento degli Ordini appartiene.”

In passato, Bätzing ha sostenuto posizioni che chiedono una revisione della disciplina della Chiesa sull’Eucaristia, ma ha insistito sul fatto che qualsiasi deviazione dalla pratica universale richiede l’approvazione romana.

Nel settembre 2019, Bätzing ha presieduto un gruppo di lavoro ecumenico di teologi cattolici e protestanti che ha prodotto un documento, intitolato “Insieme alla tavola del Signore”, che ha concluso che “la partecipazione reciproca alla celebrazione della Cena / Eucaristia del Signore è teologicamente giustificata “.

Al momento della pubblicazione del documento, Bätzing ha spiegato di essersi unito al gruppo alla fine del processo e inizialmente si è chiesto “se essere d’accordo o no”.

“Ma devo dire che la giustificazione teologica in questo documento di base è così chiara per me che non ho voluto e non ho potuto evitarlo.”

Nella Chiesa cattolica, solo i cattolici battezzati in stato di grazia possono ricevere la Comunione. Il Codice di Diritto Canonico delinea circostanze molto strette in cui i non cattolici possono essere ammessi alla Comunione. Nonostante vescovi di diversi paesi del nord Europa abbiano ripetutamente chiesto l’intercomunione eucaristica, questa è stata sempre respinta da Roma.

Riconoscendo ciò al momento della pubblicazione del rapporto, Bätzing disse che la sua certezza sulla questione non significava che egli fosse libero di modificare la disciplina sacramentale.

“Ora la discussione teologica deve essere portata al livello dell’ricezione dottrinale, cioè un’accettazione da parte del Magistero della Chiesa cattolica. E questo processo è in sospeso”, ha detto.

A conclusione del processo sinodale, tutte le varie proposte  – compresa quella della ZdK (Comitato Centrale dei Cattolici) di ordinare donne e benedire le unioni dello stesso sesso –  saranno sottoposte all’assemblea per un voto, con la partecipazione egualitaria di vescovi e laici

 

Facebook Comments
image_print
1