Il Presidente del Messico, populista e di sinistra, ha detto che i leader che impongono misure di blocco alla loro popolazione per combattere COVID-19 sono come dittatori che lasciano trasparire il loro “istinto autoritario”.

Un articolo scritto da Anthony Murdoch, pubblicato su Lifesitenews, nella mia traduzione. 

 

Andres-Manuel-Lopez-Obrador-Photo-AP-Marco-Ugarte
Andres Manuel Lopez Obrador Photo AP Marco Ugarte

 

Il Presidente del Messico, populista e di sinistra, ha detto che i leader che impongono misure di blocco alla loro popolazione per combattere COVID-19 sono come dittatori che lasciano trasparire il loro “istinto autoritario”.

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha fatto i commenti il 2 dicembre dopo che gli è stato chiesto perché raramente si vede che indossa una mascherina facciale.

Secondo un articolo dell’AP sui suoi commenti, Obrador ha detto che le misure adottate dai governi che limitano la loro libertà di movimento sono “di moda tra le autorità … che vogliono dimostrare di avere la mano pesante, la dittatura”.

“Molti di loro stanno lasciando che il loro istinto autoritario mostri…… la cosa fondamentale è garantire la libertà”.

Non è chiaro se i commenti del presidente messicano fossero diretti ai governi degli stati locali in Messico o ai governi di tutto il mondo.

Tuttavia, le osservazioni di dicembre di Obrador non sono state la prima volta che si è pronunciato contro gli arresti imposti dal governo in nome della lotta contro COVID-19.

In ottobre ha criticato duramente i leader di molti Paesi europei per un secondo lockdown, dicendo di no alle “misure coercitive” e che i lockdown mostrano “una spinta autoritaria da parte delle autorità, del governo, con tutto il dovuto rispetto, da parte di chi opta per questo”.

“Nemmeno nei suoi momenti peggiori l’Europa ha avuto questi coprifuoco e tutte queste misure”, ha aggiunto Obrador.

Obrador ha resistito alle richieste della sua nazione di adottare misure di lockdown a livello nazionale e dall’inizio della pandemia è stato visto raramente indossare una maschera.

Il 2 dicembre ha ribadito che l’uso della maschera dovrebbe essere volontario.

“Tutti sono liberi. Chi vuole indossare una maschera e sentirsi più sicuro è il benvenuto a farlo”, ha detto Obrador.

Alcuni stati del Messico hanno introdotto l’obbligo di indossare la maschera e hanno ordinato la chiusura di alcune imprese, anche quelle con governi a guida conservatrice come Nuevo León e Tamaulipas.

Obrador ha recentemente suggerito ai suoi cittadini di prendere in considerazione la possibilità di evitare lo scambio di regali a Natale, ma ha detto che non avrebbe imposto un lockdown nazionale a causa della crisi della COVID-19.

“Lasciamo i regali di Natale per un’altra volta”, ha detto Obrador all’inizio di dicembre.

Il Messico, con una popolazione di circa 126 milioni di persone, ha visto circa 1,15 milioni di casi di COVID-19 con quasi 110.000 morti attribuite al virus. I test per COVID-19 non sono così diffusi o incoraggiati come negli Stati Uniti o in Canada.

Nonostante Obrador sembri essere un paladino della libertà per il suo popolo, il Messico ha appena approvato una nuova legge generale sulla popolazione, conl’obiettivo di creare una nuova “Carta d’identità digitale unica” per i suoi cittadini.

A novembre, Obrador ha detto che il Messico “non può agire in modo avventato” nel congratularsi con Joe Biden come “potenziale” vincitore delle elezioni presidenziali del 2020 negli Stati Uniti fino a quando non saranno pubblicati i risultati ufficiali.

Nonostante ciò, pochi giorni fa Obrador ha inviato una lettera a Biden per congratularsi con lui per il suo “trionfo”.

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1