Di seguito vi propongo un articolo scritto da George Weigel e pubblicato su First Thing. Eccolo nella mia traduzione.

 

Vincenzo Paglia
Vincenzo Paglia

 

Chiunque abbia lavorato a Washington per più di quarant’anni, come me, non può immaginare Joseph Robinette Biden Jr. come uno dei coltelli più affilati del cassetto. Anche a distanza di trentuno anni, il suo tentativo di istruire il futuro giudice Clarence Thomas sulla teoria del diritto naturale durante le udienze di conferma di Thomas fa ancora rabbrividire. Si è autodistrutto in diverse campagne presidenziali a causa di gaffe verbali (e plagi). Qualsiasi commento onesto sul suo successo nella conquista della nomination democratica del 2020 ammetterà che è stato più o meno consacrato per il timore che Bernie Sanders, il socialista del Vermont in luna di miele nella Mosca della Guerra Fredda, avrebbe portato il partito verso il precipizio.

Oggi, per chiunque abbia una minima conoscenza della medicina geriatrica, è ovvio che Biden è cognitivamente compromesso. Quindi, gli oneri dell’età sono stati sovrapposti all’incapacità intellettuale, con la solita spacconeria di Biden che è diventata una copertura sottile come un velo per la disfunzione, l’indiscrezione e un’espressione scorretta dopo l’altra. Alla luce di queste realtà, gli esperti di etica possono discutere sul grado di colpevolezza morale di Biden per la sua incessante politica a favore dell’aborto, che si è intensificata da quando, lo scorso giugno, la Corte Suprema ha giustamente consegnato la causa Roe contro Wade al cestino della storia della giurisprudenza. Obiettivamente, però, Biden è diventato non solo un imbarazzo per la Chiesa, ma anche una controtestimonianza del Vangelo che la Chiesa proclama.

Avvertendo, insieme ad altri democratici, che i venti politici stavano soffiando in una direzione sfavorevole mentre le elezioni di midterm del 2022 entravano nell’ultimo giro, l’uomo che sfacciatamente grida che infilerà il suo rosario in gola a chiunque metta in dubbio la sua bona fides cattolica ha annunciato che il suo primo atto, se i democratici dovessero controllare sia la Camera che il Senato a partire dal gennaio 2023, sarebbe quello di “codificare” legislativamente la sentenza Roe contro Wade. In realtà, ciò che Biden e i suoi partigiani propongono è l’assalto più draconiano al diritto alla vita che si possa immaginare: una licenza di aborto a livello nazionale che, in nome di non meglio precisate minacce alla “salute” materna, legalizzerebbe lo smembramento di un bambino non ancora nato fino alla nascita. Il disegno di legge proposto da Biden e dai Democratici lascia la definizione di “salute” così vaga da consentire l’ultimo aborto tardivo, in caso di problemi di “salute mentale” che potrebbero essere praticamente tutto e il contrario di tutto.

Promuovendo una licenza di uccidere praticamente illimitata, Biden si è dichiarato fuori dalla piena comunione della Chiesa. I sacerdoti e gli altri che hanno detto a quest’uomo superficiale e mal catechizzato che la sua posizione sull’aborto può essere conciliata con l’essere in piena comunione con la Chiesa cattolica possono portare il peso maggiore della responsabilità morale – così come i vescovi chiamati a esercitare la cura pastorale per l’anima del signor Biden. Ma non c’è dubbio che, oggettivamente, il presidente Biden si è messo in una posizione di comunione ridotta e difettosa con la Chiesa che ama. Il peccato di tutto questo è che ciò che ama non lo conosce. E l’amore senza conoscenza è solo sentimento.

Poi c’è l’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita. Un tempo eravamo, immagino, amici. A metà degli anni ’90, abbiamo lavorato con il defunto cardinale William Keeler per far erigere un monumento al cardinale di Baltimora James Gibbons nella Basilica di Santa Maria in Trastevere, di cui l’allora mons. Paglia era rettore. Nel 1887, il cardinale Gibbons tenne un sermone in quella venerabile basilica, che era appena diventata la sua chiesa romana “titolare”, che anticipava l’insegnamento del Concilio Vaticano II su Chiesa e Stato. Keeler e io pensavamo che quel momento dovesse essere commemorato e Paglia non avrebbe potuto essere più utile nel portare avanti il progetto, suggerendo persino di affiancare al monumento a Gibbons, nel santuario della basilica, un monumento a un altro grande difensore della libertà religiosa, il cardinale polacco Stefan Wyszyński, ora beatificato.

Ma questo era il passato e questo è il presente. E l’arcivescovo, che ha presieduto alla decostruzione della Pontificia Accademia della Vita così come l’aveva creata Papa Giovanni Paolo II, non è l’uomo che conoscevo circa tre decenni fa. Così, l’arcivescovo Paglia ha recentemente acconsentito alla nomina della professoressa Mariana Mazzucato, un’economista favorevole all’aborto, come membro della Pontificia Accademia, in nome di un “fruttuoso dialogo interdisciplinare, interculturale e interreligioso”.

Si tratta di un’assurdità molto superficiale, e addirittura ambigua. Vogliamo ora avere eretici che negano la divinità di Cristo nominati membri del Dicastero per la Dottrina della Fede, in nome del “dialogo”? O antisemiti chiamati a ricoprire incarichi ufficiali in Vaticano in nome di un “dialogo” sull’ebraismo?

La mortificazione della Chiesa continua. Alla fine ci rafforzerà nella verità. Ma è comunque una mortificazione.

George Weigel

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments