Propongo alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da John Daniel Davidson, pubblicato su The Federalist. Eccolo nella mia traduzione. 

 

John Daniel Davidson sospeso da Twitter

 

Durante il fine settimana, Twitter mi ha bloccato dal mio account per aver affermato il fatto ovvio che Rachel Levine, l’assistente segretario per la salute degli Stati Uniti, è un uomo. La stampa aziendale, Big Tech, e anche il governo degli Stati Uniti si riferiscono tutti a Levine, 64 anni, come una “donna trans”. Ma questo significa solo che si veste e si presenta come una donna, e chiede al resto del mondo di assecondarlo in quello che equivale nel migliore dei casi a un volo di fantasia, e nel peggiore a un pericoloso delirio. E per la maggior dei casi, il mondo obbliga.

Ma non c’è modo di aggirare il fatto ostinato della virilità di Levine. Ha vissuto i primi 54 anni della sua vita come un uomo, ha generato due figli con la moglie di 25 anni, e ha deciso di “transitare” solo una decina di anni fa. Twitter mi ha detto che sbloccherà il mio account se cancello il mio tweet offensivo, ma non ho intenzione di farlo. Rachel Levine è un uomo, sarà sempre un uomo, e mi rifiuto di fingere che non lo sia.

Non sono il primo commentatore ad essere bloccato da Twitter per aver fatto notare questo. Infatti, il mio tweet offensivo era semplicemente il collegamento a una rubrica che ho scritto la scorsa settimana che dettagliava come Twitter avesse bloccato The Babylon Bee, il suo Editor in Chief Kyle Mann, il suo fondatore Adam Ford, e Charlie Kirk di Turning Point USA, tutti coloro che si sono scontrati con i termini di servizio di Twitter per aver detto che Levine è un uomo. (In realtà, Mann è stato bloccato per aver scherzato, in risposta all’account dell’Ape che veniva bloccato, “Forse ci lasceranno rientrare nel nostro account Twitter @TheBabylonBee se buttiamo qualche migliaio di uiguri in un campo di concentramento”. Ma avete capito il punto).

Nel mondo di Twitter, dire che Levine è un uomo equivale a “condotta odiosa”. Come si può ben immaginare, la politica di condotta odiosa di Twitter è piuttosto ampia. Non si limita a proibire cose ovvie come minacce violente o molestie, o invocare danni a specifici gruppi di persone. Include anche “misgendering mirato o deadnaming di individui transgender”.

Il deadnaming è quando si usa il nome di una persona. Per esempio, prima della “transizione” di Rachel Levine, il suo nome era Richard. Misgendering è quando si dice che una donna trans è in realtà un uomo, o un uomo trans è in realtà una donna.

Le regole di Twitter hanno tagliato ogni connessione con la realtà e abbandonato ogni senso di compassione. È davvero “odioso” insistere che Levine sia un uomo? Niente affatto. In effetti, è molto più compassionevole che assecondare il suo delirio di essere davvero una donna.

Considerate qualsiasi altra illusione o malattia mentale. Se si dovesse dire a una donna che soffre di anoressia che è davvero in sovrappeso, e che dovrebbe davvero continuare a morire di fame, sarebbe crudele, persino odioso. La persona compassionevole le direbbe la verità e cercherebbe di procurarle l’aiuto di cui ha bisogno per liberarsi dalla sua pericolosa illusione. Anche tu non dovresti essere particolarmente compassionevole. Dovresti semplicemente capire che se la donna anoressica non riceve aiuto, morirà.

Così anche con le persone trans, che allo stesso modo soffrono di un’illusione pericolosa. Qualunque cosa dolorosa sia accaduta nella vita di Levine che lo ha portato alla conclusione di essere una donna, ha bisogno di aiuto. E ha bisogno che la gente gli dica la verità. Questo è ciò che significa essere compassionevoli nel suo caso.

Ciò di cui Levine certamente non ha bisogno è che Twitter, insieme al governo, al mondo accademico e all’America delle grandi corporation, affermi il suo delirio e gli dica che la sua identità trans è sana, che è davvero una donna, che vivere in questo modo va bene. Levine non ha bisogno che gli mentiamo, che lo confermiamo nella sua miseria e negazione di sé. Ha bisogno che gli diciamo la verità, e che lo aiutiamo ad accettarla e a conviverci. Qualsiasi cosa meno di questo è odiosa e crudele.

Tale è l’etica arretrata del mondo di Twitter, dove dire la verità è considerato “condotta odiosa”, e coloro che mentono, che affermano pericolose illusioni che gli uomini possono essere donne e le donne possono essere uomini, sono celebrati come tolleranti e compassionevoli venditori di verità.

Alcuni diranno: chi se ne frega? Twitter è una società privata, può fare tutte le regole asinine che vuole. Se non vi piace, non usate Twitter.

Ma aziende come Twitter e Facebook sono diventate molto più che aziende private di social media. Sono effettivamente servizi pubblici che controllano il flusso di informazioni nell’era digitale, e il Congresso dovrebbe regolarli come vettori comuni, impedendo loro di censurare gli utenti in base al contenuto del loro discorso o alle opinioni espresse sulle loro piattaforme.

Nel grande schema delle cose, la mia espulsione da Twitter non è molto importante. Né, forse, lo è il bando di Babylon Bee o Kirk, o anche il presidente Donald Trump, che è stato bandito permanentemente da Twitter.

Ma quello che Twitter ha fatto a noi, alla fine lo farà a tutti coloro che osano dire la verità. Oggi, Twitter vi censurerà per aver detto la verità sulle donne trans. Domani, Twitter vi censurerà per aver detto la verità sull’aborto, o su ciò che viene insegnato nelle scuole pubbliche, o sull’integrità delle elezioni, o su un numero qualsiasi di altre cose. Alla fine, aziende come Twitter e Facebook chiuderanno fuori tutti coloro che dissentono, privandoli di una voce nella piazza pubblica digitale.

Non deve essere così, ma per ora lo è.

 

 

John Daniel Davidson è un senior editor di The Federalist. I suoi scritti sono apparsi sul Wall Street Journal, sulla Claremont Review of Books, sul New York Post e altrove.

 

 

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email