Molto interessante questa analisi fatta dal prof. James V. Schall, S.J. del libro di Jennifer Roback Morse, The Sexual State (Lo Stato sessuale, ndr), 2018, poiché in maniera chiara delinea le gravi conseguenze sulla tenuta della famiglia e della società derivanti dalla ideologia elitaria che ha imposto prima il divorzio, poi la contraccezione e poi quella del gender.

Ecco l’articolo nella mia traduzione.

 

foto: Corte Suprema degli Stati Uniti d'America

foto: Corte Suprema degli Stati Uniti d’America

 

“E’ tempo di affrontare i danni che la Rivoluzione Sessuale ha causato. Che tu sia maschio o femmina, etero o gay, giovane o vecchio, religioso o irreligioso: che tipo di mondo vuoi contribuire a creare? Un mondo in cui ogni bambino ha il diritto legalmente riconosciuto ad avere un rapporto con entrambi i genitori? O un mondo in cui alcuni bambini hanno questi diritti legalmente riconosciuti e altri no? O, ancora più radicalmente, un mondo in cui nessun bambino ha diritti legalmente riconosciuti ai propri genitori?” ∼ Jennifer Roback Morse, The Sexual State, 2018.

“Potremmo parlare dell’approvazione da parte dell’amministrazione Obama di una legge federale che vieta a qualsiasi Stato di votare per togliere i fondi a Planned Parenthooh (la multinazionale americana degli aborti, ndr) e organizzazioni simili. Questo è un esempio perfetto dello Stato sessuale al lavoro, che implementa la fantastica ideologia della rivoluzione sessuale. Non possono implementare tale ideologia senza l’aiuto del potere dello Stato per obbligare e propagandare”, ∼ Jennifer Roback Morse, The Sexual State, 2018.

I

La Genesi ci dice che l’uomo è stato creato “maschio e femmina”. Il sesto comandamento vieta l’adulterio. Non tutti gli uomini e le donne generano figli, ma tutti i bambini hanno due genitori, uno un padre e l’altro una madre. Sia la famiglia che lo stato sono istituzioni “naturali” che escono logicamente dalla natura dell’uomo. Cristo disse ai discepoli di lasciare che i bambini andassero da lui. Human Life International stima che, negli ultimi 40 anni, il mondo ha assistito a 1,72 miliardi di aborti di bambini umani. “Riteniamo che queste verità siano evidenti: che tutti gli uomini sono creati uguali; che sono dotati dal loro Creatore di certi diritti inalienabili; che tra questi ci sono i diritti alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità” (dalla Dichiarazione di indipendenza degli Stati Uniti d’America del 4 luglio 1776, ndr). Cosa succede quando questi principi fondamentali o norme sono respinti? Come diretta conseguenza, abbiamo assistito ad una declinazione logica dal bene originale in una parodia di esso che è tutt’altro che buono.

Il nuovo libro di Jennifer Roback Morse, The Sexual State, è un esame vivace ed energico da dove veniamo, ddi dove siamo ora e di dove dovremmo essere in materia di vita umana. Il libro presenta un argomento completo, basato su prove empiriche, su come il divorzio, la contraccezione, l’aborto, lo stile di vita gay e la neutralità di genere si integrano in una sequenza discendente di leggi e pratiche che, applicate dallo stato, hanno messo una classe d’elite contro il normale bene degli esseri umani normali.

Il Ruth Institute di Morse gestisce uno dei siti web più completi e perspicaci negli affari politici e culturali su tutte le questioni che riguardano la vita familiare. I suoi due libri precedenti, Smart Sex e Love & Economics, hanno già dimostrato la padronanza di Morse degli aspetti economici, morali e spirituali della femminilità, dei bisogni dei bambini e di ciò che lo stato può e non può fare. Morse scrive con verve, spesso con rabbia giustificabile, con una ricchezza di esperienze personali su tutti gli aspetti della vita familiare. Lei stessa è sposata con due figli (di cui uno adottato), ha un dottorato in economia, è una persona a cui piace discutere ed è un oratore nei campus universitari e alle udienze legislative. Il libro è pieno di esempi di ciò che lei ha in mente. Il lettore si rende presto conto che sa di cosa sta parlando, del bene e del terribile.

II

Il libro descrive in dettaglio il ribaltamento passo dopo passo della classica visione giudaico-cristiana dell’uomo, della donna, del bambino e della famiglia. Anche se non li cita, il suo studio ricorda i due libri di Chesterton, Eugenics and Other Evils e What’s Wrong with the World, in cui intellettuali d’elite hanno usato il potere coercitivo dello stato per imporre una visione completamente distorta dell’uomo, della donna e del bambino a cittadini ignari. Il titolo del suo libro, The Sexual State, sottolinea il ruolo che la forza governativa ha giocato nell’imporre una visione distorta della sessualità umana in tutte le fasi della vita umana.

Il libro è diviso in tre parti: l’ideologia contraccettiva, l’ideologia del divorzio e l’ideologia di genere. Accanto a queste ideologie, Morse presenta la visione cattolica alternativa su ognuno di questi tre argomenti. Come tale, la posizione della Chiesa si è dimostrata l’unica in grado di proteggere gli individui e le famiglie dalla ricostruzione radicale del sesso e della famiglia che ci è stata imposta, anche se Morse è consapevole che molti cattolici in pratica sono in accordo con le attività dello Stato Sessuale.

Morse sostiene, giustamente, che dovremmo iniziare la nostra analisi a partire dai bisogni dei bambini, non da quelli dell’adulto autonomo che è stato al centro dell’analisi moderna. Un bambino non viene al mondo con la capacità immediata di difendersi da solo. Il matrimonio di un uomo con una donna è il miglior contesto in cui un bambino dovrebbe venire al mondo ed essere accudito mentre si sviluppa. Ogni bambino ha bisogno del proprio padre e della propria madre. Il benessere del bambino dipende dall’integrità di questo rapporto parentelale. La prima domanda da porsi sulla legislazione e sul matrimonio in sé non è di cosa hanno bisogno gli adulti, ma di cosa ha bisogno il bambino. L’esistenza fisica attuale dell’umanità dipende dalla nascita delle generazioni future.

Il primo passo teso a minare la vita familiare è stato l’indebolimento dell’unione matrimoniale. Morse presta molta attenzione a come il divorzio influisce sul benessere dei figli. Le leggi moderne sul divorzio senza colpa (cioè quando a volte uno dei due subisce la scelta dell’altro di interrompere il matrimonio nonostante non abbia nessuna colpa e senza avere mai violato i doveri del matrimonio, ndr) non sono riuscite a prendere in considerazione l’effetto del divorzio sui figli della coppia. Gli uomini ricchi hanno favorito il divorzio senza colpa poiché potevano facilmente permettersi il costo della separazione. Per le donne, il divorzio ha significato solitamente la povertà anche se iniziano il divorzio più spesso degli uomini. Ma per i bambini ha significato un indebolimento del loro mondo e della loro fiducia in chi sono. L’idea che i figli di genitori divorziati non soffrano è semplicemente falsa.

Il secondo passo nel minare la famiglia è la contraccezione. Divorzio marito e moglie separati. La contraccezione separa il sesso e i bambini. Sesso sicuro significava, o era destinato a significare, che potremmo indulgere in atti sessuali senza preoccuparci della gravidanza. Si è scoperto, in pratica, che i contraccettivi non impedivano le nascite, ma in molti casi hanno causato un aumento, soprattutto delle nascite tra i non sposati. La separazione tra sesso e figli ha permesso di pensare che i figli non avessero bisogno dei loro genitori specifici, cioè di un padre e di una madre. La campagna per rendere il “matrimonio” omosessuale equivalente a quello tra marito e moglie ha ignorato il bisogno del bambino per i propri genitori.

L’ideologia gender è la terza fonte di separazione. Qui, le nostre anime sono separate dal nostro corpo: non siamo vincolati dal sesso che abbiamo avuto alla nascita o dal suo rapporto con l’altro sesso; potremmo, si dice, avere uno spirito femminile in un corpo maschile. È nostro diritto, non della natura o di Dio, decidere cosa siamo; se io, pur essendo maschio, voglio essere femmina, spetta allo stato e a tutti gli altri permettere a me stesso di essere ciò che voglio che io sia; il corpo che possediamo al concepimento e alla nascita non ha alcuna relazione con ciò che siamo; e dobbiamo essere liberati dall’idea che ciò che siamo ci indirizzi nella direzione di ciò che dovremmo essere.

III

L’onere principale di questo libro è quello di mostrare come queste separazioni si sono inserite nell’ordine pubblico e da lì nella vita di ogni persona. Morse sostiene che una classe interessata, insieme agli uffici dello stato e ai poteri coercitivi dei tribunali, ha imposto queste idee devianti sugli esseri umani. Il costo in termini sia di denaro che di benessere umano è stato enorme. Sapendo come queste idee hanno vittimizzato le persone, Morse offre un manifesto di proposte su come potremmo tornare alla normalità. Fondamentalmente, si tratta di annullare il danno facendo uscire il governo dalla famiglia.

Non sono sicuro che l’analisi di classe sia il quadro migliore per proporre un ritorno ad un rapporto familiare più sano. L’etica della virtù di Aristotele e le corrispondenti istituzioni politiche dello stato sembrano essere un contesto migliore. Ciò che il Morse chiama classe è in realtà ciò che Aristotele chiamava oligarchia. In ogni caso, il sostegno statale di queste idee aberranti sulla famiglia ha portato ad un profondo indebolimento di quello che è il modo migliore per affrontare i nostri figli e i genitori che li hanno generati.

Il libro delinea attentamente la storia e lo sviluppo di queste idee che sovvertono la vita familiare sana. Questo libro, insieme a Leading a Worthy Life di Leon Kass e Making Gay Okay di Robert Reilly, formano una trilogia di base per spiegare le cause e le origini della deviazione dal bene che vediamo ovunque nella vita moderna, sia pubblica che privata. Non ci si può allontanare dal libro di Morse senza una profonda preoccupazione del fatto che la Chiesa stessa non è più pienamente affidabile nel difendere i bisogni delle famiglie nel mondo moderno. Anche così, il libro è enormemente utile per il modo in cui le questioni che dobbiamo affrontare sono state attentamente delineate. Non ci sarà alcun cambiamento in meglio finché non vedremo perché il cambiamento è necessario e possibile. Lo Stato sessuale offre un’analisi insuperabile di come siamo arrivati dove ora siamo e di come possiamo cominciare a invertire la rotta.

fonte: Crisis Magazine

 

Il Reverendo James V. Schall, S.J., ha insegnato scienze politiche alla Georgetown University per molti anni. È l’autore di The Mind That Is Catholic dalla Catholic University of America Press; Remembering Belloc dalla St. Augustine Press; e Reasonable Pleasures dalla Ignatius Press. I suoi libri più recenti includono Una linea attraverso il cuore umano: Sul peccato e l’essere perdonati (2016) e sui principi della tassazione della birra e altri brevi saggi filosofici (2017). I suoi libri più recenti sono Catholicism and Intelligence (Emmaus Road, 2017) e The Universe We Think In (CUA Press, 2018).

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1