Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jonathan Cook e pubblicato su AntiWar. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

ATTENZIONE: onde evitare ogni fraintendimento, quello che le milizie di Hamas hanno fatto agli israeliani il 7 ottobre scorso è chiaramente e senza ambiguità un atto di puro terrorismo contro civili inermi di tutte le età. Su questo non vi sono dubbi e deve essere condannato. Sono pertanto a fianco dei cittadini israeliani che hanno sofferto tanto orrore. Allo stesso modo, fedele alla linea del blog che ha avuto in questi 5 anni, voglio ascoltare anche voci che il mainstream non riporta. Una di queste è quella di Jonathan CookQuesto non significa che condivida tutto quello che Jonathan Cook scrive. Ciò nonostante, ritengo che occorra ascoltare più voci per cercare di capire quanto più possibile ciò che avviene nel mondo.  

 

Gaza 9 ottobre 2023 (foto: afp)
Gaza 9 ottobre 2023 (foto: afp)

 

Mentre Israele ammassa le sue forze lungo la barriera che circonda Gaza, in attesa di un via libera dagli Stati Uniti per un’invasione di terra, la domanda che pochi si pongono è: Qual è l’obiettivo finale per Israele?

Invece, i politici britannici e statunitensi, sostenuti dai loro media, si sono limitati ad amplificare le false motivazioni di Israele per bombardare indiscriminatamente uomini, donne e bambini nella minuscola enclave costiera e per prepararsi a inviare truppe. Solo un’ottantina di parlamentari britannici, su 650, hanno finora chiesto un cessate il fuoco.

Si sa che gli attacchi israeliani hanno ucciso più di 7.000 palestinesi, quasi la metà dei quali bambini, e molti di più sono i feriti gravi. Sono curati in ospedali privi di medicinali e di elettricità. Le Nazioni Unite stimano che almeno 600.000 palestinesi siano senza casa a causa dei bombardamenti.

In un primo momento, le istituzioni occidentali hanno giustificato la carneficina con il “diritto di difendersi” di Israele – un diritto che ai palestinesi è stato negato per i 16 anni precedenti, mentre Israele applicava un brutale assedio militare all’enclave che impediva l’ingresso di beni di prima necessità e di medicinali.

Il presunto “diritto all’autodifesa” di Israele – la linea ufficiale di entrambi gli schieramenti politici in Gran Bretagna – funge da copertura occidentale e da complicità per i crimini contro l’umanità che Israele ha commesso: uccisioni di massa e distruzioni selvagge; un “assedio totale” di Gaza, che la priva di cibo e acqua; attacchi alle infrastrutture comunitarie come ospedali, scuole, moschee e sedi delle Nazioni Unite.

Ma ora, mentre il bilancio delle vittime diventa sempre più osceno, la logica è cambiata. In coro, i politici britannici e statunitensi affermano che Israele deve avere il tempo e lo spazio per “distruggere Hamas”.

Ciò richiede un’invasione di terra da parte delle truppe israeliane – molte delle quali estremiste religiose provenienti dagli insediamenti illegali in Cisgiordania – che sicuramente cercheranno di vendicarsi per l’attacco di Hamas del 7 ottobre. È probabile che le atrocità si intensifichino.

Follia militare

Ma c’è un metodo nella follia militare di Israele. E l’obiettivo principale non è quello che viene promosso. Israele ha ambizioni molto più grandi che “distruggere Hamas”.

Israele conosce abbastanza la storia per capire che i popoli occupati e oppressi non accettano mai la loro sottomissione. Continuano a trovare modi per resistere. Anche se Hamas può essere spazzato via, un nuovo e più temibile avversario emergerà tra le nuove generazioni attualmente traumatizzate dalle bombe di Israele.

In effetti, dopo aver rimosso la sua presenza fisica da Gaza, ritirando coloni e soldati nel 2005, Israele ha iniziato a capire che si era chiuso in un angolo strategico.

Stava ancora occupando l’enclave, ma a distanza. Questa era la logica del blocco che limitava strettamente ciò che poteva entrare e uscire dalla Striscia. Gaza era stata trasformata in una prigione a cielo aperto, controllata da Israele attraverso una sorveglianza intensiva tramite droni, intercettazioni e collaboratori locali.

In pratica, però, per Israele era molto più difficile sorvegliare Gaza da lontano. Hamas è riuscito a creare un movimento di resistenza molto più sofisticato nei piccoli spazi lasciati all’interno della prigione che Israele non poteva sorvegliare, come una rete di tunnel sotterranei.

I risultati sono stati pienamente evidenti nella preparazione e nell’esecuzione dell’attacco di Hamas del 7 ottobre.

Il problema strategico di Israele era aggravato dalla crisi umanitaria che aveva creato rinchiudendo una popolazione così numerosa e in crescita in un’area minuscola e priva di risorse.

La povertà, la malnutrizione, l’acqua sporca, il sovraffollamento e la mancanza di alloggi, oltre al trauma di essere ingabbiati e bombardati a intermittenza da Israele per sottomettere qualsiasi resistenza, stavano lentamente trasformando Gaza da una prigione in un campo di sterminio. Le Nazioni Unite avevano avvertito che l’enclave sarebbe stata effettivamente “inabitabile” entro il 2020.

La soluzione a questo problema – che si accordava con le lunghe ambizioni coloniali di Israele di sostituire i palestinesi nella loro patria – era chiara. Israele doveva creare un consenso in Occidente che giustificasse l’espulsione dei palestinesi da Gaza.

E l’unico posto realistico dove andare era il vicino territorio egiziano del Sinai.

La “Grande Gaza”

Dietro le quinte, i funzionari israeliani definiscono la loro ultima proposta di pulizia etnica “Piano della Grande Gaza”. I dettagli sono trapelati per la prima volta nei media israeliani nel 2014, anche se i rapporti indicano che le origini risalgono al 2007, quando l’amministrazione Bush fu apparentemente coinvolta dopo la vittoria elettorale di Hamas a Gaza un anno prima.

All’epoca, il piano segreto di Israele si basava più sulle carote che sui bastoni. L’idea era di collegare Gaza al Sinai, cancellando il confine tra i due. Washington avrebbe contribuito a garantire i finanziamenti internazionali per una zona di libero scambio nel Sinai.

Con un tasso di disoccupazione superiore al 60%, un sovraffollamento massiccio nell’enclave e poca acqua pulita da bere, si prevedeva che i palestinesi di Gaza avrebbero gradualmente spostato il centro della loro vita nel Sinai, stabilendosi lì o trasferendosi in lontane città egiziane.

In seguito alla fuga di notizie, i funzionari egiziani e palestinesi si sono affrettati a denunciare il piano come “inventato”. Tuttavia, c’erano molti indizi che indicavano che l’Egitto aveva iniziato a subire pressioni a partire dal 2007.

In risposta alle fughe di notizie dei media israeliani del 2014, un funzionario vicino all’ex presidente Hosni Mubarak ha ammesso che nel 2007 gli erano state fatte pressioni per accettare l’annessione di Gaza.

Cinque anni dopo, secondo la stessa fonte, Mohamed Morsi, che guidava un governo di breve durata dei Fratelli Musulmani, inviò una delegazione a Washington. Lì gli americani proposero che “l’Egitto cedesse un terzo del Sinai a Gaza in un processo in due fasi della durata di quattro o cinque anni”. Anche Morsi ha rifiutato.

I sospetti che l’attuale presidente egiziano, Sisi, fosse vicino alla capitolazione nel 2014 sono stati alimentati all’epoca dal leader dell’Autorità palestinese Mahmoud Abbas. In un’intervista alla TV egiziana, disse che il piano israeliano per il Sinai era stato “sfortunatamente accettato da alcuni qui [in Egitto]. Non chiedetemi altro al riguardo. Lo abbiamo abolito”.

Il piano per la Grande Gaza ha ricevuto un’altra spinta nel 2018 quando, secondo quanto riferito, è stato considerato per l’inclusione nel piano di “pace” per il Medio Oriente “affare del secolo” di Donald Trump. La speranza era che venisse finanziato dagli Stati del Golfo come parte della loro normalizzazione con Israele.

Quell’estate, Hamas inviò persino una delegazione al Cairo per conoscere le proposte.

Schiacciare Hamas

I vantaggi per Israele nel trasferire i palestinesi da Gaza al Sinai, sia volontariamente nell’ambito del Greater Gaza Plan sia con la forza durante un’invasione di terra, sono evidenti.

La dittatura militare egiziana erediterebbe il problema di schiacciare i gruppi di resistenza palestinesi come Hamas – in gran parte nascosti – piuttosto che Israele. Hamas non se la passerebbe bene, vista la repressione dell’esercito egiziano nei confronti dei movimenti politici islamisti del Paese.

I costi del confinamento e della sorveglianza di Gaza si sposterebbero da Israele al mondo arabo e alla comunità internazionale.

Una volta entrati nel Sinai, i palestinesi comuni potrebbero cercare di alleviare la loro povertà e le loro sofferenze integrandosi nella più ampia società egiziana, finendo per trasferirsi nelle grandi città come Il Cairo e Alessandria. Sarebbero privati del diritto di tornare alle loro case, sancito dal diritto internazionale.

Nel giro di una o due generazioni, i loro figli si identificherebbero come egiziani, non come palestinesi.

Nel frattempo, la Cisgiordania sarebbe ancora più isolata e vulnerabile agli attacchi dei coloni ebrei, sostenuti dai soldati israeliani. E Abbas non sarebbe più in grado di affermare di rappresentare la causa palestinese, minando la sua campagna per ottenere il riconoscimento dello Stato.

Un bastone molto grande

Il problema è che nessun leader egiziano ha avuto il coraggio di accettare un piano del genere, per quanto siano stati necessari tentativi di manipolazione e corruzione a livello internazionale.

Nessuno voleva essere visto come un complice della pulizia etnica e dell’espropriazione finale del popolo palestinese da parte di Israele, una delle più gravi e antiche rimostranze condivise dalle popolazioni di tutto il Medio Oriente.

Questo ci porta all’attuale campagna di bombardamenti di Israele, che non rispetta alcun principio di proporzionalità, e alla sua imminente invasione di terra. Lungi dal prendere di mira Hamas, Israele ha tutti gli incentivi per usare l’attacco di Hamas del 7 ottobre come pretesto per fare più danni possibili a Gaza.

L’obiettivo di Israele è accelerare il processo per rendere Gaza inabitabile.

Israele ha bisogno che i palestinesi di Gaza siano così disperati da andarsene da fare pulizia etnica, e che l’Egitto sia così criticato per non aver aperto il confine con il Sinai da cedere.

Con l’attuale campagna di bombardamenti, Israele è passato dalla carota al bastone.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu è consapevole di avere solo una finestra temporale limitata per fare una carneficina sufficiente a realizzare il piano di Israele.

In particolare, nel 2018, il veterano reporter israeliano Ron Ben-Yishai ha rivelato che l’esercito israeliano stava considerando una nuova strategia nei confronti di Gaza che prevedeva di invaderla e dividerla in due, con Israele che avrebbe occupato la metà settentrionale.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti sarebbero disposti ad aggravare la crisi umanitaria di Gaza trattenendo i fondi dall’UNRWA, l’agenzia di soccorso delle Nazioni Unite.

Israele sta attualmente ottenendo entrambi i risultati attraverso la sua furia di bombardamenti e la sua richiesta di “evacuazione” della popolazione del nord di Gaza, presumibilmente per la propria sicurezza, verso il sud di Gaza.

L’obiettivo sembra essere quello di schiacciare i palestinesi nel piccolo spazio del sud di Gaza, vicino al confine con il Sinai, distruggere tutte le infrastrutture civili e bombardare e terrorizzare i palestinesi anche nel sud.

I palestinesi stanno già chiedendo a gran voce di poter entrare nel Sinai, mentre Sisi sta presumibilmente subendo le più forti pressioni dietro le quinte per fare marcia indietro e aprire il confine.

Nei freddi e cinici calcoli di Israele, i suoi militari stanno arrotolando il tubetto del dentifricio in modo stretto, prima di aprire il tappo per vedere il dentifricio fuoriuscire.

Se Gaza può essere svuotata, Israele spera di stabilire un precedente che la comunità internazionale approverà. I palestinesi della Cisgiordania saranno spinti a raggiungere la famiglia o i connazionali nel Sinai.

Dopo essersi sentiti in imbarazzo per la ferita dell’espropriazione dei palestinesi per più di 75 anni, l’Occidente e il mondo arabo saranno ben felici di seppellire definitivamente la causa palestinese.

Jonathan Cook è autore di tre libri sul conflitto israelo-palestinese e vincitore del Premio speciale Martha Gellhorn per il giornalismo. Il suo sito web e il suo blog si trovano all’indirizzo www.jonathan-cook.net. Questo articolo è apparso originariamente su DeClassifiedUK.

Jonathan Cook

 

Jonathan Cook è uno scrittore e giornalista di Nazareth, in Israele. I suoi ultimi libri sono Israel and the Clash of Civilizations: Iraq, Iran, and the Plan to Remake the Middle East (Pluto Press) e Disappearing Palestine: Israel’s Experiments in Human Despair (Zed Books). Visita il suo sito web. Visualizza tutti i post di Jonathan Cook

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments