Tre medici militari degli Stati Uniti hanno spifferato dei documenti a cui avrebbero avuto accesso dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD), che mostrano “tassi di malattia alle stelle” da quando sono stati introdotti e resi obbligatori i vaccini contro la COVID-19. L’articolo che vi proponiamo è stato scritto da Enrico Trigoso e pubblicato su The Epoch Times. Eccolo nella mia traduzione. 

 

 

Tre medici militari degli Stati Uniti hanno spifferato dei documenti a cui avrebbero avuto accesso dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD), che mostrano “tassi di malattia alle stelle” da quando sono stati introdotti e resi obbligatori i vaccini contro il virus PCC (Partito Comunista Cinese, ovvero il coronavirus SARS-COV-2, ndr) nelle forze armate, ha detto a The Epoch Times l’avvocato per i diritti umani Leigh Dundas.

Dundas è stata recentemente avvicinata dal dottor Samuel Sigoloff, dal chirurgo di volo delle forze speciali, il tenente colonnello Peter Chambers, e dalla specialista in medicina del lavoro dell’Aeronautica, il tenente colonnello Theresa Long.

Hanno consegnato i documenti alla Dundas, che è apparsa recentemente con l’avvocato Tom Renz in un’udienza di cinque ore organizzata dal Senatore Ron Johnson (R-Wis.) intitolata “COVID-19: Seconda opinione”.

Renz ha condiviso con The Epoch Times alcuni dei numeri relativi ai disturbi medici nei dati militari statunitensi.

Gli informatori, che sono rappresentati da Renz, gli hanno dato i dati “sotto pena di spergiuro”, ha detto durante l’udienza.

Renz intende presentare le informazioni ai tribunali, ha detto a Johnson.

Il DoD ha risposto che i dati DMED (Defense Medical Epidemiology Database) dal 2016 al 2020 che gli informatori hanno portato erano errati e incompleti, e sono attualmente in fase di revisione.

“L’Armed Forces Surveillance Division (AFSD) del DHA ha condotto una revisione completa dei dati contenuti nel Defense Medical Epidemiology Database (DMED) e ha scoperto che i dati non erano corretti per gli anni 2016-2020”, ha detto a The Epoch Times il maggiore Charlie Dietz, portavoce del DoD.

“DMED è uno strumento basato sul web per interrogare il personale della componente attiva de-identificato e i dati sugli eventi medici contenuti nel Defense Medical Surveillance System (DMSS).

“Confrontando il database DMED con i dati di origine contenuti nel DMSS, AFHSD ha scoperto che il numero totale di diagnosi mediche dal 2016-2020 che erano accessibili in DMED rappresentava solo una piccola frazione delle diagnosi mediche reali per quegli anni. Al contrario, il numero totale di diagnosi mediche del 2021 era aggiornato in DMED. Il confronto tra il 2021 e il 2016-2020 ha portato alla comparsa di un aumento significativo di tutte le diagnosi mediche nel 2021 a causa dei dati sotto riportati per il 2016-2020. AFHSD ha messo DMED offline per identificare e correggere la causa principale della corruzione dei dati”, ha detto Dietz.

Renz ha risposto: “Il DoD ha affermato che i dati DMED degli anni 2016-2020 non erano corretti. Questo è assurdo. Spendiamo milioni di dollari all’anno per il DMED e le persone che controllano il DMED, che è uno dei primi database epidemiologici del mondo. L’accuratezza di questo database è fondamentale perché è usato per monitorare i problemi di salute delle nostre truppe.”

“Il DoD vorrebbe farci credere che il database DMED era sbagliato dal 2016-2020, ma poi è stato magicamente corretto nel 2021, nonostante il fatto che non si fossero accorti che era sbagliato fino a quando non lo abbiamo fatto notare nella nostra testimonianza davanti al senatore Johnson. Inoltre, ci viene chiesto di credere che nel 2020, l’anno di quella che sostengono essere la più grande pandemia dal 1918, e nonostante il fatto che sia documentato che anche il CDC stava guardando questo database, nessuno ha notato un errore di oltre 20 milioni di codici di lesioni/malattie all’anno”, ha detto Renz a The Epoch Times.

“Il Dipartimento della Difesa, l’amministrazione Biden è avvisata che devono preservare questi record e questo deve essere indagato”, ha detto Johnson durante le cinque ore di udienza a Washington.

“Renz mi ha anche informato che alcuni dati DMED che mostrano diagnosi registrate di miocardite sono stati rimossi dal database”. In seguito all’accusa che i dati DMED erano stati falsificati, vi ho immediatamente scritto il 24 gennaio chiedendovi di conservare tutti i registri che si riferiscono a DMED. Devo ancora sapere se avete rispettato questa richiesta”. Johnson ha scritto in una lettera (pdf) a Lloyd Austin, il segretario della difesa degli Stati Uniti.

 

Dati medici

Dundas ha detto a The Epoch Times che “nel gennaio del 2021 hanno introdotto il vaccino, hanno reso obbligatorio il vaccino per i membri dell’esercito americano. E solo nei primi 10 mesi di quell’anno di vaccinazione, l’ansia è balzata dai 37.000 casi tipici precedenti a 931.791. È stato un aumento del 2.400 e più per cento”.

Ha proseguito dicendo che il cancro al seno era “abbastanza banale”, variando da 500 a 900 casi per i cinque anni prima dell’introduzione della vaccinazione obbligatoria.

“I primi 10 mesi o il 2021 erano a 4.068 casi. Anche in questo caso, si è trattato di un aumento del 450% circa.

“Infertilità femminile 2.200 casi all’anno, un cattivo anno avrebbe 2.300 casi all’anno, primi 10 mesi del 2021 dopo il vaccino 10.713 casi. “

Anche le malattie che non sono state collegate finora con i vaccini hanno visto un picco drammatico.

“Il cancro all’esofago nell’esercito americano. Molto, molto minimo. Venticinque, 26 casi, forse in un anno cattivo sono 39 casi. Salta a più di 200 casi”, ha detto Dundas.

“Gennaio la miocardite acuta era in 176 casi, ma ora è praticamente scesa a 70… male che vada”, ha continuato.

“Paralisi di Bell 400 casi all’anno in media, nei primi 10 mesi del 2021 oltre 1.300 casi. Problemi cognitivi molto in alto, stato mentale alterato molto in alto. Malformazioni congenite maschili raddoppiate.

“HIV 400 casi in media [all’anno] e ora oltre 2.400 casi nei primi 10 mesi”.

 

Aborti spontanei

Secondo i documenti dell’informatore, gli aborti nell’esercito sono stati da 1.400 a 1.500 all’anno nei primi tre trimestri del 2020, e sono aumentati a oltre 4.000 nei primi 10 mesi del 2021.

The Epoch Times ha contattato la dottoressa Christiane Northrup, un’ostetrica-ginecologa con più di 30 anni di esperienza ed ex presidente dell’American Holistic Medical Association.

Particolarmente allarmante è l’aumento degli aborti spontanei, ha detto.

“Ecco cosa abbiamo trovato – a partire dall’aprile del 2021. Tutti noi del gruppo dei cinque Doc, il dottor Lee Merritt, la dottoressa Carrie Madej, la dottoressa Sherri Tenpenny e il dottor Larry Palevsky, ed io. Stavamo sentendo storie da tutto il paese su donne che stavano avendo sanguinamenti anormali, aborti e nati morti, solo per il fatto di essere vicino alle persone che avevano fatto l’iniezione di recente”, ha detto la Northrup a The Epoch Times.

“Ci siamo riuniti tutti insieme e abbiamo detto, Aspetta un attimo. Dobbiamo studiare questo”, ha continuato la Northrup.

“Le persone che conoscevo nel settore della fertilità, abbiamo scoperto che tutte queste donne stavano avendo problemi. Ricevevo un sacco di chiamate personali. ‘Cosa devo fare?’ … eravamo molto preoccupati”.

Michael Yeadon, l’ex vicepresidente della Pfizer e capo scienziato per la ricerca sulle allergie e le vie respiratorie, e il dottor Wolfgang Wodarg hanno presentato una petizione (pdf) per un’azione amministrativa riguardante la conferma dell’efficacia su diverse delle loro scoperte riguardanti i vaccini contro il virus del PCC (Partito Comunista Cinese, ovvero il coronavirus SARS-COV-2, ndr).

“Abbiamo dettagliato una serie di preoccupazioni tossicologiche meccanicistiche che credevamo fossero ragionevoli da considerare, a meno che e fino a prova contraria”, ha detto Yeadon a The Epoch Times.

“Tra questi c’era il fatto che gli impatti negativi sul concepimento e la capacità di sostenere una gravidanza erano prevedibili”, ha aggiunto.

“È importante notare che nessuno di questi agenti basati sul gene aveva completato quella che si chiama ‘tossicologia riproduttiva’. Più di un anno dopo, questa batteria di test negli animali non è ancora stata fatta. Quindi non c’era e non c’è ancora nessun pacchetto di dati a sostegno della sicurezza in gravidanza o prima del concepimento”.

Uno degli informatori, il Dr. Pete Constantine Chambers, ha praticato la medicina per 25 anni, 16 dei quali ha servito come chirurgo di volo assegnato alle Operazioni Speciali.

“Ecco una domanda che mi preoccupa”, ha detto Chambers a The Epoch Times via e-mail.

“Dopo aver avuto i miei comandi interrotti senza alcuna copertura assicurativa medica, perdendo la mia paga e le ferie che avevo accumulato senza alcun preavviso per aver esibito il valore dell’esercito del coraggio personale, e praticando lo standard sicuro della medicina di cura da un ente che ho servito per così tanto tempo; 1) Cosa succederà alle mie truppe arruolate? 2) Quanti? Quanti soldati e aviatori sperimenteranno reazioni avverse, alcune delle quali porteranno a disabilità o, Dio non voglia, alla morte.

“Si potrebbe chiamare un fornitore come me un anti-vaccinista. Nulla è più lontano dalla verità”, ha inoltre osservato.

“Ho fatto il corso completo a partire da gennaio. Mi sono fidato del mio governo e dei dirigenti medici. Ho preso ogni vaccino che l’esercito mi ha dato dal mio primo giorno da soldato semplice, nel 1983. Tuttavia, anch’io ho sperimentato reazioni avverse e sono attualmente sotto la cura di medici specialisti che esplorano i segni e i sintomi dopo il secondo vaccino, così come l’infausta risultanza sulla mia risonanza magnetica del cervello.

“Amo il mio paese, il mio stato e gli eroi con cui e per cui lavoro. Credo che tutti gli americani valgano i sacrifici che facciamo per tenerci al sicuro. Credo anche, come medico, nella prima strofa del giuramento di Ippocrate: ‘Prima di tutto, non nuocere'”.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email