I Paesi Bassi hanno già legalizzato l’eutanasia per i bambini al di sopra dei 12 anni. Ora il governo sta esaminando la possibilità di consentire l’interruzione della vita di bambini malati di età compresa tra 1 e 12 anni, senza alcuna azione penale o punizione, se sono soddisfatte determinate condizioni, cioè quando le cure palliative sono ritenute insufficienti. 

In questo commento scritto come consulente di etica medica per la Conferenza Episcopale olandese e ristampato presso il Registro, il Cardinale Willem Eijk di Utrecht, ex medico e membro della Pontificia Accademia per la Vita, lancia un forte monito al governo affinché non promulghi una tale legge. 

L’articolo è stato pubblicato su National Catholic Register e ve lo presento nella mia traduzione.  

 

Cardinale Willem Eijk
Cardinale Willem Eijk

 

La legge sull’eutanasia dei Paesi Bassi prevede che un medico che esegue l’eutanasia, o che assiste al suicidio, non può essere perseguito e punito se soddisfa una serie di requisiti di assistenza. Egli deve verificare che la richiesta sia volontaria e duratura. Inoltre, la sofferenza del paziente deve essere senza speranza e insopportabile. Senza speranza significa che non esistono cure alternative per ridurre la sofferenza. Che la sofferenza sia insopportabile è indicato principalmente dal paziente stesso.

La legge sull’eutanasia si applica a partire dai 12 anni di età. Tra i 12 e i 16 anni è richiesto il consenso dei genitori per l’eutanasia. Nella fascia di età compresa tra i 16 e i 18 anni, i genitori devono solo essere consultati, ma il loro consenso non è richiesto. 

Nel caso di bambini non ancora nati, l’interruzione della gravidanza e quindi della vita del bambino è possibile, secondo la legge sull’aborto, fino ad una durata della gravidanza di 24 settimane, il momento in cui il bambino è considerato vitale al di fuori del grembo materno.

Inoltre, esiste un regolamento nazionale (Aanwijzingsbesluit betreffende late abortus en levensbeëindiging bij pasgeborenen) che, a determinate condizioni, consente l’aborto provocato se la gravidanza dura più di 24 settimane. Lo stesso regolamento offre anche possibilità di interruzione attiva della vita per neonati gravemente malati o disabili fino a 1 anno di età.

Tuttavia, non esiste una regolamentazione che renda possibile l’interruzione attiva della vita nei bambini di età compresa tra 1 e 12 anni. Il governo ha commissionato una ricerca in materia. Il rapporto di ricerca in questione raccomanda il miglioramento delle cure palliative e il miglioramento delle conoscenze in materia di cure palliative nei bambini di età compresa tra 1 e 12 anni (e nei loro genitori). Con buone cure palliative, la sofferenza può essere adeguatamente trattata nella maggior parte dei casi. Tuttavia, il rapporto afferma che forse in 5-10 casi all’anno le cure palliative non sono sufficienti. Si tratta di bambini gravemente malati che moriranno in un prevedibile futuro. In questi casi, si dovrebbero creare opportunità per i pediatri di porre fine attivamente alla vita di questi bambini, senza essere perseguiti e puniti.

Il ministro della Salute Hugo de Jonge ha inviato una lettera alla Camera dei Rappresentanti il 13 ottobre, anche a nome del ministro della giustizia e della sicurezza. In questa lettera annuncia che, di concerto con la Procura della Repubblica e con il gruppo professionale (pediatri), redigerà un regolamento secondo cui i pediatri che praticano l’eutanasia o mettono fine alla vita di bambini con sofferenze senza speranza e insopportabili, che si prevede moriranno in un prevedibile futuro, non saranno punibili a determinate condizioni. 

L’idea alla base di questo regolamento è la stessa della legge sull’eutanasia e delle istruzioni sul perseguimento dell’interruzione tardiva della gravidanza e dell’interruzione della vita nei neonati. Si considera che il medico che soddisfa i requisiti di cura è considerato aver agito per cause di forza maggiore (“forza superiore”, articolo 40 del Codice penale). In questo caso, la forza maggiore è un conflitto tra il dovere del medico di proteggere e preservare la vita del paziente al meglio delle sue capacità e il suo dovere di mostrare pietà e di ridurre o eliminare le sofferenze del paziente. Se quest’ultimo è possibile solo ponendo fine alla vita, il pediatra agisce per cause di forza maggiore, è l’idea, e non è punibile. L’eutanasia o la fine della vita rimane di per sé punibile. Il nuovo regolamento da concepire, così come la legge sull’eutanasia e il regolamento per l’interruzione tardiva della gravidanza e l’interruzione della vita nei neonati, riguarda un motivo di esclusione penale per il pediatra. 

Se questa disposizione sarà un dato di fatto, allora la vita delle persone potrà essere in condizioni di essere interrotta da parte dei medici fin dal concepimento e a qualsiasi età senza essere punibile. Allora il cerchio si chiude. Tuttavia, la vita umana è un valore essenziale fin dal concepimento. Il suo valore non può quindi essere soppesato rispetto a nessun’altra cosa, come ad esempio una grave forma di sofferenza dovuta a malattia o disabilità, nemmeno nel caso dei bambini. La fine della vita non è quindi un mezzo moralmente lecito per porre fine alle sofferenze. 

Naturalmente i medici devono agire per ridurre la sofferenza del bambino. Il governo raccomanda in primo luogo le cure palliative. Si tratta di una cura rivolta a tutta la persona del bambino, medica, psicologica e pastorale. La prestazione di queste cure da parte di pediatri, infermieri, pastori, familiari e volontari fino alla fine naturale della vita è chiamata  dovere morale nel Samaritanus Bonus (6), un documento sull’eutanasia pubblicato dalla Congregazione per la Dottrina della Fede il 14 luglio. La bozza del nuovo regolamento annunciata dal ministro De Jonge solleva la seguente questione: La creazione di opportunità per la cessazione attiva della vita nei bambini non scoraggerà la ricerca di miglioramenti nelle cure palliative, perché la cessazione attiva della vita sembra essere una soluzione più efficace?

Inoltre, va sottolineato il pendio scivoloso osservato nella discussione sull’eutanasia olandese. All’inizio degli anni ’80 l’eutanasia nella fase terminale di una malattia fisica era considerata accettabile. Più tardi anche prima della fase terminale. Negli anni ’90 l’eutanasia è stata applicata anche ai disturbi psichiatrici e alla demenza. Dall’inizio di questo secolo in poi è stata applicata ai neonati disabili (bambini dalla nascita fino all’età di 1 anno). E con quanto proposto, presto anche ai bambini da 1 a 12 anni. 

Chi pone una fine attiva alla vita a causa di una certa forma di sofferenza, lascia andare il principio che la vita è un valore essenziale. Di conseguenza, ci si troverà sempre più spesso di fronte alla domanda se non sia ammissibile porre fine alla vita con una forma di sofferenza minore. La storia del dibattito sull’eutanasia negli ultimi 40 anni dimostra che i criteri per eseguire l’eutanasia sono stati sempre più estesi. Non accadrà la stessa cosa a lungo termine per quanto riguarda l’eutanasia nei bambini?

In breve, non completate il cerchio. Non fate quest’ultimo passo, rendendo l’eutanasia applicabile a tutte le età. Potrei sbagliarmi, nel senso che forse questo non è l’ultimo passo dell’eutanasia, ma può portare ad altri passi. 

Il cardinale Willem Eijk è l’arcivescovo di Utrecht e primate dei Paesi Bassi. 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1