Chiesa di Santa Sofia a Istambul

Chiesa di Santa Sofia a Istambul

 

di Antonello Iapicca

 

Il passaggio di Santa Sofia a moschea è solo la cifra della immane crisi di fede che affligge l’Europa. Crisi che il Covid ha e sta evidenziando, con il potere assoluto che tantissimi battezzati hanno dato alla paura, cadendo nella trappola satanica di sostituire nel profondo del cuore, la cura per la salvezza dell’anima con quella per la carne (al  netto di precauzioni che sappiamo offrire poche certezze). 

La sorte del Tempio di Gerusalemme non è preclusa alle più belle cattedrali e chiese cristiane, tirate su dalla fede del popolo di Dio. Se la fede sparisce spariscono i suoi frutti, tra cui le costruzioni di mattoni, immagini di una Chiesa costituita di pietre vive. 

Dove sono le pietre vive? Dov’è la bellezza della fede che risplende in una vita santa, separata dal mondo e ad esso non omologabile? In una sparuta minoranza, il resto piccolo delle minoranze creative che aveva profetizzato Ratzinger all’alba degli anni ’70. Un resto che cresce nella fede, che cioè crede davvero in Dio e nella risurrezione del suo Figlio, che vive mosso dallo Spirito Santo. Un resto che testimonia il Cielo anche se le Chiese diventano moschee o ristoranti. 

Come attraverso il Covid, Dio ci sta parlando anche con la triste vicenda di Santa Sofia: non si può più differire un rinnovato annuncio del Vangelo perché la fede viene donata attraverso la predicazione. 

Di nuovo, risuonano forti le parole di Gesù ai suoi discepoli: “quando il Figlio dell’uomo tornerà, troverà la fede sulla terra?”. Non ci sono altri impegni, altre responsabilità che annunciare il Vangelo e formare nella fede il Popolo di Dio. E vedremo sorgere nuove e bellissime cattedrali, costruite con le pietre preziose dei martiri del Terzo Millennio, oggi in grembo della Madre Chiesa.

Don Antonello Iapicca è missionario da 30 anni in Giappone. Ora opera nella città di Takamatsu.

 

Chiesa di Santa Sofia a Istambul, interno

Chiesa di Santa Sofia a Istambul, interno

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print