Da un articolo di Tyler Durden pubblicato su ZeroHedge nella mia traduzione. 

 

Papa Francesco bacia la bandiera Ucraina durante  la sua udienza settimanale del mercoledì (06.04.2022)
Papa Francesco bacia la bandiera Ucraina durante la sua udienza settimanale del mercoledì (06.04.2022)

 

Papa Francesco durante la sua udienza settimanale del mercoledì ha condannato quello che ha chiamato “il massacro di Bucha” e ha baciato una bandiera ucraina che gli è stata data, nelle dichiarazioni più ferme che ha rilasciato finora nella guerra – che è una chiara condanna delle azioni russe.

“Le recenti notizie dalla guerra in Ucraina, invece di portare sollievo e speranza, hanno portato nuove atrocità, come il massacro di Bucha”, ha detto Francesco a un grande pubblico in Vaticano, mentre accoglieva i rifugiati ucraini sul palco.

“Fermate questa guerra! Fate tacere le armi! Smettete di seminare morte e distruzione”, ha dichiarato il Papa nel suo discorso. Rivolgendosi a un gruppo di rifugiati ucraini presenti tra il pubblico, ha aggiunto: “Questi bambini hanno dovuto fuggire per arrivare in una terra sicura. Questo è il frutto della guerra. Non dimentichiamoci di loro e non dimentichiamo il popolo ucraino”.

“Sono vittime il cui sangue innocente grida al cielo e implora la fine di questa guerra. Facciamo tacere le armi, smettiamo di seminare morte e distruzione”, ha aggiunto il Papa.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha detto che oltre 300 civili sono stati uccisi – molti dei quali, ha detto, avevano le mani legate dietro la schiena e sono stati torturati – in un evento che ha innescato più sanzioni UE e USA questa settimana.

Sia la Russia che la Cina hanno respinto la narrazione occidentale, con Mosca che l’ha descritta come una falsa bandiera avvenuta quando le truppe russe non erano presenti nella città e quando le forze ucraine l’hanno ripresa. La Cina ha esortato che i fatti sul terreno devono essere verificati in modo indipendente prima di lanciare accuse – anche se il ministero degli Esteri ha chiamato le immagini provenienti da Bucha “profondamente inquietanti”.

 

 

Un portavoce del Cremlino mercoledì ha rigirato le accuse, dicendo che è stato il “regime di Kiev” responsabile del massacro dei civili a Bucha, al fine di attirare il sostegno militare diretto della NATO. Secondo i media statali, Maria Zakharova ha detto:

“Ci sono così tante prove dell’innocenza della parte russa che dovremmo chiudere questo argomento”, ha detto Zakharova, osservando che il discorso dovrebbe essere cambiato in “accusare direttamente il regime ucraino e tutti coloro che lo assistono”.

Ha fatto riferimento al “falso Bucha” e ha detto che l’Occidente vuole un caso aperto e chiuso senza alcun esame delle prove. Allo stesso tempo il Cremlino ha detto che l’Occidente sta ignorando i casi di truppe russe torturate dalle forze ucraine.

“La discussione nel Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha mostrato che i nostri colleghi occidentali hanno evitato di analizzare le flagranti incongruenze nel filmato di Bucha che è stato mostrato dai loro media”, ha detto Zakharova. “Non avevano intenzione di discutere nulla di quel filmato, hanno semplicemente fatto le loro dichiarazioni accusatorie e hanno voluto chiudere l’argomento”.

Facebook Comments