Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da David Warren e pubblicato su Tha Catholic Thing. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

Papa Francesco
Papa Francesco

 

Il Papa ha aperto la porta alle benedizioni tra persone dello stesso sesso?

Non può, perché non sarebbe cattolico. Lo stesso commento potrebbe essere fatto per qualsiasi numero di questioni che potrebbero essere discusse o meno al “Sinodo sulla sinodalità” che è ora in corso.

Perché il Catechismo cattolico è stato chiaro, ed è stato chiarito di nuovo nel linguaggio di Trento, e in quello di solo una generazione fa. Anche discutere di tali questioni come questioni aperte significa portarci in un territorio inesplorato, cioè in un territorio discretamente evitato in passato.

La Chiesa non è una società di dibattito. Forse questa osservazione è già stata fatta da altri. Ma la ripeto perché è assolutamente ovvia.

Possiamo discutere di qualche aspetto della Fede che non viene compreso, perché è così profondo che non siamo arrivati in fondo. Possiamo cercare luce e chiarezza dove ci sono anime che cercano sinceramente – la verità che è sempre lì.

Ma il desiderio di cambiare l’insegnamento della Chiesa, e quindi la “politica” della Chiesa, significa proporre un’indagine insincera. E questo è esattamente, e inequivocabilmente, ciò che viene proposto oggi.

Dire che il matrimonio cristiano è in contraddizione con le unioni omosessuali significa non cogliere il punto. È come il vecchio espediente argomentativo che ha inventato “eterosessuali”, come termine per definire le persone non “omosessuali”; o più recentemente “cisgender” per essere l’opposto di “transgender”.

È la creazione di una nuova perversità denominata che può essere applicata all’assenza di una perversità.

Questo sarà ovviamente accolto come un’affermazione dura, ma nulla in esso implica l’assenza di chiarezza. Infatti, la deviazione da una norma non è essenzialmente illecita (Le deviazioni specifiche sono). Il suggerimento che una persona normale soffra di una condizione speciale è banale, oppure è una calunnia.

Non possiamo prevedere facilmente quali altre questioni potrebbero essere sollevate improvvisamente in questo Sinodo rivoluzionario. Tuttavia, possiamo dedurre con sicurezza che è in atto un’agenda segreta. E dobbiamo prepararci a esserne turbati.

I “dubia” su cinque punti chiave del Sinodo, presentati il 10 luglio e poi ripresentati, con una formulazione più stringente, il 21 agosto, chiedevano un Sì o un No in risposta a domande reali. Ha ricevuto solo risposte vaghe e sfuggenti, nel primo caso, e nessuna risposta nel secondo. Questo avrebbe dovuto allarmare.

Come già accaduto in precedenza, quando cardinali come Burke, Brandmüller, Sarah, Zen, Íñiguez, hanno chiesto chiarezza, hanno ricevuto il silenzio o una risposta negativa. Questo, di per sé, a prescindere dall’argomento, non è il modo di agire della Chiesa cattolica. Prima era possibile ottenere una risposta chiara a una domanda chiara.

Forse è una coincidenza, o forse c’è un mistero più oscuro, che il mondo sembra essersi dissolto in una mancanza di fede di molti tipi diversi negli ultimi dieci anni. Perché questo decennio non corrisponde solo al regno di Papa Francesco. Anche l’Internet dei social media è esploso intorno al 2013, creando nuove condizioni politiche in tutto il mondo.

Per un cattolico, la difficoltà di distinguere una rivoluzione dall’altra deve essere candidamente riconosciuta. Abbiamo a che fare con eventi che hanno uno spirito “post-razionale” tanto quanto il cambiamento di genere che caratterizza il nostro ambiente materiale.

Anche se il papato fosse in buone mani e affidabile, ora staremmo attraversando il caos. Sullo sfondo della modernità, la confusione aveva comunque raggiunto un punto di fissione.

Papa Benedetto XVI ne era vivamente consapevole. Si aspettava che alla Chiesa sarebbero accadute cose terribili, indipendentemente dalle personalità che sarebbero state messe al comando. I suoi sforzi, compresi quelli volti a riportare la pace nella “guerra” liturgica che si era scatenata appena sotto la superficie, fin dal Concilio Vaticano II, erano un tentativo di affrontare questo caos.

Benedetto era “ossessionato” dalla necessità di nominare Dio in modo esplicito; di riportare il Cristo reale nella circolazione popolare, ovunque possibile. Cercava di sconfiggere l’ossessione contraria per quella che chiamerei la nostra “decorazione interiore”.

Ma il Papa che ha scritto la Laudate Deum, come seguito della sua enciclica Laudato Si’, ha altre priorità. L’ultimo documento francescano non menziona quasi Dio, ma si scaglia contro gli uomini e le donne che negano la gravità della minaccia rappresentata dal cambiamento climatico.

È la voluta elusività, così come il flirt con la novità e l’eresia, a spingere i cattolici intelligenti e fedeli verso la disperazione. Cosa possiamo fare con un magistero del genere?

Curiosamente, una sorta di soluzione appare nella Catena Aurea. Questa meravigliosa antologia, o “Catena Aurea”, raccoglie un’ottantina di Padri della Chiesa greci e latini, in una serie continua – ordinata in base ai testi evangelici a cui si riferiscono.

L’opera fu una brillante commissione di Papa Urbano IV, nel XIII secolo. Fu compilata da Tommaso d’Aquino, che lavorava negli ambienti dello studium domenicano di Roma.

Il commento è meravigliosamente accessibile, ma non deve sorprendere, perché né San Tommaso né i Padri della Chiesa da lui curati scrivevano in modo elusivo, né usavano il gergo tecnico a cui sono inclini i filosofi (e i teologi) professionisti.

John Henry Newman ha tradotto l’opera in un inglese raffinato e l’editore britannico Baronius è il più recente a renderla disponibile, ben impaginata e rilegata.

Più che seguire il Sinodo, si potrebbe seguire quello.

Perché qui c’è il vero sinodo dei sinodi, fin dai primi secoli. Come protestante convertito, mi diverte il fatto che sia la presentazione più articolata e affidabile di quello che potremmo chiamare “cristianesimo biblico”.

I Padri hanno presentato tutto ciò che di rilevante sapevano, nei loro commenti biblici. È stato un principio della Chiesa che nessuno debba interpretare le Scritture in contraddizione con il consenso unanime dei Padri; e nella Catena Aurea possiamo leggere quale fosse.

Ciò di cui la Chiesa ha bisogno non sono altri esperimenti avventati. Ciò di cui la Chiesa ha bisogno è invece un umile ritorno alla fonte.

David Warren

 

David Warren è un ex redattore della rivista Idler ed editorialista di giornali canadesi. Ha una vasta esperienza nel Vicino e nell’Estremo Oriente. Il suo blog, Essays in Idleness, si trova ora all’indirizzo: davidwarrenonline.com.



Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle del responsabile di questo blog. I contributi pubblicati su questo blog, ritenuti degni di rilievo, hanno il solo ed unico scopo di far riflettere, di alimentare il dibattito e di approfondire la realtà. Qualora gli autori degli articoli che vengono qui rilanciati non avessero piacere della pubblicazione, non hanno che da segnalarmelo. Gli articoli verranno immediatamente cancellati.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments