Non seguirò questo nuovo schema di ascolto sinodale e non mi adeguerò al rimprovero di Papa Francesco sul proselitismo cattolico. Ascolterò Dio. E mi atterrò alle parole della Grande Missione di Cristo.

Di seguito un articolo dello scrittore Kevin Wells, pubblicato su Crisis Magazine. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

 

Mentre mi allacciavo al sedile del finestrino prima di partire da Città del Messico, la passeggera accanto a me stava conducendo affari dal suo telefono. Si stava discutendo di una nuova strategia di marketing, dal costo di centinaia di migliaia di dollari. La quarantenne con cui avrei avuto a che fare per le tre ore successive, ho capito subito, sarebbe stata la responsabile dell’impresa.

Prima di concludere la telefonata, le ho sentito dire (che curioso!) che aveva trascorso i tre giorni precedenti a festeggiare con decine di migliaia di oaxacani per il Día de los Muertos (Giorno dei Morti) o Allhallowtide. La festa, che dura tre giorni ed è un’intensa celebrazione della Vigilia di Ognissanti, Ognissanti e Commemorazione dei defunti, è caratterizzata da scheletri che sfilano, statue della Vergine di Guadalupe, mazzi di fiori che attirano i fantasmi, altari a gradinate e l’aroma di pani dolci cucinati per i morti. I pellegrinaggi notturni nei cimiteri, a lume di candela, vengono effettuati per pregare per le anime degli antenati e dei propri cari. Nella sua forma più pura, il Giorno dei Morti, che dura 72 ore e le cui origini risalgono a tremila anni fa, consiste in gran parte nel ridere di fronte alla morte. O morte, dov’è il tuo pungiglione?

Ma naturalmente, dato che siamo nel 2022, c’è stata una fusione di ubriachezza da tequila nelle strade secondarie, folle di persone che si sono ammassate nelle piazze, commercializzazione sfrenata, decadenza e voodoo, con cui la mia compagna di posto ha iniziato a raccontarmi. Tirò fuori il cellulare e mi svelò un gigantesco fotomontaggio della festa.

La sera precedente, mi disse, aveva speso centinaia di dollari per una cena di sei portate con sua sorella e due amiche. Per lei e il suo gruppo erano stati versati otto drink a tema Giorno dei Morti. Per dimostrarlo, mi ha mostrato alcune delle foto dei drink esotici. Le ho detto che non aveva un aspetto peggiore. “Ho preso una pozione speciale quando mi sono svegliata stamattina”, ha detto. “Mi ha rimesso in sesto”.

Io e la mia compagna di posto eravamo una coppia deliziosa, perché io ero in vena di ascoltare e lei di parlare.

L’aereo era ancora sulla pista quando lo schermo del televisore della fila di fronte a noi si è sintonizzato su un canale di notizie americano che parlava della visita di Donald Trump in Pennsylvania. Cinque minuti dopo, mi sono sentito come se fossi io quello con i postumi della sbornia.

La mia nuova amica si è lanciata in un’invettiva contro il mascalzone. “Ti avverto”, mi ha detto in tono confidenziale, “sono una liberale dal cuore tenero e dico quello che penso; e sono una grande sostenitrice della candidata democratica al Senato della Georgia Stacey Abrams”. Il suo soliloquio tagliente era incentrato sulla “misoginia” e sul “razzismo” dell’ex presidente. Mentre lei continuava a parlare, emettere le sue impressioni, l’aereo stava ancora rullando.

Mancavano ancora tre ore.

Quando il nostro aereo ha iniziato a salire oltre le nuvole, la conversazione si è spostata sul suo lavoro. Ho ammirato immediatamente la sua caparbietà, il suo ingegno e la sua mente sagace mentre mi illustrava come aveva guidato un certo pezzo di “attrezzatura per esercizi con tecnologia immersiva per tutto il corpo” (famosa ora in America) da zero. Questa donna non solo era esperta di affari, ma aveva anche dosi uguali di umorismo, zelo e fascino. Per me era la compagna di banco ideale.

Poi si è parlato del suo recente divorzio dall’uomo che “amava ancora” ma che non era “abbastanza motivato”. Mi ha spiegato che il suo ex ora usciva con una sua amica, il che le andava benissimo perché “voleva solo il meglio per lui”. Anche lei, a sua volta, era attualmente impegnata con un uomo divorziato che amava e che ha tre figli. “Non ho mai voluto figli”, mi ha detto. “E voilà, ora tre da un giorno all’altro!”.

Più tardi, quest’inverno, mi ha detto che lei e il suo ragazzo sarebbero andati insieme in Portogallo. Una parola mi è risuonata in testa. Fatima.

 

Era il mio turno di parlare.

Prima, però, mi sono concesso una pausa, chiedendole di condividere con me il suo itinerario in Portogallo. Mentre parlava, ho pregato. Vieni Spirito Santo, vieni… Vieni Spirito Santo, vieni… Dammi le parole per questa donna. Dammi le parole del cielo. Fa’ che le mie parole la conducano a Te.

Quando ha fatto una pausa, le ho detto: “Voglio che tu vada a Fatima”.

Lei ha risposto con gioia: “Continuo a leggere che Fatima è una tappa obbligata. Pensi che dovremmo andarci?”.

Si potrebbe dire che il cancello di partenza si era aperto.

La maggior parte delle tre ore successive sono state dedicate a condividere con lei il Vangelo, spesso interrotte dalle sue obiezioni, dalle sue convinzioni personali e dal suo frequente stupore. Quando le ho raccontato cosa è successo dopo che la Madonna ha aperto la terra per permettere ai giovani pastori Francesco, Lucia e Giacinta di avere una visione dell’Inferno, mi ha chiesto, cortesemente: “Ma Dio non ha fatto il Paradiso abbastanza grande per tutti noi?”.

“Lo ama”, ho risposto. “Ma ha creato un inferno abbastanza grande per coloro che non lo amano. È per coloro che vivono al di fuori della Sua volontà. È per i peccatori che raramente, se non mai, pensano a Lui. L’inferno è per coloro che lo scelgono, per coloro che vivono solo per se stessi”. Per non sembrare un guastafeste, le ho parlato del Miracolo del Sole di Fatima e le ho spiegato che Dio sceglie occasionalmente di regalarci miracoli – come ha fatto per 80.000 persone a Fatima – per rivelare la sua potenza e il suo amore per noi e per mostrarci la sua maestà e il suo desiderio che ci uniamo a lui nel suo regno.

Le realtà eterne – le sue opinioni e la mia consapevolezza e le mie spiegazioni scritturali – sono state discusse per gran parte dell’ora successiva.

Quando le ho detto che ero un cattolico che scriveva e parlava di cose cattoliche, mi ha chiesto se ero venuto in Messico per partecipare ai festeggiamenti del Giorno dei Morti. Le ho detto di no; che avevo trascorso la settimana precedente con tremila adolescenti nella sfortunata città di Chalco, dove un regno della resurrezione chiamato Girlstown estraeva i Lazzaro dalla tomba e li riportava in vita. Le ho detto che lì si sono insediate da 30 anni le Sorelle di Maria, l’ordine religioso che li riporta in salute.

Ho condiviso con lei alcune delle storie di devastazione che conoscevo: una ragazza di nome Zayra, inseguita per un’ora su una montagna da un trafficante di esseri umani. Le ho raccontato delle tante ragazze picchiate da uomini mostruosi, che le violavano in modi indicibili. Le ho raccontato di Antoninia, che ha visto suo padre ucciso per strada. “Tutte queste ragazze”, le ho detto, “sono state salvate e risuscitate da queste Sorelle di Maria. Hanno scelto di morire a se stesse per rimuovere le ferite di queste povere ragazze, in modo che potessero finalmente sapere cosa significa vivere”. Le lacrime hanno cominciato a scendere negli occhi della mia compagna di posto.

Le ho detto che è stato Gesù stesso a salvare queste ragazze, le più povere tra i poveri del Messico. È stato lui a condurle in questa gioiosa valle di resurrezione. Queste stesse ragazze, le ho detto, sono diventate alcune delle giovani donne di maggior successo nella terra che un tempo le maltrattava. Le ho detto che il giorno prima avevo trascorso il mio tempo con una laureata un tempo povera, Jennifer, che ora è l’architetto capo che sta aiutando a costruire un nuovo grande progetto edilizio a Girlstown. Le ho detto che la ragazza era proprio come lei: era motivata, piena di gioia e saggia sulle vie del mondo.

 

Perché condivido questa storia dell’aereo dello scorso fine settimana?

Perché la Chiesa cattolica ha sempre più incoraggiato l’eliminazione di questa forma di proselitismo. Il Sinodo sulla sinodalità in corso, a quanto pare, è un altro ingranaggio dell’industrializzazione da parte della Chiesa della frantumazione dell’evangelizzazione cattolica – dove individui malformati o ciechi di Cristo sono lasciati a penzolare; lasciati a pascolare in un mondo pagano senza essere disturbati dalla proclamazione della fornace ardente del Vangelo.

Nel 2020, Papa Francesco è sembrato rimproverare la “Grande Missione” di Cristo mentre si rivolgeva agli studenti del liceo classico Pilo Albertelli di Roma: “Mai, mai portare il Vangelo facendo proselitismo”, ha detto. “Se qualcuno dice di essere un discepolo di Gesù e viene da voi a fare proselitismo, non è un discepolo di Gesù. Di fronte a un non credente, l’ultima cosa che devo fare è cercare di convincerlo. Mai. L’ultima cosa che devo fare è parlare”. Papa Francesco ha poi detto che solo quando il non credente vede la bontà della tua testimonianza è giusto parlare.

Sono sempre stato scettico sulla famosa citazione cattolica, falsamente attribuita a San Francesco d’Assisi: “Predica sempre il Vangelo e, se necessario, usa le parole”. Ho sentito dire che alcune delle persone più gentili al mondo sono atee e agnostiche – ed è vero! Con i loro sorrisi, la loro cortesia e il loro buon carattere sembrano spesso proclamare il Vangelo del Dio che non conoscono. Ma non si tratta di predicare, bensì di essere gentili. Giocano con le loro anime.

Mentre il Sinodo sulla sinodalità di Roma avanza, un numero sempre maggiore di fedeli cattolici sta togliendo le tende. Lì, nel soffice bozzolo delle parole d’ordine sinodali, questi fedeli vedono una brutta incoerenza, come un verme verde che si contorce nella mela che hanno in mano. Molti oggi si chiedono cosa voglia essere questa nuova “Chiesa dell’ascolto”; la Chiesa che vuole “rimuovere le barriere” e “accompagnare gli emarginati” – dove “l’ascolto dello Spirito” ha preso piede in quasi tutta la Chiesa cattolica mondiale.

 

Che ne dite, per un momento, di invertire la rotta del Sinodo?

Ho ascoltato per diverso tempo questa donna (che mi piaceva) e ho giudicato che fosse persa. Ho sentito l’odio nella sua voce quando parlava (Trump può non piacere, ma questo era un odio nucleare). L’ho ascoltata mentre mi spiegava il motivo per cui aveva chiesto il divorzio, con il cuore spezzato e le idee sbagliate. L’ho sentita raccontare che era riuscita a riprendersi rapidamente con una seconda relazione. Ho ascoltato il motivo per cui non voleva figli. Mi ha detto che non praticava alcuna fede. Mi ha mostrato le foto dei suoi cani domestici deceduti che aveva messo su un altare improvvisato per il giorno dei morti.

Ho ascoltato – e ho ascoltato ancora – come i leader sinodali hanno ripetutamente chiesto a me/noi/la Chiesa di fare nell’ultimo anno. Se un autore sinodale potesse viaggiare nei cieli del mondo, immagino che il messaggio che più vorrebbe trasmettere sarebbe: “Dobbiamo diventare una Chiesa che ascolta”.

Ma più ascoltavo questa donna, sembrava che non fosse più un corpo accanto a me, ma un’anima. Così ho smesso di ascoltare. E proprio a quell’anima spoglia di Cristo ho iniziato a condividere il Vangelo e la verità della fede cattolica. Gli autori del Sinodo dicono che devo rimuovere le barriere, e così ho fatto. Ho rimosso la sua incoerenza sulle realtà eterne e i suoi pensieri sul peso di avere figli. Poi ho aspettato lo Spirito Santo. Non c’era nulla che mi bloccasse – non c’era alcuna barriera – quando ho parlato alla sua anima.

Non seguirò questo nuovo schema di ascolto sinodale e non mi adeguerò al rimprovero di Papa Francesco sul proselitismo cattolico. Ascolterò Dio. E mi atterrò alle parole della Grande Missione di Cristo.

Ad Atlanta, mentre la mia nuova amica aspettava che sua sorella e due amici si dirigessero alla dogana, mi ha mostrato dal suo cellulare che aveva ordinato i miei libri cattolici su Amazon.

Morale della favola: Ignorare la via sinodale e racimolare qualche soldo!

Nota: Sisters of Mary World Villages for Children (WVC) è un’organizzazione senza scopo di lucro che sostiene finanziariamente le Sorelle di Maria nel tentativo di aiutare i bambini a liberarsi da una vita di povertà e di condurli a Cristo. Il WVC fornisce cibo, alloggio, vestiti, spese mediche, istruzione cattolica e formazione professionale a più di 21.000 bambini in Boystown e Girlstown in sei diversi Paesi del mondo. Per effettuare una donazione a World Villages for Children, visitare il sito web www.worldvillages.org/donate/.

 

Kevin Wells è un ex scrittore della Major League Baseball, oratore cattolico e autore di Priest and Beggar: The Heroic Life of Venerable Aloysius Schwartz (Ignatius Press). Il suo best-seller The Priests We Need to Save the Church è stato pubblicato da Sophia Institute Press nel 2019.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments