Non tutto ciò che è nascosto e segreto viene rivelato dal Rapporto, ma il Rapporto è chiaro che c’è stato un inganno profondo che la Chiesa come istituzione umana non è riuscita a correggere.

L’articolo è stato pubblicato sul World Catholic Report. Eccolo nella mia traduzione.

 

McCarrick Theodore ex cardinale ora ridotto allo stato laicale
McCarrick Theodore ex cardinale ora ridotto allo stato laicale

 

 

di Ines Murzaku

 

Come ha fatto Theodore McCarrick ad arrivare al timone, diventando un vescovo di primo piano e un principe della Chiesa? Il suo cammino e la sua sete di posizioni, di potere e di ambizione sono notevoli: dalla nomina del 1977 da parte di papa Paolo VI a vescovo ausiliare di New York; alla nomina del 1981 da parte di papa Giovanni Paolo II a vescovo di Metuchen N.J.; alla nomina del 1986 ad arcivescovo di Newark; alla nomina del 2000 ad arcivescovo di Washington, all’elevazione a cardinale nel 2001 – una formidabile carriera di 24 anni che rappresenta una perfetta doppia vita, seguendo il manuale di come costruire la fiducia tra la gente e allo stesso tempo ingannarla, con un occhio di riguardo per la scalata.

Ma McCarrick non era un politico di professione; era un pastore e un vescovo/arcivescovo/cardinale della Chiesa, da cui dipendevano le cure dei cattolici di quattro diverse sedi. Come riuscì a ingannare il gregge sotto le sue cure? Come è riuscito a ingannare i suoi fratelli vescovi che avevano sentito parlare della cattiva condotta di McCarrick? Come è riuscito a ingannare Papa Giovanni Paolo II?

Un libro del 2011 di padre Louis Cameli, Il diavolo che non conosci, mi viene in mente per spiegare il modo complicato in cui McCarrick è arrivato al timone: l’inganno, la divisione, la diversione e lo scoraggiamento. Nel caso di McCarrick, coprire le tracce e deviare le indagini. È tragico che il magistrale inganno di McCarrick sia caduto tra le crepe della burocrazia della Chiesa e della lenta comunicazione tra l’America e Roma. Il fatto è che l’arguzia, l’approccio e il carisma irlandese di McCarrick hanno ingannato i suoi fratelli sacerdoti e vescovi, convincendoli a non indagare sulle voci e ad andare a fondo della sua doppia vita.

Senza dubbio, McCarrick è un uomo dai molti talenti, e questi talenti lo hanno aiutato nella sua sete di potere e nel salire la scala ecclesiastica. Il suo savoir-faire, la sua astuzia e le sue risposte sfumate su qualsiasi questione politico-ecclesiastica lo hanno reso uno dei leader cattolici più ricercati dai media, anche se è stato difficile identificare la posizione di McCarrick su molte questioni, o metterlo in un angolo in una scatola progressista o tradizionale. Ha ballato il valzer con molta attenzione per evitare di essere preso alla sprovvista. Non ha mai messo in discussione la dottrina ufficiale della Chiesa, ha difeso il celibato e il sacerdozio solamente maschile, era contrario all’aborto, e ha elogiato i pontefici, spuntando magistralmente tutti i punti caldi per essere in linea con Roma, o come lui stesso ha detto, con entrambi i lati della Pennsylvania Avenue.

Quando scoppiò lo scandalo, McCarrick divenne il volto pubblico – oserei dire, l’attraente volto pubblico della Chiesa cattolica, per rappresentare un’istituzione macchiata dallo scandalo, tenendosi a distanza di sicurezza dallo scandalo. Ironia della sorte, l’immagine di una Chiesa ferita e combattuta è stata restaurata dal pedofilo più corrotto e da un molestatore di seminaristi.

Redigere la propria esenzione

McCarrick ha alzato il suo profilo diventando il portavoce non ufficiale dei vescovi cattolici americani presso i media laici. Sapeva davvero come gestire i media. All’epoca in cui Papa Giovanni Paolo II convocò tutti gli undici cardinali americani a Roma per affrontare lo scandalo degli abusi sessuali negli Stati Uniti, McCarrick fu citato dal Washington Post il 17 aprile 2002, dicendo: “Dobbiamo fare in modo che siamo tutti sulla stessa lunghezza d’onda… che ogni accusa credibile arrivi sia alla diocesi che alle autorità civili”.

McCarrick, che era stato lui stesso accusato, proponeva modi per affrontare lo scandalo dell’abuso in modo più completo, in modo che non fosse gestito da ogni singola diocesi. McCarrick era talmente convinto della sua innocenza da non essere timido quando parlava pubblicamente di quella che considerava un’accusa infondata già dieci anni prima, quando era arcivescovo di Newark. Confessò pubblicamente di essere stato accusato di pedofilia, di aver abusato dei membri della sua stessa famiglia, dei suoi nipoti e delle sue nipoti. Susan Gibbs, portavoce di McCarrick, ha spiegato, secondo l’articolo del Washington Post, che la lettera non firmata implicava che avesse abusato sessualmente dei suoi nipoti, ma non aveva “nessuna accusa specifica, nessun nome, niente di niente… solo voci”.

McCarrick stava confessando la verità? Perché stava deviando l’attenzione sulla sua “propria famiglia”, sui suoi nipoti, quando in realtà non aveva parenti stretti? McCarrick era figlio unico. Come spiega il Rapporto, le persone vicine a McCarrick nell’arcidiocesi di Newark erano “confuse quando parlava dei suoi fratelli e sorelle, nipoti”. Distogliere l’attenzione dal paradigma dell’abuso zio-nipote è un trucco del mestiere, come McCarrick sapeva fin troppo bene: aveva abusato, e le accuse si riferivano a seminaristi della Scuola di Teologia del Seminario dell’Immacolata Concezione. Erano ragazzi dell’università che stava istruendo. Inganno, distogliere l’attenzione, confusione, e parole usate abilmente sono stati tutti usati in modo magistrale e convincente.

Ciò a cui McCarrick si riferiva (secondo il Rapporto) nell’intervista del Washington Post erano le sei lettere anonime e una lettera pseudonima ricevute tra il 1992 e il 1993, in cui si accusava una cattiva condotta sessuale. Le lettere erano state inviate a diversi prelati cattolici, tra cui l’arcivescovo Agostino Cacciavillan, il nunzio negli Stati Uniti; i cardinali John O’Connor e Joseph Bernardin; e l’avvocato William Cambria, consigliere generale dell’arcidiocesi di Newark. Il cardinale O’Connor aveva inviato a McCarrick copie delle lettere. Tuttavia, nessuna delle lettere fornisce i nomi delle vittime. Dopo la vigorosa difesa di McCarrick di se stesso e la discussione sul dolore che stava subendo “per essere accusato di questi crimini e non essere in grado di difendere se stesso [se stesso] o la sua [propria] reputazione”, queste lettere sono state trattate come calunniose e non hanno portato ad alcuna indagine o verifica dei fatti. Si è sottratto al controllo e al giudizio. Ci si chiede se i suoi fratelli sacerdoti, i cardinali John O’Connor e Joseph Bernardin, si siano avvicinati a lui e gli abbiano detto la sua colpa tra loro e lui solo, seguendo le direttive di Cristo (Mt 18,15). Non sembra che sia stato così.

Ma c’è stato più inganno: giocando la carta della vulnerabilità, che alla fine è andata a vantaggio di chi si è aperto pubblicamente, McCarrick, ha costruito più fiducia tra i cattolici e i suoi fratelli sacerdoti, mantenendo il suo nome e la sua reputazione incontaminata dalle accuse. Stava escogitando cosa fare se accusato: distogliere l’attenzione, distogliere l’indagine, e giocare la carta della vittima. McCarrick voleva andare a verbale con fiducia e affermare pubblicamente: “Se c’è qualche interesse con qualcuno qui, posso dire che ho 71 anni e non ho mai avuto rapporti sessuali con nessuno – uomo, donna o bambino. E questo può essere messo a verbale”.

Ma ci sono stati più diversioni e insabbiamenti. McCarrick era favorevole all’applicazione di standard diversi ai sacerdoti che avevano commesso aggressioni in passato. In un’intervista con All Things Considered della NPR, l’11 giugno 2002, ha risposto sulla reazione della Chiesa ai futuri casi di abuso sessuale: “… chiunque lo facesse [l’abuso sessuale] cercheremmo la laicizzazione automatica – in altre parole, l’allontanamento dallo stato clericale, l’allontanamento dal ministero sacerdotale” – una dichiarazione ferma seguita da un’eccezione per i reati passati (probabilmente suoi) “se [l’abuso] è avvenuto in passato, portiamolo fuori dal ministero pubblico e forse dalla possibilità di un monastero o di una struttura in cui quella persona potrebbe vivere e nessuno sarebbe minacciato dalla sua presenza “.

Quindi, la tolleranza zero per McCarrick era destinata a reati futuri; non si applicava ai reati passati. McCarrick è stato uno dei redattori della Carta di Dallas del giugno 2002, procedure che lasciavano molto a desiderare e che erano prive di comprensione teologica, lasciando i vescovi come McCarrick esenti dalle più severe censure.

Come McCarrick ha ingannato Papa Giovanni Paolo II

McCarrick non ha risparmiato il suo inganno e le sue lusinghe con Papa Giovanni Paolo II. In un’intervista del 2006 con il Washingtonian, quando gli fu chiesto chi erano le persone più notevoli che aveva incontrato tra i grandi leader del mondo, mise Papa Giovanni Paolo II al terzo posto. McCarrick ha incontrato Papa Giovanni Paolo II per la prima volta nel 1976, quando era il cardinale Wojtyla, arcivescovo di Cracovia. Il futuro papa stava partecipando al Congresso Eucaristico a Philadelphia nel settembre 1976, quando si recò a New York e McCarrick era in servizio come segretario del cardinale Terence Cooke. McCarrick “scherzosamente si lamentava di aver rinunciato alle sue vacanze per partecipare al Congresso”. Quando Wojtyla divenne papa, si sarebbe ricordato di questo primo incontro con McCarrick e gli chiese durante un’udienza generale: “Hai mai fatto quella vacanza?” Ovviamente, McCarrick aveva catturato l’attenzione di Wojtyla con la sua arguzia e le sue lusinghe.

Giovanni Paolo II visitò Newark nel 1995 dopo che il cardinale O’Connor aveva informato il nunzio Cacciavillan che non c’erano ostacoli alla visita del papa a Newark, dopo che egli aveva condotto e completato un’inchiesta relativa alle accuse fatte dal sacerdote 1 secondo il Rapporto McCarrick (p. 112). La strada fu spianata a Giovanni Paolo II perché visitasse McCarrick a Newark, il che a sua volta ha fatto guadagnare a McCarrick più punti di credibilità e ha cementato la sua posizione tra i suoi confratelli vescovi.

In conclusione, non tutto ciò che è nascosto e segreto è rivelato dal Rapporto, ma il Rapporto è chiaro che c’è stato un profondo inganno che la Chiesa come istituzione umana non è riuscita a correggere. Mentre McCarrick ha ostinatamente gridato l’importanza di portare alla luce false accuse contro di lui in modo che potessero essere smascherate per la loro falsità, il Rapporto ha veramente portato alla luce una verità sufficiente a mostrare i difetti di un uomo che aveva ingannato la Chiesa. Il Rapporto ha anche contribuito a mettere in luce i difetti del sistema che hanno permesso a tale uomo di elevarsi tra i ranghi. Se i dirigenti della Chiesa prendono a cuore il Rapporto, la grazia che può venire dalla consapevolezza di questa sordida situazione può aiutare la Chiesa a ritornare con rinnovata sincerità al suo impegno di proteggere e promuovere la dignità di tutti e di porre l’accento sull’umiltà.

 

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print
1