La FDA americana ha dato il suo lasciapassare per la vaccinazione COVID dei bambini dai 5 agli 11 anni. Molte le critiche che ha sollevato, le quali si sono incentrate sul modello di analisi utilizzato. Qui di seguito un articolo pubblicato sulla rivista HART che vi propongo nella mia traduzione. 

 

bambini-vaccini-covid

 

La FDA ha pubblicato il loro ragionamento per giustificare la vaccinazione dei bambini dai 5 agli 11 anni. La tabella, riprodotta qui sotto, mostra le loro stime del rischio di ricoveri in terapia intensiva e di decessi, in ipotetiche future ondate di Covid, contro il rischio garantito di miocardite se la vaccinazione viene effettuata.

 

Tabella dalla pubblicazione della FDA che mostra le stime modellate dei benefici e dei rischi della vaccinazione dei bambini dai 5 agli 11 anni. Si noti che i benefici e i rischi dei ricoveri in terapia intensiva nei maschi sono molto simili.
Tabella dalla pubblicazione della FDA che mostra le stime modellate dei benefici e dei rischi della vaccinazione dei bambini dai 5 agli 11 anni. Si noti che i benefici e i rischi dei ricoveri in terapia intensiva nei maschi sono molto simili.

 

In Inghilterra, c’erano 291 bambini in terapia intensiva con una diagnosi di Covid fino a maggio 2021. Poco più della metà erano sotto i 12 anni e, se assumiamo una distribuzione uniforme dell’età, ciò rappresenterebbe meno di 100 pazienti in terapia intensiva di età compresa tra 5 e 11 anni nel corso di un anno. Estrapolando a una popolazione di un milione di bambini tra i 5 e gli 11 anni, si arriva a 20 per milione di bambini.

Il fatto che solo il 30% dei bambini “ammessi” in terapia intensiva con Covid avesse un test positivo prima di arrivare in terapia intensiva, mette in dubbio il numero di veri ricoveri in PICU con Covid. Il Paediatric Intensive Care Audit Network (PICANet) dice: “Questi bambini potrebbero non essere principalmente in PICU a causa del Covid-19, ma tutti sono risultati positivi al virus prima o durante il loro ricovero in PICU”.

La FDA sostiene che la vaccinazione potrebbe prevenire tra 60 e 80 ricoveri in terapia intensiva per milione di bambini dai 5 agli 11 anni in un periodo di soli 6 mesi. Questo significherebbe da 120 a 160 nel corso di un anno o da 6 a 8 volte più ricoveri di quelli visti nel Regno Unito.

Per raggiungere una tale conclusione, devono essere state fatte le seguenti supposizioni:

  1. L’immunità naturale nei bambini che sono stati infettati non esiste
  2. Non esiste una trasmissione ospedaliera a bambini che sono già malati per un’altra ragione
  3. I bambini con co-morbidità non sono più a rischio dei bambini sani
  4. La vaccinazione può prevenire la stragrande maggioranza dei ricoveri in terapia intensiva
  5. Non c’è un calo del vaccino nei bambini

Questi presupposti sono così estremi che presentare i dati in questo modo per creare un caso per vaccinare i bambini sani equivale a negligenza se non a frode vera e propria.

Il JCVI ( Joint Committee on Vaccination and Immunisation – Comitato congiunto per le vaccinazioni e le immunizzazioni, ndr), è stato più attento nei suoi calcoli. Hanno effettuato un calcolo che stimava solo il rischio per i bambini altrimenti sani dai 12 ai 17 anni. (Un bambino sano ricoverato in terapia intensiva per un’altra causa, ad esempio la meningite, che poi contrae il Covid in ospedale verrebbe contato come un ricovero prevenibile di Covid). Hanno concluso che dare a tutti i 2,7 milioni di ragazzi dai 12 ai 15 anni in Inghilterra una dose potrebbe prevenire 7 ricoveri in terapia intensiva di bambini sani. Dati i rischi della vaccinazione hanno quindi ritenuto di non poter raccomandare la vaccinazione di questo gruppo di età. Sono stati i quattro Chief Medical Officers a fare la raccomandazione per i bambini di questa età.

La FDA paragona il rischio del Covid al rischio di miocardite. Anche sulle loro stesse cifre, il rischio di ricovero in terapia intensiva per i maschi a causa della miocardite post vaccinazione (vedi tabella) è dello stesso ordine dei presunti ricoveri in terapia intensiva evitati. È difficile vedere come questo soddisfi i criteri della FDA per l’autorizzazione di emergenza:

“I benefici noti e potenziali del prodotto, se usato per diagnosticare, prevenire o trattare la malattia o condizione grave o pericolosa per la vita identificata, superano i rischi noti e potenziali del prodotto”

La cifra che usano per il rischio di miocardite è 1 su 10.000 con un terzo che richiede cure intensive. Non è insolito che il rischio di una reazione avversa a un farmaco diventi più alto con il passare del tempo, in parte perché l’attenzione è attirata sul problema e viene misurato più accuratamente. La sanità pubblica dell’Ontario stima che il rischio per milione sia più alto di questo quando si aggiunge il rischio dopo la prima dose al rischio dopo la seconda dose, con un tasso considerevolmente più alto nei gruppi di età più giovani. Per esempio, il tasso dopo la seconda dose di Pfizer è stimato essere 92 per milione nei maschi di età compresa tra 12-17 anni rispetto ai 43 per milione nei maschi di età compresa tra 18-24 anni. È altamente probabile che un rischio di 1 su 10.000 per i bambini tra i 5 e gli 11 anni sia una sottostima. Non è stato preso in considerazione l’impatto a lungo termine della miocardite né l’effetto che ha l’adescamento del sistema immunitario con la vaccinazione sui tassi di miocardite in quei bambini che poi incontrano il virus. Nelle parole della FDA:

“Non sono ancora disponibili informazioni sulle potenziali sequele a lungo termine e sugli esiti negli individui colpiti, o se il vaccino potrebbe essere associato inizialmente a una miocardite subclinica (e se sì, quali sono le conseguenze a lungo termine)”.

Il documento della FDA termina con una nota che un trial di 5 anni inizierà

“per caratterizzare il decorso clinico, i fattori di rischio, la risoluzione, le conseguenze a lungo termine e la qualità della vita nei bambini e nei giovani adulti <21 anni con miocardite/pericardite acuta post-vaccino”.

La miocardite non è l’unica reazione avversa a cui saranno esposti i bambini vaccinati. Durante l’epidemia di influenza suina che si presume abbia ucciso 70 bambini in Inghilterra, il vaccino Pandemrix è stato ritirato dal mercato quando è stato dimostrato che causava narcolessia in 1 su 50.000 destinatari. Dato che solo 20 bambini sono morti ‘con’ il Covid nella coorte dai 5 ai 14 anni, la maggior parte dei quali aveva gravi co-morbidità, non c’è semplicemente nessun argomento ragionevole per vaccinare questo gruppo di età, dati i noti rischi di eventi avversi.

La decisione di vaccinare i bambini è sconsiderata e il modo in cui i dati sono stati presentati come rappresentanti il rischio per i bambini sani, è, deliberatamente o no, fraudolento.

Facebook Comments