Dopo le aspre critiche ricevute per la istituzione di una sorta di Ministero della verità di orwelliana memoria, il presidente Biden lo ha “messo in pausa”, causando le dimissioni del designato direttore, la discussa e discutibile Nina Jankowicz, meglio conosciuta come la Mary Poppins della disinformazione.

L’articolo che vi presento è scritto da Theo Wayt, Mark Lungariello e Samuel Chamberlain ed è stato pubblicato sul New York Post. Eccolo nella mia traduzione. 

 

Nina Jankowicz nella sua più importante performance sulla disinformazione

 

L’amministrazione Biden ha “messo in pausa” i suoi controversi piani per la creazione di un Consiglio per la Disinformazione, causando le dimissioni del suo aspirante leader, secondo quanto riportato mercoledì dal Washington Post.

Il Washington Post ha riferito che il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale ha deciso di abbandonare l’idea lunedì dopo settimane di reazioni negative da parte di repubblicani, libertari e persino di alcuni liberali, che hanno paragonato il progetto al Ministero della Verità del classico romanzo di George Orwell “1984”.

La testata ha aggiunto che l'”esperta di disinformazione” Nina Jankowicz, che era stata scelta per dirigere il consiglio, aveva redatto una lettera di dimissioni martedì mattina, ma le era stata data la possibilità di rimanere in carica durante una telefonata con i funzionari del DHS la sera stessa. Il giornale ha poi aggiornato il suo rapporto dicendo che la Jankowicz si era dimessa dal DHS.

Il Dipartimento non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento, ma un portavoce ha lamentato al Washington Post che la Jankowicz “è stata sottoposta a ingiustificati e vili attacchi personali e minacce fisiche” e l’ha definita ” estremamente qualificata”.

Il consiglio aveva il mandato di combattere la diffusione della “disinformazione” che “può influire sulla sicurezza dei confini, sulla sicurezza degli americani durante i disastri e sulla fiducia del pubblico nelle nostre istituzioni democratiche”.

Tuttavia, l’idea di Jankowicz di difendere la verità comprendeva la possibilità per gli utenti “verificati” di Twitter di “modificare” i tweet di altri utenti se i prescelti con la spunta blu ritenevano che fossero fuorvianti.

Jankowicz ha anche cercato ripetutamente di mettere in dubbio le notizie riportate dal New York Post sul famigerato computer portatile di Hunter Biden, dicendo all’Associated Press nell’ottobre 2020 che doveva essere visto come “un prodotto della campagna di Trump”.

La maestra della disinformazione è stata anche criticata per una bizzarra performance su TikTok del febbraio 2021, in cui ha alterato il testo della canzone “Mary Poppins” “Supercalifragilisticexpialidocious” per parlare di fake news.

“Il riciclaggio di informazioni è davvero molto feroce. È quando un imbroglione prende alcune bugie e le fa sembrare precotte, dicendole al Congresso o in un organo di stampa mainstream, in modo che le origini della disinformazione siano un po’ meno atroci”, ha cantato l’attrice nel video, che ha suscitato una certa irritazione.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments