Rilancio dal blog di Joshua Guetzkow, una analisi dei dati che provengono da una indagine sugli eventi avversi registrati dopo la dose di richiamo (il booster). I risultati di questa analisi fanno molto pensare. Joshua Guetzkow è professore associato dell’Institute of Criminology, presso la Facoltà di Legge della The Hebrew University di Gerusalemme. Oltre ad aver studiato presso l’Università di Berkeley, ha conseguito un M.A. e Ph.D. in Sociology, presso la prestigiosa Princeton University. Di seguito il suo articolo nella mia traduzione. 

 

vaccino Israele

 

Beh, sorpresa, sorpresa. Il Ministero della Salute israeliano (MoH) ha condotto un vero e proprio sondaggio su circa duemila persone 3-4 settimane dopo aver ricevuto la terza iniezione (richiamo) del vaccino COVID-19 della Pfizer/BioNTech, chiedendo loro gli eventi avversi che hanno sperimentato dopo la vaccinazione. I risultati sono assolutamente devastanti per il programma del vaccino COVID-19 e la pressione per gli obblighi di vaccinazione. Mi arrivano dal mio fratello d’armi. ‘Galileo è tornato’ (e il ragazzo è incazzato!).

Il rapporto del sondaggio è stato rilasciato la scorsa settimana (9 febbraio) e da quello che ho potuto trovare non è disponibile sul sito web del Ministero della Sanità ma solo attraverso un sito web per il solo personale medico, quindi non è disponibile al pubblico. (Correzione: è stato rilasciato sul canale MoH Telegram.). Il rapporto è stato accolto dai media principalmente con un silenzio quasi totale, a parte un paio di articoli che minimizzano gli eventi avversi come lievi e transitori.

Questo dopo più di un anno in cui ogni testa parlante in TV e ogni giornale grande e piccolo ha assicurato al pubblico israeliano che stavano monitorando la sicurezza dei vaccini e che erano ovviamente estremamente sicuri perché c’erano pochissimi rapporti e la maggior parte di essi erano estremamente minori e tu eri un pazzo teorico della cospirazione a dubitarne.

Naturalmente il MoH, insieme al CDC, ignora completamente i segnali di sicurezza inequivocabili e senza precedenti che provengono dal Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) degli Stati Uniti. Non importa che il sistema passivo e volontario di segnalazione degli eventi avversi che il Ministero della Sanità ha messo in atto, di cui praticamente nessuno sapeva, era una completa farsa. Hanno preso una pagina dal playbook Pharma, deliberatamente non riuscendo a raccogliere i dati in modo appropriato, in modo da poter trasformare l’assenza di prove in prove di assenza.

Il MoH non ha dovuto guardare oltre la propria pagina Facebook per trovare un sacco di prove. Il 30 settembre hanno pubblicato un post su Facebook deridendo tutte le “fake news” sui social network sugli effetti collaterali e promuovendo la sicurezza dei vaccini: solo 19 eventi avversi gravi riportati su 3 milioni di dosi di richiamo, che potrebbero anche non essere collegati al vaccino. Il post è stato rapidamente inondato da migliaia di commenti di persone che descrivevano in dettaglio i gravi eventi avversi che loro o i loro cari avevano sperimentato dopo il richiamo e le dosi precedenti (vedi qui per la traduzione automatica di molti di loro). Qualcuno al Ministero della Sanità a quanto pare si è fatto prendere dal panico, perché hanno rapidamente iniziato a cancellare centinaia se non migliaia di commenti. Sono stati colti “sul fatto” da persone che leggendo i commenti hanno fatto dei video in cui venivano cancellati, uno per uno. Attualmente ci sono 27.000 commenti su quel post. Non si sa quanti siano stati cancellati.

E a quanto pare non è mai venuto in mente al Ministero della Sanità di indagare sul perché così tante persone non siano mai tornate per la seconda dose, nonostante abbiano perso l’idoneità al pass verde o il diritto a lavorare in innumerevoli posti di lavoro che richiedono la vaccinazione. Un calcolo accurato che ho visto ha stimato che entro giugno 2021, c’erano circa 180.000 persone che non erano mai tornate per la seconda dose – un numero che esclude le persone che sono guarite da un’infezione da SARS-Cov-2. Questo è più del 3% delle persone che erano state vaccinate con una dose e che avevano diritto alla seconda in quel momento.

All’udienza del comitato consultivo della FDA del 17 settembre per decidere se approvare l’iniezione di richiamo, i dati di Israele sulla terza dose hanno giocato un ruolo da protagonista – compresi i loro dati sulla sicurezza. Era estremamente sicuro, hanno assicurato alla FDA, dato che avevano ricevuto così pochi rapporti, anche meno delle prime due dosi! E anche la maggior parte di quelle ricevute non erano causate dal vaccino, compresa questa donna di 60 anni che ha avuto un ictus subito dopo aver ricevuto la dose di richiamo. Perché non era causale? Perché lo dicevano loro.

 

Mentre la commissione della FDA ha applaudito Israele per essere un laboratorio esemplare (vorrei scherzare), hanno comunque deciso che i dati israeliani erano insufficienti per approvare il richiamo per le persone sotto i 65 anni. Il Ministero della Sanità non si è fatto scoraggiare. Grazie in parte alla nuova politica che richiedeva una terza dose per l’idoneità del “green pass”, che ha spinto molti giovani israeliani riluttanti ad andare a ricevere la dose #3 insieme all’esercito che l’ha imposta ai soldati di leva, sono stati in grado di tornare alla FDA il mese successivo (14 ottobre) con più dati che avevano raccolto sull’efficacia e la sicurezza della dose di richiamo nelle popolazioni più giovani, di nuovo con la stessa conclusione: estremamente sicuro. Come così, così sicuro. Non importa tutti quei fastidiosi post su Facebook e le persone che non sono mai tornate per la dose 2.

Nel frattempo, l’indagine che stavano conducendo sugli eventi avversi dopo il richiamo, che dipinge un quadro completamente diverso sul suo profilo di sicurezza, si stava concludendo e sarebbe stato finito meno di due settimane dopo, il 25 ottobre. Vale la pena notare che il Ministero della Sanità ha avuto tutto il tempo di analizzare i dati del sondaggio prima di raccomandare la quarta dose di richiamo il 25 gennaio.

Quindi cosa ci dicono i risultati del sondaggio sulla sicurezza della dose di richiamo? E cosa possono dirci sulla dimensione in cui l’attuale sistema israeliano di monitoraggio della sicurezza dei vaccini stava sottovalutando gli eventi avversi? E possiamo usarli per stimare il fattore di sotto segnalazione di alcuni eventi in VAERS? (Risposte brevi: sicurezza orribile, massicciamente sottovalutata, e sì, possiamo!)

Ecco alcuni dei risultati più importanti del sondaggio. Più in basso presenterò tutti i risultati e concluderò con alcune considerazioni sugli eventi non segnalati:

  • Lo 0,5% delle persone ha riferito di essere stato ricoverato come risultato dell’evento avverso che hanno sperimentato. Non solo il pronto soccorso, ma essere effettivamente ricoverati. Pensate che questo sia incredibilmente alto? Leggete questa nota. [1] Se i numeri sono sbagliati, il Ministero della Sanità deve dirlo e spiegare come hanno fatto a sbagliare.
  • Israele ha somministrato circa 4,5 milioni di dosi di richiamo finora, il che equivale a oltre 22.000 ricoveri.
  • Più di 92 milioni di dosi di richiamo sono state distribuite negli Stati Uniti, il che equivale a 460.000 ricoveri.
  • Il 29% ha riferito di aver avuto difficoltà a svolgere le attività quotidiane a causa dell’evento avverso. Questo è il 44% del 66,4% del campione che ha riportato almeno un evento avverso. Come in VAERS, le donne erano più propense a segnalare rispetto agli uomini (75% vs 58%) e anche più propense a segnalare difficoltà nelle attività quotidiane (51% vs 35%).
  • Il 4,5% degli intervistati ha riportato problemi neurologici (di nuovo, più donne che uomini), tra cui:
  1. Paralisi di Bell (0,5%)
  2. Visione offuscata o disturbata (0,5%)
  3. Crisi/convulsioni (0,15%)
  4. Perdita di coscienza (0,2%)
  5. Il 16% di questi problemi neurologici si è verificato entro un’ora dalla vaccinazione, un ulteriore 27% entro 24 ore e il 47% era in corso al momento        dell’indagine 3-4 settimane dopo la vaccinazione.
  6. Negli Stati Uniti, questo si traduce in 460.000 casi di paralisi di Bell e visione offuscata o disturbata, 135.000 convulsioni e 180.000 persone che perdono conoscenza.
  7. Hai mai sentito parlare di un vaccino associato a convulsioni nello 0,15% degli adulti che lo assumono, per non parlare di uno richiesto da molti college e luohi di lavoro?
  • Circa il 25% delle persone con preesistenti disturbi auto-immuni, depressione o ansia hanno riportato un peggioramento dei loro sintomi dopo il richiamo. Dal cinque al dieci per cento delle persone con diabete, ipertensione e malattie polmonari e cardiache hanno anche riportato un peggioramento della loro patologia.
  • Quasi il 10% delle donne sotto i 54 anni ha avuto interruzioni del ciclo mestruale dopo il richiamo (apparentemente non hanno chiesto alle donne sopra questa età). Circa la metà di queste donne ha riferito che i problemi persistevano al momento dell’intervista di follow-up, che era ovunque da 10-16 settimane dopo la vaccinazione.
  1. Circa il 25% delle persone con preesistenti disturbi auto-immuni, depressione o ansia hanno riportato un peggioramento dei loro sintomi dopo il  richiamo. Dal cinque al dieci per cento delle persone con diabete, ipertensione e malattie polmonari e cardiache hanno anche riportato un peggioramento della loro patologia.                                          
  2. Quasi il 10% delle donne sotto i 54 anni ha avuto interruzioni del ciclo mestruale dopo il richiamo (apparentemente non hanno chiesto alle donne sopra questa età). Circa la metà di queste donne ha riferito che i problemi persistevano al momento dell’intervista di follow-up, che era ovunque da  10- 16 settimane dopo la vaccinazione.                                                   
  • Quanto gravemente il sistema israeliano di segnalazione degli eventi avversi dei vaccini ha sottovalutato gli eventi avversi? Possiamo calcolare un’approssimazione confrontando il rapporto del MoH del 25 settembre sugli eventi avversi di questo sistema con i risultati del sondaggio per calcolare un “fattore di sottovalutazione” (URF). Se l’URF è 100, ciò significa che bisogna moltiplicare il numero di eventi riportati per 100 per approssimare il vero numero di eventi avversi. [2] È particolarmente importante conoscere l’URF quando i funzionari della sanità pubblica minimizzano in modo falso i rischi di un prodotto medico dicendo che ci sono state pochissime segnalazioni di eventi avversi, mentre sanno benissimo che il numero vero deve essere molto più grande. L’unica domanda è: quanto più grande?

               

  1. L’URF varia da un minimo di 1.700 per la perdita di coscienza a 48.800 per le difficoltà respiratorie. Alcuni altri punti salienti: un URF di 6.500 per  le  convulsioni, quasi 6.000 per la paralisi di Bell, e oltre 4.000 per la visione sfocata o disturbata.                      
  2. In realtà l’URF era ancora più alto per alcuni effetti collaterali più lievi e generali e per reazioni locali al sito: 54.000 per i dolori al petto, 230.000 per   il movimento limitato del braccio, e 540.000 per il dolore al sito di iniezione. Che questi tipi di effetti collaterali siano così poco segnalati non è sorprendente: al pubblico è stato detto di aspettarsi questo tipo di reazioni, e per la maggior parte sono relativamente minori (anche se si noti  nell’ultima tabella qui sotto per quanto tempo persistono alcuni di essi).                                                                                   
  3. Si noti che queste URF non possono essere applicate a VAERS, per due motivi:
  1. La sottosegnalazione in Israele è probabilmente molto peggiore che negli Stati Uniti per una serie di motivi.
  2. Israele non è conforme allo standard di classificazione internazionale per la segnalazione degli effetti collaterali. Gli Stati Uniti, il Regno Unito e  l’Europa usano il sistema MedDRA. Il Ministero della Sanità israeliano ha a quanto pare deciso di creare un proprio sistema di classificazione e  continua ad usarlo, per ragioni sconosciute. Quindi il confronto con altri paesi è difficile.                                                            

Possiamo ancora usare i risultati del sondaggio per stimare la sotto segnalazione di VAERS per tre specifiche reazioni avverse: Convulsioni, paralisi di Bell e herpes zoster.

  • VAERS URF per convulsioni/convulsioni è 731:
  1. A partire dall’11 febbraio, ci sono state 243 segnalazioni di crisi e convulsioni riportate in VAERS che si sono verificate entro 30 giorni dalla ricezione  della dose di richiamo negli Stati Uniti e nei territori (143 di questi erano dopo Pfizer).                    
  2. Dall’11 febbraio, circa 91 milioni di dosi di richiamo sono state somministrate negli Stati Uniti, di cui circa 50 milioni da Pfizer.
  3. Il tasso di crisi/convulsioni per milione di dosi nell’indagine del MoH era di 1952 (vedi nota [3] per il metodo di calcolo).
  4. Da questo tasso il numero previsto di crisi/convulsioni dopo il richiamo negli Stati Uniti entro l’11 febbraio è 177.600,3
  5. 177,600/91 = 731. Se vogliamo fare un confronto rigoroso alla pari, dobbiamo guardare solo alle segnalazioni dopo Pfizer, nel qual caso l’URF è 683.
  • VAERS URF per la paralisi di Bell è 3.034:
  1.  All’11 febbraio, c’erano 161 casi di paralisi di Bell elencati in VAERS (95 di questi erano dopo Pfizer).
  2.  Il tasso per milione di dosi di paralisi di Bell nell’indagine del MoH era 5.368.
  3.  Il numero previsto di casi di paralisi di Bell dopo il richiamo è 488.500.
  4.  488,500/161 = 3,034. Per Pfizer sono 2.825.
  • VAERS URF per l’herpes zoster è 401.
  1. All’11 febbraio, c’erano 332 casi di herpes zoster riportati in VAERS (196 dopo Pfizer).
  2. Il tasso per milione di dosi di herpes zoster nell’indagine MoH era 1.464.
  3. Il numero previsto di casi di Herpes Zoster dopo il richiamo negli USA è 133.200.
  4. 133.200/332 è 401. Solo per Pfizer è 373.
  • Ecco una tabella che riassume i calcoli URF per questi tre effetti collaterali:

Conoscete qualche altro trattamento medico o vaccino obbligatorio che causa così tanti problemi in una percentuale così alta della popolazione? E poi, quanti trattamenti medici obbligatori avete mai sentito nominare? I risultati di questo sondaggio avrebbero dovuto mettere immediatamente fine ai piani dei governi di tutto il mondo di continuare a offrire dosi di richiamo ai loro cittadini, per non parlare di condizionare le libertà fondamentali per averne una. Eppure, eccoci qui. L’unica domanda ora è quanto più in basso questo rapporto può restare nel limbo sotto il radar.

Qui sotto ci sono delle tabelle che mostrano il numero e la percentuale di segnalazioni dal sondaggio e confrontano questi risultati, dove possibile, con il rapporto del MoH basato sul sistema di sorveglianza passiva. Ho anche calcolato il numero totale stimato di eventi che dovrebbero verificarsi negli Stati Uniti e in Israele sulla base del tasso di segnalazione dell’indagine per milione e il numero totale di dosi di richiamo somministrate in ogni paese, sulla base di circa 92 milioni di dosi somministrate negli Stati Uniti e 4,5 milioni in Israele. Le tabelle complete, compresa una ripartizione per genere, sono disponibili qui. Per saperne di più su come è stata calcolata l’URF, leggete questa nota.[4] Non aggiungerò molti commenti alle tabelle, perché in un certo senso parlano da sole. Non mostrerò nemmeno una tabella per le reazioni dei siti di amministrazione locale, dato che sono relativamente meno gravi e meno interessanti (anche se si noti nell’ultima tabella per quanto tempo durano).

Cominciamo con alcuni degli effetti collaterali più gravi, a partire da quelli neurologici:

Ecco la tabella delle reazioni allergiche. Dicono che nessun caso di anafilassi è stato riportato durante il sondaggio, ma difficoltà di respirazione e gonfiore alla gola sono reazioni anafilattiche, anche se non raggiungono la gravità dell’anafilassi completa.

 

Ecco le reazioni classificate come “generali”.

 

Ecco una tabella che mostra quale percentuale degli intervistati aveva malattie croniche preesistenti e, tra questi, quale percentuale ha sperimentato un peggioramento dei sintomi dopo la dose di richiamo:

Aspetta, i vaccini non dovevano proteggere le persone a maggior rischio di gravi esiti di COVID, non peggiorarli?

Qui ci sono tre eventi avversi che non sono stati riportati dal MoH nel suo rapporto sul suo sistema di monitoraggio degli eventi avversi spontanei, quindi un URF non può essere calcolato (Nota: la tabella è corretta dalla bozza precedente):

Uno studio di follow-up delle donne che hanno riportato cambiamenti mestruali è stato condotto 7-12 settimane dopo la prima intervista. Circa la metà di loro aveva ancora problemi al momento del follow-up. Ecco la ripartizione dei tipi di cambiamenti che hanno sperimentato (le categorie non si escludono a vicenda).

Infine, ecco una tabella che riporta quanto presto dopo la vaccinazione hanno sperimentato l’evento avverso per diverse categorie e la durata dei sintomi. Si noti che una percentuale considerevole di sintomi è elencata come “in corso”, il che significa che stavano ancora sperimentando i sintomi dell’evento avverso al momento dell’intervista, 3-4 settimane dopo aver ricevuto la dose di richiamo.

Una percentuale considerevole di eventi è iniziata lo stesso giorno della vaccinazione. Ma come abbiamo visto in alto, anche se ti viene un infarto nel momento in cui ti viene fatta l’iniezione, può essere ancora giudicata una “coincidenza” dai saggi del Ministero della Salute. A loro dico: non pisciatemi sulla gamba e ditemi che sta piovendo. Sono impegnati in un esercizio di manipolazione macabra, e onestamente mi chiedo come facciano a dormire la notte. Per dar loro il beneficio del dubbio, invece di essere motivate dalla malevolenza le loro azioni potrebbero essere dovute all’arroganza alleata all’ignoranza: dato che non sanno come i vaccini potrebbero causare un particolare problema, allora ovviamente pensano che essi non avrebbero potuto. Perché loro sanno tutto. A quanto pare. E voi non osate metterli in discussione o sarete espulsi dalla società educata.

Salverò una discussione metodologica approfondita per la nota finale,[5] ma vale la pena sottolineare, mentre concludo, che l’indagine è anche notevole per gli eventi che non include. Hanno riportato un caso di miocardite. Secondo le cifre israeliane, il più alto tasso di miocardite in seguito alla seconda dose per ogni 6.600 ragazzi di età compresa tra i 16 e i 19 anni e significativamente inferiore per gli anziani e le femmine. Quindi è abbastanza notevole che anche 1 caso sia stato osservato in questo sondaggio di 2.049 persone, poche delle quali erano nella categoria a più alto rischio per la miocardite (che è quella degli adolescenti maschi, ndr). Questo significa o che è stato un caso fortuito o che le probabilità di miocardite sono significativamente maggiori dopo la dose di richiamo.

Significa anche che rilevare gli eventi accaduti per patologie relativamente rare come la paralisi di Bell o le convulsioni significa che questi eventi devono essere molto più comuni della miocardite, almeno tra la popolazione sotto studio in questa indagine. (E VAERS ha oltre 11.000 tipi unici di eventi che sono stati segnalati per i vaccini COVID-19). In un secondo momento potrei fare un’analisi di potenza su questo sondaggio per cercare di stimare la probabilità di rilevare certi tipi di eventi, ma anche senza questo è affermare l’ovvio dire che il sondaggio era improbabile che raccogliesse qualsiasi evento che era meno probabile che si verificasse rispetto, diciamo, alla miocardite. Ma poiché stiamo parlando di milioni o addirittura miliardi di vaccinazioni, anche eventi rari come 1 su 10 o 20 mila equivalgono a centinaia o centinaia di migliaia di casi.

Una delle altre cose che non vedrete in questo sondaggio è la percentuale di persone che sono morte entro un mese dalla vaccinazione, per la semplice ragione che non si può telefonare ai morti per sapere cosa è successo loro dopo la vaccinazione, a meno che non si usi una tavola Ouija. Ma non ho visto un sondaggio legittimo che usi questo tipo di metodologia. D’altra parte non ho visto un rapporto legittimo di eventi avversi organizzato utilizzando le categorie del MoH, quindi forse sarebbero in grado di farlo. Francamente, sono sorpreso che abbiano fatto questo sondaggio in primo luogo, e ancora più sorpreso che abbiano rilasciato questo rapporto. Sarà interessante vedere come si annoderanno per negare i risultati del loro stesso studio. O forse lo ignoreranno e spereranno che sparisca. Sta a noi fare in modo che questo non accada.

Qui ci sono alcuni grafici a barre che riassumono alcuni punti chiave:

 

 

 

 

 

Note: 

[1] Alcune persone hanno detto che le percentuali riportate qui per alcuni eventi sono incredibilmente alte. E sono d’accordo che sembrano quasi incredibilmente alte. Ma sono in linea con le cifre del programma v-safe del CDC, che è la cosa più vicina a un sondaggio. È una app che le persone possono scaricare volontariamente sul loro telefono dopo la vaccinazione, e li spinge a rispondere a domande a certi intervalli dopo la vaccinazione. (A quanto pare, Israele “start-up nation” non è stata in grado di fare nemmeno questo.) Sulla base dei dati v-safe, il CDC ha riportato un tasso complessivo di ospedalizzazione entro una settimana dalla prima dose dello 0,1%, che era anche il tasso per le persone che hanno ricevuto un richiamo e una serie primaria tutti dalla sola Pfizer. Nel complesso, il 28% non è stato in grado di svolgere le normali attività quotidiane, ovvero il 22% del gruppo ‘solo Pfizer’ (questo si confronta con il 29% nel sondaggio MoH). L’1,2% degli intervistati v-safe ha sviluppato un’eruzione cutanea non nel sito di iniezione (1,9% di ‘solo Pfizer’) contro il 2% nel sondaggio MoH. Anche altri risultati di v-safe sono abbastanza simili all’indagine MoH, e nel complesso le somiglianze conferiscono credibilità alla validità dei risultati dell’indagine.

Tuttavia, va notato che quel rapporto MMWR era basato su richiami ricevuti da circa 22.000 individui immuno-compromessi. Un recente rapporto MMWR (datato 18 febbraio) su individui non immunocompromessi iscritti a v-safe che hanno ricevuto un richiamo (N è circa 720.000; o 332.000 ‘solo Pfizer’ – tuttavia meno dell’1% dei destinatari del richiamo registrati in v-safe). Ma il rapporto è molto povero di dettagli su specifici eventi avversi. Possiamo confrontare le reazioni ‘sistemiche’ con le ‘reazioni generali’ del MoH dove vediamo che il CDC riporta il 58,4% tra ‘solo Pfizer’ contro il 48,6% nell’indagine del MoH. Questi numeri sono 64,3% contro 55,7% per le reazioni locali al sito di iniezione. Oltre a questo, possiamo dedurre che lo 0,9% dei destinatari di solo Pfizer ha cercato cure mediche dopo la dose di richiamo, ma non sappiamo quale sia stato il tasso di ospedalizzazione. Ciononostante, gli altri confronti suggeriscono che le stime del sondaggio MoH sono inferiori a quelle dei dati CDC v-safe. Si noti che il CDC ha resistito alle richieste FOIA per ripartizioni più dettagliate dei dati v-safe, anche se è noto che possiedono le informazioni richieste.

Uno studio clinico che testa i richiami “misti” pubblicato nel NEJM può anche essere usato come punto di riferimento, sebbene ci fossero solo 50 persone nel gruppo “solo Pfizer”. Tra quel gruppo, lo studio riporta tassi più elevati di mialgie, artralgie, mal di testa, nausea e dolore al sito di iniezione rispetto al sondaggio MoH, ancora una volta suggerendo che il sondaggio MoH potrebbe sottostimare i tassi di eventi avversi. Purtroppo non ci sono ulteriori dettagli sugli eventi avversi riportati, e in ogni caso hanno solo un N di 50 nel gruppo Pfizer-only.

Per le interruzioni mestruali, possiamo confrontare con un sondaggio che è stato condotto nel Regno Unito nel marzo del 2021. Hanno trovato che il 20% delle donne che hanno risposto al sondaggio aveva sperimentato cambiamenti mestruali dopo la vaccinazione. Questo era dopo la prima o la seconda dose, non il richiamo. La differenza tra questo e il 10% trovato in questo sondaggio potrebbe essere dovuto a molteplici fattori: 1. Nel Regno Unito molte donne hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca; [2]. Gli intervistati sono stati reclutati attraverso una campagna di Facebook, e le donne le cui mestruazioni sono state influenzate negativamente dal vaccino potrebbero essere state più motivate a rispondere (anche se il sondaggio non era specificamente su questo); [3]. Le donne che hanno sperimentato interruzioni mestruali dopo la prima e la seconda dose potrebbero essere state meno propense a tornare per la terza, il che avrebbe distorto la distribuzione delle donne che hanno ricevuto il terzo colpo verso le donne meno propense ad essere colpite.

 

[2] Sì, è vero che gli eventi avversi riportati attraverso il sistema di monitoraggio della sicurezza o nel sondaggio non sono necessariamente causati dal vaccino. Questo non importa, perché i sistemi di monitoraggio non sono destinati a determinare la causalità (anche se probabilmente possono). Il loro scopo è quello di raccogliere rapporti su eventi avversi sperimentati dopo un intervento medico, indipendentemente dal fatto che la persona che segnala pensi che ci sia una relazione causale. Se la gente non segnala, allora non funzionano come previsto. Così semplice.

 

[3] In realtà dovrebbero esserci più casi, perché l’indagine includeva persone che avevano ricevuto il richiamo 3-4 settimane prima. Qui sto includendo sia i rapporti che i numeri di vaccinazione fino all’11 febbraio. Ciò significa che per qualcuno vaccinato l’11 febbraio, hanno ancora 4 settimane per avere un focolaio di Herpes Zoster e segnalare a VAERS per essere inclusi nel conteggio dei casi. Questa è quindi una stima conservativa. Avrei potuto vincolare VAERS ad una data di vaccinazione precedente (diciamo l’11 gennaio), ma ci sono così tanti campi mancanti nei dati VAERS che così facendo probabilmente si escluderebbero molti casi con una data di vaccinazione sconosciuta.

 

[4] I risultati dell’indagine erano basati sulle risposte di 2.049 israeliani. I rapporti del MoH basati sulla sorveglianza passiva sono stati riportati come eventi per milione di dosi. Bisogna moltiplicare 2.049 per 488 per arrivare a un milione. Quindi il numero di ogni tipo di evento è stato moltiplicato per 488 per approssimare il numero totale di segnalazioni per milione che avrebbero dovuto essere documentate nel sistema passivo se non ci fosse stato sottosegnalazione (assumendo che l’indagine non sia sottosegnalata). Un’altra opzione sarebbe stata quella di moltiplicare la percentuale per 10.000 per ottenere il tasso per milione. Il problema è che per molti eventi il numero di eventi non coincide con la percentuale. Quello che voglio dire è che se si prende il numero di eventi riportati e lo si divide per 2.049, il risultato non è proprio uguale alla percentuale riportata dal MoH. Posso solo immaginare il perché di questo. Forse per ogni domanda hanno escluso le persone che non hanno risposto alla domanda e hanno usato solo quelli che hanno fornito una risposta come denominatore. Non lo so e non è scritto. Comunque, dato che conosciamo la dimensione completa del campione, usare il numero totale di persone che hanno riportato un evento come base è una scelta metodologica valida. In ogni caso le differenze tra i due metodi producono numeri molto simili e rivelano la stessa entità di sottosegnalazione. Ringrazio Oz Koren per la fatica di confrontare i rapporti e calcolare le URF.

 

[5]

Ho lavorato a questo articolo per la maggior parte della giornata, e sto finendo le energie. Farò qui due rapide note metodologiche e forse ne aggiungerò altre in seguito. Prima di tutto, quanto sono precisi i risultati del sondaggio? Non è riportato. Di solito con un sondaggio riportano un margine di errore, tipicamente +/- 3%. Ciò significa che se la percentuale di persone che dicono X è, diciamo, il 10%, si può essere sicuri che se si facesse lo stesso sondaggio su un altro campione casuale, si otterrebbe un numero tra 7 e 13 almeno il 95% delle volte. Qui non c’è alcun margine di errore, quindi dobbiamo chiederci. Il sondaggio è stato condotto da un’azienda di ricerca rispettabile, quindi possiamo supporre che il margine di errore sia all’interno di quell’intervallo, se non più piccolo. Probabilmente potrei fare i calcoli da solo se avessi il tempo.

Un’altra cosa su cui voglio soffermarmi è l’errore di non risposta. Prima di tutto, hanno preso un campione dalla lista completa delle persone che erano registrate come aventi preso il richiamo, di cui solo il 75% aveva il telefono. Non conosco nessun bambino in Israele di età superiore ai 5 anni che non abbia il proprio telefono, quindi devo chiedermi chi siano questi 25% senza numero di telefono. Ma mettiamo da parte questo. Tra le persone con numeri di telefono, c’era un numero considerevole di persone con cui non è stato possibile mettersi in contatto (347) o che hanno rifiutato di partecipare al sondaggio (469). Se queste persone avevano maggiori probabilità di aver sofferto o di soffrire attualmente di qualche grave evento avverso, allora l’indagine tenderebbe a sottovalutare tali eventi. Per esempio, se stai affrontando un grave problema di salute, potresti essere meno capace di rispondere al telefono o meno disposto a parlare con i rappresentanti del Ministero della Salute se sei arrabbiato con loro. Questa è pura speculazione, naturalmente. È impossibile sapere se e come il bias di non risposta potrebbe influenzare i risultati, se mai. Se è casuale, allora non lo farà. Se è sbilanciato verso le persone che hanno avuto un’Evento Avverso, allora porterà ad una sottostima del conteggio. Se è sbilanciato verso persone che non hanno avuto un’Evento Avverso (non mi è successo niente, perché perdere tempo a parlare con loro?), allora porterà a un conteggio eccessivo.

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email