Klaus Schwab
Klaus Schwab

 

 

di Brunella Rosano

 

Quando i nostri figli erano piccoli, alla tivù dei ragazzi (che ringraziando il buon Dio era limitata a poche ore del pomeriggio) c’era questa serie di cartoni animati che si intitolava appunto “Il Mignolo con il Prof”. Probabilmente si può ancora trovare in internet. Era la storia di questi due topini, modificati in seguito ad un esperimento. Uno era diventato intelligente ed ingegnoso, mentre l’altro era rimasto un po’ tontolone.

Che cosa si prefiggevano i due topi? “Nientepopodimeno” che la conquista del mondo.

Le frasi finali di ogni puntata erano appunto:

  • Ei Prof, che cosa facciamo stasera?
  • Quello che facciamo tutte le sere: tentare di conquistare il mondo!

Ecco, ho parlato di questa serie perché ogni volta che leggo articoli sui signori Soros e Schwab e dei loro tentativi (purtroppo molte volte con successo) di cambiare il mondo come lo vogliono loro e la banda dei loro amichetti, mi vengono in mente il Mignolo e il Prof. Lascio decidere a loro la scelta dei ruoli.

Mi ha fatto impressione il fatto che all’ultimo G 7, ovvero l’incontro dei “grandi” della Terra, il signor Schwab sia stato accolto con tutti gli onori! Perché mi ha sorpreso? Perché all’epoca in cui sono nata un vecchietto che si fosse messo a sproloquiare di sovrappopolazione e di necessità (avete letto bene, NECESSITA’) di riduzione della popolazione di miliardi di persone, primo: sarebbe stato ascoltato con una certa benevolenza per rispetto alla veneranda età, secondo: sarebbe stato portato in un manicomio (a quel tempo esistevano ancora) per una raddrizzatina. Invece ora no: tutti sti parrucconi, capi di governo, ministri, personaggi di un certo livello, tutti lì ad inchinarsi, a trattarlo con sussiego, manco fosse un entità divina dotato di virtù profetiche!!!

E’ questa mancanza di buon senso da parte di tanta gente “importante” a lasciarmi sgomenta! I personaggi “particolari”, diciamo pure originali, che pensavano e dicevano cose strane ci sono sempre stati. Ogni paese che si rispetti ha il suo tipo originale, a volte decisamente “svalvolato”. Ma come tale viene riconosciuto e tollerato dal resto della popolazione, a meno che non trascenda nei toni e nei gesti ed allora viene ricoverato per un periodo di tempo in qualche reparto ospedaliero, “tranquillizzato” e rimandato a casa.

Adesso la situazione è stata completamente stravolta: più dicono cose assurde, più salgono in cattedra tra ossequi e salamelecchi! Gli assertori della necessità di ridurre la popolazione mondiale, i cosiddetti “neo-malthusiani”, vorrebbero eliminarne il 60/70%. L’ex ministro dell’Ambiente e della Sicurezza energetica dell’Italia, il signor Roberto Cingolani, ha dichiarato più volte che la Terra (con la T maiuscola, nuova divinità laica), è stata progettata per sopportare al massimo tre miliardi di persone. Chi glielo avrà detto? Come avrà fatto a sapere che proprio solo tre miliardi la Terra poteva sopportare? Io capisco che chi vive in una zona a densità popolosa elevata, dove ci si pesta i piedi l’un con l’altro, possa credere ad una simile baggianata! Ma basta uscire dai confini delle metropoli e si scopre che spazio ce n’è in abbondanza, che le risorse non mancano, sono tutt’al più mal distribuite nel mondo, che l’uomo è così intelligente che riesce comunque a fronteggiare e risolvere problemi di spazi e di risorse! Ma se sono proprio convinti che è necessario uno sfoltimento, ebbene, diano il buon esempio, saranno più credibili! Se no ritorniamo alla celebre frase del signor Ricucci, ormai impronunciabile perché politicamente scorretta ovvero: “Fare i fr..i con il c..o degli altri”.

Inoltre, questi paladini del NOM, cioè Nuovo Ordine Mondiale, si presentano sempre con le vesti di “filantropi”. Il signor Google definisce il termine, di origine greca, in questo modo: “chi svolge o sostiene una attività benefica (per lo più di notevoli proporzioni) alla luce di un umanitarismo vagamente religioso o filosofico”. Non è specificato verso chi si svolge tale attività benefica. Io ho l’impressione che i nuovi filantropi svolgano attività benefica nei loro confronti non tanto verso gli altri. Un tempo i filantropi distribuivano le loro ricchezze a favore dei meno abbienti. Attualmente mi pare il contrario: che aumentino i loro patrimoni personali e vengano distribuiti agli altri i mezzi, gli strumenti per realizzare i loro scopi.

Il signor Soros si vanta spesso di aver finanziato e provocato colpi di stato, cambi di regime negli Stati, ecc. Cioè ha seminato dolore e morte. E ne va fiero! E questa sua attività lo rende ammirevole?

Mi rendo conto che chi soffre di una sindrome, in questo caso sindrome di onnipotenza, eliminato il Creatore, voglia assumerne le vesti: è una tentazione indomabile! Ne so qualcosa visto che soffro della sindrome di Santa Caterina, come ho confessato. Forse però sarebbe meglio che questi signori che ambiscono a governare il mondo limitassero le loro pretese: il principe di questo mondo avrà promesso loro successo e potere, ma il Re dell’Universo è un altro, ed ha già salvato il mondo! Se ne facciano una ragione loro e tutti quelli che vanno in processione a rendere loro omaggio in cambio della benevolenza. Mi riferisco a tutti quei “grandi della terra” che fra pochi giorni si recheranno a Davos per decidere le sorti del mondo. Signori, state calmi, tutt’al più siete stati eletti per governare i Paesi per il bene dei cittadini che vi hanno eletti. Se proprio volete fare bene il vostro lavoro, ad esempio per quello che riguarda il clima, ascoltate gli scienziati veri, quelli che hanno studiato la materia e ne sanno sicuramente più di tanti parolai seguaci di Greta. Scoprirete magari che il clima è sempre cambiato e sempre cambierà, ma non per colpa dell’uomo. Se la storia ci fa sapere che ai tempi dei romani in Inghilterra si coltivavano le viti e si produceva il vino ed ora non più, forse la “colpa” non è tanto della mia macchina a diesel, ma dell’attività del sole, o dell’inclinazione dell’asse terrestre che a furia di esperimenti nucleari si è posizionato diversamente…

È una baggianata? Possibile. Ma anche dare la colpa del cambiamento climatico alla mia macchinina che inquina mentre voi viaggiate in lungo e in largo con i vostri jet personali è una baggianata! Perché ve la prendete con le nostre macchine, i nostri impianti di riscaldamento, addirittura con i caminetti che bruciano semplicemente legna come è stato fatto per secoli, e non dite niente alla Cina che è la principale produttrice di Co2? Il signor Xi Jinping fa paura, eh?

Non ci resta che pregare! Pregare che ritorni un po’ di buon senso, un po’ di senso del ridicolo, che aiuta a guardare le cose con una certa oggettività! Il mondo è troppo bello per permettere a qualsiasi Mignolo, a qualsiasi Prof di rovinarlo! Diamo loro e ai loro farneticanti discorsi il peso che meritano! La globalizzazione è una ideologia, e come tutte le ideologie presto o tardi terminerà, come ci ha ricordato l’amato Benedetto XVI nel suo testamento spirituale. Speriamo non lasci troppe macerie dietro di sé!

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email