Un medico in Olanda che ha sottoposto ad eutanasia una donna con l’Alzheimer in stadio avanzato, nonostante la donna dicesse di non voler essere uccisa, sostiene di aver preso la decisione giusta.

Ne parla un articolo dello staff del Catholic News Agency che vi propongo nella mia traduzione. 

Eutanasia

 

Un medico in Olanda che ha sottoposto ad eutanasia una donna con l’Alzheimer in stadio avanzato, nonostante la donna dicesse di non voler essere uccisa, sostiene di aver preso la decisione giusta.

“Ho creduto che la sua sofferenza fosse davvero terribile e sapevo che poteva durare a lungo”, ha detto il medico geriatra in pensione Marinou Arends al programma televisivo di Nieuwsuur in una nuova intervista.

Arends – la cui identità è stata resa nota solo pubblicamente – è stata scagionata dall’omicidio in un caso che riguardava la morte nel 2016 di una paziente di 74 anni affetta da grave demenza.

L’eutanasia è stata legalizzata nei Paesi Bassi nel 2002. La procedura è disponibile per i pazienti malati terminali che soffrono di una sofferenza insopportabile e non si trovano di fronte ad alcun miglioramento prevedibile. Ai sensi della legge sulla cessazione della vita su richiesta e sul suicidio assistito, i pazienti sono tenuti a dare il loro consenso per iscritto e in modo permanente nel tempo.

La paziente in questione era affetta dal morbo di Alzheimer. Quando le è stata diagnosticata nel 2012, ha richiesto che la procedura avvenisse nel momento da lei ritenuto opportuno e prima di essere ricoverata in una casa di cura.

“Voglio poter decidere (quando morire) quando sono ancora in me e quando penso che sia il momento giusto”, disse all’emittente pubblica NOS, secondo Courthouse News.

Quattro anni dopo, la donna fu ricoverata in una casa di cura all’Aia, dove fu affidata alle cure di Arends.

Un secondo specialista convenne che stava soffrendo in modo insopportabile. Tuttavia, quando Arends le chiese direttamente se volesse morire, la paziente rispose ripetutamente: “Non ancora”.

“Se le chiedessi: ‘Cosa penseresti se ti aiutassi a morire?’, lei sembrava sconcertata e diceva: ‘Questo è un po’ troppo!’” Arends ha detto a Nieuwsuur.

Tuttavia, ha sostenuto: “Ho visto nei suoi occhi che non capiva più la cosa”.

Nonostante abbia chiesto al paziente tre volte, ricevendo ogni volta una risposta negativa, Arends passò all’eutanasia il 22 aprile 2016. Mise di nascosto un sonnifero nel caffè della paziente. Tuttavia, la paziente si svegliò e sembrò ritrarsi dall’iniezione  letale, e sua figlia e suo marito dovettero trattenerla durante l’intervento.

Nella protesta pubblica che ne seguì, Arends fu accusata di omicidio. I pubblici ministeri hanno sostenuto che la paziente potrebbe aver cambiato idea sull’eutanasia, e hanno detto che Arends avrebbe dovuto fare di più per garantire il suo consenso.

Tuttavia, un tribunale distrettuale dell’Aia ha stabilito nel settembre 2019 che sarebbe stato impossibile identificare ulteriormente il consenso del paziente, dicendo che [la paziente] non comprendeva più la definizione di “eutanasia”. Il tribunale ha stabilito che una decisione presa durante un periodo di cosciente valutazione è valida anche dopo che il paziente ha perso le sue capacità mentali.

La decisione è stata confermata dalla Corte suprema olandese nell’aprile 2020.

Nell’intervista con Nieuwsuur, Arends ha difeso il suo uso del sedativo segreto, oltre all’eutanasia del paziente senza il suo consenso finale e contro le sue ultime volontà espresse a voce.

“E’ bello avere la conferma”, ha detto. “Ma non ho potuto ottenere questa conferma, e senza di essa ho dovuto fare questo passo. È stato tremendamente difficile, ma per il meglio”.

Ha sostenuto di ritenere che le sue azioni fossero legali, perché le norme governative consentivano che un precedente testamento servisse come adeguato consenso all’eutanasia se un paziente diventava in seguito incapace di esprimere i propri desideri.

I sostenitori della libertà religiosa e pro-vita hanno contestato la decisione del tribunale nel 2019 e hanno sottolineato che l’eutanasia legale ha conseguenze pericolose per la società, ha riferito il National Catholic Register.

“Con gli enti regolatori e i sostenitori dell’eutanasia strettamente interconnessi, questo caso mette in luce la debolezza delle procedure di salvaguardia e di revisione, così come, spaventosamente, l’intera cultura che circonda l’atteggiamento verso le cure di fine vita nei Paesi Bassi”, ha detto Gordon Macdonald, CEO di Care Not Killing.

“Il caso in Olanda mette in evidenza la minaccia che la legalizzazione dell’eutanasia rappresenta per gli individui e per la società nel suo complesso”, ha detto Andreas Thonhauser, portavoce di Alliance Defending Freedom International. “Una volta che un paese permette l’eutanasia, come nei Paesi Bassi, non c’è un punto di arresto logico”.

 

Facebook Comments
image_pdfimage_print