“Il Vaticano dovrebbe abbandonare tutti gli obblighi, abbandonare tutte le restrizioni, e abbandonare ogni difesa o preoccupazione per i vaccini. Il Vaticano dovrebbe iniziare immediatamente una campagna di interesse pubblico sulle lesioni da vaccino e sulle morti da vaccino. Dovrebbero scusarsi formalmente per aver preso una posizione sui vaccini che è stata deleteria e dovranno rendere conto potenzialmente di centinaia di migliaia di vite perse a causa del vaccino in tutto il mondo perché il Vaticano ha violato quello che è chiamato il Codice di Norimberga – il Vaticano ha violato un codice critico di bioetica e devono riconoscerlo immediatamente. Devono immediatamente scusarsi per questo grave errore che hanno commesso.”

L’intevista qui sotto al dott. Peter McCullough è di Edward Pentin, pubblicata sul suo blog. Ve la presento nella mia traduzione. 

 

Peter McCullough e Papa Francesco
Peter McCullough e Papa Francesco

Un’autorità di spicco sulla COVID-19 ha invitato il Vaticano ad abbandonare immediatamente il suo sostegno e i suoi mandati sui vaccini, avvertendo che la sua posizione sui vaccini lo rende complice delle morti da vaccino e in violazione di un codice critico di bioetica.

Il dottor Peter McCullough, un internista, cardiologo ed epidemiologo di Dallas che ha 54 pubblicazioni peer-reviewed sulla COVID-19 e 660 pubblicazioni peer-reviewed in generale a suo nome e ha testimoniato di fronte al Senato degli Stati Uniti sulla risposta alla pandemia, ha anche invitato il Vaticano a “iniziare immediatamente una campagna di interesse pubblico sulle lesioni da vaccino e le morti da vaccino”.

Papa Francesco è stato anche uno dei principali sostenitori globali dei vaccini COVID-19, chiamando la vaccinazione “un atto d’amore” e un “obbligo morale” e sollecitando spesso un’equa distribuzione del vaccino in tutto il mondo, soprattutto ai più poveri. L’anno scorso, ha tenuto due incontri segreti con Albert Bourla, il CEO di Pfizer, che ha un contratto con il Vaticano per distribuire il suo vaccino COVID-19.

Il sostegno di Francesco per i vaccini è stato utilizzato anche per respingere le esenzioni religiose in altri paesi, più recentemente in una decisione della Corte Suprema venerdì scorso che ha sostenuto i mandati di vaccinazione per gli insegnanti della scuola pubblica di New York City.

Qui sotto l’intervista completa:

 

Dottor McCullough, come esperto internista, cardiologo ed epidemiologo, lei ha esaminato da vicino le complicazioni cardiovascolari sia dell’infezione virale che delle lesioni che si sviluppano dopo il vaccino COVID-19. Lei ha anche prodotto 54 pubblicazioni peer-reviewed sul COVID-19. Come persona quindi eminentemente qualificata in questo settore, potrebbe riassumere brevemente quali sono le sue preoccupazioni riguardo ai vaccini, e ai vaccini mRNA in particolare?

È ormai noto che i vaccini hanno un meccanismo d’azione pericoloso. Ciò significa che a differenza di altri vaccini che sono sicuri ed efficaci, questi vaccini, sulla base delle loro proprietà biochimiche e fisiochimiche, si prevede che siano pericolosi. E quello che voglio dire è che sono forme di materiale genetico, sia RNA messaggero, o DNA adenovirale, che sono caricati in nanoparticelle lipidiche.

Le nanoparticelle lipidiche, per progettazione, vanno in luoghi del corpo, in sistemi di organi del corpo, dove sarebbe deleterio avere materiale genetico somministrato. Quindi questo è noto, ed era noto prima dell’avvento di questi vaccini.

Documenti dalla Cina hanno studiato le nanoparticelle lipidiche e si sapeva che sarebbero andate alle ghiandole surrenali, sarebbero andate alle ovaie umane, al cervello, al cuore, al midollo osseo, ad altri organi vitali. Siamo molto preoccupati per qualsiasi vaccino che lascia il braccio dopo l’iniezione e circola attraverso il corpo in quel modo, e deposita effettivamente materiale genetico nelle cellule del corpo. Avere materiale genetico depositato in questi organi è estremamente preoccupante, anche perché quel materiale genetico viene poi assorbito da queste cellule. Queste cellule non dovrebbero avere quel materiale genetico. Le cellule hanno la dotazione genetica data da Dio che viene trasmessa di generazione in generazione in generazione. Non prendiamo del materiale genetico esogeno per poi spargerlo nel corpo e avere un mosaico di cellule che iniziano a produrre una nuova sostanza che il corpo umano non ha mai prodotto prima. Questo è estremamente inquietante.

E poi c’è ora la scoperta che questo materiale genetico non va via velocemente. Il Dr. Tony Kyriakopoulos ed io abbiamo recentemente pubblicato un documento sulle preoccupazioni teoriche, che è nella National Library of Medicine, che [mostra] che il materiale genetico di questi vaccini potrebbe durare nel corpo diversi mesi. Ora è stato dimostrato che diversi mesi dopo il materiale genetico si trova nei linfonodi, quindi è ancora lì.

Il materiale genetico codifica per una proteina molto pericolosa che si chiama Wuhan wild-type spike protein che sono le spine sulla superficie del virus. Queste proteine spike conferiscono tutta la pericolosità del COVID-19. Conferiscono tutta la letalità della COVID-19. Quindi, in un certo senso, abbiamo preso la componente letale del virus, poi abbiamo trovato il codice genetico per questo, e ora stiamo iniettando il codice genetico nei corpi umani su scala di massa. Questa proteina spike è prodotta dal corpo in modo incontrollato per una quantità e durata di tempo incontrollata. Ciò che è connesso con la recente scoperta che il materiale genetico è nel corpo per mesi, è che la proteina spike è presente nel corpo per mesi. In effetti, la proteina spike può essere presente nel corpo per più di un anno.

 

Quindi qual è l’ordine di grandezza del rischio, secondo lei, di ottenere, diciamo, miocarditi e ictus e attacchi di cuore da questi vaccini? Sono rischi davvero seri e potrebbero diventare luoghi comuni a causa del vaccino?

Prendiamo la morte come la preoccupazione più seria. Useremo gli Stati Uniti, che hanno 330 milioni di abitanti, come esempio. Se guardiamo tutti i vaccini combinati per anno negli Stati Uniti, attraverso tutte le iniezioni multiple – e io personalmente ho preso tutti i vaccini – sono circa 278 milioni di iniezioni all’ anno. È molto. Non sono tutti nel paese, ma sono 278 milioni di iniezioni somministrate ad almeno un ampio gruppo di persone.

Il numero di morti che sarebbe considerato raro, e con cui dobbiamo convivere, che può accadere a causa di circostanze molto insolite, come una reazione allergica, sarebbe di circa 150 all’anno. Quindi il nostro Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) registra ogni anno circa 150 morti per tutti gli anni fino al 2021.

Quello che è successo nel 2021 è che al 22 gennaio avevamo già raggiunto 182 morti – avevamo già 30 morti di troppo. E guardando indietro, se avessimo avuto un adeguato comitato di monitoraggio della sicurezza dei dati e comitati etici umani adeguati che avessero guardato questo, avremmo fermato il programma statunitense a febbraio e detto: “Ascolta, ci sono troppi morti”.

Ora, mentre siamo seduti qui oggi, siamo a più di 21.000 morti nello stesso sistema. Quindi vi dico, rari sarebbero 150 per tutti i vaccini combinati, e per prodotto 50. Quindi, in genere, per un farmaco, se ci sono cinque morti inspiegabili entro 30 giorni, c’è un avviso di scatola nera [l’avviso più severo della FDA per i farmaci sul mercato, che avverte il pubblico e gli operatori sanitari di gravi effetti collaterali, come lesioni o morte]. Se ci sono 50 morti entro 30 giorni, indipendentemente dalla causalità – perché non possiamo mai valutare veramente la causalità, solo se accade temporalmente – se arriviamo a 50 morti, il prodotto viene tolto dal mercato.

Mentre siamo seduti qui oggi, siamo a 21.000 morti nel nostro sistema di segnalazione della sicurezza dei vaccini del CDC. Quindi vi dico che il decesso per nessun motivo può essere considerato raro. Ora, il modo corretto di descriverlo è che questo è il prodotto biologico più pericoloso e letale mai usato nella storia dell’umanità – punto.

 

Si dice che i postumi della COVID-19 colpiscano il cuore e in alcuni casi portino all’infarto. Possiamo essere sicuri che queste morti siano causate dal vaccino e non dai postumi della malattia di COVID?

Si spera che le persone che hanno avuto la COVID non abbiano preso il vaccino. La FDA ha escluso queste persone dagli studi perché avevano una certa immunità. Quindi è ragionevole supporre che queste morti siano persone che stanno cercando di proteggersi dalla COVID e hanno preso questi vaccini con l’intento di cercare di proteggersi.

L’esercizio che facciamo per capire se il vaccino ha davvero causato la malattia si chiama “Bradford Hill Tenets of Causality”. È un’analisi epidemiologica e io sono un epidemiologo qualificato. Faccio questo lavoro, quindi ho molta familiarità con esso.

Il primo criterio è: c’è un meccanismo d’azione pericoloso? È davvero concepibile che qualcuno possa assumere troppo materiale genetico nel posto sbagliato e che questo sia letale? Beh, l’ho già esaminato. Assolutamente sì. Questo è il meccanismo più pericoloso che abbiamo mai visto.

Numero due, è un grande segnale? Sì. 21.000 morti, sono più morti di quante ne siano mai avvenute nella storia umana degli Stati Uniti con qualsiasi prodotto. Questo è il segnale più grande che abbiamo mai visto.

Numero tre: È legato temporalmente all’ottenimento del vaccino [l’effetto deve verificarsi dopo la causa]. Beh, ci sono due analisi, una di [Jessica] Rose e l’altra di [Scott] McLachlan, e poi ci sono i dati del CDC, che vengono rilasciati ogni settimana nel sistema VAERS aperto. Sono tutti d’accordo che il 50% dei decessi avviene entro 48 ore, l’80% dei decessi avviene entro una settimana. Quindi è strettamente correlato temporalmente.

Il prossimo criterio, il numero quattro, è internamente coerente? Ci sono altri eventi potenzialmente fatali che si verificano e che sono registrati nel sistema? La risposta è sì. Ci sono state centinaia di migliaia di visite al pronto soccorso, centinaia di migliaia di gravi reazioni allergiche, oltre 30.000 casi di lesioni cardiache, un gran numero di casi di infarti, ictus, coaguli di sangue, perché la proteina della diffusione causa la coagulazione del sangue. Quindi la risposta è sì, è tutto internamente coerente all’interno dello stesso sistema con eventi non fatali.

Ora il quinto criterio è se è esternamente coerente, cioè se è visto ovunque fuori dagli Stati Uniti? Beh sì, è visto nel sistema del cartellino giallo [segnalazione degli effetti avversi dei vaccini] nel Regno Unito. Si vede lo stesso identico schema. È anche lo stesso modello visto nel sistema EUDRA [segnalazione degli effetti avversi dei vaccini] nell’UE. Quindi questo soddisfa i criteri 5 e 6.

Poi l’ultimo criterio sarebbe se si fa uno studio randomizzato e si randomizzano le persone al placebo [una sostanza che non ha effetto terapeutico usata come controllo nei test di nuovi farmaci] o al prodotto attivo. Cosa si vede? La risposta è che con il programma Pfizer, dove abbiamo abbastanza dati di estensione, ci sono più morti con il vaccino Pfizer che con il placebo dagli studi clinici. E se si estrapola questo dato, è coerente.

Così abbiamo soddisfatto i principi di causalità di Bradford Hill, e quindi vi dico senza ombra di dubbio che i vaccini stanno causando la perdita di vite umane e non è raro. E così, a causa di questo, il mondo intero sta protestando contro questi vaccini e si vedono queste proteste in tutto il mondo. Nessuno vuole prendere questi vaccini. Ora sono stati resi obbligatori. La gente ha paura di perdere la vita con il vaccino. Quindi si tratta di sopravvivenza umana.

 

Le cose mi portano alla mia prossima domanda, che è che ora abbiamo 1000 studi peer reviewed che mettono in dubbio la sicurezza del vaccino Covid-19 e in alcuni paesi, come il Regno Unito, i dati del governo sembrano mostrare anche l’efficacia negativa dei vaccini. Eppure le autorità britanniche e altri governi continuano a portare avanti programmi di vaccinazione e a imporre obblighi, che in alcuni casi sono molto severi, come in Vaticano, Austria, Italia, Germania e Francia. C’è un’interpretazione alternativa dei dati che spiega questo modo di agire? Stanno forse leggendo qualche altro dato per arrivare a queste decisioni politiche?

Se lo fanno, non lo presentano. Voglio dire, una delle cose che è difficile da accettare nella comunità scientifica è che le autorità che sostengono i vaccini non forniscono alcuna giustificazione. Non giustificano, non dimostrano al pubblico che sono sicuri o efficaci.

 

E c’è anche un’assenza di studi clinici?

Esatto. I loro studi clinici non sono stati aggiornati. Quindi i vaccini continuano a mutare, e continuano a usare gli stessi prodotti. Quindi tutti i prodotti sono stati testati contro il ceppo originario di Wuhan, il ceppo wild-type. Ora è mutato così drammaticamente che tutti gli studi suggeriscono che i vaccini hanno perso il controllo. Quindi abbiamo due buoni rapporti dagli Stati Uniti: il primo dal CDC, il 10 dicembre, e poi il secondo dal [Dr. Joseph] Lewnard et aldone dell’Università della California Berkeley School of Public Health nel gennaio di quest’anno, che mostra oltre il 70% degli americani ricoverati con la variante omicron sono completamente vaccinati, il che è raro, ma può accadere,. E questo è coerente con i dati nel Regno Unito, Danimarca, Germania, Sud Africa e Israele. La maggior parte delle persone ospedalizzate con COVID-19 [nei paesi] con buoni sistemi di dati sono completamente vaccinati. Dovrebbe diventare relativamente evidente che i vaccini non fermano l’ospedalizzazione, e non forniscono in modo differenziato nuovi benefici. Noi concludiamo al contrario: quelli che non hanno preso i vaccini stanno molto meglio.

 

Perché, però, gran parte dei media mainstream e la stragrande maggioranza dei medici e dei clinici sembrano avere una visione molto diversa dalla tua? Promuovono ancora questi vaccini e liquidano lei, il dottor Robert Malone e altri come se stessero facendo disinformazione. Come può la persona media senza esperienza in questo campo essere sicura di quale sia la verità quando questo è il tipo di situazione in cui ci troviamo?

Coloro che stanno sostenendo i vaccini non danno alcun supporto per la loro sicurezza o efficacia, medici compresi. Quindi questo è il problema. Il pubblico deve esigere che giustifichino ciò che dicono al pubblico, proprio come io devo giustificare. Questo è il motivo per cui ho esaminato i criteri di Bradford Hill con voi. Quello che il pubblico non sta ricevendo è un’informazione corretta e scientifica, e il pubblico può vederlo. Questo è il motivo per cui il pubblico sta protestando. Il pubblico ha effettivamente deciso a chi credere, e non sta credendo alle autorità governative e al grande corpo dei medici. È ovvio.

 

La Food and Drug Administration (FDA, ndr) è finanziata in parte dalle tasse d’uso delle aziende, molte delle quali farmaceutiche, fino al 45%. Questo è parte del problema?

Non lo so. Il finanziamento farmaceutico ne fa parte, ma queste lotte si stanno verificando comunque, indipendentemente dal finanziamento farmaceutico. Stanno avvenendo in tutte le parti del mondo e non ha a che fare con Pfizer e Moderna. Non ha nemmeno a che fare con questi vaccini genetici. In alcune parti del mondo è il vaccino Coronavac della Sinovac che è il vaccino cinese, ed è un “vaccino a virus ucciso” [un vaccino tradizionale che consiste in particelle di virus, batteri o altri agenti patogeni che sono stati coltivati in coltura e poi uccisi per distruggere la capacità di produrre malattie].

Quindi penso che alcune persone stiano saltando a facili conclusioni, come: “Oh, sono solo le aziende farmaceutiche, vogliono uccidere tutti per spingere il loro vaccino”. Beh, l’azienda cinese è la stessa cosa delle americane Pfizer e Moderna? Il governo sta pagando tutto questo comunque. Non è che la gente sta pagando per questo. Penso che domani, se lo mettessero sul mercato aperto e dicessero: “Ascolta, devi pagare per avere il tuo vaccino”, nessuno comprerebbe questi vaccini. Penso che se fossero offerti solo in modo facoltativo, non credo che nessuno prenderebbe i vaccini. Infatti, quando erano facoltativi in aprile, nessuno li ha presi. Si è sparsa la voce che i vaccini erano pericolosi, la gente ha iniziato a vedere morire i propri familiari, e per questo la gente non ha preso i vaccini. Quindi non abbiamo bisogno di molti dati. C’è stato un sondaggio informale su internet fatto la scorsa estate su Twitter e la domanda è stata posta: “Conosci qualcuno che è morto dopo il vaccino?” La risposta era circa il 12%. Questo è abbastanza. È abbastanza.

La gente parla in chiesa e sui social media che la gente ha perso membri della famiglia. Tutti sanno che nessuno vuole questi vaccini. Questo è il motivo per cui stanno protestando. Questo è il motivo per cui le persone stanno lasciando il lavoro. Gli obblighi dei vaccini stanno portando la gente a fare un’iniezione e non sanno se moriranno o meno. Non sanno, in un certo senso, se hanno commesso il loro atto fatale.

Non si può sottovalutare quanto questo sia critico. E così quello che succede è che i medici dicono ai pazienti di prendere il vaccino e i pazienti scappano via. Cambiano dottore e dicono: “Non mi fido più del mio dottore. Il mio medico non è più una persona affidabile e credibile. Mi stanno chiedendo di fare un’iniezione potenzialmente letale e non lo farò”.

 

Si vedono spesso studi che escono, e sono spesso pubblicati nei media mainstream, dicendo che questi vaccini hanno salvato centinaia di migliaia di vite e che il numero di vite salvate da COVID supera di gran lunga il numero perso dai vaccini. Cosa risponde a questo?

Beh, queste sono supposizioni. La prima falsa assunzione è che i vaccini proteggono dalla mortalità da COVID, cosa che non fanno. Non un singolo studio randomizzato lo ha dimostrato. Poi si fa la prossima falsa assunzione: che la COVID-19 stessa sia incurabile e che lasceremo morire tutti con la COVID-19. E poi si analizzano tutte queste false ipotesi, e si dice: “Beh, caspita, i vaccini hanno salvato centinaia e milioni di vite”. È tutta una serie di false supposizioni. Sembra che i vaccini non abbiano affatto fermato la COVID. Non hanno affatto ridotto la mortalità della COVID. Abbiamo già esaminato i dati di ospedalizzazione. Ovunque abbiamo analizzato l’ospedalizzazione, non hanno fermato i ricoveri. Non hanno mai fermato i ricoveri in studi randomizzati, non lo stanno facendo in modo osservativo, ma i vaccini hanno effettivamente causato una massiccia perdita di vite, lesioni e disabilità permanente. Questo è davvero il punto in cui siamo ora.

 

Lei ha promosso a lungo l’efficacia del trattamento precoce rispetto ai vaccini.

Giusto, stavo sviluppando e promuovendo il trattamento precoce prima che i vaccini arrivassero. Quindi ero attivamente impegnato a guidare il mondo nel trattamento della COVID-19 prima che i vaccini fossero inventati. Questo è il paletto nel terreno e i vaccini non hanno mai soppiantato il trattamento precoce. Il trattamento precoce è semplicemente migliorato e migliorato e migliorato. Abbiamo nuovi prodotti, nuove cose efficaci abbiamo. Una recente analisi effettuata con omicron ora in questo studio di Lewnard nel sud della California mostra che zero pazienti hanno bisogno di un ventilatore meccanico (intubati, ndr) – zero – e questi sono i non vaccinati. Non c’è bisogno dei vaccini. Zero persone hanno bisogno del ventilatore.

 

Perché questo messaggio, il vostro messaggio, non è arrivato alla politica di salute pubblica in così tanti paesi?

Vi darò i dati. Allora, ci sono circa 160 paesi nel mondo. Prendiamo l’idrossiclorochina, il primissimo prodotto. Ora è modestamente efficace, circa il 25% di beneficio. In questo momento l’idrossiclorochina è ufficialmente adottata per il trattamento precoce in 36 paesi e da 53 organizzazioni mediche in tutto il mondo. Prendiamo l’ivermectina. Questi sono stati i primi due trattamenti precoci. Ora è ufficialmente adottata per il trattamento precoce in 22 paesi e da 39 associazioni mediche in tutto il mondo. Quindi la risposta è che è parziale, giusto? Non è che questi non siano stati adottati, è parziale. La domanda è: perché non l’hanno fatto tutti i paesi? E quali sono le caratteristiche dei paesi che le hanno adottate rispetto a quelli che non le hanno adottate? Questa è la vera domanda. Quindi è interessante che i tipi più occidentalizzati e lucrativi di mercati biofarmaceutici, che sarebbero gli Stati Uniti, il Canada, il Regno Unito, l’UE, il Sudafrica, l’Australia, due paesi sudamericani, sono quelli che non hanno adottato [trattamenti precoci]. I paesi che non sono grandi mercati biofarmaceutici, i Caraibi, la regione equatoriale del mondo, li hanno adottati.

Quindi è molto interessante. C’è un’adozione parziale del trattamento precoce negli Stati Uniti. Abbiamo quattro organizzazioni mediche per il trattamento precoce. Ne abbiamo quattro e questo è abbastanza solido. Abbiamo trattato nella nostra prescrizione uso farmaceutico di idrossiclorochina, ivermectina e anticorpi monoclonali e speriamo che [ questi] continuino ad essere molto robusti come trattamento dei pazienti, per ridurre la morte da ricovero. E dobbiamo trattare i vaccinati e i non vaccinati, non c’è differenza perché i vaccini non funzionano e la gente prende la COVID comunque, quindi dobbiamo comunque trattarli. Quindi è imperativo per coloro che hanno accettato il vaccino capire che dobbiamo comunque trattarli.

 

Pensi che l’emergenza stia diminuendo ora con la variante omicron, che non sia così grave come prima?

Giusto, ed è facilmente curabile, questa è anche la mia esperienza. Quindi la fase di emergenza della pandemia è finita. Molti paesi lo hanno riconosciuto. In tutto il Regno Unito, hanno abbandonato gli obblighi (vaccinali, ndr). La Svezia ha fatto lo stesso. Otto stati ora sono andati contro il presidente degli Stati Uniti e hanno abbandonato gli obblighi, e otto governatori democratici l’hanno fatto. Siamo sempre stati divisi. Tu sai che qualcosa non va quando gli stati all’interno di un certo paese non si comportano tutti allo stesso modo. Usiamo tutti la stessa moneta. Abbiamo tutti leggi penali simili e cose simili, ma siamo ampiamente divergenti sulla COVID-19. Potremmo essere nello stato di New York, e la gente non ti lascia entrare in un edificio a meno che tu non abbia una maschera e una scheda di vaccinazione, ma possiamo essere a Dallas, Texas, e puoi entrare e non c’è nessuna maschera, nessun vaccino e nessuna discussione. Cosa vi dice questo? Siamo lo stesso paese, con lo stesso virus, quindi cosa sta succedendo, se il virus è lo stesso e le persone sono le stesse? La differenza è ciò che c’è nella mente delle persone. Quindi ci sono due malattie: c’è COVID-19 la malattia, e poi c’è la malattia mentale di ciò che chiamiamo psicosi da formazione di massa.

 

Pensi che il Papa, il Vaticano e i vescovi in generale siano adeguatamente informati su questi vaccini? Da quello che dici, sembra che non lo siano, ma pensi che debbano ascoltare fonti più ampie, perché in Vaticano ora hanno alcuni degli obblighi più severi del mondo: Non si può entrare se non si è vaccinati, o se non si è guariti, e si devono indossare le maschere N95. Che consiglio darebbe al Vaticano riguardo alla loro politica sulla COVID?

Il Vaticano dovrebbe abbandonare tutti gli obblighi, abbandonare tutte le restrizioni, e abbandonare ogni difesa o preoccupazione per i vaccini. Il Vaticano dovrebbe iniziare immediatamente una campagna di interesse pubblico sulle lesioni da vaccino e sulle morti da vaccino. Dovrebbero scusarsi formalmente per aver preso una posizione sui vaccini che è stata deleteria e dovranno rendere conto potenzialmente di centinaia di migliaia di vite perse a causa del vaccino in tutto il mondo perché il Vaticano ha violato quello che è chiamato il Codice di Norimberga – il Vaticano ha violato un codice critico di bioetica e devono riconoscerlo immediatamente. Devono immediatamente scusarsi per questo grave errore che hanno commesso. Il Codice di Norimberga afferma che nessuno, in nessuna condizione, deve applicare alcuna pressione, coercizione o minaccia di rappresaglia per qualsiasi trattamento medico o procedura fatta, e in particolare quando la procedura è nuova, è sperimentale, e non si conoscono i risultati.

Vi ho appena detto che si tratta di materiale genetico iniettato in corpi umani, e non abbiamo idea di quanto durerà e quanto grandi saranno le lesioni. Sembrano catastrofiche solo alla vista iniziale di questo. Il Vaticano deve invertire la sua posizione. Devono ascoltare le persone in posizioni di autorità, incluso me – immediatamente. E sarei felice di parlare direttamente con il Papa. Questo non è un problema di mancanza di educazione. Il Vaticano e tutti i leader religiosi hanno tutte le informazioni che possono avere. Questi sistemi sono sistemi aperti. Un gruppo francese ha detto nel marzo del 2021: “Chiudete il programma, non è sicuro”. Il documento che ho pubblicato con [Roxana] Bruno e colleghi, un documento mondiale che include l’Europa, ha implorato tutti i governi di istituire commissioni di sicurezza e iniziare a rivedere i dati di sicurezza. Un gruppo di consulenza basato sull’evidenza nel Regno Unito nel giugno del 2021 ha riferito ufficialmente alla MHRA e ha detto: “chiudete il programma”. Abbiamo avuto petizioni che chiedevano la chiusura del programma. Questo non è un problema di mancanza di educazione. Questo è un problema di complicità. Questo passerà alla storia per essere il Vaticano complice della perdita di massa di vite umane per mezzo di iniezioni.

 

Anche la Pontificia Accademia per la Vita del Vaticano ha sostenuto i vaccini per i bambini. Qual è la sua opinione al riguardo?

Più si va avanti nella fascia d’età, il rischio di COVID 19, la malattia virale, scende progressivamente. Infatti, la maggior parte dei bambini non la prendono nemmeno perché l’hanno già avuta ed è più lieve del prossimo raffreddore comune che hanno. Questo significa che il danno relativo dei vaccini è ancora maggiore. Quindi è ripugnante. Viola ogni minimo credo sacro e religioso che abbiamo in termini di protezione della nostra famiglia e dei nostri bambini, che il Vaticano sta abrogando uno dei suoi principi, le convinzioni del Vecchio Testamento che sono quelle di proteggere i bambini. Questo non è proteggere i bambini. Questo è apertamente dannoso per i bambini. E il Vaticano deve immediatamente invertire la rotta.

 

Il Papa ha definito la vaccinazione “un atto d’amore” e un “obbligo morale” – sarebbe disposto a offrire il suo consiglio al Vaticano?

Ne sarei più che felice. Come lei ha menzionato, ho 54 pubblicazioni peer-reviewed sulla COVID 19. Ho oltre 660 pubblicazioni peer-reviewed nella National Library of Medicine. Ho presieduto o partecipato a 2000 giorni di commissioni di monitoraggio della sicurezza. Io stesso ho avuto la COVID 19 due volte. Ho avuto un membro della mia famiglia che ha perso la vita a causa della COVID 19. Sono un esperto commentatore sulla TV nazionale ogni settimana negli ultimi due anni. Mi considero la persona più qualificata a pronunciarsi sulla COVID-19 e sui vaccini di chiunque altro al mondo e questo può essere comunicato direttamente al Papa. Se vuole parlare con la massima autorità del mondo, sono aperto a una conversazione, ma non sarà piacevole per lui. Quindi deve essere avvertito di questo. Questo è importante. Una vita persa è troppo. Questa idea che sia un regalo, che il Papa stia regalando la perdita di una vita, è assolutamente inaccettabile, e deve essere affrontata con la più forte delle resistenze.

Siamo a un punto molto, molto importante della storia umana. Si capisce dalla gravità di queste scoperte e di queste rivelazioni, non è una cosa discutibile. La gente sta perdendo la vita a causa di questo vaccino.

E posso dirvi questo: anche se il vaccino funzionasse davvero, cosa che non fa, ma anche se funzionasse davvero, la gente potrebbe ancora fare la sua scelta: che potrebbe morire con un vaccino o morire con una malattia respiratoria, e sarebbe una scelta. Sarebbe una scelta molto difficile, ma potrebbero fare una scelta. Ma il fatto che i vaccini non funzionano e offrono semplicemente un’opportunità, un’opportunità stocastica di morire entro pochi giorni dall’iniezione, è del tutto inaccettabile.

C’è un’analisi della mortalità e sono contento che siamo ancora sulla mortalità perché penso che sia la cosa più primordiale che possiamo considerare, pubblicata da Ron Kostoff, e il titolo del documento è “Perché stiamo vaccinando i bambini”. Questo è nella letteratura peer-reviewed. È stato presentato due volte alle riunioni dell’USFDA a settembre e ottobre da presentatori esterni. Il calcolo delle analisi dice che qualcuno all’età di 65 anni ha più probabilità di morire con il vaccino che correre il rischio con il COVID-19 e morire di malattia respiratoria COVID-19. C’è una probabilità cinque volte maggiore di morire con il vaccino. Questo perché se si corre il rischio con la COVID-19, si può avere o non avere la malattia. Potresti essere meticoloso e non avere molti contatti e avere una bassa esposizione, e questo non tiene conto del trattamento precoce che, secondo le mie stime, significa il 90-95% di riduzione dell’ospedalizzazione e della morte. Così si può immaginare che è una scelta molto migliore di correre il rischio con la malattia respiratoria piuttosto che correre il rischio con il vaccino. E la gente dice: “Beh, è raro”. Beh, devo dirvi che quando siamo arrivati a 21.000 americani [morti post-vaccino, ndr], questo è in realtà peggio di una guerra. Non abbiamo mai detto che le vittime di guerra sono “rare”. Abbiamo preso nota di ogni vittima di guerra. Ogni singola morte da vaccino dovrebbe essere presa sul serio. Non possiamo cancellare la vita umana con un tratto di penna casuale. È inaccettabile, è immorale, è illegale.

 

Qual è la sua opinione sui mandati (obblighi, ndr)? Visto quello che dice sui vaccini, li considererebbe gravemente ingiusti?

Ci sono altri mandati. Nel nostro sistema universitario statunitense, abbiamo l’obbligo per gli studenti di [prendere] il vaccino meningococcico per la meningite. Questo è uno standard. C’è un sistema di deroghe. Si può rinunciare, ma la maggior parte delle persone non lo fa, e 20 milioni di ragazzi all’anno prendono il vaccino meningococcico. Non si vedono proteste per questo. Perché? Perché è un vaccino basato su un antigene che non va ovunque nel corpo. Ha un meccanismo d’azione sicuro. Ha un record di sicurezza che è incontaminato. Nessuno muore per il vaccino meningococcico. Elimina efficacemente le possibilità di contrarre la meningite meningococcica. Quindi non abbiamo più epidemie nei college. Quindi vi dico, un vaccino perfettamente sicuro ed efficace che la gente accetterebbe. E se i vaccini COVID-19 fossero perfettamente sicuri ed efficaci, numero uno, il COVID-19 sarebbe già sparito, non sarebbe più in circolazione, e due, la gente lo accetterebbe ampiamente. Non ci sarebbe alcun dibattito. Se i vaccini fossero sicuri ed efficaci, nessuno indosserebbe maschere N95 in Vaticano. Le cose dovrebbero essere evidenti a questo punto.

C’è un’auto-apparenza qui che penso non possiamo negare. Dovremmo iniziare a guardare questo e dire: “Sai una cosa, esaminiamo noi stessi qui, questo non ha senso”. Anche i comportamenti interni non tornano.

 

Qual è stato il costo personale del suo coinvolgimento in questa causa?

Non avevo alcun interesse a diventare un personaggio pubblico su questo. La mia intera carriera e le mie finanze personali sono state assolutamente distrutte da questo, ma non posso stare a guardare mentre questo accade senza parlare. Non vedo come qualsiasi cristiano possa farlo. Alla fine si riduce a questa idea di complicità. La Bibbia è piena di frasi come questa. Se stai a guardare e stai zitto e stai a guardare che accada, stai partecipando al crimine. È chiaro.

 

La Chiesa ha quindi il dovere di parlare.

Sì, non c’è dubbio.

 

Facebook Comments