Rilancio interessante articolo dal sito di Brownstone Institute. Ve lo propongo nella mia traduzione. 

 

U.S. Military Members Receive COVID-19 Vaccinations At Fort Knox
Soldato USA riceve il vacccino COVID (foto: Jon Cherry/Getty Images)

 

Quello che segue è un estratto adattato, pubblicato di recente sul  Washington Times , dal libro di Aaron Kheriaty intitolato: The New Abnormal: The Rise of the Biomedical Security State“, pubblicato per i tipi di Regnery Publishing, ristampato qui con il permesso.

 

Nel comprensibile entusiasmo di diffondere il più ampiamente e rapidamente possibile i nuovi vaccini Covid all’inizio del 2021, l’establishment della sanità pubblica ha ceduto a due pericolose tentazioni: La propaganda e la coercizione.

Il fatto che il loro approccio li abbia utilizzati con il bene comune (raggiungere l’immunità di gregge) e con buone intenzioni (porre fine alla pandemia il più rapidamente possibile) non cambia il fatto che tali approcci sono stati profondamente sbagliati e hanno rappresentato tendenze profondamente inquietanti nelle politiche pubbliche. Le dichiarazioni pubbliche in nome della scienza non potevano essere messe in discussione e i risultati comportamentali potevano essere raggiunti con ogni mezzo necessario.

Gli obblighi di vaccinazione coercitiva si basavano su diversi postulati non dimostrati, che l’opinione pubblica tradizionale considerava assiomatici e inattaccabili: (1) i vaccini erano sicuri per tutti; (2) i vaccini erano necessari per tutti; quindi (3) qualsiasi esitazione nei confronti del vaccino era un problema di pubbliche relazioni che doveva essere superato.

L’obiettivo di “mettere un ago in ogni braccio” è stato fissato in anticipo; l’unica deliberazione consentita riguardava i mezzi più efficienti per raggiungere questo fine predeterminato. Qualsiasi scienziato, medico o politico che rompeva i ranghi per mettere in discussione uno o più di questi assiomi era, nella migliore delle ipotesi, un fastidio o, nella peggiore, un pericolo: qualcuno da ignorare come arretrato o da liquidare come una minaccia per la salute pubblica. Le persone che ponevano domande scomode venivano etichettate con l’epiteto sprezzante di “anti-vax”, un termine che funzionava per escluderle dal regno del discorso ragionevole.

Alcune delle propagande sui vaccini sarebbero state ridicole se non avessero mostrato così chiaramente un disprezzo bigotto per il proprio pubblico. Si consideri un annuncio di servizio pubblico trasmesso dal Dipartimento della Salute dell’Ohio: un simpatico immunologo chiarisce la disinformazione su cosa c’è in un vaccino contro il raffreddore, spiegando: “Ci sono solo pochi e semplici ingredienti: acqua, zucchero, sale, grassi e, cosa più importante, un blocco di proteine. … È meno roba di una barretta di cioccolato o di una lattina di bibita”.

L’assurdo messaggio suggerisce che i rischi dei vaccini non sono diversi da quelli che si corrono mangiando una barretta di cioccolato o bevendo una bibita gassata – una disinformazione chiaramente sponsorizzata dal governo, se questa parola significa qualcosa. L’accondiscendenza che è stata mostrata dice anche tutto quello che c’è da sapere su ciò che i funzionari della sanità pubblica dell’Ohio pensano dell’intelligenza del cittadino medio.

A parte ciò che è stato detto, la forma più evidente di propaganda è stata l’informazione relativa ai vaccini che è stata deliberatamente nascosta o de-enfatizzata. Come già accennato, il New York Times ha riportato nel febbraio 2022: “A due anni dall’inizio della pandemia, l’agenzia che guida la risposta del Paese all’emergenza sanitaria [il CDC] ha pubblicato solo una minima parte dei dati raccolti”.

Per esempio, quando l’agenzia “ha pubblicato i primi dati significativi sull’efficacia dei richiami negli adulti di età inferiore ai 65 anni… ha tralasciato i dati relativi a un’enorme porzione di quella popolazione: i giovani tra i 18 e i 49 anni, il gruppo che ha meno probabilità di trarre beneficio da vaccinazioni aggiuntive”. La ragione dichiarata dal CDC per nascondere molti dei suoi dati è che non voleva aumentare l’esitazione nei confronti del vaccino.

Il risultato è stato un messaggio dei funzionari della sanità pubblica che sembrava indistinguibile dai dipartimenti di marketing di Pfizer, Moderna e Johnson & Johnson. È vero che le comunicazioni sulla salute pubblica devono essere semplificate per un ampio consumo; ma c’è una differenza fondamentale tra semplificare le informazioni per i non addetti ai lavori e sminuirle per manipolare le masse, o sopprimere deliberatamente le informazioni che potrebbero minare una politica pubblica predeterminata.

Non si trattava di educazione pubblica, ma di uno sforzo manipolativo di controllo comportamentale. Nel senso più preciso del termine, si trattava di propaganda. Ampie fasce di pubblico che non erano ipnotizzate dalla ripetizione di meme potevano percepire, anche se non riuscivano a spiegarlo, di essere sottoposte a manipolazione. Mentre i tassi di vaccinazione si avvicinavano al 50% negli Stati Uniti, la diffusione del vaccino diminuì nell’aprile del 2021. Cominciarono a emergere notizie di gravi effetti collaterali e gli studi condotti in Israele, che aveva iniziato la campagna di vaccinazione di massa prima degli Stati Uniti, suggerirono che l’efficacia del vaccino era rapidamente diminuita.

Gli sforzi per la salute pubblica si sono spostati dalla propaganda alle pressioni e alle tangenti. Diversi Stati hanno inserito i cittadini vaccinati in lotterie che assegnavano premi in denaro di 1 milione di dollari o più. Altri Stati e città hanno lanciato promozioni per la vaccinazione che vanno dalla birra gratis nel New Jersey alle lotterie per borse di studio universitarie a New York e in Ohio, fino a uno spinello di marijuana gratuito a Washington per chi si sottoponeva al vaccino (quest’ultimo, naturalmente, portato da persone che hanno sinceramente a cuore la vostra salute).

Quando questi incentivi non hanno funzionato, i funzionari hanno semplicemente imposto i vaccini, con severe sanzioni per chi li rifiutava. Mentre la mia istituzione, l’Università della California, si preparava a emettere il suo obbligo di vaccino, nel giugno 2021 ho sostenuto pubblicamente sulle pagine del Wall Street Journal che l’obbligo di vaccino universitario violava i principi fondamentali dell’etica medica, compreso il principio del consenso informato.

Sebbene le condizioni minime per giustificare gli obblighi vaccinali non siano mai state soddisfatte, le istituzioni hanno abbracciato queste politiche sbagliate con poche discussioni pubbliche significative e nessun dibattito.

Aaron Kheriaty

 

Aaron Kheriaty, MD, è stato Professore Clinico Associato presso il Dipartimento di Psichiatria e Comportamento Umano. Direttore del programma di etica medica della Scuola di Medicina dell’Università della California Irvine. Licenziato per non essersi sottoposto alla vaccinazione COVID sostenendo che l’immunità naturale acquisita con la guarigione è migliore di quella fornita dal vaccino.

Aaron Kheriaty è ora direttore del Programma di Bioetica e Democrazia Americana presso il Centro di Etica e Politiche Pubbliche e senior fellow presso l’Istituto Zephyr.

 


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 





 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email