Di seguito segnalo all’attenzione e alla riflessione dei lettori di questo blog l’articolo scritto da Jeffrey A. Tucker e pubblicato su The Epoch Times. Visitate il sito e valutate liberamente le varie opzioni offerte e le eventuali richieste. Ecco l’articolo nella mia traduzione. 

 

 

Gli ultimi tre anni sono stati una dimostrazione di tirannia. Un enorme gruppo di governo, media, aziende tecnologiche ed élite mediche ha preso il controllo della maggior parte delle nazioni, scavalcando la legge, le tradizioni e i rituali civici di miliardi di persone. Sulla scia di questo grande esperimento, tutto ciò che vediamo è la catastrofe.

Ma non è quello che vedono loro. Quello che vedono è un’opportunità e un cammino verso il futuro. Ecco perché non ci sono state scuse, né riforme, né prese di posizione. Ci sono state alcune blande dichiarazioni sul fatto che non tutto è andato come previsto. Ma anche queste sono state poche.

Nell’arco della storia, gli ultimi tre anni sono stati l’esercizio di potere su scala globale più riuscito che si sia mai visto, se per successo intendiamo l’intensificazione drammatica del trasferimento di ricchezza dai contadini alle élite e il controllo di una classe dirigente su tutta la popolazione nel più breve tempo possibile.

In questo senso, ciò che è iniziato nel panico delle malattie ha avuto più successo di qualsiasi caccia all’eresia nel Medioevo, epurazione delle sedizioni all’inizio dell’era moderna, o guerra nei nostri tempi. È stato brillante e spettacolarmente efficace. Pertanto, ovviamente, ci riproveranno, basandosi su questo episodio per fare sempre di più. Tutte le vittorie che sembrano essere state ottenute – la riduzione dell’obbligo dei vaccini, le cause giudiziarie vinte, i sondaggi d’opinione che mostrano che la gente è arrabbiata – devono essere comprese in questa luce.

Ce ne saranno altre e saranno istituzionalizzate. L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta lavorando proprio ora per istituzionalizzare e codificare il peggio delle restrizioni e dei mandati, aggiungendo la sorveglianza globale delle malattie attraverso la tecnologia. Le banche centrali del mondo stanno lavorando a una moneta digitale al solo scopo di controllare tutta la finanza e l’economia. Il World Economic Forum è la cospirazione aperta per smantellare gran parte del progresso di centinaia di anni e sostituirlo con una visione distopica di dispotismo universale.

Di conseguenza, la distanza tra ciò che vediamo noi e ciò che vedono loro non è mai stata così ampia. Ai tempi del movimento Occupy Wall Street, i manifestanti avevano ottenuto un certo seguito con l’affermazione che la maggior parte della ricchezza della società è controllata dall’1%. L’intuizione era buona, ma i dettagli erano sbagliati. Il problema non è la ricchezza in sé. È il potere che i ricchi hanno sulle nostre vite. Le persone e le istituzioni che oggi cercano di controllare il mondo – occupando le nostre vite e le nostre libertà sotto ogni aspetto – sono il vero 1%.

Nel frattempo, le vittime, ovvero la stragrande maggioranza dell’umanità, non hanno un percorso da seguire, tanto meno un piano per arrivarci. Ecco perché Jordan Peterson sta sperimentando la creazione di una nuova istituzione che sta forgiando un nuovo percorso basato su valori umani e sulla vecchia idea di libertà. Sembra promettente e dovremmo tutti sperare che si muova velocemente.

In questo si unisce al Brownstone Institute, all’Epoch Times, a molte organizzazioni di medici e a scienziati e giornalisti dissidenti di tutto il mondo. Siamo una minuscola minoranza e praticamente privi di fondi rispetto alla macchina con cui ci stiamo confontando. Ma questo non rende la causa senza speranza. Abbiamo il vantaggio di non avere l’ingenuità del passato e anche i valori che animano i nuovi dissidenti sono stati forgiati dalla resistenza durante i tempi duri.

Le istituzioni da cui dipendevamo per difendere le nostre libertà e i nostri diritti – organizzazioni non profit, tribunali, intellettuali, università, tecnologia e media – hanno fallito in modo spettacolare. Non avevamo idea di quante di esse fossero già state conquistate da tempo. Non sapevamo che i federali fossero profondamente radicati in Facebook, Instagram, Twitter e LinkedIn. Non sapevamo che avevano già conquistato le pagine di cronaca del New York Times e così via. Pensavamo che queste istituzioni fossero solo ideologicamente di parte. Non sapevamo che erano diventate strumenti del regime.

Quando gli intellettuali e le organizzazioni non profit sono rimasti in silenzio di fronte ai lockdowns, all’obbligo di mascherina e all’obbligo di vaccinazione, abbiamo pensato che avessero semplicemente paura di parlare. Non avevamo considerato che il loro silenzio era la prova di una corruzione molto più profonda. Venivano pagati per il silenzio o ricattati. Di conseguenza, siamo stati lasciati a cavarcela da soli e a lavorare per costruire nuove istituzioni di principio come Epoch Times e Brownstone.

Purtroppo, le ambizioni delle istituzioni alternative superano di gran lunga la portata e la solidità attuali. Ma è un inizio. E, davvero, siamo a un inizio. L’ordine sociale che avevamo prima dei lockdown ha fallito completamente, e questo evidenzia la necessità di costruire cose nuove se vogliamo mantenere la civiltà nel vecchio uso di questo termine.

L’idea stessa di libertà come madre di ciò che chiamiamo civiltà risale in profondità nella nostra storia. In Occidente, un momento decisivo è arrivato nel XIII secolo con la Magna Carta. Il messaggio era chiaro: ci sono diritti che sono diritti umani e che il governo non può abrogare, indipendentemente dalla scusa. Questa affermazione è stata fondamentalmente contestata nel corso di tre anni.

La cosa più incredibile è che le chiese e gli altri luoghi di culto sono stati chiusi per ordine del governo. Quasi immediatamente, i media hanno iniziato una grande campagna contro il canto. Questo avrebbe dovuto dirci tutto quello che c’era da sapere. Il canto ha un profondo significato metaforico. L’idea della storia della creazione è che Dio abbia dato la prima vita all’uomo alitandogli dentro: il respiro della vita. Il canto a Dio è il modo in cui gli esseri umani ringraziano Dio, usando il respiro per lodarlo. Un governo e un apparato mediatico che muovono guerra al canto di lode stanno combattendo contro la vita stessa.

Pensate anche alle comunità che hanno resistito. Non erano le élite secolari, tanto meno l’accademia o le aziende. Erano comunità religiose: i chassidim, gli amish, i mormoni, i cattolici tradizionalisti e, più tardi, gli evangelici. A quanto pare, parlando in termini empirici, l’adesione a una fede dura e il vivere in una comunità di altri che hanno anch’essi quella fede si sono rivelati la più grande protezione mentale e intellettuale contro l’infezione dei miti che venivano distribuiti quotidianamente dal Leviatano.

Cosa possiamo imparare da questo? Ci suggerisce che, se vogliamo resistere al “Grande Reset”, abbiamo bisogno di una visione del mondo profondamente radicata nei nostri cuori e nelle nostre anime, una struttura di convinzione che vada ben oltre il semplice guadagno e consumo. Il mio umile suggerimento, quindi, è che se non avete una fede, procuratevene una immediatamente. Ne avete bisogno per proteggervi dalle bugie delle élite secolari, che vendono la loro falsa versione della religione.

Oltre a questo, abbiamo un disperato bisogno di riforme e rivoluzioni istituzionali. Si parla di riformare i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, il Dipartimento dell’istruzione, gli Istituti nazionali di sanità e l’FBI. Dimenticatevelo. Queste istituzioni devono essere completamente disinnescate e smantellate. Sono corrotte fino al midollo, al punto che non c’è speranza. Inoltre, abbiamo bisogno di una drastica riforma legale. Il potere di quarantena deve sparire. Abbiamo bisogno di una riforma del denaro per allontanarlo dalle mani della Federal Reserve. L’istruzione deve essere affidata esclusivamente alle famiglie e alle comunità.

Questa è davvero l’emergenza che nessuno di noi voleva. Ma è qui, ora, e dobbiamo agire di conseguenza. Se ne dubitate, dedicate un po’ di tempo a riflettere sugli eventi degli ultimi tre anni. Non è stato un incidente, né un errore. È stato un tentativo deliberato di demoralizzare e smantellare tutto ciò che amate. Vedere e capire questo è il primo passo per ispirare un’azione che fermi questa spinta a porre fine alla bella vita così come la conosciamo.

 


Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni del responsabile di questo blog. Sono ben accolti la discussione qualificata e il dibattito amichevole.


 

Sostieni il Blog di Sabino Paciolla

 






 

 

Facebook Comments