“Demonizzare i non vaccinati è un pericolo per la salute?”

Di seguito vi propongo un articolo scritto da Rebecca Weisser, pubblicato sullo Spectator Australia. Eccolo nella mia traduzione. 

 

cartello-no-vax-
Roberto Burioni

 

“Vorrei dire che il Covid uccide alcune delle persone giuste. Gli antivaccinisti e gli anti mascherina stanno morendo a legioni”, ha twittato Julie Powell il mese scorso. La Powell si è fatta un nome scrivendo un blog che parlava di cucinare ogni ricetta di Mastering the Art of French Cooking di Julia Child, da cui è stato tratto un film con Meryl Streep nel ruolo della ben più simpatica Childs. La Powell è l’ultima persona che si è sfogata sui non vaccinati per poi morire, nel suo caso “improvvisamente e inaspettatamente”, il 26 ottobre per un arresto cardiaco all’età di 49 anni. È stata la sfortuna? La sua recente battaglia con il Covid? Una lesione da vaccino? O il karma di Covid per i suoi scherzi crudeli?

I fanatici dei vaccini che attaccano i non vaccinati sono stati una caratteristica della pandemia. “Deridere la morte degli antivaccinisti è macabro, sì, ma necessario”, ha scritto l’editorialista premio Pulitzer Michael Hiltzik sul Los Angeles Times a gennaio, dopo la morte della repubblicana Kelly Ernby, una non vaccinata che criticava l’obbligo dei vaccini. Coloro che “si sono deliberatamente fatti beffe di un sobrio consiglio medico rifiutando un vaccino noto per ridurre il rischio di gravi malattie causate dal virus, compreso il rischio per gli altri, e finiscono in ospedale o nella tomba possono essere considerati come se avessero ricevuto la loro giusta ricompensa”, ha moraleggiato Hiltzik. In realtà, Ernby è morta a casa per un coagulo di sangue mentre faceva giardinaggio e non era attaccata a un ventilatore in ospedale, ma per Hiltzik non importava, era un momento “istruttivo”.

Il karma di Covid non è così brutto. Non si gongola per le morti premature di coloro che hanno attaccato o ridicolizzato i non vaccinati, ma si avverte solo un cupo senso di presagio sul vero tributo del proiettile d’argento appannato della pandemia. I social media catturano gli sfoghi in schermate che perseguitano i loro autori oltre la tomba. Ci sono decine di esempi online appuntati come farfalle su una lavagna.

Tra questi c’è Willie Garson, star di Sex and the City, che ha definito “capro espiatorio” i non vaccinati per il fallimento del vaccino nel porre fine alla pandemia. “Indosseremo mascherine per il resto della nostra vita a causa di questi fottuti idioti che non indossano le mascherine e rifiutano i vaccini”, ha inveito, definendoli ripetutamente “stupidi”, “imbecilli”, “idioti” e “egoisti e irresponsabili”. Alla fine, a luglio, i Centri statunitensi per il controllo delle malattie hanno pubblicato uno studio che dimostrava che i vaccini Covid non bloccavano la trasmissione o l’infezione e che le persone vaccinate erano altrettanto infettive di quelle non vaccinate, ma era troppo tardi per fare molta differenza per Garson, che è morto di cancro al pancreas il 20 settembre, poco più di cinque mesi dopo essere stato vaccinato.

All’inizio della pandemia, i medici si burlarono allegramente degli esitanti sul vaccino, ma a volte non ebbero l’ultima risata. Il dottor Witold Rogiewicz è stato vaccinato davanti alla televisione polacca nel gennaio 2021. Ha scherzato con i telespettatori: “Ho informazioni per gli anti-vaxxer e gli anti-Covider. Se volete contattare Bill Gates potete farlo attraverso di me. Posso anche fornire dal mio organismo la rete 5G”. Un video della trasmissione è stato tolto quando è morto improvvisamente durante la notte, meno di tre settimane dopo.

Il dottor Thomas Flanagan, un chirurgo plastico dell’Ohio, è stato altrettanto scherzoso dopo la sua prima iniezione, twittando: “Non ho sentito il microchip mentre entrava, ma ora riesco a sentire le stazioni radio locali”. Dopo la seconda iniezione ha aggiunto: “Il microchip funziona benissimo”. Ma non stava bene. È morto tre mesi dopo, all’età di 48 anni. Il suo necrologio ha fatto notizia in tutto il mondo perché si pensava che l’avesse scritto prima della sua morte per scherzo. Iniziava così: “La mia vita folle e selvaggia ha preso di nuovo una piega inaspettata con la mia scioccante e inaspettata, ma favolosa, uscita di scena”. In realtà è stata scritta dai suoi compagni di confraternita dopo la sua morte. Ha lasciato una moglie e dei figli in lutto.

Il dottor Sohrab Lutchmedial, un cardiologo canadese in forma, non era così allegro. Ha scritto che avrebbe voluto prendere a pugni in faccia chiunque avesse convinto altri a non vaccinarsi e ha twittato: “Non piangerò al tuo funerale”. Ma è stato Lutchmedial a morire inaspettatamente due settimane dopo il richiamo, nel novembre 2021.

Il rapper neozelandese Louie Knuxx aveva memorizzato i volti di coloro che protestavano contro i lockdowns a Melbourne per poter “dare un pugno sulla mascella a uno di questi c…ni”. Ma prima che ne avesse la possibilità, è morto di infarto il 13 agosto 2021 mentre correva sul suo tapis roulant, all’età di 42 anni.

Darrell Beveridge, la “polizia del cibo su Internet” australiana, aveva un account Instagram chiamato “CookSuck”. Ha sostenuto con entusiasmo l’esclusione dai ristoranti delle persone non vaccinate, twittando: “Gli anti-vaxxer sono come le persone che si sono fatte una grossa cagata nei pantaloni. È permesso farlo, è molto naturale, e il bagno è forse una truffa creata da BigToiletTM, ma il pubblico in generale non ti vuole nella stanza con lui mentre mangia”. È morto improvvisamente e inaspettatamente nel giugno di quest’anno, all’età di 41 anni.

Questi decessi sono collegati ai vaccini Covid? Senza autopsie è impossibile dirlo. La FDA si rifiuta di rilasciare rapporti spersonalizzati sulle persone decedute dopo la vaccinazione, ma il dottor Ute Kruger, ex capo patologo e medico senior dell’Università di Lund in Svezia, ha dichiarato in una recente intervista che i medici spesso dicono che un paziente non è vaccinato quando invece è vaccinato, e in genere non eseguono rigorosi esami istopatologici per rilevare i marcatori di danno da vaccino.

Ciò che risulta evidente in Australia è che, oltre a un drammatico aumento dei decessi in eccesso dovuti a infarti e ictus, si è verificato anche un aumento dei decessi per cancro superiore alla norma, che merita di essere monitorato. Tutto è iniziato con l’introduzione dei vaccini. Mentre i regolatori ammettono che la vaccinazione può causare coaguli di sangue e infiammazioni cardiache, non hanno ancora riconosciuto gli studi che dimostrano che le vaccinazioni Covid possono sopprimere la segnalazione dell’interferone di tipo I, riducendo la sorveglianza e la prevenzione del cancro. Al momento si tratta solo di prove aneddotiche, ma la Kruger afferma di aver notato un aumento dei tumori dopo l’introduzione dei vaccini, una diminuzione dell’età media delle persone a cui fa diagnosi, un numero maggiore di persone in remissione che presentano recidive aggressive e tumori più grandi che si manifestano in più sedi.

Con il venir meno della certezza arrogante dei vaccinati, è probabile che il karma del Covid svanisca.

Rimarranno solo le domande sui decessi e le lesioni da vaccino, in attesa di risposte.

Rebecca Weisser

 

Rebecca Weisser è una giornalista indipendente.

 

 

Facebook Comments
Print Friendly, PDF & Email